Elena Bucci | Gli alberi muoiono in piedi

Oratorio San Filippo Neri
melologo | LabOratorio di San Filippo Neri
melologo | LabOratorio di San Filippo Neri
elena bucci.png

Generazioni di donne

Elena Bucci
Gli alberi muoiono in piedi

Questo melologo di più anime si ispira alla storia del poeta e rivoluzionario greco Alekos Panagulis e della giornalista e scrittrice Oriana Fallaci: si incontrano per un’intervista il giorno in cui Alekos, incarcerato per un attentato al dittatore Papadopoulos, viene liberato grazie ad un forte movimento internazionale e restano allacciati fino alla morte di lui per un misterioso incidente, nel 1976. La lettura in musica di e con Elena Bucci è tratta dallo spettacolo “Nella lingua e nella spada” scritto e interpretato dall’attrice (con la presenza dal vivo dei musicisti) e coprodotto da Ravenna Festival e Napoli Teatro Festival. Irriducibili, spesso isolati e solitari, mai vinti nella vitalità e nell’energia, Panagulis e Fallaci trasformano il dolore in scrittura, memoria di tutti, e in un tesoro al quale attingere
quando manca il coraggio. “Proverò a raccontare – scrive Bucci – con le mie povere parole, di lei, di lui, di quell’epoca, di quella terra e della mia”.


L’Oratorio ha una capienza di 130 posti (230 quelli abituali): le panche e le sedute saranno separate in modo da consentire la distanza di un metro abbondante. Al pubblico sarà chiesto di indossare la mascherina e igienizzare le mani all’ingresso. Sarà anche misurata la temperatura.

L’ingresso è gratuito e sarà consentito solo su prenotazione: