BANDO INCREDIBOL 2020 – Don’t stop me now!

C’è tempo fino al 29 settembre per partecipare alla nona edizione di INCREDIBOL! – l’INnovazione CREativa DI BOLogna, il progetto che sostiene ~

Leggi
 

Bologna Estate viaggia con Il Treno del Ricomincio

Un progetto di arte comunitaria con atelier artistici partecipati da associazioni, gruppi  e cittadini

Leggi
Leggi tutte le notizie

Il treno del ricomincio - seconda tappa a Borgo Panigale

Giardino Jerzy Popiełuszko
Installazione di arte comunitaria e rassegna di appuntamenti  a cura di Cantieri Meticci
Treno 6_part.jpg

Il Treno del Ricomincio - grande installazione di arte partecipata di oltre trenta metri - prosegue il suo viaggio attraverso la città ed arriva nel quartiere Borgo Panigale, al Giardino Jerzy Popiełuszko.

Il progetto è stato ideato dagli artisti di Cantieri Meticci e realizzato da tantissimi cittadini che hanno voluto partecipare ai laboratori di costruzione ed assemblaggio del Treno durante il mese di luglio.
Tra luglio e agosto il Treno è diventato scenografia per spettacoli, spazio espositivo, bottega artigiana, luogo di laboratori, ospitando una rassegna al Giardino Europa Unita, nel quartiere Savena.

Dal 5 al 20 settembre il Treno del Ricomincio è pronto a ripartire per la seconda tappa del suo viaggio, nel Giardino Jerzy Popiełuszko a Borgo Panigale: una nuova rassegna di incontri, proiezioni, spettacoli e laboratori in collaborazione con tante realtà del quartiere, come la Biblioteca Borgo Panigale, Il Cimena, Arvaia, OPENgroup, Piazza Grande, BIRRRRbanti, Compagnia teatrale CreAzione, Borgo Alice, APE Onlus - Associazione per l'educazione giovanile.

Durante il weekend del 19-20 settembre Cantieri Meticci saluterà il quartiere con la Festa della Ripartenza, in collaborazione con le associazioni del territorio.

Il Treno del Ricomincio è parte di una riflessione artistica sulla città che Cantieri Meticci porta avanti ormai da anni, e che ha visto la compagnia impegnata in laboratori comunitari, performance teatrali site-specific e azioni installative realizzate con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza.

Anche questo nuovo intervento nasce con lo scopo di dare un significato inedito a scorci urbani periferici, convertendoli in “piazza”, ovvero luogo di confronto e di incontro, rispondendo ancor più dei precedenti all’esigenza profonda di cittadine e cittadini di tornare a popolare spazi a lungo negati.
Ed ecco che il viaggio del Treno del Ricomincio si fa strumento di riflessione ed elaborazione collettiva, luogo di laboratorio in cui creare insieme, wunderkammer delle meraviglie quotidiane, in cui riporre ciò che abbiamo deciso di proteggere, curare, coltivare, come le infinite possibilità di essere comunità - nonostante la distanza - che i mesi trascorsi ci hanno mostrato.


La costruzione del Treno del Ricomincio è realizzata con il finanziamento del progetto UIA01-047 SALUS W SPACE mentre i laboratori e le attività culturali sono finanziati dai fondi PON METRO 14-20 – OI Comune di Bologna - Asse 3 – Progetto BO3.3.1d1 – CUP F32G19001370004
Si ringrazia Fondazione Innovazione Urbana per la condivisione dei contatti e delle informazioni legate al Quartiere Borgo-Reno.


PER INFO E CONTATTI:
info@cantierimeticci.it
ufficiostampa@cantierimeticci.it
+39 3336738830
Fb: Cantieri Meticci // https://www.facebook.com/events/3363908750367103/

Parco San Donnino | Programma attività

Parco San Donnino (Quartiere San Donato-San Vitale)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento-2.jpg

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Parco San Donnino:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

da 18/8  martedì

da 18/8  giovedì

da 31/8  lunedì


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


C.soc Frassinetti: inizio attività 13/07; sospensione 1/08 – 31/08; fine attività 18/09
Polisportiva San Donnino: inizio attività dal 13/07; sospensione 01/08 - 18/08; fine attività 24/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Fucsia 2020

Giardino Lavinia Fontana
in giardino – Mostra | Arte | Fotografia | Dibattiti | Proiezioni
in giardino – Mostra | Arte | Fotografia | Dibattiti | Proiezioni
Fucsia.jpg

FUCSIA è una tecnologia sociale, artistica e culturale che promuove e riafferma i diritti delle donne e delle minoranze. Luogo di connessione nel cuore del tessuto urbano, FUCSIA realizza la convergenza di esperienze ed espressioni di una polisemia cittadina viva. Il festival unisce diverse realtà del territorio verso nuove forme di collaborazione tra entità che perseguono finalità simili in ambiti disciplinari e artistici differenti in un percorso di empowerment sociale per un confronto con altre realtà organizzative per una progettazione partecipata sinergica.

Tenendo in considerazione la situazione corrente, dedichiamo la nostra programmazione al Giardino Lavinia Fontana a incontri e a cinema all'aperto, valorizzando la possibilità di poter creare situazioni di socialità, nel rispetto delle condizioni previste dalla ripresa post-emergenza Covid-19.


Gli incontri si orientano su:

  • Questioni di identità, nuove generazioni e diaspora Africana a Bologna
  • Arte femminista e rivoluzione - in collaborazione con Some Prefer Cake Festival
  • Emergenza sociale sanitaria ambientale in Brasile e Amazzonia
  • La situazione attuale in Palestina - in collaborazione con AssoPalestina
  • Nuove speranze e rappresentazioni politiche in USA, da Alexandria Ocasio Cortez a Kamala Harris - in collaborazione con International Women Forum
  • Giustizia e diritti civili in Egitto


Attraverso la nostra programmazione cinema, offriremo un'anticipazione di Fucsia Women Film Festival, un progetto in via di sviluppo in collaborazione con il Dipartimento di Arti Visive (CITEM, DAMS) per valorizzare le creatività femminili attraverso il cinema. Presenteremo quindi alcune produzioni di registe o significative della professionalità femminile nel cinema - dalla critica all'industria cinematografica.

Tra i film proposti: The Invisibles di Diana Ferrero e Carola Mamberto, Women Art Revolution di Lynn Hershman Leeson, Democrazia al Limite di Petra Costa, Naila and the Uprising di Julia Bacha, XIII Emendamento di Ava DuVernay, Al Midan / The Square di Jehan Nouijaim.


Siamo felici di poter ospitare due importanti mostre fotografiche che riflettono la forza ed energia delle donne in diversi contesti geografici e personali e ne celebrano la resilienza e impegno per vivere e rinascere al di là delle difficoltà:

  • Il Viaggio della Rinascita di Laura Frasca
  • Nigerian Women Life in Ngugo, Imo State di Laura Bessega


Fucsia è organizzato da Human Rights Nights in collaborazione con Associazione Orlando – Centro delle Donne di Bologna. Patrocinio del Quartiere Santo Stefano, Comune di Bologna. Media partner ABOut Bologna. Con il sostegno di Volabo


PROGRAMMA

Sabato 19 Settembre
Inaugurazione FUCSIA 2020
18.00 Apertura Mostre Arte Fotografica
Nigerian Women Life in Ngugo, Imo State di Laura Bessega
Il Viaggio della Rinascita di Laura Frasca

20.00 Some Prefer Cake Festival
connessione live inaugurazione festival 2020

21,00 New Generation, Identity, African Diaspora in Bologna Intervengono Dece Seck, Jeffrey Lennon (African Street Festival UK).
Film: The Invisibles di Diana Ferrero e Carola Mamberto (Italia 2020, 10’) in omaggio ai braccianti e Aboubakar Soumahoro


Domenica 20 Settembre
18.30 Feminist Art: le donne che hanno rivoluzionato l’arte Presentazione in anteprima del libro di Valentina Grande ed Eva Rossetti (Centauria, 2020). Un evento organizzato in collaborazione con Some Prefer Cake, Bologna Lesbian Film Festival.
Saranno presenti le autrici Valentina Grande ed Eva Rossetti.

21.30 Film Women Art Revolution di Lynn Hershman Leeson (USA 2010, 83’)


Lunedi 21 Settembre
18.30 Brasile e Amazzonia: emergenza sociale, sanitaria, ambientale Intervengono Sergio Rossi  (ricercatore, Brasile, prigioni, favelas, comunità afrodiscendenti), Federica Falancia (ricercatrice, Sarayaku, Amazzonia, Ecuador)

21.30 Film Democrazia al Limite di Petra Costa (Brasile 2019, 113’)


Martedi 22 settembre
21.00 Film Naila and the Uprising di Julia Bacha (USA, Palestina 2017, 75’) Introduzione al fi lm a cura di Associazione Orlando e Assopace Palestina


Mercoledi 23 settembre
18.30 New Hopes, New Generations in USA Election - from Alexandria Ocasio Cortez to Kamala Harris, new representations within US politics. in collaboration with International Women Forum. Intervengono Raffaella Baritono, Università di Bologna, Joanna Maloney (ACTA, American Citizens Taking Action / Democrats Abroad), e Akos Mensah (International Women Forum)

21.30 Film: XIII Emendamento di Ava DuVernay (USA 2016, 100’)


Giovedi 24 settembre
18.30 Patrick Zaki, Sarah Hijazi: giustizia e diritti civili in Egitto Intervengono Francesca Biancani (Storia del Medio Oriente, Università di Bologna), Rita Monticelli (coordinatrice Master Gemma, Università di Bologna), Mohamed Hazem (Socialisti Rivoluzionari in Egitto). Modera Giulia Sudano (Presidente, Associazione Orlando)

21.30 Film Al Midan / The Square di Jehan Nouijaim (UK, Egitto, USA 2013, 108’)


INFO: Whatsapp: 389 4749120 / 380 1485702
Prenota un posto! è necessario registrarsi gratuitamente
Eventbrite:

www.eventbrite.it/e/fucsia-2020-tickets-120181669609
Nel caso si voglia accedere senza aver prenotato, sarà necessario registrarsi all’entrata. Partecipazione sia in presenza, sia online - live FB sulla pagina dell’evento
----
Sarà possibile prenotare la cena da asporto a Sham Cibo Siriano.

DNA, The transmission of life

Casa della Cultura Italo Calvino
video danza
video danza
24-settembre-dna-the-transmission-of-life-ph_orig.jpg

DNA, The transmission of life (video danza) + Fassbinder's Wives AAA Amorevole Approvvigionamento Autogestito (incursione)
 

Concept e direzione progetto: Elisa Pagani
Organizzazione, assistenza al progetto e videomaking: DNA Dance Company
Foto courtesy: Gustavo Bonino
 

The transmission of life nasce dal desiderio di scoprire la ricchezza che si cela nella diversità e nella condivisione. Di dare un’occasione al sentimento che poi in qualche modo sopravvive, salva e risplende sulle ragioni che contano. A partire da una chiamata pubblica, DNA ha così costruito un apprendimento e uno scambio coreografico tra persone aperte a scoprire l’espressività del proprio corpo, indipendentemente dall’esperienza, dall’età o dalla fisicità, intorno al tema dell'amore che attraversa le generazioni. Elisa Pagani ha accompagnato ciascun partecipante nella costruzione di una coreografia che attingesse dal proprio background esperienziale, musicale, artistico, assegnando, poi, il materiale coreografico prodotto ad un altro partecipante, che lo ha riprodotto secondo la propria fisicità, espressività, esperienza. Generando una relazione profonda a distanza, filmata presso la Casa della Cultura, e dando vita al video-danza The transmission of life.

 

La video-installazione sarà visitabile fino a giovedì 8 ottobre 2020.
 

DNA Dance Company, fondata nel 2013 da Elisa Pagani, lavora sul territorio nazionale e internazionale intrecciando produzioni artistiche multiformi con progetti di formazione e seminari di varia scala e natura, in collaborazione con diverse realtà italiane e straniere. La Compagnia da anni si occupa inoltre della produzione di progetti di danza di comunità che hanno tra i focus principali il movimento nella prospettiva intergenerazionale. Ha collaborato con importanti realtà della danza in Italia.
 

ore 19.30  
Francabandera – Mastroianni, Micromondi (workshop) breve descrizione MICROMONDI è un progetto di esperienze e incontri mediati e attivi con i linguaggi dell’arte e la propria sensibilità. Nato dall’esigenza di avvicinare alle nuove dimensioni creative il maggior numero di persone di ogni tipo di esperienza e provenienza, il laboratorio dinamico si propone come arricchimento e incontro, ma anche come stimolo creativo per i partecipanti, che integra, ricompone, permea tutte le aree di indagine della conoscenza sulle arti dal vivo. Gli aspetti di interdisciplinarità della performance, la sua possibilità di essere scritta o non scritta, casuale o predefinita o pianificata, reale o digitale, con o senza coinvolgimento di pubblico, pongono la creatività davanti ad una serie di quesiti e approfondimenti di primaria rilevanza, amplificati negli ultimi anni dalla loro praticabilità tramite i media digitali. Attraverso un percorso misto didattico-laboratoriale, il partecipante sarà guidato a scoprire il rapporto fra ascolto, sguardo ed esperienza in un modo personalizzato, soggettivo e informale. Il ciclo di incontri è aperto a persone di ogni formazione, senza bisogno di esperienze pregresse.
 

Durata: 1H è possibile iscriversi al ciclo di incontri (21, 22 e 24 settembre) o a incontri singoli.

Prenotazione obbligatoria a info@perasperafestival.org o via WhatsApp al 349 5824266


 

Soul Providence live + Guenda O’C dj set

Spazio Dumbo / Baia
DumBO Summertime 2020
DumBO Summertime 2020
Guenda OC.jpg

I Soul Providence, meglio conosciuti come Jimbo & DJ Rou, performer, dj e promoter attivi nell’ecosistema musicale bolognese e nella scena dance-floor italiana, sono accompagnati alla chitarra da Sci-low!
Freschi di Album, il progetto è completamente ‘homemade’ e si muove tra R’n’B, Hip-Hop, Ghetto e Soul con non curanza e una certa strafottenza verso il suono.


Guendalina Balzani aka Guenda OC, cresce a Milano negli anni 80 ascoltando punk, poi l'amore per Prince e il rap. A Bologna nei primi anni 90 si appassiona di hip hop frequentando la scena, grazie alla prolifica casa di Zona Dopa. È tour manager di Sangue Misto nello storico giro per l'Italia con SxM, negli stessi anni inizia un programma musicale a Radio Kappa Centrale. Nel 2000 inizia a collaborare con i promoter della scena elettronica al Link e si apre al mondo della techno, seppur come dj continui a spingere rap e funk in piccoli eventi e warm up. Prima nel collettivo di dj Satisfaction, poi duo Guenda&Kyna, dividendo la console con Kyna in tantissimi locali come Arteria ed eventi come Funkyland e ideando il laboratorio sui giradischi Tava-tava, è conosciuta in città come dj e collezionista di vinili, amante del boogiefunk e della disco un po' cupa, grazie anche ai luoghi che l'hanno ospitata in console, a cominciare e sino ad oggi, dal Link. È parte del progetto creativo Granata, una sintesi delle esperienze e delle relazioni maturate a Bologna.


Apertura cancelli h. 19.00

Live h. 21.30


COME PARTECIPARE

Per accedere all'area di DumBO è obbligatorio registrarsi gratuitamente attraverso il link https://bit.ly/DumboSummertime2020 selezionando la data esatta in cui si vuole partecipare alla rassegna.

Capienza massima limitata, si prega di registrarsi solo in caso di effettiva partecipazione.


dumbospace.it

facebook.com/dumbo.space

Teatro della memoria e sogni africani

luoghi vari
spettacoli nelle nuove case di quartiere e negli orti Ancescao
spettacoli nelle nuove case di quartiere e negli orti Ancescao
BOLOGNA ESTATE 2020 RASSEGNA ANCESCAO-detail.jpg

La rassegna coniuga rappresentazioni teatrali legate alla Memoria a quelle musicali legate al mondo africano presso alcune future Case di Quartiere e orti aderenti ad Ancescao.

Protagonisti gli attori del Gruppo di Lettura San Vitale con una interpretazione tratta dal diario di Teresa Noce “Ma domani farà giorno” e i percussionisti del gruppo Grande Madre Africa diretti da Seydou Kienou con musiche della tradizione del Burkina Faso.

Di seguito il calendario degli spettacoli:


15 settembre 2020 ore 17.00 | Casa di quartiere Ruozi
via Castelmerlo, 13 – Bologna

Il Gruppo di lettura San Vitale presenta
“Ma Domani Farà Giorno”
Diario di prigionia di Teresa Noce
Voce narrante Maria Rosa Damiani
Musiche Luca Mazzamurro


18 settembre 2020 ore 17.00 | Casa di quartiere Ruozi
via Castelmerlo, 13 – Bologna

Seydou Kienou presenta
“Grande Madre Africa”
La voce dell’Africa coi percussionisti del Burkina Faso


24 settembre 2020 ore 17.00 | Orto Paleotto
via Paleotto 11 – Bologna

Il Gruppo di lettura San Vitale presenta
“Ma Domani Farà Giorno”
Diario di prigionia di Teresa Noce
Voce narrante Maria Rosa Damiani
Musiche Luca Mazzamurro


26 settembre 2020 ore 17.00 | Casa di quartiere Montanari
via Di Saliceto 3/21 – Bologna

Seydou Kienou presenta
“Grande Madre Africa”
La voce dell’Africa coi percussionisti del Burkina Faso


Gli spettacoli si tengono all’aperto mantenendo il distanziamento previsto per la sicurezza.
Ingresso libero con mascherina.
Prenotazione presso la cassa del centro. Registrazione obbligatoria.

In caso di maltempo lo spettacolo verrà rimandato.
            

Let's skate

Frida nel Parco
corsi di skateboard e inline skate | (Around) Frida nel Parco
corsi di skateboard e inline skate | (Around) Frida nel Parco
let's skate_fb_detail.jpg

LET’S SKATE
Corsi skateboard e inline skate (roller)

in collaborazione Bologna Skateschool



- giugno/luglio: mercoledì e venerdì, ore 17.30 - 18.30
- agosto: solo mercoledì, ore 17.30 - 18.30
- settembre: mercoledì e venerdì, ore 17.30 - 18.30

Partenza e arrivo al chiosco di Frida nel Parco


La tessera Bologna Skateschool (obbligatoria) ė valida anche per l'ingresso nello skatepark Silver Lining e per tutte le lezioni  Bologna skateschool in skatepark e parchi. Ė necessario portarsi le proprie protezioni.

Per info e costi: segreteria Bologna Skateschool tel. 3755238130
Prenotazioni via whatsapp al numero  3755238130 entro la sera prima [Indicando: Frida / nome cognome, età / skate o roller].

I corsi si attivano con minimo 3 allievi. E' necessario quindi confermare la presenza entro la sera prima.
Lezioni, singole, pacchetti da 4, da 8 e da 12 (utilizzabili anche tra fratelli)



www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Taxisti di notte

Cinema Lumière
(Night on Earth, USA-Giappone-Francia-GBGermania/1991) di Jim Jarmusch (129')
(Night on Earth, USA-Giappone-Francia-GBGermania/1991) di Jim Jarmusch (129')
tasssiti.png

Il frammento si addice a Jarmusch, come noto. Il taxi - mezzo di per sé destinato alla flânerie - entra nel suo universo con episodi che definiremmo, più che da camera, da abitacolo. Forse il più improvvisato dei film del regista, per di più curiosamente ibridato con il mondo di altri autori: Benigni fa il Benigni, Gena Rowlands omaggia Cassavetes, Matti Pellonpää è quota Kaurismäki e così via. Il cinema di Jarmusch sta diventando un partito. (Roy Menarini)

Lingua originale con sottotitoli

Made in Manifattura 2020

Giardino Graziella Fava e altri luoghi
7 – 25 settembre 2020
7 – 25 settembre 2020
MiM-2020-bannerNoLoghi-01.png

Iniziativa per l'animazione dell’area della Manifattura delle Arti e la valorizzazione del Giardino Graziella Fava, con attività gratuite per tutte le età in grado di mettere a frutto le relazioni di prossimità. Musica, arte, teatro, letture, teatro, radio, percorsi civici compongono un cartellone vario e partecipato. Memoria, rispetto reciproco, ambiente, coesione sociale e sostenibilità sono alcuni dei temi individuati per rivitalizzare uno scorcio cittadino tutto da scoprire. A conclusione del progetto verrà lanciato un concorso per un monumento a Graziella Fava da collocare nel Giardino, con una giuria mista composta da residenti ed esperti di arte.

CALENDARIO


BIMBI BIMBE E DUDU
Giardino Graziella Fava ingressi da Via Milazzo 24 e Via Boldrini (in caso di pioggia gli eventi verranno realizzati presso Porto 15). Dalle ore 17.30

  • Lunedì 7  settembre > Piccoli cerchi per grandi storie con Manuela Ara
    Lettura animata e gioco motorio conclusivo. Età indicata: 2 / 8 anni
  • Mercoledì 9 settembre > Le morbide letture di Gomì con Ambaradan Teatro
    Letture teatralizzata e interattive con muppets, di storie per l’infanzia. Età indicata: 2 / 6 anni.
  • Mercoledì 16 settembre > La fatina Tuttifrutti con Ambaradan Teatro
    Spettacolo sul tema dell'educazione alimentare. Per bambini dai 3 ai 10 anni
    Testo originale e regia: Martina Pizziconi. Personaggi: Mamma, Fata Birichina e i muppets (Caramella, Merendina,Lattina, Sacchetto di patatine, finocchio, cavolfiore, fragola), Francesca la bimba. Evento realizzato in collaborazione con il Consiglio di Zona di Coop Alleanza 3.0. Al termine dell’iniziativa verrà offerta una merenda solidale e biologica.
  • Giovedì 17 settembre > Farsette con Teatrino di Carta
    Spettacolo con i burattini della tradizione italiana. Testo: Monica Rami e Maurizio Mantani. Regia: Maurizio Mantani. Creazione burattini: Maurizio Mantani. Animatore e interprete: Maurizio Mantani. Scenografia: Alberto Storari. Età indicata: per tutti
  • Domenica 20 settembre > Fiabe a manovella con Wanda Circus
    Tratto da Le fiabe italiane di Italo Calvino, racconti animati che includono il coinvolgimento attivo del pubblico. Gran finale con bolle di sapone. Musiche con Organetto di Barberia. Età indicata: 5 / 11 anni
  • Giovedì 24 settembre > Giocolè con Carlo Milizia
    Spettacolo di magia e giocoleria. Età indicata: 5 / 11 anni

sQuote ROSA
Concerti di voci femminili. A partire dalle ore 19

  • venerdì 11 settembre / Bar Christian via Don G. Minzoni 9 > Lady Mi-Fi & the bluesman con Marianna Amendola (voce) e Andrea Manni (chitarra). Un mix di sonorità black, un viaggio tra musiche blues e reggae.
  • venerdì 18 settembre / Gusto Piano via Fratelli Rosselli 10/a > Four Seasons Trio con Sara d'Angelo (voce), Luca Cremonini (chitarre) e Pedro Judkowski (contrabbasso). Lo stile è un po’ retrò, con radici nel jazz, nella bossa nova, nella canzone d’autore italiana.
  • venerdì 25 settembre / Zenzero Bistrot via Fratelli Rosselli 18 > Giorgia Faraone e Antonio Amabile. Anima afroamericana e sonorità jazz per questa giovane salentina trapiantata a Bologna, brani di tradizione si alternano a composizioni originali per questo collaudato duo.

