Bologna Estate c’è!

Il primo cartellone 2020 d’Italia comincia da qui, sarà un’estate di caseggiato nel segno della responsabilità. Si parte dal 15 giugno!

Leggi
NEWS

Il volo del colibrì. Storie di immaginazione civica dalle case di Bologna

Il programma di social tv in streaming sulla pagina Fb della Fondazione per l’Innovazione Urbana e su Radio Bologna Uno. Rivedi le puntate passate!

Leggi
Leggi tutte le notizie

Il treno del ricomincio

Un’opera d’arte creata dall’intera città, a cura di Cantieri Meticci
Il treno del Ricomincio Cantieri Meticci.jpeg

Andiamo. Ascoltiamo. AssemblEiamo

A partire dalla metà di giugno botteghe artigiane, narrative e itineranti ideate da Cantieri Meticci inizieranno il loro viaggio attraverso tutta la città. 

Trentasei piccoli tavoli distanziati, ombreggiati e attrezzati come altrettante postazioni individuali, permetteranno a chi desidera partecipare di esprimersi artisticamente sui temi che ciascuno sente come importanti in questa ripartenza, attraverso laboratori gratuiti guidati dagli artigiani e narratori di Cantieri Meticci.

Le botteghe itineranti toccheranno spazi all’aperto in tutti i quartieri della città: Piazza dei Colori, Piazza Lambrakis, Piazza Spadolini, Pilastro, Villa Aldini, Parco della Zucca, Villa Angeletti, Parco di Villa Torchi, Treno della Barca, solo per citarne alcuni.

Durante i laboratori i partecipanti creeranno manufatti, collages e narrazioni che verranno collocati dentro valigie artistiche che andranno poi a comporre una grande installazione, un “AssemblEaggio collettivo”: il Treno del Ricomincio.

Il Treno del Ricomincio sarà composto da tre vagoni di 8 metri ciascuno, in cui si terranno insieme passato presente e futuro, per ripartire da un’idea di cultura creata collettivamente e per dare voce alle tante meravigliose diversità della nostra città.

Il Treno del Ricomincio debutterà a metà luglio presso il Giardino Europa Unita, in via Faenza nel quartiere Savena e verrà usato come spazio espositivo, scenografia di spettacoli e concerti, luogo di laboratori per adulti e bambini, location per giochi culturali.

Nel corso dell’Estate bolognese verrà poi installato in altre location in via di definizione.

Tutti i laboratori sono gratuiti e non è necessaria nessuna conoscenza pregressa.

» Info e contatti: info@cantierimeticci.it / ufficiostampa@cantierimeticci.it / 339 5972782 / Facebook: Cantieri Meticci

Questa è Bologna

luoghi vari
ogni giorno tour guidati per turisti e bolognesi
ogni giorno tour guidati per turisti e bolognesi
QuestaèBologna-AgendaCultura.JPG

Bologna ha riaperto le sue porte e le attività turistiche stanno gradualmente riprendendo.  “Questa è Bologna” è la rassegna di itinerari guidati proposti da Bologna Welcome, in concerto con le Associazioni di Guide Confguide-ASCOM e Federagit-CONFESERCENTI. Una serie di tour inediti che faranno riscoprire ai visitatori e agli stessi bolognesi la città e i suoi dintorni, i segreti, gli angoli meno noti, ma anche il verde dell’area metropolitana.

Ogni giorno più tour partono dal punto informativo Bologna Welcome in Piazza Maggiore, privilegiando le fasce orarie tardo pomeridiane o serali. Diverse le proposte di visite in programma, a piedi ma anche in bicicletta, per tutti i gusti: famiglie con bambini, appassionati di storia e musica, amanti delle passeggiate in città e in collina o semplici curiosi. Le visite interessano sia Bologna, sia che le aree limitrofe, la pianura, la collina, l’Appennino e l’imolese. Un ventaglio di prodotti ricco e variegato, con oltre 40 tour diversi creati ad hoc per soddisfare la voglia di riscoprire il territorio e riprendersi la città dopo il periodo legato all’emergenza.

Di seguito i tour in programma dal 15 giugno al 9 luglio 2020:

Tour della settimana 15-21 giugno

  • Lunedì 15 giugno - Alla scoperta di Bologna porticata
  • Martedì 16 giugno - Celebri concittadine: il paradiso delle donne
  • Mercoledì 17 giugno - La peste a Bologna
  • Giovedì 18 giugno - Speziali, pozioni e antiche farmacie
  • Venerdì 19 giugno - Bologna Dotta - la dura vita degli studenti universitari
  • Sabato 20 giugno - “Agh fain un monument!” (Gli facciamo un monumento)
  • Sabato 20 giugno - Street art bike tour
  • Domenica 21 giugno - Bologna Profondamente Rossa

Tour della settimana 22-28 giugno

  • Lunedì 22 giugno - Bologna innamorata
  • Martedì 23 giugno - Il Liberty a Bologna
  • Mercoledì 24 giugno - Bologna ebraica
  • Giovedì 25 giugno - Cronaca nera, delitti e casi irrisolti
  • Venerdì 26 giugno - Bologna a luci rosse
  • Sabato 27 giugno - Oltre i portici: porte, battiporta, capitelli e terracotta
  • Sabato 27 giugno - Bologna e le teste di legno: la grande storia dei burattini
  • Domenica 28 giugno  - Il cinema e Bologna
  • Domenica 28 giugno - Bike tour al Parco della Chiusa

Tour della settimana 29 giugno-5 luglio

  • Lunedì 29 giugno - Artiste, beate, assassine: storie minori di donne bolognesi
  • Martedì 30 giugno - Architettura bolognese e Street Art - Dal ‘45 a oggi
  • Mercoledì 1 luglio - Bologna delle acque e del vino
  • Giovedì 2 luglio - Tour della massoneria
  • Venerdì 3 luglio - Itinerario pasoliniano fotografico e cinematografico
  • Sabato 4 luglio - I luoghi del BFC
  • Sabato 4 luglio - Bologna delle acque - Storie di porti e canali perduti
  • Domenica 5 luglio - Tra natura e architettura: una splendida cornice attorno alla città di Bologna

Tour dal 6 al 9 luglio

  • Lunedì 6 luglio - Le corporazioni medioevali
  • Mercoledì 8 luglio - Le facciate dei palazzi bolognesi
  • Martedì 7 luglio - Bologna fascista e partigiana
  • Giovedì 9 luglio - Fatti strani e leggende bolognesi

Quota tour di un’ora:
€10 intero, €8 scontato, gratis per i bambini di età inferiore ai 12 anni

Quota tour di due ore:
€12 intero, €10 scontato, gratis per i bambini di età inferiore ai 12 anni

I tour sono acquistabili presso il punto informativo Bologna Welcome o sul sito di Bologna Welcome, con riduzioni per i possessori di Card Cultura.


Maggiori dettagli sui singoli tour, orari, modalità di partecipazione ed eventuali aggiornamenti sul sito bolognawelcome.com

Cantastorie a domicilio

luoghi vari a Bologna
26 giugno – 11 luglio 2020
26 giugno – 11 luglio 2020
Cantastorie a domicilio.jpg

Cantastorie a domicilio è un progetto culturale e sociale sostenuto dal Comune di Bologna e  si rivolge a tutti i cittadini che desiderano condividere un racconto con amici, parenti, colleghi o vicini di casa. Il cantastorie arriverà nei cortili e giardini condominiali per raccontare con oggetti, pupazzi o piccoli teatrini una storia animata, adatta ad un pubblico di ogni età. Per prenotare e avere informazioni sulle narrazioni proposte scrivere all’ indirizzo mail: teatrinoaduepollici@gmail.com.

Un pomeriggio dal 26 giugno all’11 luglio sarà possibile concordare con i cantastorie una delle seguenti proposte a titolo gratuito:

  • Favole di carta - Lupus in fabula – teatrino, sagome e fiabe futuriste
  • Novelle per teatrino a bretelle: I tre consigli di Serafino– Marionette e teatrino a bretelle
  • Storie brevi in miniatura: U topi A spettacolo per uno spettatore alla volta. Per ragazzi e adulti.
  • Narrazioni a bordo della Triciclo teca. Il Mangiacarta o Il Buco delle emozioni. Spettacoli ispirati ad albi illustrati, accompagnati da un carico di libri da leggere e sfogliare sulla Tricicloteca.
  • Musica per marionette: Marionette in gamba o Pinocchio e il grillo danzante. Piccolo concerto con marionette e strumenti giocattolo. (adatto anche ai piccolissimi)
  • Teste di legno: Pulcinella e il cane o Pinocchio senza stivali. Spettacoli di burattini e marionette 
  • Lupi, galline, tartarughe e altri personaggi dei libri illustrati: Dormi tartaruga, La gallinella rossa

 Per prenotare e avere informazioni sulle narrazioni proposte scrivere a:
teatrinoaduepollici@gmail.com

Pezzettini

Trame Bookshop
inaugurazione della mostra di Francesca Mazzucato
inaugurazione della mostra di Francesca Mazzucato
pezzettini.jpg

Sabato 6 giugno dalle 12,30 in libreria inaugurazione della mostra Pezzettini di Francesca Mazzucato.

Francesca Mazzucato è una scrittrice e un'artista di collage che si firma "franceslou" in omaggio a Lou Andreas Salomè.
I suoi lavori sono intrecciati e collegati alla sua narrativa e ai suoi luoghi, tracce, appunti, scarti.
È nella direzione artistica del sito Paris Collage Collective, suoi lavori sono apparsi in riviste specializzate di settore e ha esposto a Rotterdam e a Barcellona. Quella di Trame è la sua prima personale.

La mostra sarà aperta fino all'autunno negli orari di Trame, e l'ingresso sarà permesso secondo le norme vigenti, con mascherina e distanziati. 
 

Un futuro più giusto

diretta Facebook
Fabrizio Barca  e Patrizia Luongo presentano il loro libro in diretta Facebook
Fabrizio Barca  e Patrizia Luongo presentano il loro libro in diretta Facebook
futuro.jpeg

Presentazione del libro 
UN FUTURO PIÙ GIUSTO.  Rabbia, conflitto e giustizia sociale

a cura di Fabrizio Barca - Patrizia Luongo (il Mulino).

Intervengono: Fabrizio Barca, curatore e coordinatore Forum Disuguaglianze e Diversità
Matteo Lepore, assessore Cultura e promozione della Città, Comune di Bologna e Marisa Parmigiani, direttrice Fondazione Unipolis. 

In collaborazione con Fondazione Unipolis

In diretta facebook dalla pagina di Libreria Coop Ambasciatori


 

Scienza aperta

Youtube
Ciclo di videolezioni a cura dell’Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna
Ciclo di videolezioni a cura dell’Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna
san domenico.jpg

L’Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna nei mesi di giugno e di luglio promuove online il ciclo di video-lezioni Scienza Aperta. E’ possibile seguire le videolezioni su 

Facebook
Youtube 

Calendario: 
Giovedì 5 giugno 2020: Pandemia  2020 Le voci dalla storia. La trincea di oggi
La conferenza sarà visibile sul seguente link: https://youtu.be/51H99loiBQ

Giovedì 11 giugno 2020 : GHISILARDI INCONTRI 2° incontro del ciclo Introduzione alla “Cosa Pubblica”
L’incontro si svolgerà online sulla piattaforma ZOOM  dalle 20.30,   servirà scaricare il programma e collegarsi al link (qualche minuto prima):https://zoom.us/j/92171075444

Giovedì 25 giugno 2020: 3° incontro del ciclo Introduzione alla “Cosa Pubblica”
L’incontro si svolgerà online sulla piattaforma ZOOM     dalle 20.30,   servirà scaricare il programma e collegarsi al link (qualche minuto prima): https://zoom.us/j/92171075444

In collaborazione con Istituto De Gasperi, Gioventù domenicana, AGESCI, MASCI
Info: Centro San Domenico - piazza San Domenico 12 - 40124 Bologna

tel 051 581718 - fax 051 3395252 - www.centrosandomenico.it

Una vita in sella

Libreria Ubik
Pier Roberto Dal Monte presenta  il suo libro
Pier Roberto Dal Monte presenta  il suo libro
9788833642284 (1).jpg

Pier Roberto Dal Monte presenta Una vita in sella. Storie, aneddoti e alcune considerazioni sulla bicicletta (Pendragon edizioni)

intervengono
Giancarlo Pizza (presidente dell'Ordine dei medici di Bologna) e
Simona Larghetti (presidente della Consulta della bicicletta di Bologna)

In questa raccolta di racconti la due ruote non è un mero mezzo di trasporto, bensì una compagna; la complice di avventure, più o meno lecite, che se non fossero state vissute in sella non avrebbero avuto lo stesso gusto e la medesima intensità.
Dalla Seconda guerra mondiale trascorsa sulla costa ligure alle gare lungo le salite dei colli bolognesi, la bicicletta ha accompagnato l'autore durante tutta la sua vita, anche quella professionale.
Commoventi e malinconiche, ma anche tragicomiche e divertenti, le storie qui narrate coinvolgono il lettore invogliandolo a pedalare - meglio se circondato dalla bellezza della natura - e ad arricchire le proprie conoscenze ciclistiche.
Dagli aspetti tecnici, all'impatto economico, dai vantaggi per la salute e l'ambiente fino alla letteratura ad essa dedicata: un piccolo, gradevolissimo manuale che affianca al piacere della narrazione la possibilità di addentrarsi nell'universo della bicicletta.
 
Pier Roberto Dal Monte, medico, è stato Capo del Dipartimento di Gastroenterologia degli Ospedali Bellaria e Maggiore di Bologna, e Presidente del Comitato scientifico di Unisalute. Ha scritto numerosi volumi e articoli sulle più importanti riviste di medicina.


Posti disponibili 20: è richiesta la prenotazione attraverso l'evento facebook o per email: bologna@ubiklibri.it.
L'incontro sarà trasmesso anche in diretta dalla pagina facebbok della libreria.
 

 

Pianofortissimo & Talenti

luoghi vari a Bologna
16 giugno - 6 luglio 2020 | rassegna di musica sotto le stelle
pianofortissimo.jpg

Il suono della musica, classica e jazz, tornerà a vibrare nelle serate culturali dell’estate bolognese a partire dal 16 giugno con la rassegna Pianofortissimo & Talenti, tra le prime realtà musicali della città a ripartire dopo il blocco delle attività dovuto all’emergenza Covid. Musica dal vivo sotto le stelle, all’aria aperta, nel Cortile dell’Archiginnasio e negli Antichi Orti di Via della Braina.
Dal 16 giugno al 6 luglio si susseguono i concerti della rassegna Talenti di Bologna Festival e della ottava edizione di pianofortissimo


I concerti della rassegna Pianofortissimo&Talenti saranno accessibili al pubblico nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni di legge. Il pubblico dovrà essere munito di mascherina e all’entrata saranno messi a disposizione gel disinfettanti; al fine di garantire il necessario distanziamento interpersonale, i luoghi di concerto risultano a capienza ridotta.   In caso di maltempo tutti i concerti, inclusi quelli previsti agli Antichi Orti di Via della Braina, si terranno nell'area porticata del Cortile dell'Archiginnasio. 
 
