Giovani si diventa

Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni
(USA /2015) di Noah Baumbach (97')
(USA /2015) di Noah Baumbach (97')
giovani si diventa.jpg

Ben Stiller e Naomi Watts hanno più di quarant'anni, bella casa a New York, professioni creative, niente figli, e sono un po' mogi. Lui è un documentarista. Il padre di lei è un documentarista, nel suo campo una star. Entra in scena una coppia di giovani, Adam Driver e Amanda Seyfried, e Adam è pure lui un documentarista (molto citato, Frederick Wiseman è un po' il nume tutelare della brigata). Tra le coppie nasce una simpatia, un'alchimia, un'esplorazione intergenerazionale; la commedia tesse a dovere il suo reticolo di voci, desideri, frustrazioni e manierismi (ai vecchi piace Netflix, i giovani collezionano vinili); Ben vorrebbe avere di nuovo gli anni di Adam, e si deve accontentare d'imitarne il cappello. Morale della favola: quarantenni un po' sperduti e insicuri, ventenni predatori e alla fine neanche troppo divertenti. Noam Baumbach è nato nel 1969, e l'età conta. (pcris)

Lingua originale con sottotitoli