Domenica 13 settembre
NEL NOSTRO GIARDINO / Giardino G. Fava

(in caso di pioggia la pulizia del parco verrà spostata a sabato 19 settembre)

- ore 16:30 > Pulizia del Giardino in collaborazione con Legambiente Bologna e i ragazzi del playground di basket

LIVE RADIO / Co-housing Porto 15 - via del Porto 15

- ore 18:00 > Live e registrazione podcast con Alta Frequenza, la web radio che dà voce ai giovani migranti, tema della puntata:  "Social Street, Parchi e Co-housing: le relazioni di prossimità"


Sabato 19 settembre
AMICI BAU BAU / Giardino G. Fava
(in caso di pioggia consultare il sito)

Giornata dedicata agli amici a 4 zampe con la collaborazione di portamiconte, dogtourist e Associazione Chiaramilla

- ore 10:30 > percorso di mobility dog - a cura di Caterina Giardini

- ore 11.30 > percorso informativo sulle norme di comportamento nelle aree di sgambo - a cura di Caterina Giardini

- ore 16.30 > mercatino di scambio e riciclo a cura dei bambini e delle bambine del distretto delle arti

- ore 17.30 > sfilata canina con giuria di bambini/e, i premi saranno messi a disposizione da portamiconte pet shop

- ore 18.30 > presentazione del libro “La sedia di Lulù” (ed. Itaca), intervengono le autrici Marina Casciani e Alessandra Santandrea. A cura dell’Associazione ChiaraMilla

- ore 19.30 > aperitivo a 6 zampe


On-line
Lancio del concorso per un monumento a Graziella Fava, dedicato alle figure delle badanti e delle collaboratrici domestiche. L’iniziativa vuole porre attenzione alle tematiche legate all’inclusione di migliaia di donne straniere che in Italia svolgono lavori di welfare, spesso abbandonando le famiglie d’origine. A queste donne, che usano ritrovarsi a chiacchierare nei parchi, si vuole dedicare uno spazio di visibilità e porre attenzione a un lavoro spesso dimenticato e discriminato.



Tutte le attività sono gratuite, per via delle disposizioni sanitarie è richiesta prenotazione in quanto gli accessi sono contingentati

Inviare messaggio (no vocali e telefonate):

Porto Aperto - La Resistenza di ieri e di oggi

Punto di ritrovo in via Don Giovanni Minzoni 14
27 agosto, 10 e 24 settembre 2020
27 agosto, 10 e 24 settembre 2020
Gira_cartolina.png

Porto Aperto è un itinerario turistico costruito all'interno del progetto Gira La Cartolina, promosso da Asp Città di Bologna e gestito da Piazza Grande Società Cooperativa Sociale.
All'interno del Laboratorio di comunità Scalo ogni settimana un gruppo di persone ragiona e progetta percorsi turistici urbani cercando di dare centralità al rapporto della persona con la città, il punto di vista soggettivo ed esperienziale di ognuno di noi che ridefinisce Bologna come città relazionale.

Il percorso attraverserà il Quartiere Porto toccando alcuni luoghi simbolo (MAMbo, via del Porto, Cassero, Porta Lame, via della Grada, Condominio Scalo).      

Date del tour: 27 agosto, 10 e 24 settembre 2020 

Ritrovo alle ore 17:45 presso via Don Giovanni Minzoni 14, partenza alle ore 18, termine ore 19:30 presso il Condominio Scalo in via dello Scalo 23. 

Ingresso libero

In caso di pioggia l'evento verrà rimandato

Modalità di prenotazione e richiesta informazioni: Inviare mail con nome, cognome e numero di partecipanti, contatto telefonico a giralacartolina@piazzagrande.it 

Domani è un altro mondo

Atelier Sì
domani e un altro mondo.png

Quali interrogativi porsi per immaginare un futuro differente? Da quali basi (ri)partire, ora che i presupposti paiono mutati? Domani è un altro mondo è un ciclo di incontri rivolti ai giovani, ma aperto a tutta la cittadinanza, nato nell’ambito del progetto Così sarà! La città che vogliamo con l’intento di mettere in luce temi e questioni capaci di stimolare e alimentare la riflessione attorno alla città e al suo rinnovamento, soprattutto ora che la pandemia ha imposto brusche accelerazioni e profondi cambiamenti nella società. Si tratta di conversazioni aperte con figure provenienti da differenti ambiti, chiamate a condividere saperi, visioni e pratiche. Il dialogo fra discipline vuole essere occasione di contaminazione e scardinamento di chiusure e settorialismi; la trasmissione di conoscenze e metodi, invece, è un’opportunità di scambio virtuoso fra membri di una comunità, stimolo al pensiero critico e all’immaginario futuro.

Tutti gli incontri si terranno ad Atelier Sì e sono a ingresso gratuito con posti limitati e prenotazione obbligatoria. Per prenotarsi, occorre inviare una mail ad altrevelocita@gmail.com indicando nome, cognome, data e luogo di nascita, numero di telefono.


Programma

Venerdì 18 settembre, ore 18
Ascolti utopici: la città che vogliamo
serata d’ascolto a cura di Rodolfo Sacchettini

Nel 1973 Andrea Camilleri e Sergio Liberovici compongono un documentario radiofonico dal titolo Outis topos: un’ipotesi di radio futura. È il primo esperimento di autogestione del mezzo radiofonico, prima delle radio libere. A Torino un quartiere si organizza e discute sui problemi più urgenti (caro vita, sfratti, vita da emigranti…). La radio diventa lo strumento per guardare al futuro. L’incontro sarà l’occasione per presentare un innovativo documentario del passato che indica ancora oggi delle nuove possibilità di abitare la città.


Giovedì 24 settembre, ore 18
Zazie nel metrò: la città immaginata dai ragazzini
incontro con Nadia Terranova

Nadia Terranova, autrice di romanzi per ragazzi e adulti, da tempo si interroga con sapienza e gioia, con occhio vigile e mai sazio, sull’infanzia e le sue manifestazioni, anche quelle più celate. Esiste una città a misura di bambino? Agli occhi di un bambino e di una bambina, in che misura regole e anarchia dialogano nel tessuto urbano?


Venerdì 16 ottobre, ore 18
Uno straniero in città
incontro con Goffredo Fofi

Critico e attivista, maestro disobbediente e anarchico, tra le voci più radicali nel mondo culturale italiano, Goffredo Fofi incontrerà i giovani di Bologna per abbracciare e spaziare dall’economia alla politica, dalla cultura all’educazione al rispetto per la natura e per il futuro, e molto altro.


Venerdì 23 ottobre, ore 18
Gioventù rubata: il decoro urbano e altre congiure
Stefano Laffi incontra Wolf Bukowski

Ricercatori, autori, instancabili critici del “senso comune” e delle retoriche che lo sorreggono, Laffi e Bukowski proveranno a farci indossare nuove lenti per osservare la società in cui viviamo. Qual è il destino dei giovani nella città di oggi? Cosa si intende per decoro urbano? Chi decide e perché? Tener vive le domande, per riappropriarsi del presente.


Venerdì 30 ottobre, ore 18
Le mani sulla città. Abitare al tempo delle piattaforme
incontro con Sarah Gainsforth

Vogliamo interrogarci su come sarà la città di domani – visto anche il ruolo che la pandemia giocherà nel settore del turismo e in ambito di diritto alla casa – con la ricercatrice indipendente e giornalista freelance Sarah Gainsforth, autrice di Airbnb città merce (Deriveapprodi 2019), che si occupa di temi sociali con un focus dedicato alle disuguaglianze e alle politiche abitative.

Domani è un altro mondo è parte di Così sarà! La città che vogliamo, promosso dal Comune di Bologna, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, finanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020.

Per maggiori informazioni sul progetto Così sarà! La città che vogliamo:

Il lavoro dello spirito

Piazza Coperta, Biblioteca Salaborsa
Massimo Cacciari presenta il suo libro | Le Voci dei libri
Massimo Cacciari presenta il suo libro | Le Voci dei libri
lavoro dello spirito.jpg

Massimo Cacciari presenta il suo libro IL LAVORO DELLO SPIRITO (Adelphi)
Con Ivano Dionigi

“Il «lavoro dello spirito» è il lavoro creativo, auto­nomo, il lavoro umano considerato in tutta la sua attuosa potenza, e volgersi alla sua affermazione si­gnifica liberazione di ogni attività dalla condizio­ne di lavoro comandato, dipendente, e cioè alie­nato. Ma il suo dissolversi nella forma capitalisti­ca di produzione, nell’universale macchinismo, che fagocita quella Scienza che pure è l’autentico mo­tore dello sviluppo, finisce col delegittimare la stes­sa autorità politica, che nella «promessa di libera­zione» trova il proprio fondamento”..


 

Per partecipare è necessario ritirare in Salaborsa il coupon gratuito (massimo 2 a persona) che verrà messo in distribuzione nei giorni precedenti. INFO
NON è possibile prenotare per telefono.

Nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni sanitarie anticovid di legge i posti a sedere attualmente nella piazza coperta sono limitati a 150. Per evitare assembramenti si consiglia di presentarsi 15 minuti prima.
 
Durante gli incontri sono previste letture a cura della scuola di teatro di Bologna Galante Garrone.

Le Voci dei libri è una rassegna è organizzata da Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop in collaborazione con il Comune di Bologna e Biblioteca Salaborsa, con il Patrocinio del Centro per il libro e la lettura del MiBACT e con il contributo di Bper Banca.

 

HONORIS CAUSA. Dallapiccola e Bologna

Zu.Art giardino delle arti di Fondazione Zucchelli
presentazione del volume di Mario Ruffini
presentazione del volume di Mario Ruffini
Dallapiccola_part1.jpg

Il presidente della Fondazione Zucchelli Rita Finzi e il presidente del Conservatorio di Musica Giovan Battista Martini Jadranka Bentini
presentano il volume


HONORIS CAUSA. Dallapiccola e Bologna
a cura di Mario Ruffini


Zu.Art giardino delle arti di Fondazione Zucchelli Vicolo Malgrado 3/2 Bologna

Giovedì 24 settembre 2020 ore 18


Intervengono
Anna Menichetti | Musicologa e conduttrice RAI Radio 3
Mario Ruffini | Presidente Centro Studi Luigi Dallapiccola


Prima esecuzione mondiale di Ciaccona, Intermezzo e Adagio per violoncello solo di Luigi Dallapiccola (1945), nella trascrizione per chitarra di Piero Bonaguri (2017)
Piero Bonaguri | Docente Conservatorio di Musica Giovan Battista Martini di Bologna
Vin d'honneur


La prenotazione è obbligatoria. I posti saranno assegnati fino a esaurimento.

eventi.fondazionezucchelli@gmail.com    
www.fondazionezucchelli.it

Le incendiarie | Lettura a cura di Francesca Ballico

Piazza Rossini
Take care of U | racconti sul prato
Take care of U | racconti sul prato
Francesca Ballico.jpg

Frammenti di discorso poetico sull'erba, zigzagando in versi arsi, tra muri e fiori.

Un viaggio nella poesia di donne che infiammano il linguaggio: il canto selvaggio di Patrizia Vicinelli e il ritmo implacabile di Amelia Rosselli, l'umanità tragicomica di Alda Merini, l'umorismo di Alessandra Berardi Arrigoni, lo sguardo radiante di Campi e la vocalità di Serena Dibiase. Un ponte ideale che collega tre grandi autrici del Novecento al respiro della nuova poesia su strade brulicanti di accumuli linguistici, corridoi ospedalieri, braci di pensiero, intrusioni ironiche e lampi di umanità fragile e resistente. Una testimonianza in divenire, frammentaria e inquieta, con lo sguardo che rimbalza tra i detriti della città e l'umido dell'erba.

È una poesia in fuga quella delle autrici del secolo scorso che hanno conosciuto le mura del carcere o dell'ospedale, lunghi corridoi della costrizione e hanno acceso il linguaggio nel ritmo. La giovane generazione si confronta con altre trappole: quelle di un vuoto di senso indotto, volgare, interessato. Nelle sue corse disegna nuove topografie, traccia l'anatomia sensibile di corpi, illuminando a stretti raggi il paesaggio urbano o una foglia sul prato. Si prende cura delle parole incendiandole ancora.

Se hai paura dammi la mano

Cortile di Casa Lydia Borrelli
Anna Lisa Dalbagno presenta il suo libro
Anna Lisa Dalbagno presenta il suo libro
lyda borrelli.jpg

Anna Lisa Dalbagno presenta il suo ultimo libro Se hai paura dammi la mano. Primo caso per il commissario Lisa Nardi (L’Erudita).

Dialogano con l’autrice gli scrittori Gianluca Morozzi e Alessandro Berselli.

La serata sarà impreziosita dalla voce di Lisa Manara, vocalist di Gianni Morandi.

Bookshop in collaborazione con Libreria Trame.

E’ gradita la prenotazione: https://www.facebook.com/events/356197469093572/ o al n. 377 9769128.

L’Altra Sponda del Cassero | Settembre

Giardino del Cavaticcio - Area Cassero
gli appuntamenti in programma fino al 27 settembre 2020
gli appuntamenti in programma fino al 27 settembre 2020
Bologna Estate_Altra Sponda Cassero Cover con Loghi.jpg

Negli spazi del Giardino del Cavaticcio si alternano le varie anime che compongono Il Cassero LGBTI Center, un'offerta che vede momenti di dibattito, incontri e think tank, intrattenimento, presentazione di libri e di ascolto di musica.


PROGRAMMA DI SETTEMBRE


Da giovedì 3 a domenica 6 settembre 2020
In occasione della presenza di Scenario Festival nel parco del Cavaticcio, l’Altra Sponda rimarrà aperta dalle 18:30 alle 23:30 con il servizio bar.


Da lunedì 7 a venerdì 18 settembre 2020
In occasione della presenza di Gender Bender Festival nel parco del Cavaticcio, l’Altra Sponda rimarrà aperta dalle 18:30 alle 23:30 con il servizio bar.


Sabato 19 settembre 2020
H 18:30 - 23:30
Poppen in the garden!
Selezione musicale a cura delle Poppen
pop, musica italiana, mega hits


Domenica 20 settembre 2020
H 18:30 - 23:30
Drink, cocktail e musica di sottofondo.


Giovedì 24 settembre 2020
H 18:30 - 23:30
Drink, cocktail e musica di sottofondo.


Venerdì 25 settembre 2020
H 18:30 - 23:30
Selezione musicale a cura di Diana Bludura
pop, commerciale


Sabato 26 settembre 2020
H 18:30 - 23:30
Trash For Free In The Garden!
Selezione musicale a cura di Magda Aliena
trash, pop, big hits


Domenica 27 settembre 2020
H 18:30 - 23:30
Drink, cocktail e musica di sottofondo.



L’apertura dell’Altra Sponda è dalle 18:30 alle 23:30


Modalità di prenotazione
E' possibile prenotarsi nelle giornate di apertura della rassegna chiamando il numero 353 4090534 dalle ore 16:00 alle 18:00. Il servizio è attivo da giovedì a domenica.


Maggiori informazioni suI sito e sui canali social:

www.cassero.it

www.facebook.com/casserolgbticenter

www.instagram.com/casserolgbticenter


Gli eventi della rassegna si svolgono al Giardino del Cavaticcio – area Cassero. In caso di pioggia saranno annullati.

Vicini di casa. Vicini o distanti?

Parco San Donnino
PILAR – Il Pilastro incontra la città
PILAR – Il Pilastro incontra la città
fucsiateatro-2.jpg

Laboratorio di Teatro dell’Oppresso (TDO) dedicato al tema del vicinato, a cura di FUCSIA TEATRO (IAM)

“VICINI DI CASA. Vicini o distanti?”

conducono Gaia Chon e Jonathan Mastellari

Nell’ambito di PILAR – Il Pilastro incontra la città


Il teatro dell’oppresso è un metodo teatrale che può essere svolto da chiunque, anche da chi non ha nessuna esperienza nel teatro o da chi non crede di avere una buona espressività o dimestichezza con il proprio corpo.
Il laboratorio, totalmente gratuito e adatto ad ogni tipo di motricità, ha l’obiettivo di discutere sulle dinamiche del vicinato, sia di abitazione che di spazi comuni pensando a come ri-pensare la condivisione degli spazi, i dissapori e i contrasti, grandi o piccoli che siano. Si è deciso di parlare di questo tema poiché lo riteniamo molto attuale in questo periodo storico dove il vicinato è stato potenzialmente una risorsa ma anche una condivisione di spazi forzata. Ogni incontro si apre e si chiude, quindi non è indispensabile la partecipazione a tutti e tre gli incontri anche se si cercherà di seguire un filo conduttore che permetta di approfondire sempre di più la tematica.


  • 10, 17 e 24 settembre 2020, ore 19.00 – 20.45
  • Parco San Donnino (ritrovo alle 18.45 alla fermata del bus 20 direzione “centro / Casalecchio)
  • Partecipazione gratuita
  • Prenotazione obbligatoria con mail a intersecionalitiesandmore@gmail.com o con WhatsApp 339/3389448.

Otto Von Bismark

Frida nel Parco
Sugarhill | (Around) Frida nel Parco
Sugarhill | (Around) Frida nel Parco
24sett_Otto von B. a0242277497_16.jpg

“Sugarhill”, versatile viaggio nell’underground musicale bolognese oggi si trasforma in Berlin night con il concerto di Otto Von Bismark.

Uomo.Cappello.Voce.Chitarr: Otto von Bismarck (l'altro)

Dopo la sua fase Sturm und Drang con la band Grabhund ("cane della tomba") in Assia, il cantautore e chitarrista/pianista Otto von Bismarck (da non confondere con il tizio che ha inventato il primo stato sociale) si è trasferito a Berlino negli anni '80, dove ha incontrato Caspar Brötzmann e formato gli Space Cowboys, facendo concerti e partecipando al Berlin Atonal Festival. Più tardi fa spettacoli da solista, spesso come ospite di altri musicisti come Alexander Hacke, Yoyo Röhm, Bruno Adams, Kristof Hahn, Ben e Meret Becker. Forma i Two Chix and a Beer, con I quali va in tour in Germania e nel Regno Unito, pubblicando l'album Friends of Dolores per l'etichetta discografica Butterama. Qualcuno potrebbe chiamarlo uno spettacolo minimalista di blues e boogie. Altri ancora uno stato d’anima sociale in mi minore. Altri ancora: maturità.


Dalle 19.00


www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Conversazioni sul futuro #4 | M¥SS KETA

Cortile Guido Fanti di Palazzo d’Accursio
Presenta la serata: Bebo (Lo Stato Sociale)
Presenta la serata: Bebo (Lo Stato Sociale)
missketa.jpg

Due musicisti si confrontano su temi come come tutela dell’ambiente, sessualità, consumo di droghe, social e nuove tecnologie, meticciato e nuove generazioni. Talk informale condotto e co-curato da Alberto Bebo Guidetti (Lo Stato Sociale).

Ospite di questa serata, la performer M¥SS KETA, una delle artiste che più hanno influenzato la scena musicale italiana degli ultimi anni.

Tutti giù all’inferno: Bologna e i 7 peccati capitali

Ritrovo in piazza Nettuno lato Re Enzo
visita guidata a cura di G.a.i.a. eventi
visita guidata a cura di G.a.i.a. eventi
LUSSURIA.jpg

Quali strade, quali personaggi, quali opere ci porteranno alla scoperta della Bologna viziosa e peccaminosa? Lungo vicoli, strade, piazze e androni per scoprire gli aspetti meno edificanti della nostra città, per conoscere le storie di personaggi, anche insospettabili, che hanno ceduto agli istinti. Uomini e donne, senza distinzione di sesso e classe sociale, raccontati attraverso i “lati oscuri” del loro carattere. Chi avrà ceduto all’ira? Chi alla lussuria? Chi si è macchiato di superbia? E di accidia? Anche noi saremo tentati. Sapremo dire di no alla Gola? Un oste d’eccezione ci farà assaggiare due specialità a cui non potremo resistere!

 Costo: € 22 comprensivi di visita, radioguide e degustazione

minimo 10 max 20 persone

La visita guidata deve essere prenotata a info@guidegaiabologna.it oppure allo 0519911923

Guida Monica Fiumi


LA VISITA IN PROGRAMMA GIOVEDI’ 16 LUGLIO E’ STATA ANNULLATA

Un confine incerto

Cinema Lumière
(Italia-Germania/2019) di Isabella Sandri (109')
(Italia-Germania/2019) di Isabella Sandri (109')
un-confine-incerto.jpg

A Roma, l'agente Milia Demez indaga su una rete di pedofili. Si sente impotente di fronte all'orrore quotidiano con cui viene a contatto. La conoscenza del Ladino l'aiuterà ad affrontare il caso di una bambina sudtirolese scomparsa. "In questi ultimi anni ho raccontato storie di bambini: dai profughi palestinesi in Libano agli orfani in Afghanistan, dai figli dei lavoratori in Messico a quelli sopravvissuti in Ruanda. E mi sono chiesta: qual è la crudeltà più grave in questa nostra epoca? Forse portare via il futuro all'essere umano, la forza di credere in sé. Uccidere la sua forza ma anche la sua parte tenera. Uccidere la tenerezza che ha dentro: il bambino" (Isabella Sandri).