SERVIZI DI BIGLIETTERIA Il biglietto potrà essere acquistato online su www.vivaticket.it o in prevendita presso Bologna Welcome (piazza Maggiore 1/E tel 051.231454. Tutti i giorni dalle 11 alle 19, Domenica dalle 10 alle 17). Nel momento dell’acquisto, per garantire la massima tracciabilità, sarà d’obbligo fornire i dati personali che verranno controllati all’ingresso, la sera stessa del concerto.  La sera stessa del concerto, presso le sedi di concerto, non sarà possibile acquistare biglietti. Prezzo dei biglietti per tutti i concerti: Intero € 15 / Under 30 € 8 (con maggiorazione di prevendita)

Cineporto Kids

Parco 11 settembre 2001
9 – 28 luglio 2020 | attività per i bambini e le bambine al Parco 11 settembre 2001 – Bologna
9 – 28 luglio 2020 | attività per i bambini e le bambine al Parco 11 settembre 2001 – Bologna
cineporto-stampa.png

Anche quest’anno CinePorto Boff, rassegna estiva volta all’animazione del Parco 11 settembre 2001, dedica una parte rilevante della programmazione alle attività per i bambini e le bambine, grazie alla collaborazione con l’Associazione Dry-Art, che da anni promuove nell’area della Manifattura delle Arti attività culturali e di socializzazione, attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori che animano il territorio. Laboratori, letture teatralizzate e musicate, spettacoli di giocoleria e magia sono le iniziative proposte ad accesso gratuito nel mese di luglio

dalle ore 18:00 al Parco 11 settembre 2001 - Bologna

giovedì 9 luglio
Piccoli cerchi per grandi storie a cura di Lelaracconta
Lettura animata di due storie e da gioco motorio conclusivo.
» Età indicata: 2 / 8 anni


lunedì 13 luglio
Fiabe a manovella a cura di Wanda Circus
Tratto da Le fiabe italiane di Italo Calvino, racconti animati che includono il coinvolgimento attivo del pubbico. Gran finale con bolle di sapone. Musiche con Organetto di Barberia.
» Età indicata: 5 / 11 anni


mercoledì 15 luglio
Giocolè a cura di Carlo Milizia
Spettacolo di magia e giocoleria
» Età indicata: 5 / 11 anni


lunedì 20 luglio
Fiabe a manovella a cura di Wanda Circus
Tratto da Le fiabe italiane di Italo Calvino, racconti animati che includono il coinvolgimento attivo del pubbico. Gran finale con bolle di sapone. Musiche con Organetto di Barberia.
» Età indicata: 5 / 11 anni 


lunedì 27 luglio
Piccoli cerchi per grandi storie a cura di Lelaracconta
Lettura animata di due storie e da gioco motorio conclusivo.
» Età indicata: 2 / 8 anni

martedì 14, 21 e 28 luglio
Le parole nelle mani - Imparare giocando con la lingua dei segni.
Servizio di interpretariato cura dell’Associazione Farm.
» Età indicata: 5 / 10 anni

Nel rispetto delle norme vigenti si è pensato di limitare il numero di partecipanti e di contrassegnare la postazione degli spettatori con l’ausilio di piccoli cerchi.
Per consentire al maggior numero di bambini/e possibile di assistere alle performance, le storie verranno ripetute tre volte.


Durata dell’intervento
1 ora e 30 minuti
20 minuti a gruppo
3 gruppi, di 8 bambini ciascuno

Prenotazioni: dry-art@dry-art.com 

In caso di pioggia consultare il sito o la pagina Facebook @associazioneDryArt


CINEPORTO KIDS è una rassegna per bambini/e a cura delle Associazioni Dry-Art e Farm

L’iniziativa fa parte della 10^ edizione di CINEPORTO BOFF 2020, rassegna nell’ambito di Bologna Estate 2020, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna - Destinazione Turistica. Collabora L’Altro Spazio.

Caccia all'omo

L'altra sponda del Cassero | Cassero LGBTI Center
Simone Alliva presenta il suo libro
Simone Alliva presenta il suo libro
caccia all'omo.jpg

Fandango Libri, Cassero LGBTI Center IGOR Libreria nell’ambito di Bologna Estate 2020 presentano
 
CACCIA ALL'OMO: Viaggio Nel Paese dell'Omofobia  (Fandango Libri)

l'autore Simone Alliva ne parla con Vincenzo Branà

Apertura ore 18,30, inizio presentazione ore 19

Evento realizzato all'interno del Patto generale di collaborazione per la promozione e la tutela dei diritti delle persone e della comunità LGBTQI nella città di Bologna.

“Questo libro non vuol essere niente di più di ciò che è: un’inchiesta giornalistica. Una finestra e uno specchio. Sulla vita delle persone Lgbt, su quello che è diventato il Paese che ha dichiarato silenziosamente la caccia a fratelli e sorelle, figli e figlie. Insulti, aggressioni, morti sono solo una scia e illuminano una grande domanda: perché?”
 

I racconti del leone

Le Serre dei Giardini Margherita
Kinder Wonder
Kinder Wonder
MG_2954.jpg

Torna I racconti del leone, l’appuntamento settimanale di promozione della lettura, per garantire ai più giovani l’accesso a libri di alto livello letterario e artistico.
A cura di #KilowattBaby.

Gli incontri di lettura saranno realizzati con la tecnica del Kamishibai, che ha lo scopo di coinvolgere attivamente il pubblico attraverso la narrazione di storie mediante l’uso di un piccolo teatro itinerante.
Il Kamishibai è un antico metodo giapponese di raccontare storie. Si tratta di un valigetta di legno nella quale vengono inserite delle tavole stampate sia davanti che dietro: da una parte il disegno visto dallo spettatore e dall’altra il testo letto dal narratore.
Il Kamishibai è uno strumento efficace per avvicinare alla lettura, che affascina bambini e adulti.
Gli incontri previsti, a ingresso libero, prevedono il racconto di storie e, a seguire, un laboratorio annesso.

9 luglio ore 18.30
Cos’è? di Eleonora Cumer [Artebambini, 2014]

Cos’è? È forse una nuvola, un frutto maturo, un buffo personaggio? In realtà è tutto questo: è la storia di una macchia, un piccolo pezzo di carta, che può essere ogni cosa, basta usare la fantasia. Un invito ai bambini, piccoli e grandi, ad usare l’immaginazione per creare fantastiche storie partendo da un piccolo pezzetto di colore.
Nel corso del laboratorio i bambini accetteranno l’invito di Eleonora Cumer ed inventeranno personaggi, storie partendo da un pezzetto di carta.

16 luglio ore 18.30
In questa storia c’è… di Eleonora Cumer 
[Artebambini, 2015]

In questa storia c’è… Già, chi c’è? Un divertente libro per i più piccoli, con sagome tutte da indovinare, per scoprire insieme cosa può succedere dietro l’angolo di una storia. Attraverso il laboratorio i bambini si divertiranno a realizzare delle sagome con la tecnica dello stencil. 

23 luglio ore 18.30
L’uomo che misurava le nuvole di Paola Franco
 [Artebambini, 2014].

C’è un signore noto in città come “quello che misura”: gli piace misurare la fantasia dei bambini, i ricordi dei passanti, le risate delle donne… Ma la sua vera passione è misurare le nuvole!
In seguito alla lettura ciascun bambino realizzerà un righello per poter misurare la realtà che lo circonda.

30 luglio ore 18.30
La tartaruga invidiosa di Agnese Fusaro, Gabriella Manna, Giulia Castello
[Artebambini]

In questa fiaba della tradizione tibetana si narra la vicenda della tartaruga che di fronte al leone delle nevi, re degli animali, ammette di essere stata ingrata nei confronti di chi voleva aiutarla, per colpa della sua invidia.
Attraverso il laboratorio ciascun bambino realizzerà una tartaruga con la tecnica degli origami.

resiDANZE di primavera

Teatri di Vita
15 – 27  giugno 2020
residenze.jpg

Si riaprono i teatri e a Bologna si ricomincia dalla danza con la quarta edizione delle “resiDANZE di primavera”: quattro compagnie in residenza artistica presenteranno i loro studi, insieme a due compagnie ospiti, mentre l’inaugurazione, esattamente il 15 giugno (giorno di riapertura dei teatri in Italia) sarà simbolicamente nel nome di Pina Bausch, nell’80esimo anniversario della nascita, e della sua “Nelken-Line”, che attraverserà Bologna per oltre 4 chilometri come happening urbano di riappropriazione artistica della città dopo i mesi del lockdown e dei divieti. Al termine della camminata, a cui parteciperanno artisti, spettatori e cittadini, andrà in scena uno spettacolo sul labirinto a cura del Laboratorio di Teatri di Vita, e a seguire sarà riproposto il film di Wim Wenders “Pina”.

Nei due weekend successivi (19-20 e 26-27 giugno), accanto agli spettacoli di Paola Bianchi e di Carlo Massari / C&C Company, sarà possibile assistere ai primi studi dei nuovi spettacoli di Daniele Ninarello con le canzoni live di Cristina Donà, e inoltre di Bambula Project, Cie Essevesse e Sara Marasso con Stefano Risso.

Tutto avverrà negli spazi all’aperto del Parco dei Pini e di Teatri di Vita (via Emilia Ponente 485, Bologna tel. 333.4666333) con le distanze e le norme di sicurezza garantite dal filo di Arianna che delimiterà spazi e percorsi, in una vera e propria “estate appesa a un filo”, che proseguirà dal 2 luglio con il festival “Cuore d’Italia”.

La rassegna “resiDANZE di primavera” rientra nel progetto interregionale di Residenze Artistiche – Artisti nel territorio, realizzato da Teatri di Vita con il contributo della Regione Emilia Romagna e del MiBACT.

Abbonamento giugno-agosto: 39 euro. Biglietto giornaliero (tre eventi): 12 euro. Film: 5 euro.

L’Altra Sponda del Cassero | Luglio

Giardino del Cavaticcio - Area Cassero
gli appuntamenti in progamma dal 2 al 31 luglio 2020
gli appuntamenti in progamma dal 2 al 31 luglio 2020
Bologna Estate_Altra Sponda Cassero Cover con Loghi.jpg

Negli spazi del Giardino del Cavaticcio si alternano le varie anime che compongono Il Cassero LGBTI Center, un'offerta che vede momenti di dibattito, incontri e think tank, intrattenimento, presentazione di libri e di ascolto di musica.


PROGRAMMA DI LUGLIO

Giovedì 2 luglio 2020 – H 19:00
Libreria Igor e Famiglie Arcobaleno presentano
“PAPA’ PER SCELTA” (Ultra Ed.) di Christian De Florio e Carlo Tumino


Venerdì 3 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
CAUSA METEO L’EVENTO E’ ANNULLATO
(sarà riprogrammato in data da destinarsi)

Luftraum Gate (dj set)
File under: house, electro, IDM, electro


Sabato 4 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Trash For Free In The Garden: selezione musicale di Fiandrix


Domenica 5 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Easy Sunday: aperitivo con sottofondo musicale


Giovedì 9 luglio 2020 – H 19:00
Libreria Igor presenta “CACCIA ALL’OMO” di Simone Alliva (Fandango Ed.), con la partecipazione di Vincenzo Branà


Venerdì 10 luglio 2020
H 18:30 - 21:30: Diana Bludura dj set
H 21:30 - 23:30 Elio Biffi (Pinguini Tattici Nucleari) legge Borges – lezione interattiva di Zoologia Fantastica.  Evento realizzato in collaborazione con We Reading


Sabato 11 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
McNill dj set


Domenica 12 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Easy Sunday: aperitivo con sottofondo musicale


Giovedì 16 luglio 2020 – H 19:00
Libreria Igor presenta “INVECE CHE UNO” di Federico Muzzu (Arkadia ed.)


Venerdì 17 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Wawashi Deejay (dj set)
File under: disco, house, italo disco, acid


Sabato 18 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Vontroy Dj Set


Domenica 19 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Easy Sunday: aperitivo con sottofondo musicale


Giovedì 23 luglio 2020 – H 19:00
Libreria Igor presenta “LE SEMPLICI COSE” di Accardi e De Giovanni (Feltrinelli Comics)


Venerdì 24 luglio 2020
Sarabandamelah! Lo show musicale di Diana Bludura


Sabato 25 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Vontroy Dj Set


Domenica 26 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
Easy Sunday: aperitivo con sottofondo musicale


Giovedì 30 luglio 2020 – H 19:00
Centro di Documentazione “Flavia Madaschi” presenta “E sono qui per reclutarvi tutti”
reading e dj set a cura di Vincenzo Branà e Madlen


Venerdì 31 luglio 2020 – H 18:30 - 23:30
effeinblue (dj set)
File under: avant pop, elettronica, synth pop



L’apertura dell’Altra Sponda è dalle 18:30 alle 23:30


Modalità di prenotazione
E' possibile prenotarsi nelle giornate di apertura della rassegna chiamando il numero 353 4090534 dalle ore 16:00 alle 18:00. Il servizio è attivo da giovedì a domenica.


Maggiori informazioni suI sito e sui canali social:

www.cassero.it

www.facebook.com/casserolgbticenter

www.instagram.com/casserolgbticenter


Gli eventi della rassegna si svolgono al Giardino del Cavaticcio – area Cassero. In caso di pioggia saranno annullati.

Le metafore della luce

Podere Canova
Estate al Podere Canova sui Colli
Estate al Podere Canova sui Colli
Carlo-Monaco_part.jpg

Le metafore della luce
Conversazioni filosofiche con il prof. Carlo Monaco

In collaborazione con Università Primo Levi di Bologna

Il giovedì ore 19 – 21 

  • 2 luglio La luce divina: Apollo, Fiat lux, il Paradiso dantesco
  • 9 luglio La luce razionale: evidenza cartesiana, cos'è l'illuminismo?,  I. Kant
  • 16 luglio Aurora e tramonto: F. Nietzsche e O. Spengler
  • 23 luglio La città del Sole: T. Campanella, T. More, il sole dell'avvenire
  • 30 luglio La luce lunare: I. Calvino, G. Leopardi, il crepuscolo degli dei di R.Wagner

Vicini di casa. Vicini o distanti?

Parco San Donnino
PILAR – Il Pilastro incontra la città
PILAR – Il Pilastro incontra la città
fucsiateatro-2.jpg

Laboratorio di Teatro dell’Oppresso (TDO) dedicato al tema del vicinato, a cura di FUCSIA TEATRO (IAM)

“VICINI DI CASA. Vicini o distanti?”

conducono Gaia Chon e Jonathan Mastellari

Nell’ambito di PILAR – Il Pilastro incontra la città


Il teatro dell’oppresso è un metodo teatrale che può essere svolto da chiunque, anche da chi non ha nessuna esperienza nel teatro o da chi non crede di avere una buona espressività o dimestichezza con il proprio corpo.
Il laboratorio, totalmente gratuito e adatto ad ogni tipo di motricità, ha l’obiettivo di discutere sulle dinamiche del vicinato, sia di abitazione che di spazi comuni pensando a come ri-pensare la condivisione degli spazi, i dissapori e i contrasti, grandi o piccoli che siano. Si è deciso di parlare di questo tema poiché lo riteniamo molto attuale in questo periodo storico dove il vicinato è stato potenzialmente una risorsa ma anche una condivisione di spazi forzata. Ogni incontro si apre e si chiude, quindi non è indispensabile la partecipazione a tutti e tre gli incontri anche se si cercherà di seguire un filo conduttore che permetta di approfondire sempre di più la tematica.


  • 9, 16 e 23 luglio 2020, ore 19.00 – 20.45
  • Parco San Donnino (ritrovo alle 18.45 alla fermata del bus 20 direzione “centro / Casalecchio)
  • Partecipazione gratuita
  • Prenotazione obbligatoria con mail a intersecionalitiesandmore@gmail.com o con WhatsApp 339/3389448.

La Tradizione spirituale delle Ande del Perù

Ai 300 scalini
incontro | InsOrti - La quinta estate
incontro | InsOrti - La quinta estate
Serata introduttiva sulla Tradizione spirituale delle Ande del Perù.jpg

La Tradizione spirituale delle Ande del Perù

Serata introduttiva sulla Tradizione spirituale delle Ande del Perù  - Antichi insegnamenti e tecniche energetiche conservate nel tempo e tuttora praticate e trasmesse oralmente nell'ambito indigeno della zona montuosa del Perù, principalmente nella regione del Cusco e presso la Nazione Q'ero.

A cura di Katia Frattini


dalle ore 19.00 alle ore 20.30

€ 10

Info e prenotazioni: katia 370-3293194 (preferibile il contatto telefonico) / e-mail: tradizioneinka@libero.it

CommediEstate – Fraternal Compagnia c'è

Cava delle Arti
dal 16 giugno al 30 agosto 2020
Lavorazione Maschere_FraternalComp.jpg

Il Festival Commediestate – maschere vive in città è giunto all’ottavo anno, e dato il difficile momento per la cultura, si presenta obbligatoriamente in edizione speciale. Un segnale forte di presenza che la compagnia desidera dare dopo aver interrotto la programmazione invernale, aver perso le possibilità di partecipare al festival di Avignone in Francia e di Belfast in Gran Bretagna, e la progettazione in collaborazione con la Città Metropolitana e l’Ente Gestione Parchi.

L’ampio cortile con giardino presso la CAVA delle ARTI - 210 mq di cui 160 adibiti alle sedute distanziate per il pubblico, in via Cavazzoni 2/g 40139 Bologna - è una opportunità di tornare a fruire del teatro in città all’aperto, in tutta sicurezza, che la compagnia intende sfruttare a pieno con una programmazione ininterrotta dal 16 giugno al 30 agosto (unico giorno di pausa il lunedì).

