Cowgirl - Il nuovo sesso

Cinema Lumière
(Even Cowgirls Get the Blues, USA/1993) di Gus Van Sant (93') | scintille ciclo filmico a cura di Motus
(Even Cowgirls Get the Blues, USA/1993) di Gus Van Sant (93') | scintille ciclo filmico a cura di Motus
even-uma_jpg_595x325_crop_upscale_q85.jpg

Sissy (Uma Thurman) è un'avvenente fanciulla con un'insolita dote: due lunghissimi pollici, segni di un'erotica diversità, di cui si serve per fare l'autostop e girare l'America. Un coloratissimo road movie che si fa beffe di generi (il western, il country) e miti (la frontiera) della cultura machista dominante, abbattuta a colpi di lesbismo, filosofie panteiste, meticciato sessuale, travestitismo, vitalismo lisergico.

"Gus Van Sant è l'autore che più ci ha folgorato. Cowgirl è direttamente citato nel nostro Mdlsx. Inoltre è tratto dal romanzo cult di Tom Robbins e la letteratura americana è altro ingrediente basico per miscelare il nostro teatro meticcio" (Motus).

Incontro con Enrico Casagrande e Daniela Nicolò (Motus)