Incontro con Isabella Sandri e il produttore Giuseppe M. Gaudino

In collaborazione con Fice Emilia-Romagna 

Personaggi in cerca d’autore

Teatro Arena del Sole - Sala Thierry Salmon
 (Underground)
 (Underground)
sei-personaggi.jpg

Personaggi in cerca d’autore
(Underground)

di Nanni Garella
da Luigi Pirandello
con Lucia Chierici
e gli attori di    Arte e Salute Luca Formica, Pamela Giannasi, Iole Mazzetti, Filippo Montorsi, Mirco Nanni, Moreno Rimondi, Deborah Quintavalle, Roberto Risi, Luca Bandiera, Laslo Della Valentina, Barbara Esposito

assistente alla regia Nicola Berti
luci Tiziano Ruggia
suono Andrea Melega
direzione di scena Davide Capponcelli
costumi Elena Dal Pozzo
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Associazione Arte e Salute Onlus, in collaborazione con Regione Emilia Romagna Progetto “Teatro e salute mentale”, Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda USL di Bologna


Quando immaginai, vent’anni fa, il bassorilievo da cui emergevano i sei personaggi – incrostati di intonaco, fissati in maschere e abiti rigidi, come appunto ‘scolpiti’- chiesi agli attori che li interpretavano un tono alto, elevato, che scolpisse anche le parole. Quello fu il modo di dare loro la potenza tragica che sentivo come unico vero motivo dominante dell’opera.
Quella potenza deriva loro – non dal drammucolo delle loro esistenze piccolo-borghesi, non dalla abortita novelletta mai scritta – ma unicamente dalla purezza angelica della loro forma.
Non uomini, non attori, non fantasmi, ma “personaggi”, esseri di pura forma, rivestiti di apparenza e di sembianza umana, non compiuti, forniti di esistenza ma non di storia, creature eternamente dolenti, condannate a ripetere per sempre la medesima scena, tentano, da sole, di rappresentarsi, di scrivere quel dramma che è stato loro rifiutato; sfidano le leggi della natura, oltrepassano i limiti della verosimiglianza e producono, narrando il loro mito, il “miracolo” della apparizione dei corpi e del sangue.

Il mito ne racconta l’avvento, li colloca in un posto nel mondo, li fornisce di una identità, anche provvisoria, ma la loro ragion d’essere ha la forma di una leggenda ed è legata alla casualità di un incontro. E così quei personaggi, evocati, invocati e infine apparsi, sono pronti ad essere interrogati, si rivestono di parole. Ad ogni domanda rispondono parlando solo di sé e del mistero della propria forma, incompiuta e sofferente, immortale come qualcosa che non ha corpo, ma sanguinante da profonde ferite, una forma logica e divina come quella di un angelo, ma fragile come quella di una creatura.
Ci si trova di fronte ad una forma, per così dire, pre-drammatica, non ancora scritta, raccontata e continuamente interrotta, ad un tratto vissuta al presente eppure sovrapposta al passato e al futuro; in una situazione che lascia tutti gli elementi del tragico, del mitico, del misterioso, allo scoperto; e i personaggi sospesi nel vuoto.

La Natura sembra scomparsa dall’universo dei personaggi in cerca d’autore, sembra essersi ritratta scontrosamente fuori dal teatro, fuori da quella sorta di laboratorio faustiano in cui un uomo crea per gli altri una realtà a sua immagine e somiglianza, sostituendosi a Dio. Nell’ombra del teatro, tuttavia, una Madre lontana, dolente, accorata, ricorda a quell’uomo che anch’egli fu figlio; e che Natura esiste anche in quel luogo di artificio; e che la fantasia più sfrenata, più orgogliosa, più sublime è pur sempre Natura. (Nanni Garella)


Biglietto unico €11,50

Acquisto biglietti

Les Parapluies

Parco della Montagnola
live in Montagnola Republic
live in Montagnola Republic
Les Parapluies.jpg

Les Parapluies sono un gruppo musicale dedicato alla Chanson Française arrangiata in chiave jazz manouche-gipsy jazz, caratterizzato da un suono musicale cadenzato e melodico, con richiami allo stile del chitarrista Django Reinhardt. I pezzi della Chanson Française che il quartetto propone non trascurano l’importanza del testo: dal periodo d’oro della Rive gauche artistica parigina, canzoni di Édith Piaf, Charles Trenet, Yves Montand, fino a raggiungere la Chanson di Francia odierna, dalle folli e surrealiste canzoni del cantautore Sanseverino, all’interprete di nuova generazione Zaz e al gruppo parigino Paris Combo.

Il gruppo si forma nell’inverno del 2014 esibendosi per la prima volta nella primavera dell’anno successivo: dai locali che ospitano la musica dal vivo a centri sociali, teatri e luoghi all’aperto. Ha all’attivo un Cd di cover “Une semaine avec Les Parapluies”, uscito a settembre 2017. Il 7 febbraio 2020 è uscito sulle piattaforme digitali il singolo inedito “Caffè della Piazza”. Il gruppo inoltre partecipa, insieme alla Compagnia Teatrale Cantharide di Zola Predosa (Bologna), alla lettura-concerto “Anna K. - In the Pines”, debuttato a maggio 2017 aprendo la rassegna zolese “Teatro in Villa – In the Pines”.

Formazione:
- Riccardo Marchi, voce
- Simone Marcandalli, chitarre
- Marco Paganucci, pianoforte e diamonica
- Sergio Mariotti, contrabbasso
- Umberto Genovese, batteria e cajon


I posti a sedere nell'area concerti sono limitati a un numero massimo di 200 partecipanti. L'incontro si svolge all'aperto nell'area verde attrezzata con tavoli e sedute.

COME PRENOTARE
È vivamente consigliata la prenotazione mandando un messaggio whatsapp al numero 3478851268 con le seguenti informazioni:
- Nome e cognome
- Numero di telefono
- Numero dei posti da prenotare

Si prega di arrivare almeno 15 minuti prima dell’inizio del concerto altrimenti la prenotazione non sarà più garantita


Segui Montagnola Republic su Facebook e Instagram
 

Dead man

Cinema Lumière
(USA/1995) di Jim Jarmusch (121')
(USA/1995) di Jim Jarmusch (121')
Dead-Man1.jpg

Prima che cominci uno dei viaggi più angosciosi cui il cinema abbia mai invitato gli spettatori, Johnny Depp, giovanotto impacciato che porta il nome di William Blake, incontra l'uomo che potrebbe dargli un lavoro, padrone d'un vecchio mulino d'un paese di frontiera. L'uomo è Robert Mitchum, ha un fucile e siede come un totem tra un orso impagliato e un proprio ritratto. Depp non avrà quel lavoro, riceverà invece un colpo in petto, e la sua fuga si trasforma in un road movie fluviale e funebre. Siamo nel West, gli fa da Caronte un indiano convinto che lui sia davvero il poeta visionario inglese. Tra tanta cupa stravaganza, Mitchum resta al suo posto, scolpito nel proprio mito. (pcris)

Lingua originale con sottotitoli

Guastocene | Agosto - Settembre - Ottobre

Giardino del Guasto
calendario appuntamenti al Giardino del Guasto
calendario appuntamenti al Giardino del Guasto
Guastocene_part.jpg

Di seguito gli appuntamenti in programma al Giardino del Guasto nei mesi di agosto/settembre/ottobre:


1 - 24 agosto pausa nessuna attività


Dal 25 agosto al 31 agosto

Guastocenecinnicinecittà in Cinema Ritrovato Kid a cura di Schermi e lavagne, dalle 18 al buio dal Guasto alla Piazzetta Pier Paolo Pasolini - PEDICINEBUS


Settembre

2-4 settembre

Primo, non fare niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


7-9-11 settembre

Secondo, non fare niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


12 settembre

Festival guasto del coniglio nero, a cura di Antonella Tandi con musiche e canti

Dalle 17 alle 20


14-16-settembre

Terzo, non fare niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


Dal 15 al 30 settembre Installazione pittorica, Becco blu Becco blu, Forestazione al Guasto, a cura di Odgo e Antonella 


16 settembre, Orchestra AfroBeat di Guglielmo Pagnozzi ore 19-21


18 settembre, Pianista Blue moon “Jazz in the garden” a cura di Vito Favara ore 20 


21-23-25 settembre

Quarto, faccio tutto e niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


22 settembre, Non si scherza con il pianeta, giocolerie con Max dei Max ore 18


28-30-settembre 2 ottobre

Guastocene forever, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


Gran finale 2 ottobre

Un vibrafono per Rodari con Pasquale Mirra ore 19


Tutte le attività si svolgono all’interno del Giardino del Guasto.
Tutte le iniziative sono su prenotazione, attraverso un cellulare dedicato, tramite whatsapp e messaggi (n. 3928780106 cellulare di Anto)  e hanno ingresso libero, ma contingentato.

Pezzettini

Trame Bookshop
mostra di Francesca Mazzucato
mostra di Francesca Mazzucato
pezzettini.jpg

Sabato 6 giugno dalle 12,30 in libreria inaugurazione della mostra Pezzettini di Francesca Mazzucato.

Francesca Mazzucato è una scrittrice e un'artista di collage che si firma "franceslou" in omaggio a Lou Andreas Salomè. I suoi lavori sono intrecciati e collegati alla sua narrativa e ai suoi luoghi, tracce, appunti, scarti. È nella direzione artistica del sito Paris Collage Collective, suoi lavori sono apparsi in riviste specializzate di settore e ha esposto a Rotterdam e a Barcellona. Quella di Trame è la sua prima personale.

La mostra sarà aperta fino all'autunno negli orari di Trame, e l'ingresso sarà permesso secondo le norme vigenti, con mascherina e distanziati. 
 

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna

Museo Civico Archeologico
Electa Etruschi Bologna musei.jpg

Dopo l’emergenza COVID-19, sabato 6 giugno riapre la grande mostra Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna allestita al Museo Civico Archeologico di Bologna. L’ambizioso progetto dedicato alla civiltà etrusca - circa 1400 oggetti esposti su oltre 1000 metri quadrati di superficie espositiva - sarà visitabile fino al 29 novembre 2020, grazie all’impegno congiunto di Istituzione Bologna Musei ed Electa e alla disponibilità di tutti i  prestatori coinvolti che, con generoso spirito di solidarietà, hanno acconsentito a rendere possibile l’apertura, tra cui il British Museum di Londra, il Musée du Louvre di Parigi, il Musée Royal d’Art d’Histoire di Bruxelles, il Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen e i Musei Vaticani.

L’esposizione conduce i visitatori in un itinerario attraverso le terre degli Etruschi e mostra come non esista una sola Etruria, ma molteplici territori che hanno dato esiti di insediamento, urbanizzazione, gestione e modello economico differenti nello spazio e nel tempo, tutti però sotto l’egida di una sola cultura, quella etrusca. Non c’è migliore metafora che quella del viaggio, per spaziare in un vasto territorio compreso tra le nebbiose pianure del Po fino all’aspro Vesuvio, attraverso paesaggi appenninici e marini, lungo strade e corsi fluviali.

La prima parte del percorso offre un momento di preparazione al viaggio, facendo conoscere ai visitatore i lineamenti principali della cultura e della storia del popolo etrusco, attraverso oggetti e contesti archeologici fortemente identificativi. Così preparato, il visitatore può affrontare la seconda sezione, dove si compie il viaggio vero e proprio nelle terre dei Rasna, come gli Etruschi chiamavano se stessi.

La mostra dialoga naturalmente con la ricchissima sezione etrusca del Museo Civico Archeologico, che testimonia il ruolo di primo piano di Bologna etrusca, costituendo, quindi, l’ideale appendice al percorso di visita dell’esposizione temporanea.

Accompagna la mostra il catalogo Electa con saggi introduttivi di Giuseppe Sassatelli, Vincenzo Bellelli, Roberto Macellari, Marco Rendeli, Alain Schnapp e Giuseppe Maria Della Fina; saggi dedicati alle singole sezioni di mostre; un approfondimento sui musei etruschi italiani e un importante apparato di schede dedicate alle opere in mostra.

Durante il periodo della sospensione di apertura, l’esplorazione dei temi della mostra è proseguita online con iniziative digitali. Notizie e curiosità relative al mondo affascinante degli Etruschi e ai reperti esposti sono state presentate sulla pagina Facebook del Museo Civico Archeologico, mentre sul canale YouTube  Giuseppe Sassatelli, docente universitario e membro del comitato scientifico, ha curato un’introduzione al percorso espositivo. Nell’ambito del festival multimediale #laculturanonsiferma promosso dall’Assessorato alla cultura e paesaggio della Regione Emilia-Romagna e coordinato dall’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, Lepida TV ha inoltre prodotto un documentario video alla scoperta della mostra con le archeologiche del museo Laura Minarini e Marinella Marchesi, trasmesso in diretta streaming sulla piattaforma digitale www.lepida.tv e sul canale 118 del digitale terrestre.

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna è progettata e promossa da Istituzione Bologna Musei | Museo Civico Archeologico, in collaborazione con la Cattedra di Etruscologia e Archeologia italica di Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, realizzata da Electa e posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana.


INFORMAZIONI PER LA VISITA

La mostra è visitabile con orari di apertura rimodulati:
lunedì, mercoledì, giovedì  10.00-19.00
venerdì  14.00-22.00
sabato, domenica  10.00-20.00
chiuso martedì non festivo
ultimo ingresso un’ora prima della chiusura


Al fine di garantire la visita in sicurezza, vengono attuate le seguenti disposizioni:
• acquisto del biglietto solo online tramite il circuito VivaTicket
• modalità di recupero biglietti prenotati: per i possessori di biglietto open richiesta prenotazione senza costi aggiuntivi (tramite call center 051 7168807) o eventuale accesso diretto previa disponibilità posti; per i possessori di biglietto non open richiesta prenotazione a pagamento (tramite call center 051 7168807)
• obbligo di indossare la mascherina durante la visita
• contingentamento in slot per l'ingresso frazionato dei visitatori
• predisposizione di percorsi distinti in entrata e in uscita
• dotazione di gel igienizzanti a disposizione dei visitatori


Il tempo della visita è predefinito con un limite di 75 minuti.
É disponibile il servizio di audioguide, con sanificazione dei dispositivi dopo ogni utilizzo.
Il servizio di guardaroba non è disponibile (i visitatori sono pregati di presentarsi con il minimo di accessori personali, evitando bagagli, nonché borse e zaini voluminosi).
Il servizio di bookshop è attivo.

Maggiori dettagli


Biglietti:
Intero € 14,00
Ridotto € 12,00 / € 10,00
Per gli abbonati alla Card Cultura € 7,00


www.etruschibologna.it

museibologna.it/archeologico


La Riscoperta di un Capolavoro | Il Polittico Griffoni

Palazzo Fava
a Palazzo Fava apre la mostra dedicata a uno dei massimi capolavori del Rinascimento italiano
a Palazzo Fava apre la mostra dedicata a uno dei massimi capolavori del Rinascimento italiano
PolitticoGriffoni-detail.jpg

La mostra La riscoperta di un capolavoro a Palazzo Fava. Palazzo delle Esposizioni apre le porte lunedì 18 maggio 2020. Un viaggio di ritorno travagliato, che ai tre secoli di attesa ha sommato altro tempo, se possibile ancor più interminabile nella sua incertezza: ma finalmente il capolavoro ritrovato è pronto a rivelarsi. La grande mostra riporta a Bologna, a 500 anni dalla sua realizzazione e a 300 dalla sua dispersione, le tavole del Polittico Griffoni dei ferraresi Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, che proprio a Bologna, con la maestosa pala d’altare realizzata tra il 1470 e il 1472 per l’omonima cappella nella Basilica di San Petronio, diedero avvio al loro straordinario sodalizio artistico.

Un lavoro di oltre due anni ed il coinvolgimento di 9 Musei internazionali proprietari delle singole tavole, la metà dei quali ubicati fuori dai confini nazionali - National Gallery di Londra, Pinacoteca di Brera di Milano, Louvre di Parigi, National Gallery of Art di Washington, Collezione Cagnola di Gazzada (Va), Musei Vaticani, Pinacoteca Nazionale di Ferrara, Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, Collezione Vittorio Cini di Venezia – danno vita oggi a quello che è un evento eccezionale per la storia dell’arte, che ha il merito, tra le altre cose, di ridefinire la centralità della città di Bologna nel panorama Rinascimentale italiano.

Nelle settimane passate sono state studiate tutte le misure di sicurezza richieste per l’accesso in sicurezza dei visitatori, come disposto dalle normative di contenimento del contagio, e stilato un protocollo che prevede, tra le altre cose, l’ampliamento dell’orario di apertura, il contingentamento degli ingressi, l’obbligatorietà della prenotazione (on line, telefonica o via mail) e dell’utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

La mostra si compone di due sezioni: il Piano Nobile di Palazzo Fava ospita “Il Polittico Griffoni rinasce a Bologna” a cura di Mauro Natale in collaborazione con Cecilia Cavalca: le 16 tavole originali ad oggi superstiti provenienti dai Musei prestatori sono visibili assieme alla ricostruzione del Polittico, una vera e propria rimaterializzione della pala d’altare così come dovette apparire ai bolognesi di fine Quattrocento. Si tratta di una perfetta riproduzione dell’originale realizzata da Factum Foundation di Adam Lowe. Dai primi anni Duemila Factum Foundation si occupa di documentare, monitorare e ricreare il patrimonio culturale mondiale attraverso lo sviluppo di tecniche di registrazione ad alta risoluzione e ricostruzione in 3D.

Il secondo piano pertanto ospita “La Materialità dell’Aura: Nuove Tecnologie per la Tutela” a cura di Adam Lowe, Guendalina Damone e del team della Fondazione, sezione nella quale viene mostrato, attraverso video, immagini e dimostrazioni con gli strumenti di scannerizzazione 3D progettati dalla stessa fondazione, l’operato di Factum e l’importanza che assumono le tecnologie digitali nella tutela, registrazione e condivisione del patrimonio culturale, proprio a partire dal lavoro svolto sulle tavole originali del Polittico. Due anche i cataloghi di mostra, entrambi editi da Silvana Editoriale.

La straordinaria avventura del Polittico Griffoni è diventata anche un documentario, La Riscoperta di un capolavoro – Il Polittico Griffoni, una produzione 3D Produzioni in esclusiva per Sky Arte. Girato nelle settimane precedenti il lockdown e andato in onda su Sky Arte lo scorso 30 aprile, sarà visibile on demand su Sky a partire da lunedì 1° giugno.

La mostra La riscoperta di un capolavoro è un progetto di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Genus Bononiae. Musei nella città, in collaborazione con Basilica di San Petronio, Polo Museale Emilia Romagna, Pinacoteca Nazionale di Bologna, Factum Foundation, Comune di Bologna. Con il patrocinio di MiBACT Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Pontificio Consiglio della Cultura, Regione Emilia Romagna, Chiesa di Bologna.


Il vademecum sicurezza e le misure approntate da Genus Bononiae. Musei nella Città in ottemperanza al DPCM 16 maggio 2020 n. 33 e in vigore da lunedì 18 maggio è disponibile a questo link

Orari di apertura

Dall’1 al 31 ottobre la mostra seguirà i seguenti orari:
Dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.30 (con accesso in mostra fino a un’ora prima della chiusura)
Lunedì chiuso

Per l’accesso alla mostra è obbligatorio effettuare la prenotazione: on line dal sito di Genus Bononiae (consente di scegliere direttamente il giorno e l’orario di visita), prenotando telefonicamente al numero +39 051 19936343 (dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 16) o via mail scrivendo a esposizioni@genusbononiae.it, pagando poi alla cassa al momento del ritiro del biglietto. Si consiglia ovviamente la prenotazione e acquisto on line del biglietto per ottimizzare i tempi, dato che la permanenza all’interno del Palazzo non potrà superare 1 ora. Potranno accedere in mostra 35 persone ogni 30 minuti, per rispettare i distanziamenti tra le persone, facendo sì che ogni singolo visitatore abbia a disposizione 4mq. Vietate invece fino a nuove disposizioni le visite di gruppo.


Info biglietti
Gli abbonati Card Cultura hanno diritto all’ingresso ridotto a 10 €

Women. Un mondo in cambiamento

Santa Maria della Vita
mostra fotografica in Santa Maria della Vita
mostra fotografica in Santa Maria della Vita
4_BEAUTY National Geographic 2169583_credit Robin Hammond.jpg

Mercoledì 20 maggio ha riaperto dopo il lockdown la mostra Women. Un mondo in cambiamento, nel Complesso di Santa Maria della Vita  organizzata in collaborazione con National Geographic Italia che racconta cento anni di storia femminile, La mostra, la cui chiusura era prevista il 17 maggio, è stata prorogata fino al 30 settembre 2020.

Un viaggio per immagini attraverso la rappresentazione delle donne ad ogni latitudine, con gli scatti dei (e delle) più celebri reporter del National Geographic, che a 100 anni dalla concessione del diritto di voto alle donne negli Stati Uniti intende riflettere su passato, presente e futuro delle donne.

Il percorso espositivo della mostra WOMEN. Un mondo in cambiamento, organizzata da National Geographic in collaborazione con Genus Bononiae. Musei nella città e Fondazione Carisbo, è articolato in 6 sezioni – Beauty/Bellezza, Joy/Gioia, Love/Amore, Wisdom/Saggezza, Strength/Forza, Hope/Speranza – e raccoglie una selezione di immagini tratte dallo straordinario archivio del National Geographic, disegnando un viaggio attraverso un secolo di storia delle donne in tutti i continenti, con diverse prospettive e focalizzando l’attenzione sui problemi e le sfide di ieri, oggi e domani nei vari paesi ed epoche. Ogni immagine crea un ritratto di alcuni aspetti dell’esistenza femminile e mostra ai visitatori come la rappresentazione delle donne si è evoluta nel tempo. Così le immagini festose delle ballerine di samba che si riversano nelle strade durante il carnevale di Salvador da Bahia si alternano a quelle delle raccoglitrici di foglie di the in Sri Lanka. E ancora il ritratto di donna afghana in burqa integrale rosso che trasporta sulla testa una gabbia di cardellini, potente metafora di oppressione, si contrappone all’immagine di libertà e bellezza di una ragazza in pausa sigaretta a Lagos, in Nigeria.