Tra le novità la nuova produzione Verba Volant Doctor Manet, spettacolo sul dott. Balanzone scritto e diretto da Massimo Macchiavelli, con musiche dal vivo di Umberto Cavalli, che apre la rassegna (16-21 Giugno) e i martedì dAlle donne - Ogni martedì dal 23 giugno, a cura di Alessandra Cortesi e Tania Passarini, in collaborazione con ArteFragile e Gaia Società. Un’offerta che nasce dalla sensibilità femminile per arrivare alla comunità; un ventaglio di proposte vario che si articola tra riflessione ed intrattenimento per una percezione del femminile più consapevole e rinnovata attraverso narrazioni spontanee ed autentiche o a volte più spettacolari. Il Capitan Fracassa, produzione realizzata per il Festival di Avignone 2019, sarà la principale proposta dell’intero periodo estivo (dal 24 giugno al 19 luglio). Seguiranno Bertoldo e il suo Re, Cabaret...che passione!, Masquerade Mask, Canovacci d’estate, l’ospite da Milano Carlo Decio con Odisseo per la regia del Maestro Mario Gonzales e l’ospitalità delle realtà del Tavolo Cultura Bologna organizzato da Arci e AICS e delle realtà del Quartiere Savena (ultima settimana di agosto): Mi manca l’11 con Laura Spimpolo dell’Ass. Gaia Società, A lezione da Mozart con Giada Maria Zanzi e il gruppo sol Omnibus, Barriere Zero con I got the blues, Buddy!, Il gruppo di Lettura San Vitale con L’osteria di Truffaldino e il gruppo Musicale Villamazzacorati.

L’apertura avverrà già dalle ore 19 con l’allestimento della Mostra di maschere in cuoio, un artigianato antico tipicamente italiano che sarà arricchito da brevi performance, che mostreranno l’uso delle stesse maschere in scena, con gli attori di Fraternalcompagnia. Luca Comastri oltre a presentare la Mostra terrà un Corso di lavorazione del cuoio al termine del quale ogni partecipante potrà tenere la propria maschera. Verranno organizzate parate e scorribande lungo le vie e centri commerciali dell’area Savena con periodiche incursioni nelle piazze e nei luoghi significativi della città con il Teatro alle finestre. 

l Festival si svolgerà nel rispetto dei protocolli Regionali, il pubblico sarà accomodato su tavolini distanziati, i pagamenti possibili con Satispay, Pos e bonifico per limitare i contanti.

Ingresso 10 euro (tranne I martedì dAlle donne che sono a entrata libera)

.

INFO E PRENOTAZIONI per il PUBBLICO

Prenotazioni: 3492970142 (anche whatsup) - segreteria@fraternalcompagnia.it

Acquapark by night

Villaggio della Salute Più
ogni venerdì e sabato, dal 19 giugno al 29 agosto 2020
ogni venerdì e sabato, dal 19 giugno al 29 agosto 2020
villaggio-della-salute-serate.jpg

Tutti conoscono il grande Acquapark del Villaggio della Salute Più, cuore della “natura world” della Val Sillaro. Il parco è aperto tutti i giorni, dalle 10 alle 20, con tanta acqua e tanto verde per godersi in modo salutare un clima privo dello smog cittadino e ricchissimo di ossigeno, parte di un territorio riconosciuto SIC (Sito di Interesse Comunitario) per la biodiversità.

La sera al Villaggio, ogni venerdì e sabato sera dalle ore 19.30, c’è l’Acquapark by night con l’apertura serale della piscina anti-age esterna e dell’ampio spazio verde all’intorno.


ogni venerdì e sabato dal 19 giugno al 29 agosto 2020
ore 19.30 – 01.00

Ingresso € 10

Il biglietto si fa online su www.villaggiodellasalute.it. Consigliata la prenotazione scrivendo a prenota@villaggiodellasalute.it

In caso di pioggia l’evento viene annullato (sono comunque aperte dalle 20 fino all’una le adiacenti Terme dell’Agriturismo, con tariffe e modalità di accesso differenti).

PROGETTO HOME_ospitalità e residenze per artisti del territorio

Casa e Parco del Paleotto
La Terra del Corpo
La Terra del Corpo
Home_be.jpg
  • Restituzione residenza artistica di Michal Mualem e Giannalberto De Filippis giovedì 2 Luglio, ore 19.30 
  •  InCombo | Restituzione residenza artistica con Chiara Andreoni e Linda Vinattieri giovedì 9 Luglio, ore 19.30 
  • Flavia Zaganelli | “No Title” Performance 16 Luglio ore 19.30 
  •  Live Practice #14 | Pratiche improvvisative con Collettivo Laagam, e Minus-Collettivo di improvvisazione | conducono Francesca Siracusa e Erica Meucci, 12 Luglio ore 19.45. 

Gratuito

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE: è consigliabile prenotarsi con i seguenti contatti 051 443494 | 370 366 4343 | promozione@ekodanza.it | fb Selene Centro Studi formazione alla danza contemporanea

Musica strumentale + Cantautori

Casa del Custode del Parco di Villa Ghigi
L'eco della prima collina
L'eco della prima collina
Giovanni Ghizzani_part.jpg

la rassegna musicale de "la casa del custode" dedicata alla musica strumentale ore 20.00

giovedì 2 luglio : Giovanni Ghizzani piano solo
Giovanni Ghizzani presenterà alcune rivisitazioni di grandi classici della tradizione del Jazz, spaziando dallo swing ai ritmi della musica Sudamerica
giovedì 9 luglio : Musica delle ande – Los Pandinos Duo
Los Pandinos. Duo composto da Nicola Miele (chitarra) e Monique Mizrahi (charango) propone un repertorio di musica andina da Cile, Bolivia, Perù e Argentina,toccando i principali ritmi e generi della zona (bailecito,cueca,huayno,chacarera) in chiave strumentale. 
giovedì 16 luglio: Walking By - Falk Jazz Trio
Michele Tavian (chitarra), Francesca Alinovi (contrabbasso) e Filippo Lambertucci (batteria) uniscono le proprie esperienze musicali per dare vita a brani inediti che, pur rimanendo all’interno del mondo
jazzistico, ci accompagneranno in un viaggio che ci farà esplorare un interessante incontro tra musica folk e jazz.
sabato 25 luglio : Francesca Bolognese arpa sola
Dalla musica classica di fine '800, alle melodie irlandesi e sonorità spagnole.... Un viaggio musicale attraverso l'arpa, strumento magico che regala infinite emozioni suonata da Francesca Bolognese, arpista di Bolzano.
giovedì 30 luglio : Giulia Barba & her trio sax
Trio di fiati composto da: Giulia Barba al sax baritono, Canio Coscia al sax tenore e contralto, Daniele DAlessandro al clarinetto basso. Il trio esegue esclusivamente brani originali o arrangiamenti originali, musiche composte da Giulia Barba e Daniele D'Alessandro. La particolarità del gruppo sta nell' innovativo uso dello strumento a fiato che cambiano spesso ruolo durante il brano, da solista ad accompagnatore a sezione ritmica.
 

cantautori ore 20.30:

sabato 25 luglio : giardini di pietra project feat. Francesca Bolognese & Giulia Barba
venerdì 28 agosto : la casa di pietra - tributo a Fabrizio de Andrè "crêuza de mä"

evento speciale in data da definire :
*Carlo Maver e i suoi ospiti Kalifa Kone e Vanghelis Merkouris in concerto*


Inoltre tutti i mercoledì sera ore 21.30 musica live con "Euyvossé"


Gli spettacoli sono tutti gratuiti. È obbligatorio sottoscrivere la tessera della nostra associazione. Costa 5 euro e dura fino alla fine della stagione.

PER PRENOTARE
casadelcustodevillaghigi@gmail.com
tel. 366.1940671

La Casa del Custode è punto di ristoro pertanto è importante specificare se si prenota per l'evento o per la cena.

Cuore d’Italia

Teatri di Vita
2 luglio – 2 agosto 2020 | L’estate appesa a un filo
FB_Post__CUOREITALIA.jpg

Torna anche quest’estate il festival internazionale di Teatri di Vita. Gli italiani escono di casa dopo il lockdown e l’Italia che trovano è come un Paese straniero. Il “teatro di reportage” che ci porta ogni anno a raccontare altri orizzonti culturali, sociali e politici, quest’anno ci porta a scoprire un Paese nuovo e inedito: l’Italia. Per cinque settimane, dal giovedì alla domenica, gli spazi all’aperto di Teatri di Vita racconteranno diversi aspetti del nostro Paese, attraverso il teatro, il cinema, la musica, l’arte, le parole, con l’ormai classica impostazione che negli anni passati ci ha portato dall’Argentina all’Iran, dalla Grecia alla Palestina, dalla Scandinavia al Giappone. 

Il festival “Cuore d’Italia” prenderà il via giovedì 2 luglio e terminerà domenica 2 agosto: 20 serate con teatro, danza, musica, cinema, arte, scrittura, incontri, cibo e relax, per riscoprire un Paese che vuole rialzarsi dopo il lockdown.

Tutto avverrà negli spazi all’aperto del Parco dei Pini e di Teatri di Vita con le distanze e le norme di sicurezza garantite dal filo di Arianna che delimiterà spazi e percorsi.

Abbonamento 39 euro.
Biglietto giornaliero (tre eventi): 12 euro 

Film: 6 euro

Lavoropiù SANMARtime

Chiostro della Basilica di San Martino Maggiore
Risate e note nel Chiostro: l’Estate di San Martino | 4 - 12 luglio 2020
Risate e note nel Chiostro: l’Estate di San Martino | 4 - 12 luglio 2020
logo.jpg

Rassegna di stand up comedy e live music

Riapre agli spettacoli dopo molti anni lo storico e suggestivo chiostro medievale della Basilica di San Martino Maggiore di via Oberdan 25, già arena estiva cinematografica e teatrale, in pieno centro a Bologna. Per l’occasione saranno disponibili 160 posti a sedere nel pieno rispetto delle vigenti normative con prenotazione obbligatoria sulla piattaforma Eventbrite.

» prenota il tuo ingresso qui

Otto serate (apertura ore 20 inizio spettacoli ore 21) in compagnia di nuovi e giovani talenti della comicità nazionale e della musica, alcuni al loro debutto bolognese, all’insegna dell’intrattenimento puro e del divertimento: un vento fresco per spazzare via i cattivi pensieri in un luogo da riscoprire e restituire ai bolognesi.

Sul palco - per la direzione artistica di Emilio Marrese con Musica Insieme - si alterneranno stand up comedian (rispettando una perfetta par condicio tra donne e uomini) dalla già collaudata esperienza televisiva nei maggiori programmi di cabaret dei canali nazionali Rai, Mediaset e Sky. 

Da sempre attenta alla valorizzazione dei giovani talenti, Musica Insieme ha ideato per Lavoropiù SANMARTime una proposta artistica all'insegna dell'originalità dei programmi musicali, percorrendo repertori diversi, dalla classica alla popular music e al rock. Sul palco si alterneranno giovani interpreti ed ensemble, per offrire una vetrina alle migliori energie creative del territorio.

Il Chiostro di San Martino, già arena cinematografica parrocchiale negli anni 70 e 80, ha ospitato varie rassegne estive di successo fino al 2010 a partire dal 1989, con “Il Cortile di Croda” dei Gemelli Ruggeri. Poi soltanto alcune esibizioni musicali sporadiche. Sul palco del chiostro in passato sono saliti personaggi come Franca Valeri, Mario Scaccia, Pippo Delbono, Licia Maglietta e Toni Servillo.


Apertura ore 20 inizio spettacoli ore 21

Tutte le serate sono a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria 

Drink&Food by San Martino Bistrot 

Organizzazione Laboratorio delle Idee.
Il programma, sostenuto dal main sponsor Lavoropiù col contributo di Comune di Bologna, Illumia, Bper Banca, Auto Commerciale Volskwagen e Genoma Films e la collaborazione tecnica di RadioSata, Omnia Photo, Flora2000 e TMA, propone al pubblico dell’Estate bolognese un format brillante per allietare le serate della nostra città con proposte e personaggi che ambiscono a offrire qualcosa di nuovo.


  • Sabato 4 luglio

CELLOPHONICS
(Enrico Mignani, Tiziano Guerzoni, Jacopo Paglia, Alberto Cavazzini violoncelli).Grandi classici della canzone e della popular music in originali rivisitazioni per quartetto di violoncelli
Johnny PALOMBA in “Recinzioni e altre amenità”
Critico cinematografico colombiano dall’oscuro passato, in scena mascherato: irresistibili le sue recensioni in romanesco


  • Domenica 5 luglio

Manuel ZITO - Arpa
Un approccio originale al sound dell’arpa, in grado di spaziare dalla world music ad affascinanti commistioni di repertorio classico ed etnico
Chiara MOSCARDELLI in “Volevo essere una vedova”
Le spassose disavventure sentimentali di una scrittrice umoristica in un mondo che non perdona le single
Francesco ARIENZO in “Maschio adorabile poco virile”
Comico napoletano finalista di Italia’s Got Talent: il suo è lo spettacolo di un uomo serenamente inadeguato che nonostante le sue frustrazioni, le sue debolezze e i suoi fallimenti, non si è mai sentito meglio di così.


  • Lunedì 6 luglio

Kairos Guitar Quartet
(Carlos Rivero Campero, Ettore Marchi, Francesco Aquino, Serena Di Pede chitarre). Il quartetto “a pizzico”, formatosi a Bologna, racconta la storia della musica da Bach a de Falla, tra repertorio e tradizione gitana.
Velia LALLI in “Una donna senza qualità”
Stand up comedian romana dalla lunga esperienza televisiva (Comedy Central, Sky, Rai). Nel momento in cui si parla tanto di donne, lei le vuole armate dell’arma più potente che conosce: la goliardia. Fornendo un prontuario di battute sferzanti da appuntarsi e utilizzare in caso di “necessità”.


  • Martedì 7 luglio

Outsider Swing Quintet
(Mike Alfieri sax tenore flauto, Nicola Vianelli tastiere, Vittorio Stefoni chitarra Lodovico Sartarelli basso elettrico, Maurizio Cervellera batteria)
Band composta da medici e infermieri del Policlinico Sant’Orsola e da volontari di BolognAIL: si esibiscono in un repertorio tra jazz e swing per sostenere la ricerca
Chiara Becchimanzi in “Fearless”
Attrice, autrice, regista, stand up comedian e progettista culturale. Premio Comedy Roma Fringe Festival 2016, Coppa Solinas Roma Comic Off 2017. Nel cast di “Stand Up Comedy” (Cimedy Central) e “Battute?”, Rai2. Il suo show è una terapia di gruppo che coinvolgeo il pubblico in un irresistibile vortice di paradossi. Stereotipi dissolti, trasformazione dei modelli da seguire, una scanzonata tracotanza e, come in ogni terapia, un finale assolutamente aperto.

Mercoledì 8 luglio riposo o eventuale recupero maltempo


  • Giovedì 9 luglio

Duo Saphir
(Veronica Rodella flauto, Stefano Borghi clarinetto). Le sonorità suadenti di questo originale duo di fiati riscoprono melodie e ritmi della tradizione popolare, dalla classica, al tango, allo swing
Giulia QUADRELLI in “Tette, torri e terapia”
Attrice e autrice bolognese, fa parte della compagnia Ginkgo Teatro, lavora anche per il cinema e la televisione. Dal 2019 partecipa a #narrandoBO, progetto periodico di storytelling e stand up comedy dedicato alla nostra città, che nel suo show racconta con affetto, sarcasmo e autoironia.


  • Venerdì 10 luglio

Trio Mariquita
(Consuelo Castellari violino, Nicoletta Bassetti violino e vi ola, Giulia Costa violoncello). Tre musiciste ad arco dal repertorio estremamente vasto, dalla classica alle colonne sonore e al tango, fino alla rilettura di brani pop e rock
Stefano RAPONE in “Spettacolo annullato”
Comico e autore romano, ha partecipato ai programmi "Battute?" su Rai 2, "Mai Dire Talk" con la Gialappa's Band, "Natural Born Comedians", "Stand Up Comedy", "CCN - Comedy Central News" ed è autore per il Trio Medusa. Il suo monologo sull’attualità e sui temi classici del genere si caratterizza per lo stile originale.


