A proposito di Ustica

Museo per la Memoria di Ustica
installazione permanente al Museo per la Memoria di Ustica
installazione permanente al Museo per la Memoria di Ustica
ustica.jpg

Inaugurato il 27 giugno 2007, in occasione del ventisettesimo anniversario della strage, il Museo per la Memoria di Ustica, nato grazie alla forte determinazione dell'Associazione dei Parenti delle Vittime della Strage di Ustica e della città di Bologna, è stato realizzato dall’architetto Gianpaolo Mazzuccato.

I resti del DC9 Itavia che nel 1980 precipitò in mare durante il volo Bologna – Palermo, causando la morte di ottantuno passeggeri, sono stati recuperati, trasportati e riassemblati negli ampi spazi degli ex magazzini ATC.

A proposito di Ustica
All’artista francese Christian Boltanski è stato affidato dalla città il difficile compito di realizzare un’installazione permanente dal titolo A proposito di Ustica, per non dimenticare una delle tragedie collettive più discusse della storia italiana.

Ottantuno sospiri, sussurri, volti
Boltanski ricorda le ottantuno vittime della strage attraverso altrettante luci che dal soffitto del Museo si accendono e si spengono al ritmo di un respiro. Ottantuno specchi neri circondano il velivolo ricostruito, riflettendo l'immagine di chi percorre il ballatoio, mentre dietro ad ognuno di essi, ottantuno altoparlanti emettono frasi sussurrate a sottolineare la casualità e l'ineluttabilità della tragedia.

Oggetti personali
Intorno ai resti del DC9 sono state disposte alcune grandi casse coperte da drappi neri che contengono le decine di oggetti personali appartenuti alle vittime. 

Video
Una proiezione video raccoglie filmati e testimonianze riportate da agenzie giornalistiche e telegiornali a partire dal momento della tragedia sino ad arrivare alla realizzazione del museo.
Documentazioni audio–video permettono ai visitatori di approfondire l’accaduto.
Dal 13 febbraio 2015 si è aggiunto anche il documentario Il missile francese, recentemente realizzato da Canal Plus.

Orari di apertura

venerdì, sabato, domenica: ore 10-18


Orari festività 2017

24 e 31 dicembre: h 10-14
Natale (25 dicembre): chiuso
Santo Stefano (26 dicembre): chiuso
Capodanno (1° gennaio): chiuso
Epifania (6 gennaio): h 10-18