Completa la mostra la sezione Portraits/Ritratti, scatti intimi e biografici di un gruppo iconico di attiviste, politiche, scienziate e celebrità intervistate da National Geographic per il numero speciale della rivista di novembre 2019 pubblicato ai tempi della prima donna alla direzione del National, Susan Goldberg: tra esse Nancy Pelosi, Oprah Winfrey, il Primo Ministro neozelandese Jacinda Ardern e la Senatrice a vita Liliana Segre.


Per garantire le norme di distanziamento previste dal DPCM è consentito l’accesso in mostra di un massimo di 60 persone contemporaneamente.


Orari di apertura:
dal martedì alla domenica 10.00 - 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18)


info biglietti
Con Card Cultura ingresso ridotto a 8 €, invece di 10 €


Foto: Una coordinatrice di 24 anni si prende una pausa per fumare una sigaretta fuori dall’African Artists’ Foundation di Lagos, in Nigeria (credit Robin Hammond)

Noi siamo la Minganti

Museo del Patrimonio Industriale
Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019)
Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019)
MuseodelPatrimonioIndustriale_mostra_Minganti

L'Istituzione Bologna Musei ha riaperto le proprie sedi espositive, con nuovi orari di apertura e nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza.
Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito  www.museibologna.it


L'esposizione fotografico-documentale realizzata nel centenario delle Officine Minganti racconta la storia della fabbrica come luogo al contempo del lavoro e della produzione, accostando un’ampia selezione di fotografie d’epoca e una raccolta di materiali documentali.

Il percorso espositivo è caratterizzato da una selezione di fotografie provenienti sia dagli archivi della Camera del Lavoro di Bologna, della Fiom-Cgil Bologna e del Museo del Patrimonio Industriale che da donazioni di ex dipendenti.

La scelta delle immagini si dipana intrecciando volutamente la memoria visiva strettamente legata alla realtà produttiva e lavorativa quotidiana, nella sua materialità e varietà all’interno dello spazio industriale, ma anche il suo svilupparsi all’esterno delle officine, nelle forme di espressione legate alle manifestazioni sindacali.

Le immagini documentano, in un arco temporale che va dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta del Novecento, gli ambienti interni ed esterni della fabbrica, il lavoro nell’officina e negli uffici tecnico-amministrativi e la lunga lotta contro la chiusura (il declino inizia dagli anni Settanta, prosegue con l’amministrazione controllata degli anni Ottanta e arriverà alla fine con una lunga e complessa procedura fallimentare conclusasi solo nel 1997).
Un ulteriore nucleo di fotografie mostra gli spazi abbandonati nei primi anni Duemila e l’odierna rifunzionalizzazione dell’area come centro commerciale.

Completano l’esposizione due spazi tematici: il primo è legato alla produzione Minganti con cataloghi e oggetti donati da ex lavoratrici ed ex lavoratori. Il secondo è dedicato alla Virtus Minganti pallacanestro.

Arricchiscono il percorso una video-installazione e alcune video-interviste a ex dipendenti, che restituiscono memoria all’aspetto umano della produzione industriale.

La mostra fa parte del più ampio progetto Il lavoro e la Minganti, lanciato in occasione del centenario della fondazione delle Officine in sinergia con il progetto Bologna metalmeccanic@, co-promosso dal Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna, dal Museo del Patrimonio Industriale, da associazioni di ricerca storica e promozione culturale come Clionet e da Fiom-Cgil Bologna. Significativa ed importante è stata l’attivazione di un gruppo di ex-lavoratori ed ex-lavoratrici delle Officine Minganti, costituitosi nel Comitato Minganti Storica, interessati a non disperdere l’importante memoria e cultura del lavoro che ha trovato espressione nello stabilimento metalmeccanico nel corso del Novecento.


La mostra è stata prorogata al 15 novembre 2020



Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orari di apertura del museo dal 20 maggio 2020:
lunedì, martedì chiuso
mercoledì, giovedì, venerdì h 10.00-13.00
sabato, domenica h 10.00-14.00

Ingresso:
biglietto museo (€ 5,00 intero / € 3,00 ridotto)
Per gli abbonati alla Card Cultura l’ingresso è gratuito

Servizio di prevendita online dei biglietti sul sito
www.midaticket.it/eventi/museo-del-patrimonio-industriale

Nino Migliori. Stragedia

Ex Chiesa di San Mattia
inaugurazione sabato 27 giugno 2020
inaugurazione sabato 27 giugno 2020
Migliori.jpg

Nel 2020 ricorre il 40° anniversario della Strage di Ustica che, tra le numerose iniziative, verrà ricordato tramite la mostra Nino Migliori. Stragedia, promossa dal Dipartimento Cultura e Promozione della Città del Comune di Bologna e dall'Associazione Parenti della Strage di Ustica.
L'esposizione, a cura del responsabile Area Arte Moderna e Contemporanea dell'Istituzione, Lorenzo Balbi, si terrà negli spazi dell'Ex Chiesa di San Mattia, con inaugurazione sabato 27 giugno, data in cui avvenne la tragedia nel 1980, per proseguire fino al 7 febbraio 2021.
Il progetto, che si svilupperà in una video-installazione immersiva, nasce da una rielaborazione di immagini scattate dal grande fotografo nel 2007 durante l'allestimento dei resti del velivolo negli spazi del Museo per la Memoria di Ustica. Gli 81 scatti, corrispondenti al numero di vittime della strage, sono eseguiti a “lume di candela” tecnica utilizzata dal fotografo nel 2006 per la serie Lumen. Nino Migliori, oltre alle ricerche di stampo realista sull'Italia del dopoguerra, è noto per le sperimentazioni sul materiale fotografico eseguite mediante tecniche di sua invenzione come le ossidazioni e i pirogrammi. 
La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione Edizioni MAMbo.


Apertura sabato 27 giugno 2020: ore 18.00 - 24.00

Orari di apertura: venerdì e sabato ore 20.00 - 22.00
domenica ore 18.00 - 20.00

Ingresso libero
Prenotazione: tel. 051 6496611
www.midaticket.it/eventi/mambo-museo-darte-moderna-di-bologna

www.mambo-bologna.org
info@mambo-bologna.org

Foto: Nino Migliori, Stragedia, 2007-2020 © Fondazione Nino Migliori

Parco di Villa Angeletti | Programma attività

Parco di Villa Angeletti (Quartiere Navile)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
010 (Copia).JPG

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Parco di Villa Angeletti:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì  

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato


in Lak’Ech (thai ci – Qi Gong): inizio attività 13/07; sospensione 01/08 – 20/08; fine attività 30/09
Universal sport: inizio attività 13/07; sospensione 10/08 - 23/08; fine attività 30/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Giardino del Velodromo | Programma attività

Giardino del Velodromo (Quartiere Porto-Saragozza)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento-1.jpg

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Giardino del Velodromo:

ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì

Martedì  

  • ore 08,30 – 10,30  -functional training  | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it 
  • ore 17,00 - 19,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it
  • ore 19,00 - 21,00  Yoga -functional training – capoeira bambini | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it  

Mercoledì

Giovedì   

  • ore 08,30 – 10,30 Capoeira -functional training  | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it  
  • ore 17,00 - 19,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it
  • ore 19-00 – 21,00 Yoga -functional training – circo bambini | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it  

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

  • ore 08,30 – 9,30 Yoga | Tel. 3394470305 - mail:info@capoeirapalmares.it
  • ore 09,30 – 10,30 Mobility stretching  | Tel. 339 4470305 - mail:info@capoeirapalmares.it
  • ore 17,00- 19,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it
  • ore 19,00 – 20,00 Capoeira  | Tel. 3394470305 - mail:info@capoeirapalmares.it
  • ore 20,00 – 21,00  Functional training | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it 

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato

  • ore 09,00 -11,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it


Leaf: inizio attività 13/07; sospensione 01/08 – 21/08 fine attività 30/09
Capoeira: inizia attività 13/07; sospensione 07/08-31/08; fine attività 11/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Parco dei Cedri-Lungosavena | Programma attività

Parco dei Cedri-Lungosavena (Quartiere Savena)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento-003.JPG

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Parco dei Cedri-Lungosavena:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì
ore 17,00 – 18,00  Pilates per tutti  | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18,00 – 19,00  Zumba, balli latini e danza del ventre per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18,00 – 20,00  Camminate di Nordic Walking & Stretching per tutti  |  Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com
ore 19,30 – 20,30  Allenamento Funzionale per tutti | Tel 3456682159 | mail: grphotographer22@gmail.com

Martedì
ore 18,00 – 19,00 Riabilitango e ginnastica dolce over 65 | Tel. 3394734113 mail: info@olitango.it

Mercoledì
ore 08,30 – 09,30 Qi Gong e meditazione per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18,00 – 19,00 Mobilità pilates | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Total body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Yoga adatto a tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it

Giovedì
ore 17,00 – 18,00 Qi Gong bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 mail info@olitango.it  
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Tecniche di rilassamento per tutti | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com

Venerdì
ore 09,00 – 10,00 Qi Gong per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it  


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Stretching | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com

Giovedì
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Tecniche di rilassamento | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì
ore 17,00 – 18,00 Pilates per tutti Tel. 3394734113 mail: info@olitango.it  
ore 18,00 - 19,00  Zumba, balli latini e danza del ventre per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it   
ore 18,00 – 19,00 Total Body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Allenamento funzionale | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Martedì
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Stretching | tel. 3357853622 mail flaviacalza24@gmail.com
ore 18,00 - 19,00  Riabilitango e ginnastica dolce over 65 |Tel. 3394734113 mail info@olitango.it
dal 15/09: ore 10,00 – 11,00 Ginnastica dolce over 60 | tel 3456682159 mail grphotographer22@gmail.com

Mercoledì
ore 08,30 – 09,30 Qi Gong e meditazione per tutti | Tel. 3394734113 mail: info@olitango.it   
ore 18.00 - 19.00 Pilates | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Yoga per tutti |  Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it  
ore 19.00 - 20.00 Total Body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Giovedì
ore 17,00 – 18,00 Qi Gong bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18:00 - 19:00 Total Body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19:00 - 20:00 Allenamento Funzionale | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Venerdì
ore 09,00 – 10,00 Qi Gong per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
dal 18/09: ore 10,00 – 11,00 Ginnastica dolce over 60  | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Sabato
ore 09,30 – 11,30 Camminate di Nordic Walking & Tecniche di rilassamento | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com


Nordik Walking: inizio attività 13/07; sospensione 10/08 – 23/08; fine attività 26/09
Olitango: inizio attività 13/07 – 31/07; sospensione 01/08 – 07/09; fine attività 25/09
Ads Enecta: inizio attività 13/07; sospensione 01/08 – 31/08; fine attività 26/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Giardino Lunetta Gamberini | Programma attività

Giardino Lunetta Gamberini (Quartiere Santo Stefano)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento_010 (Copia).jpg

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Giardino Lunetta Gamberini:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì

Martedì

  • ore 09,30 – 10,30 Yoga per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 17,00 – 18,00 Yoga per bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18,00 – 19,00 Feldenkrais per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18,30 – 20,30 Tecniche di difesa personale | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

  • ore 18,30 – 19,30 fino al 07/08: OCR per bambini / dal 31/08: Yoga per bimbi 6-14 anni | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com
  • ore 19,30 – 20,30 fino al 07/08: OCR per adulti / dal 31/08: Yoga per adulti | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com

ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

  • ore 09,30 – 10,30 Yoga per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 17,00- 18,00 Yoga per bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18,00 – 19,00 Feldenkrais per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18.00 - 19.00 YOGA Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com
  • ore 19.00 - 20.00 PILATES | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


Olitango: inizio attività 13/07 – 31/07; sospensione 01/08 – 07/09; fine attività 25/09
Around the Wod (atw): inizio attività 13/04; sospensione 07/08 - 31/08; fine attività 18/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Fight Art. Arte “Face to Face”

Spazio Arte CUBO
mostra
mostra
Immagine Fight Art.jpg

Mai come in questi ultimi mesi, gli artisti sono stati messi, come la comunità cui si rivolgono, a dura prova: l’isolamento individuale e la conseguente sospensione del contatto reale con il mondo hanno richiesto nuove riflessioni, tanto sulla propria identità e relazione con l’altro, quanto sul proprio linguaggio e ricerca. CUBO le vuole raccontare con la mostra FIGHT ART. Arte “FACE to FACE” che si tiene dal 6 luglio al 10 ottobre 2020 presso lo Spazio Arte. La mostra, che si avvale del contributo critico di Ilaria Bignotti, è l’appuntamento annuale che CUBO, il Museo d’impresa del Gruppo Unipol, organizza per valorizzare la propria collezione artistica, divulgando la conoscenza dell’arte e rendendola fruibile al pubblico.

Raccogliendo la sfida di questi tempi, il progetto espositivo fa “confliggere” i linguaggi artistici in un “corpo a corpo”, evidenziando quanto sia importante, oggi, riscoprire il valore del confronto diretto, accogliendo anche il possibile scontro con l’altro, generatore di nuovi significati e rotte di senso: se bisogna reagire, bisogna farlo fino in fondo.  Per rafforzare tale pensiero, le opere esposte in mostra non saranno avvicinate per assonanze visuali e affinità linguistiche, ma per la loro distanza concettuale e diversità formale. Il contrasto come generatore di nuove possibilità: è questo un aspetto cruciale del progetto, che sarà ancor più pregnante quando il visitatore della mostra potrà vedere dal vero le opere esposte, anche attraverso le visite guidate, scoprendo inediti temi, sorprendenti suggestioni. Una mostra che è sfida, ring dello sguardo e match di relazioni.

Il progetto si arricchisce di interviste (visibili sul canale Youtube di CUBO) “screen to screen”: due a due, gli autori delle opere esposte hanno risposto a domande incalzanti che riguardano la loro esperienza in questi mesi, la loro pratica artistica, il rapporto con il passato e il dialogo con l’altro artista intervistato. Sollecitando in tal modo, ancor più incisivamente, la lettura dialettica delle opere esposte in mostra. Perché l’arte è un modo speciale di pensare (Harold Rosenberg), attivatrice di quel pensiero laterale necessario a raccogliere le sfide del cambiamento e del rinnovamento con potenza e onestà: “FACE to FACE”.

  • Ettore Frani facing Stefano Ronci
  • Tommaso Fiscaletti facing Alessandro Lupi
  • Angelo Marinelli facing Andrea Chiesi
  • Maurizio Bottarelli facing Giacomo Costa
  • Tania Brassesco e Lazlo Passi Norberto facing Mary Bauermeister
  • Joanie Lemercier facing Mario Raciti
  • Francesca Pasquali facing Luca Bellandi
  • Matteo Basilè facing Lidia Bagnoli

Tutte le informazioni e calendario video-interviste su www.cubounipol.it

Orari di apertura
Lunedì 09:30 - 20:00
Martedì 09:30 - 23:30
Mercoledì 09:30 - 20:00
Giovedì 09:30 - 23:30
Venerdì 09:30 - 20:00
Sabato e domenica chiuso​

We Are. Here. Il paesaggio attorno

Cortile della Chiesa di San Cristoforo di Montemaggiore
Gianluca Rizzello | Installazione fotografica diffusa
Gianluca Rizzello | Installazione fotografica diffusa
Gianluca Rizzello_We Are Here.jpg

Ogni comunità si riconosce in una identità collettiva, formata dalla stratificazione condivisa di luoghi e fatti. Identità che, seppur sempre più labili e dinamiche, rappresentano il sentire comune in un dato tempo, in un dato luogo geografico. Esiste anche un inconscio paesaggistico, chiamato immaginario, che ogni notte nutriamo con quello che di giorno abbiamo visto. Di solito non siamo portati a compiere una decifrazione del paesaggio in cui viviamo, che diventa semplice panorama, rumore di fondo. Palesare il rumore ed ergerlo a paesaggio è l’obiettivo di questa ricerca fotografica che, attraverso un'analisi storica e geografica, individua cinque assi identitari: il torrente Lavino, i calanchi, la S.P. 26, la Resistenza Partigiana, l'abitato di Calderino.

Da questi punti privilegiati e su di essi Gianluca Rizzello - interessato a cogliere e rappresentare i mutamenti e le trasformazioni del paesaggio antropico e sociale e a indagare le dinamiche di partecipazione, reazione ed adattamento ad essi - concentra la sua ricerca, interrogando e mettendo in relazione luoghi e persone, creando un racconto del tessuto umano e paesaggistico. Ne nasce una installazione fotografica che attraversa il territorio, palesandosi in cinque tappe esposte in grandi bacheche a vetro, che rendono l'abitato un museo diffuso a cielo aperto, segnato su una mappa.
 

L'evento di inaugurazione, il 27 agosto alle ore 18.30, in un salotto ricreato nel cortile della Chiesa di San Cristoforo di Montemaggiore, tra calanchi e prati del Comune di Monte San Pietro, intreccerà il racconto del percorso fotografico con le storie delle persone ritratte, esprimendo nuovi paesaggi umani. 

 Ingresso libero

Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi

Palazzo Albergati
mostra
mostra
02_MONET 5164.jpg

Dal 29 agosto 2020 fino al 14 febbraio 2021. riparte l’attività espositiva a Palazzo Albergati di Bologna con i 57 capolavori di Monet e dei maggiori esponenti dell’Impressionismo francese, provenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi, noto nel mondo per essere la “casa dei grandi Impressionisti”. Un’anteprima assoluta dal momento che, per la prima volta dalla sua fondazione nel 1934, il Museo parigino cede in prestito un corpus di opere uniche, molte delle quali mai esposte altrove nel mondo.

Il Musée Marmottan Monet e Arthemisia hanno lavorato duramente per poter riprogrammare la mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi - la cui inaugurazione lo scorso 12 marzo non è stata possibile a causa della crisi sanitaria per il Coronavirus. Principalmente Monet, ma anche Manet, Renoir, Degas, Corot, Sisley, Caillebotte, Morisot, Boudin, Pissarro e Signac sono gli indiscussi protagonisti della mostra: un’occasione irripetibile per ripercorrere l’evoluzione del movimento pittorico più amato a livello globale. Un percorso espositivo che vede primeggiare - accanto a capolavori cardine dell’impressionismo francese come Ritratto di Madame Ducros (1858) di Degas, Ritratto di Julie Manet (1894) di Renoir e Ninfee (1916-1919 ca.) di Monet - opere inedite per il grande pubblico perché mai uscite dal Musée Marmottan Monet. È il caso di Ritratto di Berthe Morisot distesa (1873) di Édouard Manet, Il ponte dell’Europa, Stazione Saint-Lazare (1877) di Claude Monet e Fanciulla seduta con cappello bianco (1884) di Pierre Auguste Renoir.

La mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi vuole anche rendere omaggio a tutti quei collezionisti e benefattori – tra i quali molti discendenti e amici degli stessi artisti in mostra – che, a partire dal 1932, hanno contribuito ad arricchire la prestigiosa collezione del museo parigino rendendola una tra le più ricche e più importanti nella conservazione della memoria impressionista.

Con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Bologna, la mostra è prodotta e  organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con il Musée Marmottan Monet di Parigi e curata da Marianne Mathieu, Direttore scientifico del Museo. Il Comune di Bologna, in collaborazione con Bologna Welcome, partecipa attivamente alla promozione della mostra anche attraverso lo strumento della Card Cultura.


Per garantire l’accesso alla mostra nel rispetto di tutti gli standard di sicurezza, a partire da lunedì 6 luglio sono aperte le prevendite sul sito www.ticket.it

Tutte le informazioni disponibili su:

www.palazzoalbergati.com

www.arthemisia.it

www.ticket.it

oppure telefonando al numero +39 051 030141

Dal 29 agosto è possibile anche acquistare il biglietto in loco, ma è fortemente consigliata la prenotazione.

Info biglietti

Con Card Cultura ingresso a 8 € (invece che 16 €) audioguida inclusa
Acquistando il biglietto online, agli 8 € previsti si aggiungono 2 € di prevendita e 1,50 € per i diritti di agenzia.


Orario:
aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00
(chiusura biglietteria ore 19.00)
Possono entrare 25 persone ogni 20 minuti, per un massimo di 75 visitatori all’ora, con obbligo di indossare la mascherina.

Foto: Claude Monet (1840-1926) - Nymphéas, vers 1916-1919, Huile sur toile, 150x197 cm Paris, musée Marmottan Monet, legs Michel Monet, 1966 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Ballare insieme ma senza contatto

Centro Frassinetti
luglio – settembre 2020
luglio – settembre 2020
frassinetti.jpg

“Ballare insieme ma senza contatto” sarà il tema degli incontri di questo periodo. Certi dell'enorme valore del Ballo come attività che unisce il benessere psicofisico all'aspetto sociale e comunitario, e sicuri che la mancanza di contatto costituisca una risorsa per lo studio e il miglioramento di noi stessi e del nostro Ballo.

Le lezioni si svolgeranno seguendo e rispettando tutti i protocolli anti Covid-19 (ambiente sanificato – distanziamento sociale di 2mt – etc ) e sono a numero chiuso per un massimo di 8 persone, quindi è necessaria la prenotazione tramite mail a elletango13@gmail.com o messaggio whatsApp al 3920455033 

Programma:

LABORATORI di TANGO con Eloy Octavio Souto & Luciana Semprini
ogni lunedì ore 19,30/21 prima lezione (livello unico) ore 21,30/23 seconda lezione (livello unico).
Si lavorerà in coppia ma senza il contatto fisico, a distanza; si tratta di lezioni in cui si lavorerà sul come: - articolare una proposta di movimento finalizzata a produrre, attraverso una elaborazione coerente, una risposta puntuale, senza utilizzare il contatto fisico. Un lavoro molto profondo che contribuisca ad approfondire consapevolezza di cosa, come, e soprattutto di dove siamo nel ballo, nel nostro ballo. - analizzare e sperimentare questa modalità di “marca” studiando i vari passi del tango, le strutture di movimento e le transizioni da un passo e l'altro, e vedere come questo lavoro ci renderà più sicuri attenti e "attraenti". 