  • Sabato 11 luglio

“DON’T TELL MY MOM”
Cinque minuti sul palco per raccontare una storia che non diresti a tua madre… Un format collaudato per le divertenti confessioni di alcuni scrittori e autori e bolognesi: Marcello DOMINI, Gianluca MOROZZI, Alberto PIANCASTELLI, Alessandro PILLONI e Filippo VENTURI (presenta Silvio PERFETTI)
Federico POGGIPOLLINI in “Rockdown”
Chitarrista rock bolognese, con Ligabue da oltre 25 anni, presenta in anteprima il suo ultimo disco “Canzoni rubate”, raccolta di cover elaborate nel suo stile


  • Domenica 12 luglio

Cristina CHINAGLIA in “Moriremo tutti ma tu di più”
Monologhi liberi. Monologhi agrodolci. Pezzi che parlano di noi. Pezzi che non si capacitano di esistere un giorno e domani non più. Attrice e stand up comedian che "si costerna, s'indigna, s'impegna, poi getta la spugna con gran dignità"
Francesco BRANDI in “Riflessioni sotto l’ombrellone” 
Attore e autore teatrale veneto del Teatro Parenti di Milano, ha lavorato con Nanni Moretti, Paolo Virzì e Pupi Avati. Il suo show è una riflessione sull’impossibilità di guardarsi allo specchio
Dema Dj Set
Nu-disco one meter away: disco music degli anni Duemila per ballare a distanza di sicurezza

1968

Mercatino Albani
Dianella Bardelli presenta il suo libro
Dianella Bardelli presenta il suo libro
1968.2.jpg

Dianella Bardelli presenta il suo libro 1968  ambientato a Bologna negli anni della contestazione giovanile, racconta le vicende di Marina, che frequenta l'università e milita in un collettivo studentesco.
Sarà presente l'autrice, introduce Francesca Vannucchi di Edicola Aldini

Durante la presentazione sarà possibile rifocillarsi con gli aperitivi del IL Pollaio e dello Sbando - cucinotto e cantina.
Con il patrocinio del Quartiere Navile - Bologna

On-off

Cortile delle storie, adiacente al Testoni Ragazzi
spettacolo per bambini | SerEstate
spettacolo per bambini | SerEstate
OnOff_phMatteo_Chiura_LaBaracca-TestoniRagazzi.jpg

On-off

consigliato ai bambini e alle bambine da 2 a 5 anni

In scena un attore, Andrea Buzzetti, che fa da spalla a quella che è la vera protagonista della scena: la luce. Musica e movimenti accompagnano l’accendersi e spegnersi ritmico delle lampadine. L’oscurità viene rotta da punti, linee e tracce di luce. Lampade e cavi possono diventare un fiore, un cucchiaio, una danzatrice, una candela, una giostra, un papà, una mamma o un bambino.

Uno spettacolo che asseconda e valorizza la curiosità dei piccoli nei confronti delle fonti luminose, omaggiando il loro stupore e il loro interesse di fronte alla luce, agli interruttori e alla voglia di domare il buio e la notte.


Ingresso:
biglietto unico 6€

I biglietti, validi per l’ingresso di una persona, sono acquistabili solo online fino a mezz’ora prima dello spettacolo a questo indirizzo http://bit.ly/TestoniRagazzi-TicketOnline oppure sulla piattaforma VivaTicket, a partire dal 29 giugno.

Tutte le informazioni sulla rassegna sono disponibili al sito www.testoniragazzi.it


In caso di pioggia, gli spettacoli per le fasce d’età 4-8 e 6-10 anni si svolgeranno nella Sala A del Teatro Testoni Ragazzi, adattata alle norme per il mantenimento della distanza sociale, mentre gli spettacoli per chi ha da 2 a 5 anni saranno recuperati in date successive, comunicate ai possessori dei biglietti.

Atena – Nata da Zeus

Teatro Duse
spettacolo a cura di Fantateatro | Un’estate… mitica!
spettacolo a cura di Fantateatro | Un’estate… mitica!
FOTO - Fantateatro 3.jpg

Compagnia Fantateatro

ATENA
Nata da Zeus

Direzione e regia Sandra Bertuzzi

Consigliato dai 5 anni in su

Atena, o Pallade, è la figlia prediletta di Zeus, dea della sapienza, delle arti e della guerra. Nasce già adulta e armata, direttamente dalla testa del padre, aperta con un’ascia dal dio Efesto. Atena diviene protettrice della città di Atene e durante la guerra di Troia si schiera con gli Achei, veglia su Achille e appare in sogno a Nausicaa affinché soccorra Ulisse, naufragato sul lido dei Feaci.

Spettacolo nell’ambito della rassegna ‘Un’estate… mitica!’


dal 7 al 9 luglio 2020, ore 20.30


Biglietti:
Posto unico: 11 euro

Biglietteria online: teatroduse.it e vivaticket.it
Biglietteria Fantateatro: Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 16.00. Via Giuseppe Brini, 29 Bologna - Tel. 051 0395670 - info@fantateatro.it
Biglietteria Teatro Duse: Da 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo. Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it


Lo spettacolo si tiene per un pubblico ridotto di 60 persone, nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni di legge (Dpcm 17 maggio 2020). Le poltrone, con posti numerati preassegnati, saranno distanziate tra loro di almeno un metro e saranno messi a disposizione gel disinfettanti. Agli spettatori, cui è richiesto l’utilizzo obbligatorio di mascherine, anche di comunità, verrà misurata la temperatura all’ingresso tramite termoscanner e per accedere in teatro dovrà risultare inferiore ai 37,5 °C. Il distanziamento sociale sarà rispettato anche tra gli artisti e tra il personale del teatro, che sarà munito di dispositivi di protezione individuale.

Riscoprire Bologna di sera

visite guidate serali
visite guidate serali a cura di Didasco
didasco.jpg

Anche quest'anno l'Associazione Didasco vi tiene compagnia per tutta l'estate, proponendovi una ricca rassegna di visite guidate serali. Riscoprite, divertendovi, la nostra Bologna, la città che amiamo e che non smette mai di stupirci. Dalle strade medievali ai vicoli suggestivi del Ghetto, dalle storie d'amore o di magia al fascino del Cimitero della Certosa tra arte, cultura e costume.

Prenotazione: obbligatoria al cell 3481431230 (pomeriggio e sera)
In caso di maltempo: la visita si svolgerà regolarmente
Costo: L’Associazione chiede un contributo di 12€ per adulti e 7€ per bambini sotto i 12 anni.

Iniziativa rivolta esclusivamente ai soci. Sarà possibile associarsi al momento della visita guidata portando l'apposito modulo compilato (scaricabile alla pagina www.didasconline.it/contatti) e ricevendo la tessera, da presentare alle visite successive.

Sere d'estate fresche di vino a corte

Rocca Sforzesca di Dozza
2 luglio – 6 agosto 2020
2 luglio – 6 agosto 2020
sere-d-estate-fresche-di-vino-a-corte890x500.jpg

Dal 2 luglio al 6 agosto, dalle 20.45, all'interno della Rocca Sforzesca di Dozza, si terrà "Sere d’estate fresche di vino…a corte", incontri-degustazioni con i vini dell’Emilia-Romagna. Una formula rinnovata, che prevede una degustazione itinerante all’interno del Museo della Rocca Sforzesca di Dozza.
In queste serate sarà possibile conoscere e degustare i vini emiliano romagnoli visitando le stanze e gli ambienti del museo, accompagnati da una guida.

Il calendario prevede sei momenti, tra luglio e agosto, in partenza giovedì 2 luglio con la serata dedicata a due vitigni autoctoni dell'area faentina e della Bassa Romagna quali il Bursôn e il Centesimino. Si continua giovedì 9 luglio con i vitigni simbolo della cultura enologica della Romagna l'Albana e il Sangiovese. Si prosegue il mese giovedì 16 con l'evento incentrato alla conoscenza del Pignoletto e del Barbera mentre giovedì 23 luglio sarà la volta del brioso Gutturnio e dell'aromaticità esplosiva della Malvasia. Giovedì 30 luglio i calici si riempiranno con i freschi e particolari sapori dei Lambrusco e del Fortana per arrivare, nella serata di giovedì 6 agosto all'assaggio delle particolari interpretazioni dei fragranti vini Rebola e Famoso.

Il costo per la partecipazione alla serata è di € 22 (comprensivo di tasca e calice per la degustazione).


Programma

Giovedì 2 Luglio: Bursôn & Centesimino                  
Giovedì 9 Luglio: Albana & Sangiovese
Giovedì 16 Luglio: Pignoletto & Barbera
Giovedì 23 Luglio: Gutturnio & Malvasia                    
Giovedì 30 Luglio: Lambrusco & Fortana
Giovedì 6 Agosto: Rebola & Famoso

Le serate si svolgeranno anche in caso di maltempo.

La prenotazione è obbligatoria.

Informazioni e prenotazioni: 0542 367741 - info@enotecaemiliaromagna.it

Realizzato in collaborazione con la Fondazione Città d’Arte di Dozza.

Capitan Fracassa

Cava delle Arti
spettacolo di Commedia dell’Arte – Fraternal Compagnia
spettacolo di Commedia dell’Arte – Fraternal Compagnia
Capitan Fracassa_FraternalComp.jpg

Reduce dal successo del Festival di Avignone lo spettacolo nasce dal desiderio di costruire una pièce internazionale bilingue (francese e Italiano) e mette in scena un cast di attori Internazionale. La storia dello spiantato Barone di Sigognac che segue un carro di attori compiendo un viaggio iniziatico che lo porta alla scoperta di sé stesso e dell’amore, è qui giocata su diversi registri che contaminano la Commedia dell’Arte con la prosa drammatica e il teatro musicale mostrando al pubblico, coinvolto nelle soluzioni drammaturgiche più spettacolari, un teatro d’attore e di regia moderno e avvincente. La scelta di una colonna sonora in stile cinematografico completa questo spettacolo già premiato dal pubblico e dalla critica all’estero e al Teatro Duse a Bologna.

regia di Massimo Macchiavelli
musiche di Umberto Cavalli
con Gabriel Bird, Alessandra Cortesi, Luca Mazzamuro, Luca Comastri, Alice Amico, Jean Briault, Massimo Macchiavelli, Vittorio Fulgoni 

Ingresso 10 Euro
Prenotazioni telefonando al 3492970142 (anche whatsapp)

Un’estate… mitica!

Teatro Duse
16 giugno – 9 luglio | 1 – 10 settembre 2020
Duse_un'estate mitica-2020.jpg

Il Teatro Duse di Bologna riparte dai bambini. Dal 16 giugno 2020, sul palcoscenico di via Cartoleria torna il Fantateatro con una nuova edizione della rassegna ‘Un’estate…mitica!’ dedicata alle più belle storie della mitologia greca, diretta dalla regista Sandra Bertuzzi.

Fino al 10 settembre, alle ore 20.30, andranno in scena gli spettacoli Zeus (16, 17 e 18 giugno), Era (23, 24, 25 giugno) e Afrodite (30 giugno, 1 e 2 luglio),  Atena - Nata da Zeus (dal 7 al 9 luglio),  Apollo e Artemide - Il sole e la luna (dall’1 al 3 settembre), Efesto - Il dio del fuoco (dall’8 al 10 settembre).


ore 20.30

Posto unico: 11 euro
Biglietti online: teatroduse.it e vivaticket.it
Biglietteria Fantateatro: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 16.00.Via Giuseppe Brini, 29 - Tel. 051 0395670 - info@fantateatro.it
Biglietteria Teatro Duse: da 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo. Via Cartoleria, 42 - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it - www.teatroduse.it


La rassegna si tiene nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni di legge (Dpcm 17 maggio 2020). Le poltrone, con posti numerati preassegnati, saranno distanziate tra loro di almeno un metro e saranno messi a disposizione gel disinfettanti. Agli spettatori, cui è richiesto l’utilizzo obbligatorio di mascherine, anche di comunità, verrà misurata la temperatura all’ingresso tramite termoscanner e per accedere al teatro dovrà risultare inferiore ai 37,5 °C. Il distanziamento sociale sarà rispettato anche tra gli artisti e tra il personale del teatro, che sarà munito di dispositivi di protezione individuale.

Il Valzer tra Germania e Austria

Teatro Comunale
dirige Albero Malazzi
dirige Albero Malazzi
20200703_ALR_3577.JPG

JOHANNES BRAHMS
Liebeslieder-Walzer op. 52

JOHANN STRAUSS
An der schönen blauen Donau op. 314

JOHANNES BRAHMS
Neue Liebeslieder-Walzer op. 65

ALBERTO MALAZZI direttore
Classe 1961, ha studiato pianoforte e composizione presso il conservatorio G. Verdi di Milano.
Dal 2002 al 2018 è stato Maestro del Coro presso il Teatro della Scala di Milano, precedentemente ha ricoperto il ruolo di Maestro del Coro Ospite presso Radio-France, accompagnatore al piano per il Sommerakademie Mozarteum di Salisburgo ed ha collaborato a lungo col Teatro La Fenice di Venezia ed il Rossini Opera Festival di Pesaro. Dal 2019 è Maestro del Coro presso il Teatro Comunale di Bologna.

Al pianoforte Nicoletta Mezzini e Cristina Giardini


Il concerto sarà trasmesso in streaming sul canale YouTube del TCBO – con riprese video multi-camera in alta definizione – domenica 12 luglio alle 20.00.


I concerti, che si svolgono nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e senza intervallo, sono preceduti da un aperitivo nella terrazza. Le regole in vigore limitano a un massimo di 200 posti a serata l’accesso del pubblico, che potrà entrare in Teatro dalle 19.30 in poi attraverso l’ingresso principale di Piazza Verdi in modo regolamentato, munito di biglietto e indossando la mascherina. Un contingente di posti di ogni concerto è stato destinato agli operatori sanitari del Policlinico Sant’Orsola per il loro impegno durante l’emergenza sanitaria.

The Rocky Horror Show - in concerto

Teatro Dehon
nell'ambito di (p)Rose d'Estate
nell'ambito di (p)Rose d'Estate
Rocky-copertina_part.jpg

"The Rocky Horror Show - in concerto" di Richard O’Brien 
Compagnia teatrale La Ragnatela

Definito come “la madre di tutti i musical”, apoteosi della cultura pop, Rocky Horror Show è diventato una leggenda, un simbolo internazionale che da oltre 40 anni attira folle di spettatori nei teatri di tutto il Mondo per assistere alle curiose disavventure di Brad e Janet che inaspettatamente si ritrovano al castello del Dott. Frank-N-Furter, finendo coinvolti nell’annuale “Festival Trans-ilvano” che sconvolgerà per sempre le loro vite.
All’interno della rassegna estiva (p)Rose d’Estate del Teatro Dehon, torna il fenomeno Rocky Horror Show nella versione CONCERTO della compagnia bolognese LA RAGNATELA, per la regia di Carlo Picchi, che saprà trasportarvi in una galassia fatta di guanti di pizzo, giarrettiere, boa di piume, calze a rete e corpetti luccicanti.


Dall'8 al 12 luglio, ore 21.00

Evento a pagamento (Intero € 18,00 - Ridotto € 14,00 - Card Cultura € 10,00)
Acquisto biglietti online su Vivaticket

Di via in via, di racconto in racconto

Ritrovo in Piazza di Porta Ravegnana
passeggiate a cura di Attori Vaganti 
passeggiate a cura di Attori Vaganti 
Torre Azzoguidi-Soldato di Cefalonia_part.jpg

Una passeggiata per le vie del centro di Bologna, dove, tra il serio e il faceto, incontreremo personaggi  come Francesco Rizzoli, il conte Lucchini, protagonista dell’audace furto al Sacro Monte, il barnabita Ugo Bassi e tanti altri.

25 giugno, 9 luglio, 10 settembre sempre dalle 21.00


Modalità partecipazione:
gratuito
(fino a 25 persone) iscrizione obbligatoria via mail a info@attorivaganti.com

Non è previsto luogo alternativo in caso di maltempo

Quattro incontri musicali dell’estate duemilaventi

Zu.Art Giardino delle arti di Case Zucchelli
Time for change - Il cambiamento dopo il lockdown | 9, 16, 23, 30 luglio 2020
Time for change - Il cambiamento dopo il lockdown | 9, 16, 23, 30 luglio 2020
zu-art_img-detail.jpg

Quattro incontri musicali dell’estate duemilaventi
Time for change
Il cambiamento dopo il lockdown

Allievi del Conservatorio di Musica Giovan Battista Martini di Bologna in quattro formazioni jazzistiche. Il Coordinamento del progetto è a cura di Roberto Rossi, docente di Musica d’insieme Jazz e di Anna Rita Ghianda, docente di violino. Il Coordinamento degli studenti è di Stefano Borgianni.


e Mostra  
Immagini e parole
Allievi dell'Accademia Belle Arti di Bologna. Opere dei Vincitori del Concorso Zucchelli 2020 | Commissione esaminatrice costituita da Carmen Lorenzetti e Valerio Deho’, docenti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna e da Lorenzo Balbi, Artistic Director di MAMbo.


