I pilastri della terra

online
2. Virginia Zanetti, I Pilastri della Terra, scatto fotografico realizzato durante la performance collettiva, Calanchi di Sabbiuno, per Museo della Resistenza, Bologna.jpg

Un piccolo gruppo di studenti si incarica di rappresentare tutti i compagni di oggi e di ieri e si carica sulle spalle l’immagine monumentale che l’artista Virginia Zanetti ha realizzato insieme a loro. La scuola appare vuota, ma non lo è: riprende vita con questo inaugurale corteo, con questa grande fotografia che racconta di resistenza e di rinascita - sprone per chi, allora come ora, vive un tempo difficile.

Compagni nel tempo. Nel dicembre 1990, un aereo militare in avaria si schianta sull’istituto tecnico Salvemini di Casalecchio di Reno, uccidendo 12 studenti della classe 2A e ferendo 88 compagni di altre classi. Trenta anni dopo, nel dicembre 2020, nel nuovo Salvemini viene posata un’immagine monumentale: rappresenta gli studenti di oggi che, saliti sui Calanchi del Monte Sabbiuno, ne reggono la terra, come pilastri. Su quei calanchi, nel dicembre del 1944, 100 giovani compagni partigiani erano stati fucilati dai nazifascisti. 

Questo incontro tra 3 generazione di ragazze e ragazzi è stato condotto dall’artista toscana Virginia Zanetti, come nuovo esito del suo progetto in divenire I pilastri della terra, da lei già portato in diversi luoghi in Italia e nel mondo. L’azione collettiva proposta dall’artista alla comunità che incontra – in questo caso agli studenti dei laboratori teatrali del Salvemini – è semplice e sorprendente: assumere insieme la posizione della verticale. Tale atto acquista significati e risonanze in relazione al luogo scelto e all’eredità che questa comunità di studenti incarna – a 30 anni dalla strage. Il capovolgimento del punto di vista avviene sia per chi esegue l’azione che per chi osserva l’immagine finale, anch’essa capovolta. In tal modo chi fa la verticale sorregge il mondo, diventando pilastro della terra, e propone a chi osserva di rinnovare a sua volta il proprio modo di vedere. L’azione, il luogo, la comunità innescano un processo di costruzione collettiva di nuove idee. Così 30 anni dopo, la memoria della strage si fa invito alla vita, rinascita, resistenza, solidarietà, responsabilità. La performance collettiva realizzata da Virginia Zanetti con gli studenti del Salvemini ha generato due immagini fotografiche de I pilastri della terra: questa, oggi installata in modo permanente ed inaugurata presso la scuola, e un’altra, che sarà donata e acquisita in forma permanente per il Museo della Resistenza dal Comune di Bologna all’interno di una mostra personale dell’artista, a cura di Matteo Innocenti, che sarà realizzata la prossima primavera a Palazzo d’Accursio con il patrocinio ed il sostegno del Comune di Bologna.


Regia di Massimiliano Briarava, assistenza di Luca Mazza. Drone Mauro Cioni. Con gli studenti ed ex studenti: Mattia Ballestri, Greta Campagnoli, Lucia Capasso, Lorena Jivan, Giulia Palmieri, Elena Trovò, Anastasia Uzun. Opera d’arte fotografica “I Pilastri della terra” di Virginia Zanetti, Realizzata con gli studenti dell’ITCS Salvemini al Sacrario dei caduti della Resistenza di Monte Sabbiuno.


VIRGINIA ZANETTI

Artista e docente, vive a Prato. Laurea in pittura con lode all’Accademia di belle arti di Firenze, si specializza in didattica dell’arte. Lavora sia in luoghi non convenzionali sia in istituzioni italiane e estere per la cultura e l’arte contemporanea come il Man di Nuoro, il CCC Strozzina di Firenze, il CAC Pecci di Prato, il Mac di Lissone in Italia, la Kunsthalle di Berna, l’Istituto di cultura italiano di New Delhi e di Zurigo. Ha vinto premi come il Premio Movin'up 2015 del MIBACT e il Concorso internazionale per artisti per la realizzazione di opere d’arte permanenti per Palazzo di Giustizia di Firenze nel 2017, il Primo Premio Maccaferri per la fotografia, Artefiera 2019 e Smartup Optima 2019, Napoli. Il suo lavoro ed i suoi testi sono presenti in pubblicazioni come A Cielo Aperto e Breve storia della curatela di H.U.Obrist, postmediabooks, Milano, su riviste di settore come Artribune, Espoarte, Exibart, Flash Art o quotidiani come La Lettura del Corriere della Sera o Repubblica. Cofondatrice di Estuario project space di Prato e del Laboratorio del Futuro, piattaforma di discussione in cui intellettuali di varie aree culturali si incontrano e dibattono insieme ai cittadini i temi principali del nostro tempo.

Video su YouTube

https://www.virginia-zanetti.com