TANGO TRAINING PROGRAM:
 Lezioni di “BODY WORK”ogni martedì dalle ore 20 alle 21 e giovedì dalle 21,30 alle 22,30: lavoro individuale; si tratta di un training utilissimo per chi fa tango e anche per chi non balla: unisce esercizi di pilates/ stretching e sbarra terra, serve per l’impostazione per l’allineamento e per il potenziamento muscolare, e per migliorare la mobilità dei vari segmenti corporei. I benefici saranno molto validi per migliorare il nostro ballo o la nostra vita quotidiana. 
Lezioni di TECNICA di TANGO ogni martedì dalle 21,30 alle 22,30 e giovedì dalle 20 alle 21: lavoro individuale; ogni lezione si articola in 2 parti, nella prima parte lavoreremo su elementi generali come postura, equilibrio, asse, peso; nella seconda parte ci dedicheremo allo studio di elementi specifici del Tango come: camminata, pivot, ochos, giro, boleos, etc. 
Lezioni di “SBARRA a TERRA” (con musica di Tango)ogni venerdì dalle 19 alle 20:  lavoro individuale; si tratta di un lavoro indicato per migliorare la postura e tonificare la muscolatura di tutto il corpo, e' una tecnica di allineamento e correzione posturale. La Sbarra a Terra è in grado di migliorare le abilità tecniche, aumentare la flessibilità, rinforzare i muscoli corretti, prevenire e riabilitare da eventuale infortuni. Ogni lezione si svolge per i 2/3 proni, supini o sul fianco 
Lezioni di “FOOT WORK” lavoro sui piedi: ogni venerdì dalle 20,30 alle 21,30 - lavoro individuale; i piedi sono strumenti fondamentali per potere ballare, sia da un punto di vista funzionale che estetico, ma spesso vengono trascurati e non gli si dà l'attenzione che meritano. Durante questa lezione ce ne prenderemo cura e faremo tutta una serie di esercizi che ci aiuteranno a prenderne consapevolezza, che aumenteranno la loro flessibilità e duttilità, che svilupperanno la loro forza e vedremo come tutto questo migliorerà la nostra postura, il nostro equilibrio, la nostra propulsione nei passi e tutto il nostro ballo.

Le lezioni sono tenute da Luciana Semprini. Ogni lezione ha la durata di 1 ora e tutte le lezioni sono rivolte ad un pubblico maschile e femminile.

Jewish Journeys - Itinerari ebraici

MEB - Museo Ebraico di Bologna
mostra
mostra
IMG_0572_detail.jpg

In occasione della XXI edizione della Giornata Europea del Cultura Ebraica, domenica 6 settembre 2020 il Museo Ebraico di Bologna presenta al pubblico la mostra Jewish Journeys - Itinerari ebraici, curata dalla Associazione Europea per la preservazione e la promozione della cultura | AEPJ, dalla Biblioteca Nazionale di Israele e per la versione italiana dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane | UCEI. Sei sintetici capitoli nei quali il tema degli itinerari ebraici si declina in vari modi: viaggi ispiratori, viaggi per i commerci, pellegrinaggi, ma anche viaggi di fuga, esilio e diaspora.

Viaggiare da un luogo a un altro – fisicamente, spiritualmente o emotivamente – predispone le persone a un percorso di transizione. L’odissea degli ebrei non inizia con un passo fisico ma con un concetto: non esiste che un unico Spirito infinito. Intorno al 1730 a.C. questo Essere Divino disse ad Abramo (che già si era allontanato da Ur dei Caldei, sua terra natia) di andare “nella terra che Io ti mostrerò.” Quella terra era Canaan. Abramo divenne Avraham. Gli ebrei, i cristiani e i musulmani sono tutti “figli di Avraham”. La terra di Canaan promessa ad Avraham sarebbe diventata Israele. Durante un altro viaggio, il nipote di Avraham, Giacobbe, fu rinominato “Israel”. Durante un periodo di carestia, Giacobbe andò in Egitto. I suoi discendenti furono ridotti in schiavitù. Nel XIII secolo A.E.V. Mosè guidò il loro Esodo nuovamente verso la Terra Promessa. Sul monte Sinai, Dio diede loro la Torah con i suoi 10 Comandamenti, i rituali e le leggi; lo Shabbat sarebbe diventato il giorno dedicato al riposo. La festività di Pesach avrebbe avuto lo scopo di commemorare l’uscita dall’Egitto. Un percorso di vita avrebbe indirizzato verso la carità, intesa come “giustizia”, l’ospitalità e il rispetto per gli stranieri. L’arrivo li mise di fronte ad una sfida. Un popolo diviso in tribù avrebbe potuto unificarsi culturalmente e politicamente? Sarebbero riusciti a sostenere l’idea di una divinità unica in un mondo politeista come quello del Medio Oriente di allora? A causa di circostanze non determinate dalla loro volontà, si ritrovarono sulla strada dell’esilio, del ritorno e di nuovo della dispersione. Poi, 2000 anni dopo, verso un ulteriore straordinario ritorno a casa. Lungo il percorso, ogni qualvolta sia stato possibile, hanno trasformato un esilio disperato in una fiorente diaspora. Hanno rafforzato i 10 Comandamenti del monte Sinai. Il loro pellegrinaggio ricordava quello che era stato perso ma riaffermava anche le loro aspirazioni. Furono scritte preghiere al contempo poetiche e concrete. Ci furono spaventose fughe ma anche sollievo nel trovare porti sicuri. L’odissea ebraica ha creato continue aperture che ha permesso di ridefinire chi essere, cosa imparare e condividere e dove dirigersi.
La presenza ebraica a Bologna in epoca medievale e moderna è documentata per poco meno di duecentocinquant’anni, quelli che intercorrono dalla prima attestazione storica rilevabile dalle fonti documentarie (1353), fino alla definitiva cacciata avvenuta nel 1593. Successivamente, gli ebrei sono ritornati in città con l’emancipazione napoleonica (1796), poi definitivamente con l’Unità d’Italia (1860).
Tutto sommato, rispetto ad altre città italiane e del territorio emiliano-romagnolo, gli ebrei sono rimasti a Bologna per poco tempo. Un tempo sufficiente, tuttavia, per lasciare tracce indelebili della loro presenza, della loro storia, ma soprattutto della loro apporto fondamentale nella vita culturale, civile e sociale, ampiamente documentato da materiali librari e documentari, conservati nelle principali istituzioni cittadine. Queste testimonianze sono ancora ben visibili in Bologna: la casa quattrocentesca dell’illustre intellettuale Ovadyah Sforno in piazza Santo Stefano, il palazzo cinquecentesco dell’umanista Achille Bocchi in via Goito con la monumentale scritta ebraica incisa nello zoccolo, l’edificio in via S. Vitale un tempo sede di una grande sinagoga, l’antico quartiere medievale sotto le Due Torri scelto come area del ghetto, dove gli ebrei furono segregati per periodi alterni dal 1555 fino alla loro cacciata definitiva avvenuta nel 1593, il Museo Civico Medievale con le cinquecentesche lapidi ebraiche provenienti dall’antico cimitero posto nell’area adiacente alla chiesa del Baraccano, la sinagoga novecentesca di via de’ Gombruti e il Cimitero Ebraico nei pressi della Certosa, costituiscono l’itinerario dei luoghi ebraici di Bologna, che si integra ai percorsi storici presenti nel Museo Ebraico di Bologna. Museo nel Museo, ovverosia un percorso intramuros che si integra con quello extramuros.


dal 6 settembre al 18 ottobre 2020

Info orari e biglietti

Un giro in città: Bologna ebraica

MEB - Museo Ebraico di Bologna
mostra
mostra
IMG_0573.jpg

In occasione della XXI edizione della Giornata Europea del Cultura Ebraica, domenica 6 settembre 2020, il Museo Ebraico di Bologna presenta al pubblico la mostra Un giro in città: Bologna ebraica, curata da Vincenza Maugeri e Caterina Quareni.
Suggestivi scatti, antiche vedute, immaginari artistici sono lo spunto per un percorso attraverso luoghi che raccontano ancora oggi la storia degli ebrei a Bologna iniziata più di sette secoli fa e che fanno della Bologna ebraica uno degli itinerari di maggior interesse turistico e culturale della città.
Il primo documento che attesta la presenza degli ebrei a Bologna risale al 1353. Da allora la loro presenza in città rimane abbastanza costante e florida fino alla definitiva cacciata, avvenuta nel 1593. Eccettuati brevi e sporadici ritorni di individui o piccoli gruppi, gli ebrei ricominciano a far parte della società bolognese solo dopo l’emancipazione napoleonica, nel 1796. Nel corso della loro permanenza, sia in età medievale e moderna, sia in età contemporanea, danno significativi apporti alla vita culturale ed economica della città, di cui restano le testimonianze in libri e documenti conservati negli archivi e nelle biblioteche di Bologna e tracce ancora visibili in città: la casa quattrocentesca dell’intellettuale Ovadyah Sforno in piazza Santo Stefano, il palazzo cinquecentesco dell’umanista Achille Bocchi in via Goito, con la monumentale iscrizione ebraica e latina incisa nello zoccolo, l’edificio di via San Vitale un tempo sede di una grande sinagoga, l’ex ghetto ebraico nei pressi delle Due Torri, le lapidi medievali provenienti dall’antico cimitero ebraico di via Orfeo conservate presso il Museo Civico Medievale, il cimitero ebraico ottocentesco ancor oggi in uso adiacente al complesso della Certosa, la Sinagoga di via de’ Gombruti, costruita negli anni ’30 su progetto di Attilio Muggia e attualmente arricchita di un secondo tempio sottostante. A questi monumenti storici si aggiunge il Memoriale della Shoah, realizzato nel 2017 presso la nuova stazione dell’alta velocità.

Nel percorso di mostra, oltre alle foto di Franco Bonilauri, Michele Levis e Roberto Macrì, anche le suggestive vedute dell’antico ghetto di Guido Neri, e due importanti opere, un disegno di Emanuele Luzzati del 2005 e uno di Marina Falco Foa del 2014, che interpretano il ghetto di Bologna, donate dagli artisti al MEB.

La mostra si completa inoltre con la proiezione di Un viaggio, tante storie, il video collettivo realizzato dai Musei ebraici italiani, in occasione della XXI Giornata Europea della Cultura Ebraica. Da Venezia a Lecce, attraverso Padova, Casale Monferrato, Soragna, Ferrara, Pisa, Firenze, Siena, Roma, un incalzante e avvincente percorso a tappe lungo la nostra penisola tra luoghi ebraici straordinari e ricchi di testimonianze, con storie interessantissime, talvolta inedite e sorprendenti, fatte di persone e di tradizioni comunitarie, intrecciate all’arte, alla letteratura, alla musica, alle raffinatezze culinarie. Nel video è ovviamente inclusa anche la parte relativa al MEB, che propone “L’ombilico più precioso della città”, ovvero un breve viaggio nella Bologna ebraica.


dal 6 settembre al 18 ottobre 2020

Info orari e biglietti

Project Room Neutral

mtn | museo temporaneo navile
mostra
mostra
PROJECT-ROOM_NEUTRAL_VISUAL.jpg

PROJECT ROOM NEUTRAL

Artisti: Emanuela Ascari, Riccardo Bellelli, Luca Bolognese, Emilia Bosetti, Dariotti, Giuseppe Di Martino, Alcide Fontanesi, Silla Guerrini, Valentina Medda, Stefano W. Pasquini, Chiara Pergola, Prom.run, Ivano Ruscelli, Marcello Spada, Golzar Sanganian.

L’attività di mtn | museo temporaneo navile riprende con la mostra Project Room Neutral: occasione per riflettere sulla natura stessa di Museo d’Arte in rapporto alla società. Insieme ad altre istituzioni, anche i musei oggi sono chiamati a uscire da una posizione di ambiguità rispetto al proprio ruolo e alle proprie finalità. Il risultato di questa riflessione determina la coerenza e l’efficacia della propria azione e proposta in un’ottica culturale, giuridica ed economica. Dunque si arriva a dover rispondere a una domanda capitale: quali sono oggi la funzione e il ruolo di un Museo d’Arte? Si tratta di determinare, paternalisticamente, ciò che merita di essere portato incontro al pubblico, individuando quale impostazione culturale sostenere? Come potenziare la responsabilità di creare un’atmosfera nella quale immergere il proprio tempo? Quale valore, non artificialmente determinato, bensì effettivo, ha l’arte? Questi sono solo alcuni aspetti che richiedono almeno una serie di riflessioni.

Project Room Neutral presenta il lavoro di quindici artisti di generazioni molto diverse, con impostazioni di pensiero ed estetiche importanti, in alcuni casi addirittura in aperto contrasto se valutate secondo un parametro critico tradizionale. La pluralità, e ciò che questa presuppone, è l’ambito che questa mostra vuole approfondire, per incominciare a elaborare alcune delle domande sopra enunciate. Per mtn un ente culturale dovrebbe essere uno spazio quanto più possibile ideologicamente neutro, un supporto imparziale sul quale proiettare liberamente la multiformità dell’esperienza umana. Il Museo diventa un organismo sfaccettato, aereo, disponibile ad abbandonare con disinvoltura il già pensato ed elaborato verso una dimensione non ancora codificata, sia in ambito culturale che più estesamente sociale.
Come ogni project room le opere in mostra, finito il periodo di esposizione al museo, saranno disponibili per il prestito gratuito ai cittadini di Bologna.
La mostra è accompagnata da un saggio critico di Ornella D’Agnano.


Orari: martedì, giovedì, sabato dalle 15 alle 19 solo su appuntamento.
La mostra è sempre visibile dall’esterno del museo.

info@museotemporaneonavile.org
 

Elephantides live + RBT SoundSystem

Spazio Dumbo / Baia
DumBO Summertime 2020
DumBO Summertime 2020
elephantides_detail.jpg

Gli Elephantides sono un duo di musica acustico-elettronica con un album in uscita ad inizio 2019. Ciò che caratterizza la loro scelta stilistica sono i continui cambi metrici, che sfasano la percezione ritmico/sonora, effetto tipico del jazz contemporaneo e della musica classica, che rimane inesplorato nell'elettronica. Serata a cura di roBOt Festival.

A seguire dj-set dei resident RBT Soundsystem.


Apertura cancelli h. 19.00

Live h. 21.30


COME PARTECIPARE

Per accedere all'area di DumBO è obbligatorio registrarsi gratuitamente attraverso il link https://bit.ly/DumboSummertime2020 selezionando la data esatta in cui si vuole partecipare alla rassegna.

Capienza massima limitata, si prega di registrarsi solo in caso di effettiva partecipazione.


dumbospace.it

facebook.com/dumbo.space

Il quartiere che vorrei

Zona Pescarola | Quartiere Navile
28 agosto, 4, 5, 11, 13, 18, 25 settembre 2020
28 agosto, 4, 5, 11, 13, 18, 25 settembre 2020
immagine il quartiere che vorrei-1.jpg

Attività ludiche, sportive e ricreative per grandi e piccini tra il Centro Sportivo Pizzoli e il comparto di case popolari Agucchi/Zanardi.

Il progetto prevede attività per pre-adolescenti e adolescenti che vivono in Pescarola e le loro famiglie.

Dall’ultima settimana di AGOSTO, per sei incontri, si organizzeranno momenti di socialità, attività ludiche ed educative, destinate a ragazzi/e dai 10 ai 15 anni, differenziate e individualizzate in base agli interessi e alle necessità di ognuno/a (laboratori sportivi, danza e boxe, laboratori di cucina, laboratori di cucito e serigrafia).

Per le famiglie ci sarà un momento di socialità, che prevede sia una parte ludica/ricreativa, sia un’esibizione di danza.


» Attenzione! Il calendario degli incontri è cambiato!

Sono annullati i seguenti eventi:
- 28 agosto
- 5 e 13 settembre


Di seguito le nuove date delle attività!
- Martedì 1 settembre, dalle ore 18: Incontro/merenda con le famiglie del quartiere e presentazione dei laboratori per ragazzi e ragazze
- Venerdì 4 - 11 - 18 e 25 settembre, dalle ore 15 alle ore 18: laboratori per ragazzi e ragazze, dai 10 ai 15 anni
- Domenica 6 settembre, dalle ore 16.30: pulizia condivisa del centro sportivo Pizzoli
- Sabato 19 settembre, dalle 15 alle 20: Terzo Tempo e presentazione del libro sul rugby sociale "L'ovale storto. Ritratto poetico del rugby inclusivo"
 

Partner di progetto: Circolo Arci Bocciofila Bolognese Centrale, APD di Promozione Sociale Hic sunt Leones, ASD- APS PROGETTO DANZA D.E.F.

Per prenotazioni: Antonella: 3496790250

Il colore delle favole

Parco 11 settembre 2001
nell’ambito di CinePorto Boff rassegna a cura dell’Associazione Farm
nell’ambito di CinePorto Boff rassegna a cura dell’Associazione Farm
Il Colore delle Favole.png

Ciclo di incontri rivolto ai bambini e alle bambine per raccontare favole da tutto il mondo,  che trattano tematiche legate alla comprensione dell’alterità in un’ottica multiculturale. 

Imparare a conoscere popoli solo apparentemente lontani, ma che condividono lo spazio geografico e metropolitano significa attivare meccanismi di cittadinanza attiva e di comunità partecipata, processi fondamentali nell’educazione delle nuove generazioni. Rintracciare attraverso l'archetipo universale della fiaba, percorsi comuni e suggestivi alla crescita dei bambini e delle bambine di tutte le latitudini conferma che “all'origine del mondo c'è un racconto” (cit.  Joyce Lussu). L'iniziativa vuole fornire ai più piccoli/e stimoli di approccio all’idea dell’alterità, un percorso virtuoso di elaborazione delle differenze.  Questo ciclo di incontri proseguirà poi in autunno/inverno in varie biblioteche, parchi e centri infanzia di Bologna e provincia.

Laboratori, letture teatralizzate e musicate, spettacoli di burattini e muppets sono le iniziative proposte ad accesso gratuito nel mese di settembre in uno dei giardini di Bologna più frequentati dalle famiglie. 


Dalle ore 18:00 al Parco 11 settembre 2001 di Bologna:
 

  • venerdì 11 settembre La bambina invisibile. Abbattiamo muri, costruiamo ponti a cura di Manuela Ara
    Lettura animata liberamente tratta dall’omonimo libro di Marisa Porciello. Racconto-gioco su differenze e integrazione. Età indicata: 4 / 11 anni
  • martedì 15 settembre 1, 2, 3 L’amicizia che cos’è?  a cura di Ambaradan Teatro ragazzi
    Spettacolo in cui il teatro di figura si  intreccia a quello attoriale, per affrontare i delicati temi dell’amicizia e dell’alterità.  Età indicata: 3 / 10 anni
  • venerdì 18 settembre Giro tondo in tutto il mondo a cura di Manuela Ara 
    Letture animate per imparare a stare insieme, nel rispetto delle differenze, attraverso i testi di Gianni Rodari. Età indicata: 4 / 11 anni
  • martedì 22 settembre Lutka a cura di Teatrino di Carta 
    Spettacolo di burattini, liberamente tratto dal testo Il proprietario del burattinaio argentino Roberto Espina. Lutka, che nelle lingue slave significa burattino, tratta il tema del potere che taluni individui esercitano sugli altri. Età indicata: 5 / 11 anni 
  • venerdì 25 settembre Grande Favola Tour a cura di Elena Musti 
    Letture animate per un viaggio attorno alle fiabe del mondo, alla scoperta della sue ricchezze, tradizioni e culture: dalle melanconiche lande del Nord Europa al variopinto mondo degli Indiani d’America; dall’oriente con le sue tradizioni millenarie ai caldi paesaggi ed animali africani. Età indicata: 4 / 9 anni

Tutte le attività sono ad accesso gratuito. Si consiglia la prenotazione.
Inviare messaggio (no vocali e telefonate):
WhatsApp / Telegram / mobile phone: +39.333.2206226   e-mail: dry-art@dry-art.com

In caso di pioggia gli eventi verranno realizzati al coperto presso Cohousing Porto 15 in via del Porto 15

Dammi il tiro - Piazza libera

Circolo La Fattoria
giugno – settembre 2020
giugno – settembre 2020
Locandina.png

Sono tornati gli Aperitivi Bestiali della Fattoria: relax, musica, cibo… la tua scampagnata in città.
Durante le serate sarà possibile mangiare e bere allo stand esterno e cenare presso il ristorante Porta Pazienza.
È vivamente consigliata la prenotazione sia per l'aperitivo che per cenare al ristorante telefonando o lasciando un messaggio in segreteria al numero 051 412 8885 con le seguenti informazioni: Nome e cognome - Numero di telefono - Numero dei posti da prenotare SPECIFICANDO se si è interessati all'aperitivo e/o per il ristorante.
 

Programma:
 

Martedì 25 Agosto – cinema a pedali
I CENTO PASSI

Regia di Marco Tullio Giordana (2000).
Con Luigi Lo Cascio, Luigi Maria Burruano, Lucia Sardo, Paolo Briguglia, Tony Sperandeo
 

Mercoledì 26 Agosto – cinema a pedali
COME UN GATTO IN TANGENZIALE

Regia di Riccardo Milani (2018)
Con Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco, Luca Angeletti, Antonio Ausilio
 

Giovedì 27 Agosto – cinema a pedali
L'UOMO CHE COMPRÒ LA LUNA

Regia di Paolo Zucca (2018)
Con Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannolino, Benito Urgu, Lazar Ristovski
 

Venerdì 28 Agosto – cinema a pedali
VELOCE COME IL VENTO

Regia di Matteo Rovere (2016)
Con Stefano Accorsi, Matilda De Angelis, Roberta Mattei, Paolo Graziosi, Lorenzo Gioielli
 

Sabato 29 Agosto – cinema a pedali
BANGLA

Regia di Phaim Bhuiyan (2019)
Con Carlotta Antonelli, Phaim Bhuiyan, Alessia Giuliani, Milena Mancini, Simone Liberati, Pietro Sermonti.
 

Mercoledì 2 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
“Bellemilia e altre storie di comune resistenza” conLuca Taddia e Fabio Cremonini.
 