Dopo la sospensione delle lezioni e dei concerti in seguito alle misure governative per contrastare la propagazione del Covid-19, Time For Change propone un repertorio per celebrare la ripresa delle attività artistiche, dove la parola chiave è "cambiamento". Quattro appuntamenti musicali, che vedranno la performance di diverse formazioni jazzistiche, ognuna delle quali evocherà brani musicali che in vari periodi storici hanno contribuito a un "cambiamento" con composizioni standard. La rassegna è promossa da Fondazione Zucchelli.


9 luglio 2020, ore 21.00
Stefania D’Ilio voice
Francesco Antico guitar
Sergio Mariotti contrabass


16 luglio 2020, ore 21.00
Paola Quagliata voice
Pierpaolo Zenni piano
Federico Luongo contrabass
Andrea Ventura drums


23 luglio 2020, ore 21.00
Caterina Guerra voice
Olmo Minarelli piano
Pietro Perillo bass


30 luglio 2020, ore 21.00
Ada Flocco voice
Francois Ndayambaje guitar
Matteo Magnaterra bass
Simone Vincenzini drums



Ingresso libero con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA entro le ore 11.00 della giornata di ogni concerto, all’indirizzo eventi.fondazionezucchelli@gmail.com

Caccia al tesoro teatrale

luogo a sorpresa nei quartieri
caccia_tesoro_2.jpg

Il progetto nasce al fine di sostenere le attività e i lavoratori dello spettacolo dal vivo, nonché di incontrare e rivalorizzare le aree dei quartieri periferici di Bologna.

L’idea è quella di lanciare una sorta di caccia al tesoro tra il pubblico. I tesori in palio sono i più bei monologhi della storia del teatro dagli albori a oggi. Chi e cosa andrà in scena lo si scoprirà solo raggiungendo il luogo designato. Lì, un’attrice o un attore, tutti provenienti dal nostro territorio, doneranno un monologo: Shakespeare, naturalmente, Beckett, Ionesco, Dürrenmatt, Bernhard tra gli altri.

Le location saranno sempre diverse e insolite, defilate e circoscritte: tesori paesaggistici da riscoprire, insieme alla bellezza del teatro. Gli attori coinvolti sono Anna Amadori, Pietro Babina, Silvia Magnani, Elena Bucci, Maurizio Cardillo, Marco Cavicchioli, Gabriele Duma, Andrea Lupo, Angela Malfitano, Francesca Mazza.

Dove: 5 location diverse (2 serate per ciascuna location) nei quartieri periferici di Bologna. I quartieri coinvolti sono: Quartiere Navile, Quartiere Reno – Borgo Panigale, Quartiere Porto – Saragozza, Quartiere Savena, Quartiere San Donato – Pilastro.

L’appuntamento è sempre alle ore 21.
Queste le date nei singoli quartieri:

  • 25 e 26 giugno quartiere Savena 
  • 29 e 30 giugno quartiere Navile
  • 1 e 2 luglio quartiere San Donato - San Vitale
  • 3 e 6 luglio quartiere Borgo Panigale-Reno
  • 7 e 8 luglio quartiere Porto - Saragozza 

Ingresso libero


Luogo alternativo in caso di pioggia: LabOratorio San Filippo Neri, via Manzoni 5, Bologna

Modalità partecipazione

Per partecipare inviare una mail a info@mismaonda.eu oppure un messaggio tramite whatsapp al numero 3891079738.

Il pubblico quindi potrà scegliere il giorno e l’ora (tra quelli proposti) in cui vuole assistere all’evento, indicando il numero dei partecipanti. In risposta riceverà una mail con l’indirizzo del luogo in cui dovrà presentarsi. Il meccanismo di prenotazione consentirà l’accesso a un massimo di 80 spettatori a replica: in loco gli organizzatori avranno predisposto la fruizione in base alle distanze di sicurezza prescritte e alle norme sanitarie richieste.

Ricordiamo quindi ai gentili spettatori di presentarsi con la mascherina, non creare assembramenti all'ingresso ma entrare e uscire mantenendo la giusta distanza di sicurezza. La temperatura corporea dovrà essere inferiore a 37,5 °C . All’ingresso potrà essere rilevata la temperatura con il termoscanner, in caso di febbre vi preghiamo di non venire e avvertirci con una telefonata o email.

I posti a sedere prevederanno un distanziamento minimo, tra uno spettatore e l’altro, sia frontalmente che lateralmente, di almeno 1 metro. I nuclei familiari, i conviventi e le persone che in base alle disposizioni vigenti non sono soggette al distanziamento interpersonale potranno espressamente chiederci si sedersi accanto, garantendo la distanza fra loro e gli altri spettatori di 1 metro.

Saranno resi disponibili prodotti per l’igiene delle mani per gli utenti e per il personale utilizzerà idonei dispositivi di protezione delle vie aeree negli spazi condivisi e/o a contatto con il pubblico.

In nome della Rosa

CostArena
Le interviste impossibili di Umberto Eco | Il nome della Rosa
Le interviste impossibili di Umberto Eco | Il nome della Rosa
IN NOME DELLA ROSA-locandina_detail.jpg

Gruppo Archeologico Bolognese presenta:

IN NOME DELLA ROSA

Le interviste impossibili di Umberto Eco

Interpreti: Compagnia Ten Teatro
Introduce: Erika Vecchietti (archeologa e storica)

Saranno riproposte due delle “interviste impossibili” a personaggi storici realizzate da Umberto Eco, per la Rai, negli anni ‘70:

  • Intervista impossibile a Muzio Scevola
  • Intervista impossibile a Beatrice.


Per prenotazioni e informazioni:
ilnomedellarosacostarena@gmail.com
Tel: 051 551275
www.facebook.com/costarena1

Raccontami di Bologna

Giardino del Teatro degli Angeli
ogni martedì, mercoledì e venerdì dal 7 luglio al 28 agosto 2020
ogni martedì, mercoledì e venerdì dal 7 luglio al 28 agosto 2020
Raccontami di Bologna_locandina_detail.jpg

Tra racconti divertenti e spesso mirabolanti, poesie, canzoni e musiche dal vivo, dal 7 di luglio 2020, ogni martedì, mercoledì e venerdì nel giardino del Teatro degli Angeli, impareremo a conoscere meglio alcune vicende spesso ignorate della nostra città. Raccontami di Bologna è uno spettacolo di teatro, musica e danza che attraverso l’arte ci farà conoscere un po’ di storia di Bologna.

L’Oratorio Santa Croce, splendida sede del Teatro degli Angeli, è nato insieme alla villa attigua alla fine del 1700. Immaginando che qui il proprietario conte Rusconi ricevesse di volta in volta tutti i grandi artisti a cui Bologna è stata cara, dove hanno realmente abitato e lavorato  o  semplicemente  che hanno visitato ricordandola nelle loro opere (ad esempio Mozart, Rossini, Stendhal, Leopardi, Byron, Dickens, Carducci, Pascoli…), il pubblico conoscerà, in un clima di bonarietà e allegria, le storie vere del tempo: l'arrivo di Napoleone Bonaparte, le strabilianti notizie degli esperimenti di Giovanni Aldini… Sono gli anni in cui nacque la Certosa, la villa degli Aldini sul colle dell’Osservanza, l’Arena del Sole, il Teatro del Corso, il Giardino della Montagnola. Gli anni che precedettero l’epoca delle prime insurrezioni carbonare.

Saranno il Teatro, la Musica e la Danza a farci entrare nella Storia con l’aiuto delle loro suggestioni e magie. E’ stata mantenuta la struttura del precedente spettacolo, ormai diventata un piccolo “cult”, ma verranno proposti nuovi argomenti, storie, personaggi. Protagonisti sono Eugenio Maria Bortolini, Claudia Rota, Gabriele Baldoni, Chiara Piscopo, Alessandro Dall’Olio, coadiuvati da musicisti come Marianne Gubri, Umberto Cavalli, da elementi del Conservatorio Martini di Bologna e dalle ballerine della compagnia “il Laboratorio”.

Ospiti Giorgio Comaschi, Pippo Santonastaso, i Gemelli Ruggeri, Veronica e Malandrino.



Raccontami di Bologna, nelle sue varie versioni, sarà rappresentato ogni martedì, mercoledì e venerdì dal 7 luglio al 28 agosto 2020.


Orario:
Inizio spettacoli ore 21.15


Ingresso:
biglietto di ingresso adulti €10, bambini fino a 10 anni €5.
(per assistere agli spettacoli è obbligatorio diventare socio del Teatro degli Angeli – info)


Prenotazioni online

Si chiede di arrivare muniti di mascherina e almeno 15 minuti prima dell'inizio dello spettacolo. Nel rispetto del DPCM i posti verranno assegnati preventivamente in base all'ordine di prenotazione. Il pagamento del biglietto d'ingresso potrà essere effettuato solo con bancomat e carte di credito. Visto l'esiguo numero di posti che permettono le normative, si prega di annullare tempestivamente la prenotazione in caso di impossibilità ad essere presenti.
Per maggiori informazioni  teatrodegliangeli@gmail.com

facebook.com/Teatro-degli-Angeli

Teatro d'Istanti - “Imparando a sognare”

Medicina - Giardino della Biblioteca comunale (accesso da via Cuscini)
E...state a Medicina
E...state a Medicina
imparandoasognare.jpg

Per la Rassegna “Teatro d’Istanti” Dario Criserà porta sul palco “Imparando a sognare” con la regia di Cristiano Falaschi.

Le storie si nascondono nelle cose, a volte in cose inusuali, come una corona, una spada o una scarpetta di cristallo; altre volte in cose più comuni, come una sedia, un secchio o una scopa… e il fatto straordinario è che dentro a una cosa si possono nascondere un sacco di storie diverse, prendete una mela per esempio, dentro alla mela c’è la storia di Adamo ed Eva, ma anche quella di Biancaneve, ci sono Paride, Afrodite e la guerra di Troia, c’è Guglielmo Tell, Isaac Newton, Ercole con le sue 12 fatiche ed un’infinità di altre storie… molte delle quali ancora non sono state raccontate. 

Parliamo di fiabe, delle storie di quelli che nelle fiabe ci sono per fare la parte dei cattivi, o per fare la parte che nessuno vuole o di quelli che proprio non ci sono perché troppo scomodi. In un mondo di regole immutabili, scoprirete che invece tutto è movimento, è continuo fluire, che non tutto è sempre “solo Bene” o “solo Male”, ma c’è spazio anche per la contraddizione e per il disordine.

Ingresso ad offerta libera

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA tel. 333 9434148

Sotto le stelle di Dozza | I Comici del Borgo

Piazza Zotti (Borgo di Dozza) / Piazza Libertà (Toscanella)
Teatro, cabaret, canzone | Sei giovedì dal 2 luglio al 6 agosto 2020
Teatro, cabaret, canzone | Sei giovedì dal 2 luglio al 6 agosto 2020
Loc Festival Dozza estivo 2020-detail.jpg

Le serate del Festival “Sotto le stelle di Dozza - Teatro Cabaret Canzone - I Comici del Borgo” ricalcano la tradizione della grande comicità italiana che affonda le radici nella commedia dell’arte e attraverso i secoli arriva al cabaret moderno, un genere di spettacolo riportato in auge, che nel nostro territorio era trascurato da tanti anni. Nell’area bolognese, è stato molto in voga negli anni ‘80, prima all’Osteria delle Dame passando per il Gran Pavese e ha lanciato comici e musicisti giunti poi alla ribalta nazionale.

Il programma è articolato in 6 giovedì con inizio dal 2 luglio e termine il 6 agosto 2020. Lo spettacolo è unico ogni sera, vista la presenza di un ricco cast a rotazione e ospiti sempre diversi. Gli attori valorizzano e rappresentano le nostre abitudini, le caratteristiche tipiche regionali e i punti di forza della nostra terra. L’idea e la regia del progetto sono di Davide Dalfiume che vedremo anche nel ruolo di conduttore della kermesse e che ha coinvolto nel progetto il collega Marco Dondarini.  All’affiatato duo si è aggiunto il comico milanese Henry Zaffa, grazie alla frequentazione più che ventennale e a seguire il cast si è arricchito con importanti adesioni, tra cui molti comici già presenti nell’edizione teatrale invernale. Alcuni li rivedremo a rotazione in qualche serata, come Rino Ceronte e Le non solo Miss, Gian Piero Sterpi e il musicista Leonardo Veronesi.

Al cast fisso si aggiungeranno altri nuovi ospiti affermati che saranno una novità dell’edizione estiva del Festival: Fulvio Fuina dalle trasmissioni Tintoria di Rai3 e Zelig (2.7);  Andrea Poltronieri musicista (9.7); il comico musicista Andrea Di Marco (16.7) volto noto di Zelig, Zelig 1 e Zelig Off.

Inoltre saranno presenti: il graficomico Alvalenti primo disegnatore comico a Zelig (23.7), lo storico duo bolognese Gemelli Ruggeri (30.7) e per ultimo Andrea Vasumi (6.8).


Le serate sono tutte di giovedì e si svolgono:

  • giovedì 2, 9, 23 e 30 luglio 2020
    in Piazza Zotti nel centro del borgo di Dozza (Bo)
  • giovedì 16 luglio + 6 agosto 2020
    in Piazza Libertà a Toscanella (Bo)


Inizio spettacoli: ore 21.30


Entrata a offerta libera in sicurezza, in linea con le attuali disposizioni governative.
Prenotazione telefonica obbligatoria via watsapp o  sms al numero: 353-4045498


Info e contatti:

www.comune.dozza.bo.it
Ufficio Cultura 0542-678350
email: info@comune.dozza.bo.it

www.labottegadelbuonumore.it
facebook.com/labottegadelbuonumore

email: spettacoli@labottegadelbuonumore.it  / Tel. 335-5610895

In caso di maltempo gli spettacoli si terranno al Teatro Comunale di Dozza Via XX Settembre 51.

Jojo Rabbit

Imola, Rocca sforzesca
Rocca Cinema Imola
Rocca Cinema Imola
1.jojo.jpg

regia: Taika Waititi
durata: 108'
Germania, 2019


Jojo ha dieci anni e un amico immaginario dispotico: Adolf Hitler. Nazista fanatico, col padre 'al fronte' a boicottare il regime e madre a casa 'a fare quello che può' contro il regime, è integrato nella gioventù hitleriana. Tra un'esercitazione e un lancio di granata, Jojo scopre che la madre nasconde in casa Elsa, una ragazzina ebrea che ama il disegno, le poesie di Rilke e il fidanzato partigiano.

Nemici dichiarati, Elsa e Jojo sono costretti a convivere, lei per restare in vita, lui per proteggere sua madre che ama più di ogni altra cosa al mondo. Ma il 'condizionamento' del ragazzo svanirà progressivamente con l'amore e un'amicizia più forte dell'odio razziale. Prendere per il naso Hitler è avere l'ultima parola. (La) parola di Taika Waititi, che firma una favola über-assurda ficcata nella Germania nazista e agita alla fine della Seconda Guerra mondiale.

Uniform | into the work/Out of the work

MAST
dal 4 luglio fino a settembre riapre la mostra alla Fondazione MAST
Uniform - Allestimento.jpg

Da sabato 4 luglio fino a settembre riapre alla Fondazione MAST la mostra UNIFORM INTO THE WORK/OUT OF THE WORK, il progetto espositivo curato da Urs Stahel.

Oltre 600 scatti di grandi fotografi internazionali mostrano le molteplici tipologie di abbigliamento indossate dai lavoratori in contesti storici, sociali e professionali differenti. Il progetto espositivo comprende una mostra collettiva sulle divise da lavoro nelle immagini di 44 fotografi e un’esposizione monografica di Walead Beshty, che raccoglie centinaia di ritratti di addetti ai lavori del mondo dell’arte incontrati dall’artista per i quali l’abbigliamento professionale è segno distintivo, una sorta di tacito codice dell’anti-uniforme.

In mostra è possibile scoprire i contenuti extra di alcuni artisti di UNIFORM su tablet a disposizione lungo il percorso. La programmazione degli eventi e le attività di workshop sono temporaneamente sospese.


La Fondazione MAST ha messo a punto misure specifiche per il contenimento del virus COVID-19 con l’obiettivo di preservare la salute dei visitatori, del personale e garantire un’esperienza di visita piacevole e rilassante. L’accesso alle aree espositive è contingentato e solo su prenotazione per gruppi di massimo 6 persone accompagnate da un mediatore culturale in una visita secondo percorsi stabiliti.

