A star is born

Arena Puccini
(USA/2018) di Bradley Cooper (135')
(USA/2018) di Bradley Cooper (135')
a-star-is-born-lady-gaga_part.jpg

Per la quarta volta, è nata una stella... La storia è la stessa già portata sullo schermo da Wellman, Cukor e Pierson. Proprio a quest'ultima versione, con protagonista Barbara Streisand, s'è ispirato l'attore Bradley Cooper per il suo esordio alla regia. Jackson Maine, musicista interpretato dallo stesso Cooper, scopre e s'innamora d'una cantante di talento che fatica ad affermarsi, Ally. Nei panni che furono anche di Judy Garland c'è la popstar Lady Gaga, che insieme a Cooper è autrice e interprete di tutte le canzoni del film. Tra romanticismo e dramma, il racconto intimo delle difficoltà di un rapporto tra gli alti e i bassi del successo.

-  Premio come Miglior canzone originale per Shallow agli Oscar 2019 e ai Golden Globe 2019
-  Premio come Miglior colonna sonora ai BAFTA 2019

"Un concerto rock tutto ritmo ed energia e una struggente interpretazione segnata da rimpianto e dolore. La sequenza iniziale e quella conclusiva, che racchiudono la vicenda di A star is born, riassumono perfettamente l'identità del film, che è insieme un viaggio nell'autodistruzione, romanzo di formazione e un rutilante metà sentimentale. La trama è nota perché questa nuova versione, diretta da Bradley Cooper all'esordio in regia, é il terzo remake del film originario diretto da William A. Wellman nel 1937. (...) La maggiore curiosità di A star is born era la presenza di Lady Gaga nel ruolo che, nell'ordine, fu di Janet Gaynor, Judy Garland e Barbra Streisand. Bisogna riconoscere che, contrariamente alle aspettative, Lady Gaga non sfigura nel confronto, mostrando una versatilità interpretativa che va dalla fragilità alla determinazione, e soprattutto, assecondando le esigenze della trama, una capacità di trasformazione mimetica. (...) Il film, sostenuto da un'ottima colonna sonora, elemento determinante per un'opera di genere musical, raggiunge gli obiettivi che si era fissato."

Franco Montini, "La Repubblica"