Giovedì 3 Settembre h 21
"Bella Prof! Si RIcomincia!"
Lorenzo Baglioni in concerto insieme a Cefa- Il seme della solidarietà- Onlus
 

Venerdì 4 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
SOUVENIR con Simone Marcandalli, Federico Magazzeni e Hikarù Hashimoto
 

Martedì 8 Settembre h 21
“Un approccio comunicativo etico, ecologico ed inclusivo a difesa delle biodiversità
linguistica: l'intercomprensione fra lingue sorelle” con il socio di Camilla, Hughes Sheeren.
Organizzato da EMPORIO CAMILLA
 

Mercoledì 9 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
ROCK'N PUMMAROLL one man band
 

Venerdì 11 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
MR NO MONEY BAND
 

Mercoledì 16 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
TAQUIM con Alessia Di Eugenio: voce e percussioni;
Francesco Battaglia: chitarra, percussioni e voce;
Carla Marulo: percussioni e voce;
Emiliano Alessandrini: percussioni e voce;
Daniele Cangini: clarinetto
 

Venerdì 18 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
DJ FUNKY fa parte del collettivo bolognese RoBeMiSte, con cui da anni organizza serate
danzanti in club, parchi e balere, perché il miglior rimedio contro la paura è ballare e sudare
insieme! Bhangra, chaabi, cumbia, global bass, raï, hip-hop, afrobeats, trap, kuduro, samba,
reggaeton & taranta per creare relazioni e cortocircuiti.
 

Venerdì 25 Settembre h 18
APERITIVO BESTIALE: relax e musica per la tua scampagnata in città!
DUO ABDO-PISTIS con Ashti Abdo, voce, Saz e percussioni; e Simone Pistis, chitarra e
organetto. Un viaggio musicale attraverso il mediterraneo, storie, incontri, colori e suoni

Ho camminato nel mondo con l’anima aperta

Centro delle Donne di Bologna
Presentazione del libro | Some Prefer Cake
Presentazione del libro | Some Prefer Cake
Nella-Nobili_presentazione-libro.png

Associazione Orlando, in collaborazione con Some Prefer Cake, presentano Ho camminato nel mondo con l’anima aperta di Nella Nobili (Solferino, 2018), curato da Maria Grazia Calandrone.

Nella Nobili, poeta bolognese scomparsa nel 1985, grazie all’attento e provvidenziale lavoro di Maria Grazia Calandrone sta ricevendo ora un meritato riconoscimento.

Ne parleranno insieme a Monica PietrangeliSamanta Picciaiola.  Letture di Klaus Miser.

Nata in una famiglia povera, lettrice appassionata fin da bambina ma costretta a lasciare gli studi per lavorare come operaia e contribuire così al sostentamento della famiglia, Nella Nobili percorre con determinazione per tutta la vita la strada della scrittura, elaborando una poesia di pura immediatezza e che parla al cuore, intensa e vivida. La timida ragazza della fabbrica fa scelte coraggiose: vive i suoi amori lesbici in un’epoca che li rifiuta; lascia Roma e l’Italia proprio quando gli ambienti intellettuali cominciano ad accorgersi di lei, per il rifiuto di quell’etichetta di «poetessa operaia» che le hanno sbrigativamente cucito addosso. Finalmente le sue poesie più belle tornano alla luce grazie alla scelta appassionata di una poeta di oggi, Maria Grazia Calandrone. Che in quei versi sofferti ha visto la cifra distintiva della più incisiva parola poetica.

L’evento è in presenza, su prenotazione e in diretta Facebook, dalla pagina di Some Prefer Cake.

Per prenotare dovete registrarvi sulla piattaforma Eventribe

Nel rispetto dell’odierna normativa per il contenimento del Covid-19 si richiede di partecipare agli eventi muniti di mascherina, mantenere la distanza minima di sicurezza di 1 metro dalle altre partecipanti, igienizzarsi le mani durante l’accesso all’attività”

Flush. Altri punti di avvistamento sul reale.

En Plein Air | Orchestra Senzaspine

Giardini dei Quartieri San Donato-San Vitale e Navile
7, 14, 21, 28 luglio e 25 settembre 2020
7, 14, 21, 28 luglio e 25 settembre 2020
800x571_site_en_plein_air.png

Si chiama En Plein Air la rassegna dedicata al dialogo tra i musicisti e la città, che conta cinque appuntamenti, ogni martedì dal 7 luglio al 4 agosto (sostituito dal 25 settembre alle 18) alle ore 19, e che vedrà gli artisti dell'Orchestra Senzaspine — in molteplici formazioni — a riscoprire i giardini del Quartiere San Donato - San Vitale e del Quartiere Navile, con una proposta gratuita aperta alla cittadinanza. 

L'obiettivo è continuare il percorso intrapreso con la rassegna Classica da Mercato, che dal 2017 vede l'Orchestra Senzaspine nella sua casa, il Mercato Sonato, ad attualizzare e a trasformare il grande repertorio lirico e sinfonico in un elemento che entri a far parte della quotidianità delle persone.

I concerti della rassegna En Plein Air sono a ingresso libero e accessibili al pubblico nel rispetto delle misure di sicurezza previste dalle disposizioni di legge. Il pubblico dovrà presentarsi munito di mascherina e saranno messi a disposizione gel disinfettanti; al fine di garantire il necessario distanziamento interpersonale, i luoghi dei concerti sono capienza ridotta.

In caso di maltempo i concerti saranno rimandati a data da destinarsi.


Martedì 7 luglio, ore 19 | Vivaldi VS Piazzolla
Giardino Parker Lennon (via del Lavoro)

Pietro Fabris violino
Tommaso Ussardi direttore
Orchestra Senzaspine
Un viaggio musicale dove le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi sono abbinate a Las Cuatro Estaciones Portenas di Astor Piazzolla ed eseguite dall'Orchestra d'archi Senzaspine diretta da Tommaso Ussardi. Solista il violinista Pietro Fabris.


Martedì 14 luglio, ore 19 | Mahlerinetti
Area pedonale via Dossetti

Quartetto di clarinetti
Martina di Falco, Mariella Francia, Annalisa Meloni, Nicolas Palombarini
Protagonisti i Mahlerinetti, quartetto di clarinetti formato da Martina di Falco, Mariella Francia, Annalisa Meloni e Nicolas Palombarini, che giocheranno sul virtuosismo e sulla leggerezza musicale coinvolgendo il pubblico con pagine di compositori quali Leonard Bernstein, Eugène Bozza, Nikolay Rimsky-Korsakov, Antonín Dvořák, Ferenc Farkas, Maurice Ravel, Percy Grainger e Pablo de Sarasate.


Martedì 21 luglio, ore 19 | Novensemble
Giardino Madri Costituenti (tra via Tommaso Martelli e via Giuseppe Rivani)

Daniele Negrini violino
Jacopo Paglia violoncello
Federico Lolli batteria e percussioni
Matteo Rubini pianoforte
E’ la volta del Novensemble, ensemble da camera nato in seno all'Orchestra Senzaspine, che proporrà una commistione di generi, che vanno dalla musica classica a quella popolare, dal pop al rock e fino alle colonne sonore di grandi maestri come Nino Rota ed Ennio Morricone.


Martedì 28 luglio, ore 19 | BMC Trio
Cortile del Casalone (via San Donato)

Niccolò Musmeci violino
Başak Canseli Çifci violoncello
Pietro Beltrani pianoforte
Nel cortile del Casalone si esibirà il BMC Trio, neo formazione composta da Niccolò Musmeci al violino, Başak Canseli Çifci al violoncello e Pietro Beltrani al pianoforte, che propongono una serata dedicata all'universo musicale del tango da Astor Piazzolla a José Bragato.


Martedì 4 agosto, ore 19 | Quartetto Outis
CONCERTO ANNULLATO CAUSA MALTEMPO

Il concerto verrà recuperato a data da destinarsi
Piazzale Rosa dei Venti  (via della Cooperazione)
Niccolò Musmeci violino
Davide Greco violino
Clara Sette violoncello
Salvatore la Mantia contrabbasso
La rassegna chiude con alcune delle Sonate a quattro di Rossini eseguite dal Quartetto Outis, nato con l'intento di valorizzare il repertorio cameristico italiano.


Venerdì 25 settembre, ore 18 | Novensemble Orchestra - RECUPERO CONCERTO del 4 agosto
Piazzale Rosa dei Venti (Via Paolo Frisi 7, Bologna)

Daniele Negrini violino
Jacopo Paglia violoncello
Federico Lolli batteria e percussioni
Matteo Rubini pianoforte
Novensemble, ensemble da camera nato in seno all'Orchestra Senzaspine, che proporrà una commistione di generi, che vanno dalla musica classica a quella popolare, dal pop al rock.

Novensemble Orchestra

Piazzale Rosa dei Venti
Novensemble.jpg

NOVENSEMBLE

Daniele Negrini violino
Jacopo Paglia violoncello
Federico Lolli batteria e percussioni
Matteo Rubini pianoforte

Novensemble, ensemble da camera nato in seno all'Orchestra Senzaspine, proporrà una commistione di generi, che vanno dalla musica classica a quella popolare, dal pop al rock e fino alle colonne sonore di grandi maestri come Nino Rota ed Ennio Morricone.
 


Venerdì 25 settembre verrà recuperata l'ultima data della rassegna estiva En Plein Air con il Novensemble, ensemble da camera nato in seno all'Orchestra Senzaspine, che proporrà una commistione di generi, che vanno dalla musica classica a quella popolare, dal pop al rock.
 


 

Beatbox, workshop per ragazz* con AlienDee

Frida nel Parco
(Around) Frida nel Parco
(Around) Frida nel Parco
25-settembre Beatbox workshop con AlienDee.jpg

Lo Human beatbox è l’arte di riprodurre la musica, sia nelle sue articolazioni ritmiche che nella riproduzione dei differenti timbri strumentali, unicamente attraverso l’apparato vocale.
AlienDee, è un beatoboxer di fama internazionale ed è inventore di nuove tecniche ritmiche e di modulazioni vocali innovative. Catanese di origini, vive a Roma da diversi anni, ed è attualmente impegnato nella registrazione del suo primo disco da solista, realizzato esclusivamente attraverso una vasta gamma di tecniche vocali che riproducono i timbri e le sonorità di diversi strumenti.


Programma:
Questo stage/workshop/seminario è concepito come un percorso di approfondimento, storico e tecnico, sull’utilizzo dello strumento “voce”, a partire dalle esperienze ed esigenze di un artista vocale non convenzionale che si è misurato con differenti generi e linguaggi musicali.
Mettendo a confronto i diversi modi di concepire l’espressione vocale e le relative tecniche, attraverso il dialogo con i partecipanti, l’ascolto delle loro sensazioni ed esperienze, e la loro percezione della musica e del canto, si vuole offrire la possibilità di conoscere da vicino questa arte raffinata e complessa, e di smontarla e rimontarla approfondendone la dimensione storica, artistica, estetica e culturale. In altre parole come sfruttare l’enorme potenziale della voce umana attraverso la “vocal instrumentation” seguendo una serie progressiva di tappe fondamentali:

- Lineamenti storici del Beatbox
- Come iniziare, quali difficoltà e loro risoluzione
- Sillabare la voce: il primo passo della ritmica
- Scomposizioni ritmiche
- Applicazioni ritmiche
- Conoscere la natura degli strumenti musicali e loro paragone con il corpo umano
- Modulazioni sonore vocali
- Polifonia
- Come sfruttare il respiro per emettere suoni
- Tecniche di respirazione nel Beatbox
- Evoluzione della musica e sua interazione con il Beatbox
- Sviluppo delle capacità di improvvisazione/interazione con altri musicisti e con il pubblico - Microfonia e nozioni tecniche di registrazione in studio e di fonia nelle performance live.


ore 18.00

Il seminario è gratuito e si terrà con un minimo di cinque ragazzi. Info e iscrizioni: fridanelparco@gmail.com


www.facebook.com/Frida-nel-Parco

He

Spazio Eco
performance
performance
25-settembre-martina-nova-he_orig.jpg

Concept e interpretazione: Martina Nova
Suoni: Roberto Vigliotti
Produzione: La Fucina del Circo
 

Un’immagine in movimento alta 7 metri, di un corpo piantato a terra con la testa fra le nuvole. L’aria guida la performance in un’atmosfera di leggerezza, tensione, sospensione e silenzio. La terra crea stimoli per una costante ricerca di equilibrio, il corpo è più leggero e sostenuto al suo centro. La tecnica usata da Martina Nova, artista e acrobata aerea, è la forza capillare che le permette di muoversi guidata dal vento, di rilasciare tutte le emozioni e abbandonarsi ad un’altra dimensione. In questa performance site-specific, l’interazione tra aria, terra, stimoli esterni e il corpo dell’artista ogni volta crea un nuovo viaggio. Ogni volta una nuova scoperta.
 

Artista pluridisciplinare, Martina Nova vive e lavora a Torino. Inizia i suoi studi di circo nel 2002 a Buenos Aires dove intraprende una formazione da acrobata di circo presso la Escuela de Circo Criollo, specializzandosi in acrobatica aerea. Dopo molti anni di lavoro performativo con la compagnia Duoacrobat, si dirige verso la performing art mescolando, grazie agli studi sul movimento con Doriana Crema, la sua esperienza di aerealista e il suo universo immaginativo con altri linguaggi, come il teatro fisico e la danza. Oggi dirige La Fucina del Circo, uno spazio di insegnamento oltre che di creazione e produzione spettacoli. 
 

Prenotazione obbligatoria a info@perasperafestival.org o via WhatsApp al 349 5824266


 

LETitBElogy - Beatles in jazz

Centro Pertini - Zola Predosa
Zola Jazz&Wine
Zola Jazz&Wine
letitbeology.jpg

Si conferma la storica collaborazione con il Centro Socio-culturale Sandro Pertini, che, con propria direzione artistica, propone per il cartellone della rassegna un omaggio alla band più famosa della storia del pop. I LETitBElogy - Beatles in jazz si esibiranno in alcune tra le composizioni più belle dei "quattro ragazzi di Liverpool", riviste attraverso il caleidoscopio del jazz, con incursioni nel bebop. Il concerto sarà preceduto da un gustoso aperitivo.


Ore 19.00 Degustazione di vini e prodotti tipici del territorio
 

Ore 20.30 Concerto LETitBElogy - Beatles in jazz

Daniele Fabbri (sax ed elettronica)
Alessandro Russo (piano e synth)
Andrea Filippig (basso elettrico e contrabbasso)
Umberto Genovese (batteria/percussioni)


Ingresso unico: € 15 (comprensiva di degustazione). Prenotazione obbligatoria su www.zolajazzwine.it (dal 10/9). In caso di maltempo verrà data specifica comunicazione ai prenotati.

Info: UIT Colli Bolognesi 366-8982707 info@zolajazzwine.it

Quadrilatero della Cultura. Laboratorio aperto di Bologna

Cortile Guido Fanti di Palazzo d’Accursio
prima presentazione pubblica del nuovo polo della cultura e della partecipazione della città di Bologna
prima presentazione pubblica del nuovo polo della cultura e della partecipazione della città di Bologna
Quadrilatero_cultura.jpg

Il Quadrilatero della Cultura intende rafforzare l’identità dell’area intorno a Piazza Maggiore attraverso un nuovo modo di vivere e valorizzare il patrimonio storico e culturale che la caratterizza, grazie alla creazione di uno spazio pubblico dedicato alla fruizione interattiva dei beni culturali e alla collaborazione creativa fra cittadini, associazioni, imprese, centri di ricerca, istituzioni.

La presentazione del 25 settembre sarà un’occasione di scambio e riflessione sul ruolo dei poli culturali nei contesti cittadini e sulla loro funzione di driver di trasformazioni urbane. In particolare, dalle 19.30 al Cortile Guido Fanti è in programma la Tavola Rotonda Nuovi distretti e centri culturali: quale ruolo nelle città di domani, che ospiterà gli interventi di Andrea Bartoli (fondatore di Farm Cultural Park, Favara), Alessandro Bollo (Direttore Polo del 900, Torino), Matteo Lepore (Assessore Cultura, promozione della città e immaginazione civica Comune di Bologna), Riccardo Luciani (Direttore MIM, Manifattura Tabacchi, Firenze), Massimiliano Tarantino (Direttore Fondazione Feltrinelli, Milano) con la moderazione di Chiara Faini (responsabile dei progetti culturali di Fondazione per l’Innovazione Urbana).

Il Quadrilatero della Cultura è un progetto sviluppato nell'ambito del progetto Laboratorio Aperto, finanziato dal POR FESR Emilia Romagna 2014-2020 - Asse 6 Città attrattive e partecipate (e finalizzato alla creazione della Rete dei dieci Laboratori Aperti). Il progetto vede direttamente coinvolti gli spazi e le attività proposte in collaborazione con Comune di Bologna (in particolare attraverso la partecipazione di Patto per la Lettura, Bologna città della musica UNESCO, OfficinAdolescenti e Informagiovani), Biblioteca Salaborsa, Fondazione Cineteca di Bologna, Fondazione per l’Innovazione Urbana, Istituzione Bologna Musei.

L’evento è parte integrante di Cortile in comune, la rassegna culturale curata dalla Fondazione all’interno del Cortile Guido Fanti e sarà l’occasione per presentare le prossime attività del Laboratorio Aperto di Bologna.

L’ingresso al Cortile sarà da via Ugo Bassi 2, Bologna, a partire alle ore 19. Il Cortile è accessibile. 
L’evento si svolge nel rispetto del distanziamento e delle normative anti-Covid. La partecipazione è gratuita previa prenotazione del posto.

È prevista una diretta streaming sulla pagina Facebook della Fondazione per l'Innovazione Urbana.

Porfido. Cubetti di lettura

Mercato Albani
presentazione di libri al Mercato Albani
presentazione di libri al Mercato Albani
porfido.jpg

A partire dal 4 settembre e fino a fine ottobre, ogni venerdì alle 19.30, nella piazzetta interna del Mercato Albani, Edicola Aldini, in collaborazione con l'associazione Mercato Albani e con il patrocinio del Quartiere Navile, organizza la rassegna PORFIDO, CUBETTI DI LETTURA: presentazioni di libri e chiacchiere con gli autori e le autrici.

Programma: 

  • 4 settembre Gianluca Morozzi - L’ultima notte del carnevale estivo introduce Francesca Vannucchi di Edicola Aldini
     
  • 11 settembre Martina Fabbri - A piedi sulla linea gotica introduce Francesca Vannucchi di Edicola Aldini
     
  • 18 settembre Michele Marziani - Lo sciamano delle alpi introduce Francesca Vannucchi di Edicola Aldini
     
  • 25 settembre Daniele Cargnino - La sposa nella pioggia; Blu oltremare introduce Gloria Giambuzzi

Info: 051 377819 o mail 

Un confine incerto

Cinema Lumière
(Italia-Germania/2019) di Isabella Sandri (109')
(Italia-Germania/2019) di Isabella Sandri (109')
un-confine-incerto.jpg

A Roma, l'agente Milia Demez indaga su una rete di pedofili. Si sente impotente di fronte all'orrore quotidiano con cui viene a contatto. La conoscenza del Ladino l'aiuterà ad affrontare il caso di una bambina sudtirolese scomparsa. "In questi ultimi anni ho raccontato storie di bambini: dai profughi palestinesi in Libano agli orfani in Afghanistan, dai figli dei lavoratori in Messico a quelli sopravvissuti in Ruanda. E mi sono chiesta: qual è la crudeltà più grave in questa nostra epoca? Forse portare via il futuro all'essere umano, la forza di credere in sé. Uccidere la sua forza ma anche la sua parte tenera. Uccidere la tenerezza che ha dentro: il bambino" (Isabella Sandri).

Aliendee in concerto

Frida nel Parco
Friday Frida | (Around) Frida nel Parco
Friday Frida | (Around) Frida nel Parco
25sett_ALIENDEE FOTO PER EVENTI 2000x1200.jpg

Per “Friday Frida”, Aliendee in concerto. Aliendee è stato uno dei pionieri e innovatori del beatbox nel mondo. La sua peculiarità è quella di riuscire a riprodurre fedelmente ogni nota, timbro, variazione di qualsiasi strumento musicale: è l’impersonificazione di ciò che più si avvicina al concetto di orchestra. La sua carriera artistica si apre nel 2000 con il primo live a Torino, sua città di nascita, dove già da qualche anno gravitava nella scena Hip Hop locale. Nello stesso anno esce un suo CD con Dj Gruff (storico personaggio della cultura Hip Hop made in Italy) ed insieme sono ospiti di decine di palchi nello stivale. Nel 2002 Aliendee realizza il vinile 3-D -Battle Breaks: un disco concepito per i djs, composto esclusivamente con l’uso di un micorofono ed un multitraccia. Nel 2003 rappresenta l’Italia come special guest alla prima convention mondiale Boxcon - World Beatbox Convention a Londra. Lo stesso anno, tra le varie decine di esibizioni tra Italia ed Europa diventa testimonial del marchio Motorola alla Fiera Mondiale della Tecnologia. Da quell’anno, infatti, inizia ad esibirsi nelle principali città europee: Berlino, Zurigo, Praga, Varsavia e molte altre, oltre agli innumerevoli palcoscenici in Italia. Nel 2009 entra a far parte del collettivo musicale a cappella Anonima Armonisti, con cui, in seguito all’ uscita del loro secondo CD, parteciperà a numerosi programmi televisivi e radiofonici. Tra questi, il concorso Miss Italia di cui sono stati la sigla dell’edizione 2010; Nel 2012 si esibisce, all’Arena di Verona ed al Parco della Musica di Roma in tre date del tour con Giorgia. Durante l’estate, è, insieme al rapper Clementino, il rappresentante italiano al festival Hip Hop Kemp, che coinvolge ogni anno a Praga migliaia di appassionati da tutta Europa. Nel 2014 con il gruppo Anonima Armonisti vince il premio Sole Voci a Varese, come miglior gruppo acapella. Dal 2015 a oggi fa parte della rassegna musicale Ravenna Jazz, in veste di performer della rassegna Pazzi di Jazz e di insegnante nelle scuole statali del territorio. E’ stato inoltre uno degli ospiti del Redbull Bc One (finale mondiale di breakdance andata in onda su Italia 1) al Palazzo dei Congressi di Roma infiammando il pubblico in uno show con i tre rappers Clementino, Ensi e Noyz Narcos. Tra le sue produzioni strumentali e beatbox, vanterà collaborazioni nell’ambiente rap con artisti come Metal Carter, Cole, Gast e Noyz Narcos, che utilizzerà una sua base nell’album Verano Zombie. Attualmente è impegnato nel Tour di presentazione dell'album ADVERSUS dello storico gruppo rap romano dei Colle Der Fomento, iniziato nel febbraio 2019 e destinato ad allungarsi ancora fino al 2020 inoltrato con oltre 50 date. Ad oggi, il talento di Aliendee è riconosciuto a livello internazionale, tiene spesso workshop e seminari nelle scuole pubbliche, nelle scuole di musica ed alcuni Festival (Afropean Music Festival e Vis Musicae); ha prestato la sua arte per alcuni lavori condotti dal CNR in ambito cognitivo/musicale, spettacoli teatrali e seminari con artisti sordi sulla capacità di interazione e messa in scena di performance di musica e LIS.