Per prenotare:
scrivere a gallery@fondazionemast.org oppure telefonare al 345 9317653

Per approfondire tutte le informazioni utili a pianificare la visita:
mast.org/visita-in-sicurezza

Ingresso gratuito SOLO SU PRENOTAZIONE

Orari di apertura:
dal martedì alla domenica ore 10.00-19.00

Andrea Bruno + JH GURAJ | Live Painting

Serre dei Giardini Margherita
Tecnica mista
Tecnica mista
bruno-e1593780935757.png

TM Live Painting. La rassegna del giovedì in cui immagini e sonorità sperimentali si incontrano per dare vita a performance artistiche imprevedibili e immersive.

Disegni di Andrea Bruno, musiche di JH GURAJ.

Andrea Bruno è autore di fumetti e illustratore. I suoi lavori sono stati pubblicati su numerose riviste e antologie italiane e internazionali. Nel 2005 è stato tra i fondatori del gruppo “Canicola”, con il quale ha dato vita all’omonima rivista. Il suo ultimo libro è il racconto a fumetti in tre parti Cinema Zenit, edito in Italia e in Francia. Vive e lavora a Bologna.

JH GURAJ musicista elettroacustico e chitarrista, autodidatta, attivo nel campo dell’improvvisazione su dispositivi analogici e registratori a bobine, dal 2004 ad oggi ha orientato la sua produzione verso la musique concrète, sia come musicista che come autore di musiche e sonorizzazioni per installazioni, performances, readings, film e animazioni. Il suo lavoro è edito da MapleDeath Records, Boring Machines, Tsss Tapes e Dinzu Artefacts.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.


Tecnica Mista è la serie di appuntamenti alla scoperta dei linguaggi dell’animazione a cura di K2 e Mangoosta, una panoramica su tutto ciò che riguarda animazione 2D, tradizionale o digitale, dal papercut alla motion graphic.

1917

Parco DLF
Arena Puccini
Arena Puccini
1917-1.jpg

1917

di Sam Mendes, GB-USA/2019, 119’
con George MacKay, Colin Firth, Benedict Cumberbatch
Premio Oscar 2020 per migliore fotografia, migliori effetti speciali e miglior sonoro, Golden Globe per miglior film drammatico e miglior regia

Aprile 1917, fronte occidentale. I caporali inglesi Schofield e Blake ricevono l'ordine di attraversare le linee nemiche e consegnare un messaggio cruciale che potrebbe salvare la vita di 1600 commilitoni che sono sul punto di attaccare l'esercito tedesco. Il sentiero della gloria dei due protagonisti, che si dipana in una spaventosa no man's land fatta di trincee vuote, fattorie disabitate, città sventrate, è  un'esperienza immersiva che catapulta lo spettatore nell'orrore e nell'adrenalinica concitazione di questa missione suicida.

Mafak (Cacciavite)

Teatri di Vita
(Palestina/Usa/Qatar 2018, 108’) sottotitoli in italiano. Regia Bassam Jarbawi
(Palestina/Usa/Qatar 2018, 108’) sottotitoli in italiano. Regia Bassam Jarbawi
mafak.jpg

Dopo quindici anni di prigione nelle carceri israeliane, Ziad cerca strenuamente di adattarsi alla vita moderna. Il disorientamento diventa presto dolore materiale ed esistenziale, trascendendo nel senso di sradicamento e non appartenenza. Così il prigioniero, visto da tutti come un eroe, incarna una delle anime più sofferenti della Palestina, quella dello stallo e della resa, che si uniscono alla percezione di essere vittime di uno sfruttamento mediatico e politico. Il film viene presentato a “Cuore d’Italia” nella sezione “MareMuro” per ricordare l’emergenza del “muro” che opprime il popolo palestinese: dal “Muro della vergogna” eretto da Israele, ai tanti muri che costruiscono una scoietà di apartheid; dal nuovo muro creato con l’annessione dei territori occupati, al muro della comunità internazionale che chiude la questione palestinese in una bolla di silenzio. L’opera prima di Bassam Jarbawi è stata presentata alle Giornate degli Autori della Mostra del Cinema di Venezia 2019.

proiezione realizzata in collaborazione con Assopace Palestina

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna

Museo Civico Archeologico
Electa Etruschi Bologna musei.jpg

Dopo l’emergenza COVID-19, sabato 6 giugno riapre la grande mostra Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna allestita al Museo Civico Archeologico di Bologna. L’ambizioso progetto dedicato alla civiltà etrusca - circa 1400 oggetti esposti su oltre 1000 metri quadrati di superficie espositiva - sarà visitabile fino al 29 novembre 2020, grazie all’impegno congiunto di Istituzione Bologna Musei ed Electa e alla disponibilità di tutti i  prestatori coinvolti che, con generoso spirito di solidarietà, hanno acconsentito a rendere possibile l’apertura, tra cui il British Museum di Londra, il Musée du Louvre di Parigi, il Musée Royal d’Art d’Histoire di Bruxelles, il Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen e i Musei Vaticani.

L’esposizione conduce i visitatori in un itinerario attraverso le terre degli Etruschi e mostra come non esista una sola Etruria, ma molteplici territori che hanno dato esiti di insediamento, urbanizzazione, gestione e modello economico differenti nello spazio e nel tempo, tutti però sotto l’egida di una sola cultura, quella etrusca. Non c’è migliore metafora che quella del viaggio, per spaziare in un vasto territorio compreso tra le nebbiose pianure del Po fino all’aspro Vesuvio, attraverso paesaggi appenninici e marini, lungo strade e corsi fluviali.

La prima parte del percorso offre un momento di preparazione al viaggio, facendo conoscere ai visitatore i lineamenti principali della cultura e della storia del popolo etrusco, attraverso oggetti e contesti archeologici fortemente identificativi. Così preparato, il visitatore può affrontare la seconda sezione, dove si compie il viaggio vero e proprio nelle terre dei Rasna, come gli Etruschi chiamavano se stessi.

La mostra dialoga naturalmente con la ricchissima sezione etrusca del Museo Civico Archeologico, che testimonia il ruolo di primo piano di Bologna etrusca, costituendo, quindi, l’ideale appendice al percorso di visita dell’esposizione temporanea.

Accompagna la mostra il catalogo Electa con saggi introduttivi di Giuseppe Sassatelli, Vincenzo Bellelli, Roberto Macellari, Marco Rendeli, Alain Schnapp e Giuseppe Maria Della Fina; saggi dedicati alle singole sezioni di mostre; un approfondimento sui musei etruschi italiani e un importante apparato di schede dedicate alle opere in mostra.

Durante il periodo della sospensione di apertura, l’esplorazione dei temi della mostra è proseguita online con iniziative digitali. Notizie e curiosità relative al mondo affascinante degli Etruschi e ai reperti esposti sono state presentate sulla pagina Facebook del Museo Civico Archeologico, mentre sul canale YouTube  Giuseppe Sassatelli, docente universitario e membro del comitato scientifico, ha curato un’introduzione al percorso espositivo. Nell’ambito del festival multimediale #laculturanonsiferma promosso dall’Assessorato alla cultura e paesaggio della Regione Emilia-Romagna e coordinato dall’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, Lepida TV ha inoltre prodotto un documentario video alla scoperta della mostra con le archeologiche del museo Laura Minarini e Marinella Marchesi, trasmesso in diretta streaming sulla piattaforma digitale www.lepida.tv e sul canale 118 del digitale terrestre.

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna è progettata e promossa da Istituzione Bologna Musei | Museo Civico Archeologico, in collaborazione con la Cattedra di Etruscologia e Archeologia italica di Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, realizzata da Electa e posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana.


INFORMAZIONI PER LA VISITA

La mostra è visitabile con orari di apertura rimodulati:
lunedì, mercoledì, giovedì  10.00-19.00
venerdì  14.00-22.00
sabato, domenica  10.00-20.00
chiuso martedì non festivo
ultimo ingresso un’ora prima della chiusura


Al fine di garantire la visita in sicurezza, vengono attuate le seguenti disposizioni:
• acquisto del biglietto solo online tramite il circuito VivaTicket
• modalità di recupero biglietti prenotati: per i possessori di biglietto open richiesta prenotazione senza costi aggiuntivi (tramite call center 051 7168807) o eventuale accesso diretto previa disponibilità posti; per i possessori di biglietto non open richiesta prenotazione a pagamento (tramite call center 051 7168807)
• obbligo di indossare la mascherina durante la visita
• contingentamento in slot per l'ingresso frazionato dei visitatori
• predisposizione di percorsi distinti in entrata e in uscita
• dotazione di gel igienizzanti a disposizione dei visitatori


Il tempo della visita è predefinito con un limite di 75 minuti.
É disponibile il servizio di audioguide, con sanificazione dei dispositivi dopo ogni utilizzo.
Il servizio di guardaroba non è disponibile (i visitatori sono pregati di presentarsi con il minimo di accessori personali, evitando bagagli, nonché borse e zaini voluminosi).
Il servizio di bookshop è attivo.

Maggiori dettagli


Biglietti:
Intero € 14,00
Ridotto € 12,00 / € 10,00
Per gli abbonati alla Card Cultura € 7,00


www.etruschibologna.it

museibologna.it/archeologico


Robert Doisneau

Palazzo Pallavicini
dal 21 maggio riapre la mostra a Palazzo Pallavicini dedicata alla street photography dell’artista parigino
dal 21 maggio riapre la mostra a Palazzo Pallavicini dedicata alla street photography dell’artista parigino
1_Robert Doisneau, Le baiser de l'hôtel de ville, Paris 1950 © Atelier Robert Doisneau.jpg

Dopo la breve, se pur partecipata apertura al pubblico di inizio marzo, giovedì 21 maggio 2020 l’esposizione dedicata alla street photography dell’artista parigino Robert Doisneau riapre in tutta sicurezza. Anche Palazzo Pallavicini si prepara alla graduale uscita dal lockdown, adottando tutte le misure per garantire il rispetto delle regole sul distanziamento sociale a tutela della sicurezza dei visitatori e del suo Staff.

Così dal 21 maggio al 9 agosto 2020 (la mostra è stata prorogata) le porte del Palazzo si aprono al pubblico e le luci si riaccendono sulle poetiche immagini dell’autore del “bacio” più famoso e discusso della storia della fotografia, presente tra le 143 immagini in esposizione.
Si potrà di nuovo percorre il prestigioso scalone di Palazzo Pallavicini a ingressi contingentati, rispettando il distanziamento sociale e con il vivo suggerimento rivolto a tutti i visitatori di indossare i dispositivi di protezione personale per tutelare sé stessi e gli altri.

La mostra ROBERT DOISNEAU è il risultato di un ambizioso progetto del 1986 di Francine Deroudille e Annette Doisneau - le figlie del fotografo - che hanno selezionato da 450mila negativi, le immagini in mostra che ci raccontano l’appassionante storia autobiografica dell’artista.

I sobborghi grigi delle periferie parigine, le fabbriche, i piccoli negozi, i bambini solitari o ribelli, la guerra dalla parte della Resistenza, il popolo parigino al lavoro o in festa, gli scorci nella campagna francese, gli incontri con artisti e le celebrità dell’epoca, il mondo della moda e i personaggi eccentrici incontrati nei caffè parigini, sono i protagonisti del racconto fotografico di un mondo che “non ha nulla a che fare con la realtà, ma è infinitamente più interessante”. Doisneau non cattura la vita così come si presenta, ma come vuole che sia. Di natura ribelle, il suo lavoro è intriso di momenti di disobbedienza e di rifiuto per le regole stabilite, di immagini giocose e ironiche giustapposizioni di elementi tradizionali e anticonformisti.

Influenzato dall'opera di André Kertész, Eugène Atget e Henri Cartier-Bresson, Doisneau conferisce importanza e dignità alla cultura di strada, con una particolare attenzione per i bambini, di cui coglie momenti di libertà e di gioco fuori dal controllo dei genitori, trasmettendoci una visione affascinante della fragilità umana.

La mostra ROBERT DOISNEAU a cura dell’Atelier Robert Doisneau (Montrouge, Fr) è organizzata da Pallavicini s.r.l. di Chiara Campagnoli, Deborah Petroni e Rubens Fogacci in collaborazione con diChroma photography.


Il bookshop della mostra è già aperto online per l’acquisto e la spedizione di libri e cataloghi. Potenziata la prenotazione online dei biglietti con fascia oraria e capienza massima contemporanea ridotta, predisposte paratie in plexiglass per la biglietteria e il bookshop.

Biglietti d’ingresso

  • Intero: € 11
  • Ridotto: € 9 (dai 6 ai 18 anni non compiuti, over 65 con documento, studenti fino a 26 anni non compiuti con tesserino, militari con tesserino, guide turistiche con tesserino, giornalisti praticanti e pubblicisti con tesserino regolarmente iscritti all’Ordine, accompagnatori diversamente abili in compagnia del disabile, soci ICOM con tesserino, ITALO con biglietto avente come destinazione/ origine Bologna con data antecedente/successiva di massimo 3 giorni)
  • Gruppi (minimo 10 persone): € 8 (1 accompagnatore gratuito)
  • Scuole: € 5 (2 accompagnatori gratuiti per ogni classe)
  • Bologna Welcome e Card Cultura: € 8
  • Giovedì Università (con tesserino): € 7
  • Gratuito: bambini sotto i 6 anni, disabili con certificato.
  • Biglietto famiglia: Genitore € 8 Minori dai 6 ai 18 anni non compiuti € 6
  • Biglietto Open: € 14 | Biglietto con prenotazione senza vincoli di orario e data valido fino a fine mostra

I biglietti per la mostra sono disponibili direttamente a Palazzo Pallavicini presso la biglietteria senza obbligo di prenotazione, nei seguenti punti vendita, oppure online cliccando il tasto “Acquista il biglietto“ – Info biglietteria: palazzopallavicini.com/biglietteria

Bookshop on-line: palazzopallavicini.com/bookshop


Orari di apertura

dal 21 maggio al 21 giugno 2020
da giovedì a domenica, dalle ore 11.00 alle 20.00 (chiusura biglietteria ore 19.00)

dal 25 giugno al 9 agosto 2020
da giovedì a domenica, dalle 10 alle 14 (ultimo ingresso ore 13) e dalle 16 alle 20 (ultimo ingresso ore 19)

Aperture straordinarie (dalle ore 11.00 alle 20.00)
1 + 2 + 16 + 17 giugno 2020 (L’ingresso in mostra è consentito fino alle ore 19.00)



Informazioni:
info@palazzopallavicini.com
cell: +39 331 347 1504

facebook.com/palazzopallavicini

instagram.com/palazzopallavicini

Photo: Robert Doisneau - Le baiser de l'hôtel de ville, Paris 1950 © Atelier Robert Doisneau

La Riscoperta di un Capolavoro | Il Polittico Griffoni

Palazzo Fava
a Palazzo Fava apre la mostra dedicata a uno dei massimi capolavori del Rinascimento italiano
a Palazzo Fava apre la mostra dedicata a uno dei massimi capolavori del Rinascimento italiano
PolitticoGriffoni-detail.jpg

La mostra La riscoperta di un capolavoro a Palazzo Fava. Palazzo delle Esposizioni apre le porte lunedì 18 maggio 2020. Un viaggio di ritorno travagliato, che ai tre secoli di attesa ha sommato altro tempo, se possibile ancor più interminabile nella sua incertezza: ma finalmente il capolavoro ritrovato è pronto a rivelarsi. La grande mostra riporta a Bologna, a 500 anni dalla sua realizzazione e a 300 dalla sua dispersione, le tavole del Polittico Griffoni dei ferraresi Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, che proprio a Bologna, con la maestosa pala d’altare realizzata tra il 1470 e il 1472 per l’omonima cappella nella Basilica di San Petronio, diedero avvio al loro straordinario sodalizio artistico.

Un lavoro di oltre due anni ed il coinvolgimento di 9 Musei internazionali proprietari delle singole tavole, la metà dei quali ubicati fuori dai confini nazionali - National Gallery di Londra, Pinacoteca di Brera di Milano, Louvre di Parigi, National Gallery of Art di Washington, Collezione Cagnola di Gazzada (Va), Musei Vaticani, Pinacoteca Nazionale di Ferrara, Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, Collezione Vittorio Cini di Venezia – danno vita oggi a quello che è un evento eccezionale per la storia dell’arte, che ha il merito, tra le altre cose, di ridefinire la centralità della città di Bologna nel panorama Rinascimentale italiano.