A partire dalle 20.00


www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Still Alive

Museo di San Colombano – Collezione Tagliavini
in mostra a San Colombano oltre 200 strumenti antichi ad arco della Collezione Vázqueza
in mostra a San Colombano oltre 200 strumenti antichi ad arco della Collezione Vázqueza
SanColombano-CollezVázquez_1133.JPG

Still Alive è  la mostra di strumenti antichi ad arco della Collezione Vázquez (Orpheon Foundation) in programma dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021 nel Museo di San Colombano, gioiello del circuito museale Genus Bononiae. Musei nella città e sede della Collezione Tagliavini di strumenti musicali antichi. Arriva a Bologna una collezione unica al mondo, già esposta in prestigiosi musei in Austria, Francia, Spagna, Germania. Oltre 200 tra strumenti ad arco ed archetti provenienti dalla collezione del Maestro José Vázquez, databili dal 1550 al 1780, tutti restaurati e riportati alle loro condizioni originali, esposti accanto ai clavicembali e alle spinette della collezione del Maestro Luigi Ferdinando Tagliavini, in un dialogo ideale tra strumenti ad arco con quelli a corde pizzicate e percosse. Un percorso espositivo di strumenti ancora “vivi” nella loro funzionalità e fruizione, regolarmente utilizzati in occasione di concerti, registrazioni, masterclass e concorsi.

L’intera Collezione Vázquez, la più grande al mondo di questo genere, comprende strumenti quali viole da gamba, viole d’amore, violini, viole, violoncelli, violoni e baryton. Tra gli strumenti più pregiati della mostra bolognese spiccano un violoncello costruito da Simone Cimapane (1692) che è stato suonato nell’orchestra di Arcangelo Corelli a Roma, una pregiatissima viola da gamba di William Bowelesse (Londra, c. 1590), probabilmente appartenuta alla Regina Elisabetta I d’Inghilterra, una viola da gamba di Gasparo da Salò (Brescia, c. 1570), una viola da gamba di Jakob Stainer (1671), due di Joachim Tielke (1683, 1697), strumenti realizzati dal liutaio milanese Giovanni Grancino (c. 1700) e una viola da gamba di Pietro Guarneri (Mantova, c. 1700). Oltre a numerosi strumenti italiani, un ampio spazio viene dato agli strumenti costruiti in Inghilterra nell’epoca di William Shakespeare e Henry Purcell, e nell’Impero Asburgico dalle dinastie di liutai come Thir, Leidolff, Stadlmann e Posch. Fra gli archi originali si distinguono due archi gemelli appartenuti al grande compositore e virtuoso di violino Giuseppe Tartini, e due archi veneziani, anch’essi gemelli, dell’epoca di Antonio Vivaldi. Ci saranno inoltre archi di Tourte, Dodd ed altri. Come ideale omaggio alla città ospite saranno esposti alcuni strumenti di scuola bolognese, come un violino realizzato da Gian Antonio Marchi (c. 1770) o una viola da gamba di Giovanni Fiorino Guidantus (XVIII sec.).

In autunno la mostra sarà arricchita da un calendario di eventi, con concerti, conferenze e visite guidate, oltre a una serie di appuntamenti dedicati alle scuole, alle università e ai conservatori.


Orari di apertura:
da martedì a domenica, ore 11.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00

Ingresso:
intero 7€, ridotto 5€

Ingresso Gratuito con Card Cultura


Info:
+39 051 19936366
sancolombano@genusbononiae.it

Massimo Lopez e Sante Roperto | Stai attento alle nuvole

Oratorio San Filippo Neri
Incontro | LabOratorio di San Filippo Neri
Incontro | LabOratorio di San Filippo Neri
lopez.png

Libri in scena

Massimo Lopez e Sante Roperto | Stai attento alle nuvole. La mia vita in viaggio

Cosa succede se un attore sensibile come Massimo Lopez ritrova un diario della madre, dopo la sua scomparsa? E se lì scopre un’ideale lettera a se stessa a proposito di un biondo aviatore innamorato? Succede che la macchina dei ricordi si mette in moto. Comincia così un viaggio nella memoria che è anche un percorso tra le città che Lopez ha abitato da bambino, mentre la famiglia si spostava per seguire il padre ingegnere. Cosa è rimasto delle case che ricorda, cosa ne è della sua infanzia? E davvero sua madre ha conservato nel cuore per tutta la vita un amore perduto? Un memoir inatteso che scintilla della vita di una famiglia molto speciale. Un tesoro di aneddoti, di avventure, di storia personale intrecciata alla storia italiana. Le radici nell’aristocrazia napoletana, l’infanzia vagabonda e finalmente l’arrivo del Trio


L’Oratorio ha una capienza di 130 posti (230 quelli abituali): le panche e le sedute saranno separate in modo da consentire la distanza di un metro abbondante. Al pubblico sarà chiesto di indossare la mascherina e igienizzare le mani all’ingresso. Sarà anche misurata la temperatura.

L’ingresso è gratuito e sarà consentito solo su prenotazione:

Lucrezia Borgia

Teatro Comunale
Con l’étolie Eleonora Abbagnato
Con l’étolie Eleonora Abbagnato
abbagnato1.jpg

Per motivi indipendenti dal Teatro il balletto in prima assoluta Lucrezia Borgia, previsto il prossimo 4 e 5 marzo al Comunale di Bologna, verrà posticipato al 25 e 27 settembre.
Al suo posto, nelle stesse date di marzo, andrà in scena il Gala Internazionale Les Étoiles, inizialmente programmato per settembre, che aprirà così la Stagione di Danza 2020.

Coloro che sono in possesso di abbonamenti e biglietti acquistati per Les Étoiles del 26 settembre ore 20.30 potranno accedere direttamente in sala il 4 marzo ore 20.30 (turno E); mentre chi è in possesso di abbonamenti e biglietti per Les Étoiles del 27 settembre ore 15.30 potrà accedere direttamente in sala il 5 marzo ore 20.30 (turno F).

Allo stesso modo, chi avesse acquistato abbonamenti o biglietti per Lucrezia Borgia del 4 marzo ore 20.30 potrà accedere direttamente in sala il 25 settembre ore 20.30 (turno E); mentre coloro che hanno acquistato abbonamenti o biglietti per il 5 marzo ore 20.30 potranno accedere direttamente in sala il 27 settembre ore 15.30 (turno F).

I titoli d'ingresso già acquistati per i due spettacoli restano dunque validi per le nuove date sopra indicate e daranno l'accesso in sala senza bisogno di alcuna sostituzione.

Per tutte le altre necessità, per ulteriori chiarimenti o informazioni, ci si può rivolgere alla biglietteria del Teatro Comunale di Bologna in Largo Respighi 1, dal martedì al venerdì dalle 12.00 alle 18.00, il sabato dalle 11.00 alle 15.00. Tel. +39 051.529019 / Fax +39 051.529995, boxoffice@comunalebologna.it

Nell’anniversario dei 500 anni dalla morte, Lucrezia Borgia si affaccia per la prima volta sulle scene del balletto in una nuova creazione presentata in prima assoluta al Teatro Comunale di Bologna. Librettista, coreografo e regista è l’eclettico Giuliano Peparini, talento internazionale, che ispirandosi liberamente al dramma di Victor Hugo si concentra sulla vicenda dell’incontro tra la nobildonna rinascimentale e il figlio Gennaro, nato dal rapporto incestuoso con il fratello Cesare. Nei panni eleganti della controversa figura è l’étoile Eleonora Abbagnato, che presta il suo fascino misterioso agli eccessi, alle perversioni, agli intrighi tramandati dalla storiografia. La danza che affiora dalla drammaturgia, visual art e fashion couture a definire la scatola scenica, la partitura avvincente eseguita dal vivo dall’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna: Lucrezia Borgia si candida a nuovo classico del balletto contemporaneo.

Trekbeer Riflessi di Luna

​Parcheggio Parco dei Gessi alla Ponticella
passeggiata | Vitruvio
passeggiata | Vitruvio
riflessi2.jpg

Trekbeer Riflessi di Luna

Una passeggiata al chiaro di luna scandita dai suoni della notte al Parco dei Gessi.


Rimarremo affascinati dal fruscio di volpi istrici e caprioli, osservati da civette allocchi e succiacapre nella cornice brillante del ​Parco​ ​dei​ ​Gessi​, alle porte di Bologna.
Un giro ad anello attraverso la Dolina della Spipola​, camminando all'aperto e in bosco per arrivare alla ​Palestrina​, antica cava di Gesso iniziata in epoca romana e utilizzata per le mura della petroniana ​Città della Luna​, quindi al ​Buco delle Candele​, emergenza geologica monumentale del Parco, per finire poi sull'​altopiano di Miserazzano​, eccezionale dorsale gessosa dominata dall'omonima antica villa e da cui si gode di una vista unica sulla città.
Un ottimo punto per ​un brindisi a base di birre artigianali di produzione belga, tripel dal gusto corposo e deciso.


ore 21.00 Luogo: ​Parcheggio Parco dei Gessi ala Ponticella, in Via Renato Benassi angolo Via Palazza

  • il percorso non presenta particolari difficoltà, consigliamo scarpe comode e almeno una torcia ogni due persone.

Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza:​€ 12,00 (€ 8,00 fino agli 11 anni) - iniziativa non adatta ai minori di 8 anni.
informazioni: tel. 329 3659446 - ​associazione.vitruvio@gmail.com ; www.vitruvio.emr.it

Contagious

Centro di Ricerca Musicale / Teatro San Leonardo
A n g e l i c A  3 0 | Festival Internazionale di Musica
A n g e l i c A  3 0 | Festival Internazionale di Musica
Contagious_by_Steinhaeuser.jpg

CONTAGIOUS  (Germania, Giappone)  prima italiana

Sabine Ercklentz tromba, elettronica; Andrea Neumann inside piano, mixer;  Mieko Suzuki giradischi, CD
musiche di  CONTAGIOUS


a cura di Massimo Pupillo

con la collaborazione del Goethe-Institut Mailand

con il patrocinio della Fondazione Italia-Giappone e del Consolato del Giappone in Italia


A n g e l i c A  3 0

Festival Internazionale di Musica
trentesimo anno – m o m e n t o  l u n g o

Centro di Ricerca Musicale
Stagione 2020 > 2021 – settimo anno

Bologna, Reggio Emilia
11>12 + 18 + 25 settembre, 8 + 24 ottobre, 5 + 27 novembre, 11 dicembre 2020


Concerti  - 11 + 12  settembre - 15 € | ridotto 10 €

Concerti  - 18 + 25 settembre, 8 ottobre, 5 + 27 novembre, 11 dicembre  - 8 € | ridotto 5 €

Ridotto:
- per studenti dell'Università di Bologna e del Conservatorio di Musica “G. B. Martini” di Bologna
- ai possessori della Card Cultura verrà applicato uno sconto 2 € sul biglietto intero (eccetto concerto del 24 ottobre a Reggio Emilia)

La Biglietteria apre 30 minuti prima dell'orario del concerto

prevendita:  www.boxerticket.it  –  www.ticketone.it  e punti vendita  TicketOne

ATTENZIONE posti limitati - secondo le normative attuali
si raccomanda l'acquisto dei biglietti in prevendita:

BOXERTICKET 25 settembre

TICKETONE 25 settembre

Fuori dagli sche(r)mi | Rassegna teatrale

Giardino Madri Costituenti
Performance, reading, spettacoli al Giardino Madri Costituenti
Performance, reading, spettacoli al Giardino Madri Costituenti
banner evento_Fuori dagli Sche(r)mi.jpg

Performance, reading, spettacoli per avvicinarci al nostro profondo sentire, al nostro essere umani. In occasione della Festa di piazza dei Colori, la compagnia LegÀmi presenta la rassegna teatrale gratuita "Fuori dagli sche(r)mi", al Giardino Madri Costituenti dal 25 al 26 settembre 2020.
In scena suoni, parole, corpi e storie che evocano, raccontano, testimoniano il diritto universale ad essere liberi da schemi che ci intrappolano e ci allontanano dai nostri sogni, desideri, dalle nostre emozioni.


25 settembre | h. 21:00

Performance “E Sto bene SENZA”
a cura della Compagnia LegÀmi

Una sincera confessione, un atto di coraggio, un mettersi a nudo raccontando la propria vita per provare ad essere ancora una volta insieme, connessi l'uno all'altro, per tornare ad essere umani. Nato da un'esperienza quanto mai attuale, E Sto bene SENZA racconta di una solitudine forzata, imposta, non voluta: la quarantena. Una solitudine che diventa doloroso contenitore di esperienze, ricordi, traumi personali e universali che inesorabilmente si intrecciano in un quadro dalle tinte cupe ma anche opportunità per riflettere e capire quali sono le nostre priorità.


26 settembre | H. 21:00

Reading-Spettacolo “Samia Corre veloce”
a cura del Magnifico Teatrino Errante

Una storia di coraggio, migrazione e tenacia, di una libertà negata e della disperata corsa per raggiungere i propri sogni, evocando irrimediabilmente voci assai simili di migliaia di altri esseri umani, che hanno cercato di raggiungere le coste dell’Europa, non sempre con un lieto fine. Questa è la storia di Samia Yusuf Omar, la velocista somala che nella speranza di poter continuare il suo sogno di atleta, intraprese un difficile Viaggio verso l’Italia.


27 settembre | h. 21:00
Spettacolo interattivo “Restless”
a cura della compagnia Icore

Un'esplorazione del corpo e della sua fisicità attraverso i concetti di stasi e immobilità, momenti che spesso ci ostiniamo a riempire, per non rischiare di entrare in intimo contatto con le nostre più profonde ferite e paure. Un grande sfogo corale, che ci fa riscoprire la vicinanza profonda dei nostri corpi, delle nostre voci, delle nostre menti/cuori; per imparare a vedere con occhi nuovi le nostre abitudini, il nostro tempo, le nostre relazioni.


Gli eventi sono tutti gratuiti, ma in base alla normativa attuale è necessaria la prenotazione


Per info e prenotazioni:
compagnialegami@gmail.com
3475985762 / 3280178208


Prima degli spettacoli verranno allestiti stands e banchetti a cura delle associazioni del territorio:
- 25 settembre | h. 17:00 Festa di Piazza dei Colori con animazione circense per bambini e ragazzi a cura di Circo Sotto Sopra e presenza di stands e banchetti
- 26/27 settembre | h. 18:30 Presenza al Giardino Madri Costituenti di banchetti, stands e gazebi inerenti le attività delle associazioni ed enti del territorio

Rumba de Bodas

Parco della Montagnola
live in Montagnola Republic
live in Montagnola Republic
Rumba_de_Bodas.jpg

Suner è il progetto a cura dell’Associazione Arci Emilia-Romagna dedicato alle band emergenti, per produrre e suonare musica originale dal vivo.: 6 band emergenti, 6 residenze artistiche, 37 circoli Arci e infinite serate all’insegna della musica live in un unico circuito.

I Rumba de Bodas nascono nel 2008 e sono molto più di un semplice gruppo musicale. Parliamo di una carovana di 8 avventurieri bolognesi che, equipaggiata di furgoni e tende, comincia il suo viaggio in tutta Europa trasformando ogni concerto in festa. Tra le loro tappe troviamo i festival più importanti d’Europa: Boomtown Fair, Fusion Festival, Edinburgh Jazz Festival, Cous Cous Festival, Irlanda in Festa, Montreux Jazz Festival.

Attraversando cambi di formazione - da otto a sette componenti - e di sound, la band sforna Just Married (2012) e Karnaval Fou (2014) che vanno a ruba nelle piazze e nelle balere! Il 2018 è l’anno della terza fatica, esce Super Power (Irma Records).
E il sound? Ska, Funk, Latin vibes, Swing, ogni repertorio è funzionale alla missione di fare smuovere le folle. Solcando ogni tipo di palco, ma non perdendo mai il vizio di fare incursione in strada per sovvertire l’ordine pubblico a suon di grancassa!


I posti a sedere nell'area concerti sono limitati a un numero massimo di 200 partecipanti. L'incontro si svolge all'aperto nell'area verde attrezzata con tavoli e sedute.

COME PRENOTARE
È vivamente consigliata la prenotazione mandando un messaggio whatsapp al numero 3478851268 con le seguenti informazioni:
- Nome e cognome
- Numero di telefono
- Numero dei posti da prenotare

Si prega di arrivare almeno 15 minuti prima dell’inizio del concerto altrimenti la prenotazione non sarà più garantita


Segui Montagnola Republic su Facebook e Instagram
 

Ad Astra

luoghi vari Monte San Pietro e Bologna
luglio – settembre 2020
luglio – settembre 2020
AD ASTRA-RASSEGNA 2020.jpg

Nell'anno del grande meteorite che il giorno di Capodanno ha attraversato il cielo del Nord-Italia, un programma di eventi che unisce la città di Bologna all'Appennino. Questi i luoghi coinvolti: Osservatorio Astronomico Felsina, via Varsellane, loc. Montepastore, Monte San Pietro; Area impianti sportivi, loc. Montepastore, Monte San Pietro; Quartiere San Donato-San Vitale, Comune di Bologna (in collaborazione con Sofos Associazione per la divulgazione delle Scienze-APS e INAF-OAS).


Venerdì 24 luglio - ore 21:00

Conferenza dell’astrofisico Albino Carbognani
Il Cielo e la Terra illustrati dall’astrofisico Albino Carbognani in collegamento da Loiano, con immagini in diretta degli oggetti astronomici ripresi dal potente telescopio dell’Osservatorio Astronomico “Felsina” a Monte San Pietro

Dove: diretta streaming dall’Osservatorio Astronomico Felsina alle ore 21.00 sui canali social dell’Associazione Astrofili Bolognesi (leggi dettagli)


Sabato 8 agosto – ore 21.00
Calici di Stelle
Torna sulle cime di Montepastore il ventennale appuntamento con Calici di Stelle, l’evento che coniuga astronomia ed enogastronomia, promosso da Proloco e Amministrazione Comunale di Monte San Pietro, Associazione Astrofili Bolognesi APS e i tradizionali assaggi proposti dai sommeliers dell’A.I.S. Emilia-Delegazione di Bologna. Durante l’evento verrà data la possibilità di intraprendere un percorso enogastronomico assaggiando il vino dei colli bolognesi offerto da esperti sommelier e le specialità locali. I visitatori potranno sperimentare diversi abbinamenti sotto il cielo stellato, spiegato dal Prof. Flavio Fusi Pecci con il puntatore laser di Sofos e la videoproiezione dal telescopio dell’Associazione Astrofili Bolognesi per permettere in sicurezza la visione degli oggetti celesti del cielo estivo, in attesa delle stelle cadenti di San Lorenzo. A causa del particolare momento di emergenza saranno garantiti il distanziamento e la sicurezza negli spazi del Centro sportivo di Montepastore.

Dove: Area impianti sportivi, loc. Montepastore, Monte San Pietro (Bo)
evento a pagamento su prenotazione
Posti limitati. Obbligatoria la prenotazione: Proloco cell. 349 3471199 oppure 340 9647003.
Consigliato l'abbigliamento pesante


Venerdì 28 agosto - ore 21:30
Apertura al pubblico Osservatorio Astronomico Felsina
Osservazione astronomica: la congiunzione Luna-Giove

Dove: Osservatorio Astronomico Felsina, via Varsellane, loc. Montepastore, Monte San Pietro (Bo)
ingresso su prenotazione


Venerdì 11 settembre - ore 21:30

Apertura al pubblico Osservatorio Astronomico Felsina
Osservazione astronomica, visita guidata con laser: le Perseidi di Settembre e Nettuno

Dove: Osservatorio Astronomico Felsina, via Varsellane, loc. Montepastore, Monte San Pietro (Bo)
ingresso su prenotazione


Venerdi 18 settembre - ore 21:00

La Notte dei Giganti
Conferenza sui Pianeti Giganti del Sistema Solare: Giove, Saturno, Urano e Nettuno in L.I.S. Lingua dei Segni Italiana con traduzione simultanea in Italiano e osservazione dei pianeti gassosi in diretta su grande schermo, in streaming dall’Osservatorio Astronomico "Felsina" dell’Associazione Astrofili Bolognesi - APS

Dove: Centro Sociale Ricreativo Culturale "Nello Frassinetti" - Via Andreini, 18, Quartiere San Donato-San Vitale, Bologna
ingresso gratuito su prenotazione e temperatura inferiore ai limiti di legge (a cura di Associazione Sofos), dispositivi di protezione individuale (mascherine e guanti) obbligatori per il pubblico (a carico degli intervenuti).
Prenotazione obbligatoria scrivendo a eventi@sofosdivulgazionedellescienze.it oppure chiamando il numero 3703155954 dal lunedì al sabato ore 12:00-13:00 e 18:00-19:00 o anche con whatsapp e sms


Venerdì 25 settembre - ore 21:30

Apertura al pubblico Osservatorio Astronomico Felsina
Osservazione astronomica

Dove: Osservatorio Astronomico Felsina, via Varsellane, loc. Montepastore, Monte San Pietro (Bo)
ingresso su prenotazione


Informazioni:

Associazione Astrofili Bolognesi
info@associazioneastrofilibolognesi.it
www.associazioneastrofilibolognesi.it

Matteo Raggi 4et "Tribute to Al Cohn"

Camera Jazz & Music Club
Camera Jazz & Music Club
Camera Jazz & Music Club
Matteo Raggi_part.jpg

Matteo Raggi 4et "Tribute to Al Cohn"


Matteo Raggi sax tenore Davide Brillante chitarra Stefano Senni contrabbasso Dario Rossi batteria

Matteo Raggi studia a New York con i docenti Charles Davis, Barry Harris e Harry Allen.Insegna strumento e armonia jazz per quattro anni presso la “Accademia Culturale” di Bologna. Vince tramite concorso la cattedra di “Musica d’Insieme per formazioni Jazz” presso il Conservatorio Statale di Musica “A.Buzzolla” di Adria (RO). Svolge regolarmente workshops di strumento e armonia jazz a Dusseldorf in Germania. Suona in importanti ragssegne e festival come Ancona Jazz Festival, Veneto Jazz Festival , Marche Jazz Network Festival , Celerina Jazz Festival (CH), Ascona Jazz Festival (CH), Corinaldo Jazz Festival, Festival Internazionale del Sassofono, Positano Art Festival ed altri. Vanta prestigiose collaborazioni con importanti musicisti italiani e stranieri tra i quali: Scott Hamilton, Danny Grissett, Paolo Birro, David Roberts, Bobby Watson,Henghel Gualdi, Wessel Anderson, Dusko Goikovich, Steve “Stiepko” Gut, Tom Kirkpatrick, Gary Todd, Kengo Nakamura, Yves Rossignol ecc ...


Info e prenotazioni:
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA DEL POSTO (MISURE ANTI COVID-19)

Camera Jazz & Music Club, vicolo Alemagna – Bologna
camerajazzclub.com
reservations@camerajazzclub.com
WhatsApp +39 391 1682442

Cattive acque

Cinema Lumière
(Dark Waters, USA/2019) di Todd Haynes (126')
(Dark Waters, USA/2019) di Todd Haynes (126')
cattive_acque.jpg

La storia vera dell'avvocato Robert Bilott e della sua battaglia legale contro il colosso chimico DuPont per la contaminazione delle acque di una comunità rurale del West Virginia, venuta alla luce nel 2016 grazie a un articolo del "New York Times". Dalle raffinate riletture del melodramma anni Cinquanta di Lontano da qui, Carol, Mildred Pierce, Todd Haynes si sposta nei territori inediti del film di denuncia, evocando "certi thriller complottistici dei Seventies - come in un omaggio a Sidney Lumet" (Giulia D'Agnolo Vallan).

Lingua originale con sottotitoli

Festival Francescano 2020 Extra

Bologna e altre piazze
Festival Francescano 2019 ©Ivano Puccetti.jpg

Una edizione Extra, prevalentemente online, con un cuore di eventi a Bologna, quella del Festival Francescano in programma dal 25 al 27 settembre 2020. Attraverso il carisma francescano, si affronterà con conferenze, tavole rotonde, interviste e workshop, il tema “Economia Gentile. Nessuno si salva da solo”. Come immaginare una nuova economia, più inclusiva e sostenibile, anche alla luce dell’emergenza sanitaria in atto.

Informazioni sugli ospiti e prenotazioni agli eventi sul sito: www.festivalfrancescano.it

Luoghi coinvolti: Piazza Maggiore a Bologna e le piazze digitali 

King Lion & the Braves!

Spazio Dumbo / Baia
DumBO Summertime 2020
DumBO Summertime 2020
kING lION & THE BRAVES-detail.jpg

King Lion & the Braves! Powerful Rockin’ Oldies, il loro sound, appunto. Una mescolanza di stili diversi tra gli anni cinquanta e i primi sessanta, tra gli Stati Uniti e l’Inghilterra. Chiamalo rock’n’roll, blues, country, surf music, british instrumental. Quello che c’era prima di tutto il resto, insomma.
King Lion appare e scompare, soprattutto appare senza preavviso. Da un giorno all’altro, gira una voce, e la sera si suona. Raramente si riesce anche a fare pubblicità. Risultato, la gente si muove, balla, beve. Il volume si alza. Non ci sono prove, tentativi, sotterfugi. Si collega lo strumento all’amplificatore, qualcuno chiama un accordo musicale e si va. È la solita vecchia storia di rock’n’roll, ma nessuno saprebbe vivere senza, in fondo. Ognuno di noi ha diritto di sognare, di credere in qualcosa di meglio.

Ad accompagnare il concerto fino a tarda notte ci penseranno il dj set di LucaMcFly e i ballerini della scuola Outatime Swing Dance School - Luca & Carlotta che animeranno la serata con una selezione musicale a tema e con le esibizioni di danza di insegnanti e staff.


Apertura cancelli h. 19.00

Live h. 21.30


COME PARTECIPARE

Per accedere all'area di DumBO è obbligatorio registrarsi gratuitamente attraverso il link https://bit.ly/DumboSummertime2020 selezionando la data esatta in cui si vuole partecipare alla rassegna.

Capienza massima limitata, si prega di registrarsi solo in caso di effettiva partecipazione.


dumbospace.it

facebook.com/dumbo.space

Follow the Angel # L’alba

Ritrovo: Abbazia di Santa Maria Assunta, Monteveglio
primo movimento
primo movimento
Follow the Angel.jpg

Il primo movimento della performance Follow di Angel ha inizio all’alba partendo dall’Abbazia di Monteveglio. Il performer Nicola Pianzola, come gli antichi pellegrini, compirà con ritmo lento il cammino lungo un tratto della Piccola Cassia, all’interno del Parco dell’Abbazia di Monteveglio, portando addosso delle grandi ali di metallo, opera dell’artista contemporanea Nicoletta Casali, pesante fardello che lo tiene ancorato al mondo terreno. Un’azione performativa alla riscoperta del ritmo lento della natura e in cerca dell’essenza del viaggio nell’atto stesso del camminare.

Follow the Angel è un progetto di Instabili Vaganti in collaborazione con il Comune di Valsamoggia e l’Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Emilia Orientale.


Chi vuole imparare un giorno a volare, deve prima di tutto imparare a stare e andare e camminare e arrampicarsi e danzare: il volo non si impara in volo!

F. Nietzsche, Così parlò Zarathustra


sabato 26 settembre 2020 + domenica 27 settembre 2020

  • Orario di ritrovo / partenza dell’azione performativa: ore 7.00
  • Luogo di ritrovo: Abbazia di Santa Maria Assunta, Via S. Rocco, 40053 Monteveglio BO
  • Durata stimata della camminata: circa 3h.
  • In caso di pioggia l’evento verrà rimandato
  • Partecipazione gratuita – Prenotazione obbligatoria via mail: info@instabilivaganti.com

Maratona artistica per Patrick Zaki

da Piazza Rossini a Villa Aldini
120064471_3348626395217054_7565789975903533749_o.jpg

Sabato 26 settembre (dalle 9.30 alle 19.30) da Piazza Rossini a Villa Aldini.

Patrick Zaki, giovanissimo rappresentante di una cultura resistente, è detenuto in attesa di giudizio e senza motivo apparente da oltre sei mesi nel carcere di Tora al Cairo.
Patrick Zaki è un cittadino egiziano, che ha scelto l’Università di Bologna per proseguire i suoi studi: la nostra comunità si è stretta intorno a lui fin dai primi giorni dopo l’arresto, per non lasciarlo solo e per trovare forme di aiuto concreto ed efficace.

E’ necessario continuare a tenere viva l’attenzione e per questo Cantieri Meticci ha pensato una giornata dedicata a lui e a tutte le persone che come lui vivono sulla propria pelle una reclusione ingiusta e una palese violazione dei diritti fondamentali.

Sabato 26 settembre, tutti sono chiamati a partecipare (anche solo per qualche ora) a una maratona artistica per Patrick, che si snoderà per le vie e le piazze della città, dalle 9.30 del mattino fino al tramonto.

La mattinata verrà trascorsa in Piazza Rossini a costruire aquiloni per Zaki e a collezionare pensieri e immagini, guidati da artisti, scenografi e attori della compagnia Cantieri Meticci.

Si leggerà insieme, in un percorso a tappe, il romanzo di Manuel Puig Il bacio della donna ragno, un racconto potente di resistenza in carcere attraverso gli strumenti della cultura.

Al termine della passeggiata ci si raccoglierà a Villa Aldini, luogo simbolo della città, e al tramonto verranno fatti volare gli aquiloni, simbolo semplice di libertà, ma anche di un filo che lega Bologna a Patrick e che non deve essere spezzato.
 

Il programma della giornata
Laboratori di recitazione, scrittura, artigianato per Patrick
Piazza Rossini - ore 9.30 / 11.30 / 13.30

Laboratori preparatori per chi desidera partecipare alla lettura comunitaria de Il bacio della donna ragno, o aiutare a costruire gli aquiloni. I laboratori saranno destinati a piccoli gruppi, per permettere di partecipare in tutta sicurezza. Per questo i laboratori sono organizzati in tre gruppi in tre diverse fasce orarie. I partecipanti sono pregati di rispettare gli orari scelti.
 

Lettura comunitaria de Il Bacio della donna ragno
Azione itinerante con partenza da Piazza Rossini e arrivo a Villa Aldini - inizio ore 15.30

Spettacolo itinerante per piccoli gruppi, articolato in tappe in cui ci si fermerà per assistere a brevi azioni sceniche o per ascoltare le parole del romanzo Il Bacio della donna ragno, interpretate dagli attori, dagli allievi e da chi ha preso parte ai laboratori della mattina. Il percorso, con partenza da Piazza Rossini, attraverserà strade e piazze del centro di Bologna e salirà il Colle dell’Osservanza per raggiungere Villa Aldini.
 

Passeggiata musicale ore 17.30 
A partire da Piazza Rossini, guidati da musicisti e da attori, si camminerà fino a Villa Aldini recitando lungo il percorso poesie dedicate a Patrick.
 

Rito conclusivo - Il volo degli aquiloni per Patrick ore 19.00
Villa Aldini, via dell’Osservanza 35/A
 

Per partecipare
Se desiderate partecipare ai laboratori e alla successiva lettura comunitaria potete compilare il form che trovate qui:  https://forms.gle/CwSuXMuhMzRfPac38
 

I laboratori sono aperti a tutti e non è necessaria nessuna esperienza pregressa.

La partecipazione a tutte le attività della giornata è libera e gratuita. Chiediamo anche il vostro aiuto nel rispettare e far rispettare le norme di sicurezza, per poter tornare a vivere in libertà le strade e le piazze della nostra città.

Montagna sacra: escursione a Montovolo

12, 20, 26 settembre, 15 e 29 novembre
12, 20, 26 settembre, 15 e 29 novembre
montagna_sacra_da caricare.jpg

Un percorso di trekking storico-naturalistico alla scoperta della più grande Oasi WWF dell’area metropolitana di Bologna.

Con un’estensione di quasi 80 ettari, l’Oasi di proprietà del WWF Italia, all’interno di un Sito d’Importanza Comunitaria, è gestita garantendo il libero sviluppo dell’ambiente naturale.

Dal cuore dell’area protetta, passando per alberature secolari, osservazioni naturalistiche medievaleggianti, si raggiungerà il Santuario di Montovolo con i sui racconti dal sapore magico e mistico.

Giunti al Santuario si potrà ammirare l’antica cripta, gioiello proto-romanico del nostro Appennino. Una vista mozzafiato attende i partecipanti sulla cima di questa montagna sacra ai pellegrini, dove, a serpeggiare nella valle sarà il Fiume Reno con il suo letto inciso fra le montagne.

Il punto di ritrovo è presso il Parcheggio località Carbona (subito oltre l'abitato di Vergato) lungo la Strada Statale Porrettana. Da qui ci sposterà con le auto per 15 minuti arrivando in un posto tanto selvaggio quanto altrimenti troppo complesso da trovare autonomamente.

Durata: 3 ore circa. Si consigliano scarpe da trekking.

Iniziativa in collaborazione con WWF Bologna Metropolitana

Contributo a persona, da corrispondere in contanti all’accoglienza: € 12,00

PER INFO:  tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com

Educare alla bellezza | Giornate europee del patrimonio 2020

Archivio di Stato di Bologna - Sala Conferenze
Un progetto Art bonus per i codici miniati dell’Archivio di Stato di Bologna
Un progetto Art bonus per i codici miniati dell’Archivio di Stato di Bologna
GiornateEuropee.png

Anche quest’anno l’Archivio di Stato di Bologna aderisce alle “Giornate Europee del Patrimonio - Imparare per la vita”, che negli intenti degli organizzatori vogliono valorizzare, sempre ma in particolare in questo periodo difficile per le nostre comunità, gli aspetti educativi del patrimonio culturale italiano.
Il nostro Istituto ha scelto in questa occasione di presentare alla città un progetto Art Bonus che consentirà a imprenditori e privati cittadini di farsi mecenati della cultura, partecipando a un intervento di salvaguardia della raccolta di codici miniati dell’Archivio bolognese.
Opere dei secoli che vanno dal Duecento al Cinquecento, fra cui le più antiche testimonianze della miniatura bolognese e alcuni autentici capolavori della scuola bolognese del Trecento e del Quattrocento, potranno, grazie alla collaborazione di sponsor illuminati, recuperare e conservare la loro preziosa integrità, pur continuando a svolgere il loro fondamentale ruolo nei confronti di un pubblico appassionato di studenti, di studiosi, di cittadini attenti al loro passato: la bellezza ci salverà, salviamo la bellezza.

SABATO 26 SETTEMBRE 2020
Programma

10.00 - 10.30
Visita guidata all’esposizione di codici miniati (1° gruppo)

10.30 - 12.00
Saluti istituzionali
Art bonus: cos’è e come funziona, Giorgia Muratori (direttore dell’Archivio di Stato di Bologna)
La raccolta dei codici miniati dell’Archivio di Stato di Bologna, Massimo Giansante (Archivio di Stato di Bologna)
Il progetto di restauro e valorizzazione dei codici miniati, Rita Capitani (Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Emilia Romagna)

12.00 - 12.30
Visita guidata all’esposizione di codici miniati  (2° gruppo)

Prenotazione obbligatoria a: prenotazioni.amici.asbo@gmail.com (max 15 persone)

In collaborazione con Il Chiostro dei Celestini. Amici dell’Archivio di Stato di Bologna

Sabato Ornitologico all'Oasi

Casa della Natura
un Sabato mattina in compagnia degli ornitologi ed esperti dell'Oasi naturale San Gherardo
un Sabato mattina in compagnia degli ornitologi ed esperti dell'Oasi naturale San Gherardo
Sabato ornitologico.jpg

SABATO 26 SETTEMBRE
dalle ore 10.00 alle ore 12.30 presso l'Oasi

(ritrovo presso Casa della Natura, via Rio Conco 8, Sasso Marconi)
 
Un Sabato mattina in compagnia degli ornitologi ed esperti dell'Oasi naturale San Gherardo
 
Nella prima parte della visita vedremo gli ornitologi MIRCO MASELLI, CLAUDIO FIORINI e LINO LIPPARINI della Stazione Ornitologica in azione con l’inanellamento scientifico. Oltre a osservare da vicino i diversi uccelli catturati e inanellati, scopriremo con gli esperti come questa ricerca consenta di conoscere meglio le specie più elusive e come possa aiutare la loro conservazione.

Nella seconda parte gli ornitologi ci insegneranno i trucchi del mestiere per osservare e riconoscere gli uccelli in natura (come scegliere e usare binocoli e cannocchiali, il vestiario, i manuali e le guide migliori, i CD/DVD per ascoltare i canti).

Con un po' di fortuna, sarà possibile vedere alcuni uccelli che frequentano durante l’anno il Balzo dei Rossi (Pellegrino,Taccola, Gheppio) o altri rapaci come Poiana, Pecchiaiolo e Lodolaio.

Chi vuole vedere ed ascoltare molti altri uccelli, può venire anche prima: Mirco, Claudio e Lino sono già al lavoro e vi aspettano a partire dalle 8:30.
La mattinata ornitologica è adatta a tutti. Si raccomanda vestiario per camminate in natura (copricapo, pantaloni lunghi e calzature robuste e comode, tipo scarponcini da trekking leggeri). Chi ha macchina fotografica o binocolo, li porti!
 
La visita è adatta a tutti.

LE VISITE GUIDATE SONO A NUMERO CHIUSO E A PAGAMENTO
(adulti € 5,00 - minori GRATIS).
LA PRENOTAZIONE PRESSO INFOSASSO È OBBLIGATORIA.


Scarica il programma completo QUI


Per prenotare o per informazioni:
InfoSASSO - Tel. +39 051 6758409 - info@infosasso.it

Storie sotto gli alberi

Biblioteca J. L. Borges
Biblioteca J.L. Borges: letture per bambine e bambini da 4 a 8 anni
Biblioteca J.L. Borges: letture per bambine e bambini da 4 a 8 anni
storie sotto gli alberi.jpg

Letture all'aria aperta a cura di Biblioteca Borges in collaborazione con CoopCulture.

Dal 7 luglio al 29 settembre

Tutti i martedì alle 17
e  il  sabato alle 10.30


 

Età 4- 8 anni, max. 7 bambini.

È richiesta l'iscrizione al n° 0512197770 o via mail.

 

pratiche | cuore

sede in via di definizione
progetto a cura di Associazione Jaya e Associazione Samà
progetto a cura di Associazione Jaya e Associazione Samà
MetRO_SITO_JAYA_SQUARE_PRATICHE.jpg

Workshop con Anna Albertarelli, Giuditta de Concini, Sara Giordani, Alessandro Tampieri

Sabato 26 settembre, 14.30-18.30 (sede in via di definizione)

In occasione dell'open week di Associazione Culturale Jaya e Associazione Culturale Samà.
 


MetRO è un progetto partecipato e condiviso di riflessioni, pratiche, percorsi e interviste. Un calendario di attività che nascono dall'esigenza di approfondire insieme questo particolare momento storico, per ripartire e andare oltre, riaffermando la propria presenza in un mondo a tre dimensioni.
Proposto da Associazione Culturale Jaya e Associazione Culturale Samà con il contributo del Comune di Bologna, MetRO declina il concetto della parola ‘metro’ in tutte le sue accezioni, da regola ferrea del social distancing, a unità di misura di superfici e volumi, unità ritmica della poesia e della musica, ma anche modalità di giudizio nel nostro modo di vedere il mondo.
Dopo un primo momento di riflessioni post lockdown, un ciclo di interviste che costituiranno l'archivio video di testimonianze per corpo sociale e gli incontri laboratoriali di pratiche condivise tra yoga, tecniche somatiche, danza indiana Bharatanatyam, teatro fisico e tecniche teatrali con focus su respiro, pelle e occhi, MetRO propone ora i quattro appuntamenti urbani di percorsi e un momento supplementare di pratiche, programmato a fine settembre come conclusione del lavoro fatto ad apertura delle attività annuali.
 


Tutta la programmazione di MetRO si svolge solo in ottemperanza ai decreti ministeriali e alle direttive locali per la salute delle persone.


Per informazioni e prenotazioni: metrobologna2020@gmail.com

associazionejaya.it

facebook.com/AssociazioneCulturaleJaya

FB METRO bologna estate 2020
FB Associazione Culturale Samà
 

nidi di ragno 2020

Ca' Berna, Lizzano in Belvedere (BO)
archiviozeta/progetto META MemoryEducationTheatreAction
archiviozeta/progetto META MemoryEducationTheatreAction
NidiRagno.jpg

Nuova edizione 2020 di nidi di ragno il progetto di ArchivioZeta sostenuto da Regione Emilia-Romagna/Memoria del '900 e dal Quartiere Borgo Panigale-Reno (Bologna).

Il progetto  invita a percorrere alcuni sentieri della memoria della Regione Emilia-Romagna. Un nuovo viaggio autunnale per il 2020, una ricognizione topografica sul terrore, da fare a piedi, con lentezza; un viaggio poetico, storico, antropologico, educativo in compagnia di studiosi, intellettuali, artisti, testimoni che affondano le radici della loro ricerca e della loro esperienza nel vasto terreno dei conflitti e dei traumi.

Prima tappa a Ca' Berna in occasione del 76° anniversario dell'Eccidio nazifascista, dove si torna con una replica del percorso dello scorso anno. Dal ponte sul fiume Rio Ri, dopo esserci dissetati ad una fonte di acqua freschissima, si andrà verso il piccolo borgo di Ca’ Berna dove il 27 settembre del 1944 furono uccise dalle truppe tedesche 30 persone. Un cammino la cui trama è intessuta di parole e suoni: le riflessioni e i racconti di Pier Giorgio Ardeni, le letture da Romain Gary di Gianluca Guidotti, Enrica Sangiovanni e Alfredo Puccetti, le chitarre, le voci, i mandolini di Guido Sodo Mirco Mungari guidati da Patrizio Barontini. A Ca’ Berna sarà presnete, davanti a casa sua, il partigiano Antonio Bernardini, che all’epoca aveva 18 anni e nell’eccidio perse la madre: le sue parole ripercorrono il film dei ricordi come un nastro indelebile e la testimonianza prende corpo e lievita come pane da condividere, in silenzio, intorno al fuoco.

Ritrovo a partire dalle ore 14.30 in località Rio Ri, Ca' Berna, Lizzano in Belvedere.

Prenotazioni attive a questo LINK

La casa di Leila

Leila
la biblioteca degli oggetti
la biblioteca degli oggetti
locandina inaugurazione via serra.jpg

26 settembre 2020
INAUGURAZIONE DELLA CASA DI LEILA
dove condividere oggetti, saperi, esperienze

  • Dalle 15 parte un workshop a cui si potrà accedere su prenotazione a causa delle norme Covid (scrivere a info@leila-bologna.it). Abili artigiani come Luca Naldi di Bottega Radici | Gianluca Patrizi di Meninji | Gabriele Gamberini dell’Antica Vetreria Gamberini, metteranno in condivisione i loro talenti e le loro esperienze in un unico workshop in cui sperimentare le tre tecniche. L’obiettivo è creare un piccolo quadretto attraverso l’uso della falegnameria, delle vetrate artistiche e della serigrafia.
  • Alle 18 circa TAGLIO DEL NASTRO E BRINDISI con successivo tour (a piccoli gruppi) per visitare gli spazi.
Nessun evento