Nelle settimane passate sono state studiate tutte le misure di sicurezza richieste per l’accesso in sicurezza dei visitatori, come disposto dalle normative di contenimento del contagio, e stilato un protocollo che prevede, tra le altre cose, l’ampliamento dell’orario di apertura, il contingentamento degli ingressi, l’obbligatorietà della prenotazione (on line, telefonica o via mail) e dell’utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

La mostra si compone di due sezioni: il Piano Nobile di Palazzo Fava ospita “Il Polittico Griffoni rinasce a Bologna” a cura di Mauro Natale in collaborazione con Cecilia Cavalca: le 16 tavole originali ad oggi superstiti provenienti dai Musei prestatori sono visibili assieme alla ricostruzione del Polittico, una vera e propria rimaterializzione della pala d’altare così come dovette apparire ai bolognesi di fine Quattrocento. Si tratta di una perfetta riproduzione dell’originale realizzata da Factum Foundation di Adam Lowe. Dai primi anni Duemila Factum Foundation si occupa di documentare, monitorare e ricreare il patrimonio culturale mondiale attraverso lo sviluppo di tecniche di registrazione ad alta risoluzione e ricostruzione in 3D.

Il secondo piano pertanto ospita “La Materialità dell’Aura: Nuove Tecnologie per la Tutela” a cura di Adam Lowe, Guendalina Damone e del team della Fondazione, sezione nella quale viene mostrato, attraverso video, immagini e dimostrazioni con gli strumenti di scannerizzazione 3D progettati dalla stessa fondazione, l’operato di Factum e l’importanza che assumono le tecnologie digitali nella tutela, registrazione e condivisione del patrimonio culturale, proprio a partire dal lavoro svolto sulle tavole originali del Polittico. Due anche i cataloghi di mostra, entrambi editi da Silvana Editoriale.

La straordinaria avventura del Polittico Griffoni è diventata anche un documentario, La Riscoperta di un capolavoro – Il Polittico Griffoni, una produzione 3D Produzioni in esclusiva per Sky Arte. Girato nelle settimane precedenti il lockdown e andato in onda su Sky Arte lo scorso 30 aprile, sarà visibile on demand su Sky a partire da lunedì 1° giugno.

La mostra La riscoperta di un capolavoro è un progetto di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Genus Bononiae. Musei nella città, in collaborazione con Basilica di San Petronio, Polo Museale Emilia Romagna, Pinacoteca Nazionale di Bologna, Factum Foundation, Comune di Bologna. Con il patrocinio di MiBACT Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Pontificio Consiglio della Cultura, Regione Emilia Romagna, Chiesa di Bologna.


Il vademecum sicurezza e le misure approntate da Genus Bononiae. Musei nella Città in ottemperanza al DPCM 16 maggio 2020 n. 33 e in vigore da lunedì 18 maggio è disponibile a questo link


Orari di apertura
lunedì 18 maggio h. 15.00 – 22.00
Dal 19 maggio: da lunedì a domenica h. 9.00 – 22.00
(con accesso in mostra fino a un’ora prima della chiusura)

Per l’accesso alla mostra è obbligatorio effettuare la prenotazione: on line dal sito di Genus Bononiae (consente di scegliere direttamente il giorno e l’orario di visita), prenotando telefonicamente al numero +39 051 19936343 (dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 16) o via mail scrivendo a esposizioni@genusbononiae.it, pagando poi alla cassa al momento del ritiro del biglietto. Si consiglia ovviamente la prenotazione e acquisto on line del biglietto per ottimizzare i tempi, dato che la permanenza all’interno del Palazzo non potrà superare 1 ora. Potranno accedere in mostra 35 persone ogni 30 minuti, per rispettare i distanziamenti tra le persone, facendo sì che ogni singolo visitatore abbia a disposizione 4mq. Vietate invece fino a nuove disposizioni le visite di gruppo.


Info biglietti
Gli abbonati Card Cultura hanno diritto all’ingresso ridotto a 10 €

Women. Un mondo in cambiamento

Santa Maria della Vita
riapre la mostra fotografica in Santa Maria della Vita
riapre la mostra fotografica in Santa Maria della Vita
4_BEAUTY National Geographic 2169583_credit Robin Hammond.jpg

Riapre mercoledì 20 maggio dopo il lockdown Women. Un mondo in cambiamento, la mostra nel Complesso di Santa Maria della Vita  organizzata in collaborazione con National Geographic Italia che racconta cento anni di storia femminile, La mostra, la cui chiusura era prevista il 17 maggio, è stata prorogata fino al 13 settembre 2020.

Un viaggio per immagini attraverso la rappresentazione delle donne ad ogni latitudine, con gli scatti dei (e delle) più celebri reporter del National Geographic, che a 100 anni dalla concessione del diritto di voto alle donne negli Stati Uniti intende riflettere su passato, presente e futuro delle donne.

Il percorso espositivo della mostra WOMEN. Un mondo in cambiamento, organizzata da National Geographic in collaborazione con Genus Bononiae. Musei nella città e Fondazione Carisbo, è articolato in 6 sezioni – Beauty/Bellezza, Joy/Gioia, Love/Amore, Wisdom/Saggezza, Strength/Forza, Hope/Speranza – e raccoglie una selezione di immagini tratte dallo straordinario archivio del National Geographic, disegnando un viaggio attraverso un secolo di storia delle donne in tutti i continenti, con diverse prospettive e focalizzando l’attenzione sui problemi e le sfide di ieri, oggi e domani nei vari paesi ed epoche. Ogni immagine crea un ritratto di alcuni aspetti dell’esistenza femminile e mostra ai visitatori come la rappresentazione delle donne si è evoluta nel tempo. Così le immagini festose delle ballerine di samba che si riversano nelle strade durante il carnevale di Salvador da Bahia si alternano a quelle delle raccoglitrici di foglie di the in Sri Lanka. E ancora il ritratto di donna afghana in burqa integrale rosso che trasporta sulla testa una gabbia di cardellini, potente metafora di oppressione, si contrappone all’immagine di libertà e bellezza di una ragazza in pausa sigaretta a Lagos, in Nigeria.

Completa la mostra la sezione Portraits/Ritratti, scatti intimi e biografici di un gruppo iconico di attiviste, politiche, scienziate e celebrità intervistate da National Geographic per il numero speciale della rivista di novembre 2019 pubblicato ai tempi della prima donna alla direzione del National, Susan Goldberg: tra esse Nancy Pelosi, Oprah Winfrey, il Primo Ministro neozelandese Jacinda Ardern e la Senatrice a vita Liliana Segre.


Per garantire le norme di distanziamento previste dal DPCM è consentito l’accesso in mostra di un massimo di 60 persone contemporaneamente.


Orari di apertura:
dal martedì alla domenica 10.00 - 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18)


info biglietti
Con Card Cultura ingresso ridotto a 8 €, invece di 10 €


Photo: Una coordinatrice di 24 anni si prende una pausa per fumare una sigaretta fuori dall’African Artists’ Foundation di Lagos, in Nigeria (credit Robin Hammond)

Il Camino dei Fenicotteri

Museo Davia Bargellini
I disegni dei Casanova dall'Æmilia Ars alla Rocchetta Mattei
I disegni dei Casanova dall'Æmilia Ars alla Rocchetta Mattei
MuseoDaviaBargellini_mostra_fenicotteri

L'Istituzione Bologna Musei riapre gradualmente le proprie sedi espositive a partire da martedì 19 maggio, con nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Da tale data entrano in vigore nuovi orari di apertura con il mantenimento di un’ampia offerta oraria nei giorni di sabato e domenica e una rimodulazione degli orari nei giorni feriali della settimana. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza. Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito  www.museibologna.it


I Musei Civici d’Arte Antica, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, e grazie al sostegno di Renzo Zagnoni e dell’Associazione Nuèter, organizzano presso il Museo Davia Bargellini una mostra centrata sul progetto di Giulio Casanova per il Camino dei Fenicotteri, che oggi orna un interno della Rocchetta Mattei sull’Appennino bolognese.

Realizzato in maiolica dalla celebre ditta bolognese dei Minghetti, il camino fu oggetto di un particolareggiato disegno preparatorio, conservato nella raccolta del Museo Davia Bargellini, che è il fulcro dell’esposizione, curata da Paolo Cova, Mark Gregory D’Apuzzo e Ilaria Negretti: un caso eclatante, ma poco noto al grande pubblico, che può quindi offrire la testimonianza della migliore produzione creativa della società Æmila Ars, fondata nel 1898 dal restauratore e letterato Alfonso Rubbiani col supporto del conte Francesco Cavazza, con l’intento di promuovere l’industria artistica locale, sull’esempio del movimento delle Arts and Crafts, animato in Inghilterra dall’artista William Morris.

Esposto accanto alla riproduzione fotografica del camino, lo studio grafico, in penna e inchiostro, rifinito in acquerello, è affiancato da altri importanti disegni dei primi anni del Novecento, per progetti di mobili, di ceramiche, di motivi ornamentali. Invenzioni dunque di design liberty, acquistati dal Comune nel 1937 e oggi parte delle collezioni Davia Bargellini.

Oltre ai progetti grafici, fanno parte del percorso di mostra i ferri battuti del museo, dal Cancello dei Melograni, ideato da De Col e realizzato da Pietro Maccaferri, ai prodotti della Ditta di Sante Mingazzi, noto per il virtuosismo nella riproduzione dei fiori.

Il percorso dell’esposizione si prolunga idealmente fino alla Rocchetta Mattei di Riola nel Comune di Grizzana Morandi, dove, in via del tutto eccezionale e solo per la durata della mostra, il pubblico verrà accompagnato alla scoperta del Camino dei Fenicotteri, nella speranza che le recenti ricerche favoriscano il suo restauro e la sua pubblica fruibilità.


La mostra è stata prorogata al 6 settembre 2020


Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orari di apertura del Museo dal 22 maggio 2020:
lunedì, mercoledì, giovedì chiuso
martedì, venerdì h 9.00-14.00
sabato, domenica h 10.00-18.30

Ingresso:
gratuito

Prenotazione on line sul sito www.midaticket.it/eventi/museo-davia-bargellini

La Galleria de' Foscherari 1962 - 2018

MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
MAMbo_de_foscherari

L'Istituzione Bologna Musei riapre gradualmente le proprie sedi espositive a partire da martedì 19 maggio, con nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Da tale data entrano in vigore nuovi orari di apertura con il mantenimento di un’ampia offerta oraria nei giorni di sabato e domenica e una rimodulazione degli orari nei giorni feriali della settimana. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza. Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito  www.museibologna.it


La Project Room del MAMbo prosegue la sua attività espositiva con La Galleria de’ Foscherari 1962 – 2019, mostra che ricostruisce il percorso di un punto di riferimento per l’arte contemporanea a Bologna e non solo.

La Galleria de’ Foscherari, fondata da Enzo Torricelli, al quale si uniscono in seguito Franco Bartoli e Pasquale Ribuffo, nasce nei primi anni Sessanta con un programma culturale al quale è rimasta fedele, svolto in due direzioni strettamente connesse: l’attenzione alla tradizione criticamente consolidata e l’interesse per la ricerca e la sperimentazione.

La mostra allestita nella Project Room del MAMbo, seguendo le tradizioni della galleria, vuole essere un ulteriore contributo alla sua lunga e ricca storia e un omaggio alla figura di Pasquale Ribuffo.

La Galleria de’ Foscherari 1962 – 2019 accosta un’ampia selezione di materiali storici – fotografie, documenti, cataloghi, locandine, inviti – a una scelta di lavori di artisti che hanno segnato diversi momenti chiave nell’attività della galleria: Pierpaolo Calzolari, Mario Ceroli, Pirro Cuniberti, Luciano De Vita, Marcello Jori, Sophie Ko, Luigi Mainolfi, Piero Manai, Eva Marisaldi, Liliana Moro, Claudio Parmiggiani, Concetto Pozzati, Germano Sartelli, Mario Schifano, Gilberto Zorio.


La mostra è stata prorogata al 20 settembre 2020


Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orario di apertura del museo dal 19 maggio:
martedì, mercoledì, giovedì, venerdì h 14.00–18.30
sabato, domenica h 11.00–18.30
lunedì chiuso

Ingresso
biglietto museo (€ 6,00 intero / € 4,00 ridotto)
Per gli abbonati alla Card Cultura ingresso gratuito

Preacquisto on line sul sito www.midaticket.it/eventi/mambo-museo-darte-moderna-di-bologna

Info ingressi e orari

Noi siamo la Minganti

Museo del Patrimonio Industriale
Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019)
Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019)
MuseodelPatrimonioIndustriale_mostra_Minganti

L'Istituzione Bologna Musei riapre gradualmente le proprie sedi espositive a partire da martedì 19 maggio, con nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Da tale data entrano in vigore nuovi orari di apertura con il mantenimento di un’ampia offerta oraria nei giorni di sabato e domenica e una rimodulazione degli orari nei giorni feriali della settimana. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza. Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito  www.museibologna.it


L'esposizione fotografico-documentale realizzata nel centenario delle Officine Minganti racconta la storia della fabbrica come luogo al contempo del lavoro e della produzione, accostando un’ampia selezione di fotografie d’epoca e una raccolta di materiali documentali.

Il percorso espositivo è caratterizzato da una selezione di fotografie provenienti sia dagli archivi della Camera del Lavoro di Bologna, della Fiom-Cgil Bologna e del Museo del Patrimonio Industriale che da donazioni di ex dipendenti.

La scelta delle immagini si dipana intrecciando volutamente la memoria visiva strettamente legata alla realtà produttiva e lavorativa quotidiana, nella sua materialità e varietà all’interno dello spazio industriale, ma anche il suo svilupparsi all’esterno delle officine, nelle forme di espressione legate alle manifestazioni sindacali.

Le immagini documentano, in un arco temporale che va dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta del Novecento, gli ambienti interni ed esterni della fabbrica, il lavoro nell’officina e negli uffici tecnico-amministrativi e la lunga lotta contro la chiusura (il declino inizia dagli anni Settanta, prosegue con l’amministrazione controllata degli anni Ottanta e arriverà alla fine con una lunga e complessa procedura fallimentare conclusasi solo nel 1997).
Un ulteriore nucleo di fotografie mostra gli spazi abbandonati nei primi anni Duemila e l’odierna rifunzionalizzazione dell’area come centro commerciale.

Completano l’esposizione due spazi tematici: il primo è legato alla produzione Minganti con cataloghi e oggetti donati da ex lavoratrici ed ex lavoratori. Il secondo è dedicato alla Virtus Minganti pallacanestro.

Arricchiscono il percorso una video-installazione e alcune video-interviste a ex dipendenti, che restituiscono memoria all’aspetto umano della produzione industriale.

La mostra fa parte del più ampio progetto Il lavoro e la Minganti, lanciato in occasione del centenario della fondazione delle Officine in sinergia con il progetto Bologna metalmeccanic@, co-promosso dal Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna, dal Museo del Patrimonio Industriale, da associazioni di ricerca storica e promozione culturale come Clionet e da Fiom-Cgil Bologna. Significativa ed importante è stata l’attivazione di un gruppo di ex-lavoratori ed ex-lavoratrici delle Officine Minganti, costituitosi nel Comitato Minganti Storica, interessati a non disperdere l’importante memoria e cultura del lavoro che ha trovato espressione nello stabilimento metalmeccanico nel corso del Novecento.


La mostra è stata prorogata al 15 novembre 2020



Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orari di apertura del museo dal 20 maggio 2020:
lunedì, martedì chiuso
mercoledì, giovedì, venerdì h 10.00-13.00
sabato, domenica h 10.00-14.00

Ingresso:
biglietto museo (€ 5,00 intero / € 3,00 ridotto)
Per gli abbonati alla Card Cultura l’ingresso è gratuito

Servizio di prevendita online dei biglietti sul sito
www.midaticket.it/eventi/museo-del-patrimonio-industriale

Imago splendida

Museo Civico Medievale
Capolavori di scultura lignea a Bologna dal Romanico al Duecento
Capolavori di scultura lignea a Bologna dal Romanico al Duecento
MuseoMedievale_mostra_Imago_def

L'Istituzione Bologna Musei riapre gradualmente le proprie sedi espositive a partire da martedì 19 maggio, con nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Da tale data entrano in vigore nuovi orari di apertura con il mantenimento di un’ampia offerta oraria nei giorni di sabato e domenica e una rimodulazione degli orari nei giorni feriali della settimana. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza. Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito  www.museibologna.it


I Musei Civici d’Arte Antica, in collaborazione con la Curia Arcivescovile di Bologna e la Fondazione Giorgio Cini di Venezia e con il patrocinio dell’Università di Bologna, presentano presso il Museo Civico Medievale una importante mostra incentrata sull’affascinante e poco studiata produzione scultorea a Bologna tra XII e XIII secolo.

L’esposizione, curata da Massimo Medica e Luca Mor, è l’occasione per presentare per la prima volta alcuni rarissimi capolavori lignei della città, alcuni dei quali restaurati per l’occasione. Tali opere, principalmente grandi crocifissi, consentono di fissare una nuova tappa verso la comprensione dei modelli di riferimento nella Bologna di quel tempo.

Qui, del resto, il Medioevo fu animato da un fiorente clima multiculturale, favorito sia dalla posizione strategica della città sulla Via Emilia, quindi tra gli Appennini e le direttrici verso l’Oltralpe, sia per la nascita nel tardo XI secolo di una celebre scuola giuridica. Una realtà così cosmopolita garantì un impulso costante per i contatti internazionali, l’indotto dei commerci, lo sviluppo urbano e, non ultime, le commissioni artistiche, tra cui quelle di arredi liturgici e tesori ecclesiastici destinati a soddisfare le crescenti esigenze devozionali. Oggi però di questi manufatti rimane assai poco, come documenta la scultura lignea medievale che, anche a causa della deperibilità del materiale, a Bologna conta soltanto pochi esempi secondo una tendenza che accomuna tutti i grandi centri italiani.

In mostra si possono ammirare anche alcuni preziosi codici miniati ed altri oggetti liturgici per l’occasione prestati da importanti musei italiani.


La mostra è stata prorogata al 6 settembre 2020


Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orari di apertura del Museo dal 21 maggio 2020:
lunedì, mercoledì, venerdì chiuso
martedì, giovedì, sabato, domenica h 10.00-18.30

Ingresso:
biglietto museo (€ 6,00 intero / € 3,00 ridotto)
Per gli abbonati alla Card Cultura l’ingresso è gratuito

Prevendita online dei biglietti sul sito www.midaticket.it/eventi/museo-medievale

Photo: Giorgio Bianchi | Comune di Bologna

Ebrei in camicia rossa

Museo civico del Risorgimento
Mondo ebraico e tradizione garibaldina fra Risorgimento e Resistenza
Mondo ebraico e tradizione garibaldina fra Risorgimento e Resistenza
MuseoRisorgimento_mostra_Ebrei

L'Istituzione Bologna Musei riapre gradualmente le proprie sedi espositive a partire da martedì 19 maggio, con nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Da tale data entrano in vigore nuovi orari di apertura con il mantenimento di un’ampia offerta oraria nei giorni di sabato e domenica e una rimodulazione degli orari nei giorni feriali della settimana. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza. Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito www.museibologna.it


Il percorso espositivo prende inizio dalle vicende del Risorgimento e dalla partecipazione alle patrie battaglie, al seguito di Giuseppe Garibaldi, di volontari di origine ebraica; illustra poi il periodo liberale e si sofferma sugli anni della Prima Guerra Mondiale fino ad arrivare al Ventennio fascista, alle leggi razziali, alla lotta di liberazione e alla rinascita democratica e antirazzista dell’Italia e dell’associazionismo garibaldino.

Il percorso espositivo si articola in 17 pannelli di carattere generale e 9 biografici, al fine di fornire un quadro chiaro del contesto storico-sociale nel quale si mossero i rappresentanti della comunità ebraica.

La mostra, a cura di Eva Cecchinato, Federico Goddi, Andrea Spicciarelli e Matteo Stefanori, è stata realizzata dall’Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini “Giuseppe Garibaldi” (ANVRG) grazie al contributo annuale del Ministero della Difesa, con il patrocinio del Museo civico del Risorgimento di Bologna e del Museo Ebraico di Bologna.

La mostra è corredata inoltre di cimeli e documenti originali conservati nel museo e normalmente non visibili al pubblico o provenienti da collezioni private.


La mostra è stata prorogata al 14 luglio 2020


Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orari di apertura del Museo dal 22 maggio 2020:
lunedì, martedì, mercoledì, giovedì chiuso
venerdì, sabato, domenica h 10.00-14.00

Ingresso:
biglietto museo (€ 5,00 intero / € 3,00 ridotto)
Per gli abbonati alla Card Cultura ingresso gratuito

Prevendita online dei biglietti sul sito www.midaticket.it/eventi/museo-del-risorgimento

Photo: I fratelli Garibaldi ufficiali nelle Argonne (1914-15)

La fortuna visiva di Raffaello nella grafica del XVI secolo | Alfonso Lombardi: il colore e il rilievo

Pinacoteca Nazionale di Bologna
riaprono le due mostre allestite in Pinacoteca nell’ambito del progetto “Un dialogo tra le arti a Bologna nel segno di Raffaello”
riaprono le due mostre allestite in Pinacoteca nell’ambito del progetto “Un dialogo tra le arti a Bologna nel segno di Raffaello”
La fortuna visiva di Raffaello-Alfonso Lombardi il colore e il rilievo.jpg

Domenica 24 maggio riaprono le sale espositive della Pinacoteca Nazionale di Bologna dove sono allestite le due mostre dedicate al protagonista indiscusso del Rinascimento – “La fortuna visiva di Raffaello nella grafica del XVI secolo. Da Marcantonio Raimondi a Giulio Bonasone” e “Alfonso Lombardi: il colore e il rilievo” - rientranti nel progetto “Un dialogo tra le arti a Bologna nel segno di Raffaello” promosse dal Comitato Nazionale per la celebrazione dei 500 anni della morte di Raffaello.

La prima mostra “La fortuna visiva di Raffaello nella grafica del XVI secolo. Da Marcantonio Raimondi a Giulio Bonasone” a cura di Elena Rossoni è un modo per entrare nel vivo del rapporto di Raffaello Sanzio con la produzione incisoria, attraverso gli artisti che con lui lavorarono o che furono tra i primi protagonisti della diffusione delle sue idee dopo la sua morte.

La seconda mostra dal titolo “Alfonso Lombardi: il colore e il rilievo”, a cura di Alessandra Giannotti e Marcello Calogero, è dedicata allo scultore Alfonso Lombardi, artista che, formatosi nel solco della tradizione scultorea padana, fu in grado di aggiornare in senso raffaellesco il proprio stile ancor prima di recarsi a Roma nel 1533. Furono determinanti lo studio dei disegni e delle incisioni tratte da opere del maestro e i contatti con pittori che all’urbinate avevano guardato.

Nei suoi soli 37 anni di vita Raffaello è riuscito a lasciare un'impronta indelebile sull'intera arte occidentale, creando modelli fondativi, recepiti ed elaborati per secoli. A promuovere una capillare diffusione del suo stile fu lo stesso Raffaello, quando decise di affidare i propri disegni ad incisori, contribuendo così ad amplificare la propria fama.

Del resto l’Emilia, con i suoi vivaci centri di Bologna, Ferrara, Modena e Piacenza, già prima del 1520, era stata segnata da uno speciale quanto precoce interesse per Raffaello: lo dimostra in particolare Bologna, dove era ben visibile nella chiesa di San Giovanni in Monte l'Estasi di Santa Cecilia del Sanzio oggi conservata presso la Pinacoteca Nazionale.

Le mostre sono prorogate al 31 agosto 2020


Orari e giorni di apertura:
mercoledì dalle ore 10.00 alle 19.00
domenica dalle ore 10.00 alle 19.00

L'accesso sarà contingentato.

I visitatori, una volta effettuato l’accesso, saranno accolti da personale consapevole delle nuove regole di accesso che verranno illustrate prima dell’entrata e negli spazi dell’istituto con cartellonistica dedicata.

Tutti i visitatori per essere ammessi dovranno presentarsi dotati di mascherina e troveranno all’interno del sito distributori di gel disinfettante per mani.

Gli utenti fruiranno di entrate/uscite differenziate e di percorsi unidirezionali di visita.

Nelle sale espositive sarà fatta rispettare la distanza minima di oltre un metro e l'afflusso sarà regolamentato.

Visite guidate e iniziative di didattica non saranno possibili stante la normativa in vigore.


Biglietti
intero 8,00 euro
Biglietto agevolato per ragazzi da 18 ai 25 anni: 2,00 euro
Biglietto per possessori della Card Musei Metropolitani, Welcome Card e Card Cultura Euro 2,00
Gratuito per tutti i cittadini di età inferiore a 18 anni
Invariate le altre agevolazioni e le gratuità previste per legge​

Le sale con le collezioni permanenti della Pinacoteca e di Palazzo Pepoli Campogrande rimangono al momento chiuse

Per info: telefono 051 4209 442

pinacotecabologna.beniculturali.it

facebook.com/PinacotecaBO

Notti Magiche alle Ville e ai Castelli

luoghi vari Bologna e Città Metropolitana
a cura di Conoscere la Musica | 17 giugno – 1 luglio 2020
rocca dozza.jpg

Dal 17 giugno al 1 luglio 2020, sei concerti tra musica classica e tango per la rassegna estiva a cura dell’Associazione Musicale “Conoscere la Musica – Mario Pellegrini”  Notti Magiche alle Ville e ai Castelli, che quest'anno si svolge nelle affascinanti sedi del  Cortile dell'Archiginnasio di Bologna, il Chiostro della Rocca Sforzesca di Dozza e Cà la Ghironda a Zola Predosa

Ecco gli interpreti di questa edizione: Claudio Geminiani e Jorge Juarez (mercoledì 17 giugno – Chiostro della Rocca Sforzesca di Dozza), Quartetto Dispari (venerdì 19 giugno – Cortile dell'Archiginnasio di Bologna) ,  Lisa Redorici - Giuseppe Fausto Modugno (sabato 20 giugno  – Chiostro della Rocca Sforzesca di Dozza), Mirada de Tango Quartet (mercoledì 24 giugno – Chiostro della Rocca Sforzesca di Dozza), Duo Karis (venerdì 26 giugno – – Chiostro della Rocca Sforzesca di Dozza) e Agnese Contadini - Jessica Gabriel (mercoledì 1 luglio - Cà la Ghironda)


Ingresso: biglietto unico 10 euro

Il numero dei posti sarà necessariamente ridotto, poiché tutto deve avvenire in sicurezza e con il corretto distanziamento interpersonale. 
Prenotazione obbligatoria e pagamento anticipato per il concerto del 19 giugno all’Archiginnasio a Bologna
Per i concerti di Dozza invece pur consigliando la prenotazione, la sera del concerto la biglietteria sarà comunque aperta e metterà in vendita i posti rimasti (capienza massima 50 posti a sedere).
Il pubblico dovrà essere munito di mascherina, entrate e uscite separate e termoscanner all'entrata

Per ulteriori informazioni e prenotazioni è attiva la mail conoscerelamusica@gmail.com o il n. 331.8750957 dal lunedì al venerdì dalle 11.00 alle 17.00

Ettore Frani. Le dimore del pittore

Raccolta Lercaro
un’esposizione in divenire I Riapre la mostra alla Raccolta Lercaro
un’esposizione in divenire I Riapre la mostra alla Raccolta Lercaro
11-Ettore-Frani-Cenere-low.jpg

La mostra Ettore Frani. Le dimore del pittore nasce come naturale prosecuzione di un dialogo iniziato da tempo tra la Raccolta Lercaro e l’artista.  Curata da Andrea Dall’Asta SJ, su progetto di Ettore Frani e Paola Feraiorni e con un testo di Roberto Diodato, l’esposizione presenta diciassette dipinti inediti del ciclo di opere realizzato negli ultimi due anni di ricerca che, ancora in fieri, presenta in questa prima fase prevalentemente opere realizzate nel 2017 e rielaborate nel corso del tempo.

Il tema è quello dell’autoritratto interiore – idealmente sintetizzato nel titolo “Le dimore del pittore” – e sviluppa uno dei nodi centrali della poetica di Frani: la pratica della pittura come luogo di un’autentica e profonda esperienza spirituale. L’opera e il suo farsi progressivo divengono, per l’artista, occasione di esplorazione della propria interiorità e momento privilegiato di esperienza dell’invisibile. La presenza dell’infinito è ricercata, da Frani, negli oggetti che animano la sua vita quotidiana – un tavolo, una matita, i pennelli, un barattolo di acquaragia, una tovaglia, la cenere o la visione di un cielo stellato – e restituita attraverso la metamorfosi operata dal suo sguardo e dalle sue mani.

Ogni opera diventa “dimora” interiore del pittore e per esteso di tutti coloro che in essa si riconoscono. Iniziata nel silenzio dello studio, la pittura prende consistenza via via, con la pazienza e i tempi lunghi propri dell’indagine introspettiva: è per questa ragione che la mostra si propone come un “cantiere” in divenire. L’esposizione è così suddivisa in tre capitoli e subirà dei cambiamenti nel corso della sua durata dovuti alla ricerca che Frani sta ancora compiendo nel proprio studio. Nei due momenti distinti, programmati per gennaio e marzo, alcune opere cederanno il proprio posto a delle nuove o verranno altrimenti riprese dall’artista per riapparire, in seguito, trasformate.



Dopo la sospensione dell’apertura e delle attività dovuta all’emergenza sanitaria, la Raccolta Lercaro riapre al pubblico dal 4 giugno al 31 luglio 2020 con nuovi orari e nuove norme per garantire un accesso regolato nella sicurezza di tutti:

Orari di apertura collezione permanente + mostra “Ettore Frani. Le dimore del pittore”:
- giovedì, ore 14.00-18.00
- venerdì, ore 10.00-18.00
con prenotazione o con preavviso telefonico di almeno 15 minuti prima dell’arrivo in struttura
(tel. 051 6566210 /  segreteria@raccoltalercaro.it)

Ingresso libero


- Non sono ammesse le visite di gruppi superiori a 6 persone e comunque svolte sempre seguendo le norme di distanziamento.
- È obbligatorio l’uso della mascherina per tutti.
- L’uso del guardaroba è possibile seguendo le indicazioni che verranno fornite in portineria.
- All’ingresso è disponibile un distributore di gel igienizzante per le mani.
- Guanti usa e getta saranno a disposizione in portineria per chi volesse (non obbligatori).
- Non sono disponibili materiali cartacei come pieghevoli e cataloghi.
- Le postazioni sedute all’interno del museo sono posizionate a oltre un metro di distanza l’una dall’altra e vengono igienizzate di volta in volta.
- Non è consentito toccare le teche espositive.

Zoo di carta. La diffusione delle immagini zoologiche dell’Histoire naturelle di Buffon nell’Italia del Settecento

San Giorgio in Poggiale
ancora visibile al pubblico la mostra in San Giorgio in Poggiale
ancora visibile al pubblico la mostra in San Giorgio in Poggiale
Zoo di Carta_IMG_9085.jpg

In piena aderenza ai protocolli di sicurezza previsti dalle normative in vigore per il contenimento dell’emergenza da Covid-19, apre nuovamente la Biblioteca d’arte e di storia di San Giorgio in Poggiale, che dal 2009 custodisce l’ampio patrimonio librario – centomila volumi di storia e storia dell’arte locali - della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. Ancora visibile al pubblico fino al 31 luglio 2020 la mostra “Zoo di Carta. La diffusione delle immagini zoologiche dell’Histoire naturelle di Buffon nell’Italia del Settecento”, a cura di Pierangelo Bellettini, con le preziose illustrazioni zoologiche stampate a Bologna alla fine del Settecento, negli anni di più diffusa affermazione del pensiero illuminista. L’esposizione intende ricostruire la straordinaria fortuna che ebbero in Italia le incisioni di animali quadrupedi dell’editio princeps dell’opera di Georges-Louis Leclerc conte di Buffon realizzata a Parigi fra il 1749 e il 1767.

Se l’Encyclopédie di Diderot e D’Alembert è l’opera di sintesi scientifica per antonomasia dell’Illuminismo europeo, una grande fortuna editoriale – forse oggi sconosciuta ai più – ebbe anche l’Histoire naturelle di Georges-Louis Leclerc conte di Buffon. Pubblicata dall’Imprimerie Royale, che aveva sede nel palazzo del Louvre a Parigi, ebbe nel giro di pochi anni molte edizioni, emissioni, contraffazioni e traduzioni in tutta Europa, arrivando fino a Bologna con la Serie d’animali quadrupedi, che apparve a puntate, con cadenza settimanale, fra il 1783 e il 1787, a testimonianza della fortuna che ebbe questo tipo di pubblicazione negli anni di più diffusa affermazione del pensiero illuminista.

Le stampe esposte sono una selezione delle 132 illustrazioni zoologiche (sulle 200 della Collezione completa) recentemente acquisite dalla Biblioteca di San Giorgio in Poggiale, tutte stampate a Bologna negli anni Ottanta del XVIII secolo ad opera dei calcografi Antonio Cattani e Antonio Nerozzi. Un’impresa editoriale che è uno degli episodi più significativi nella storia della tipografia bolognese della seconda metà del Settecento. Quasi una collezione di figurine ante litteram: gatti d’Angora, iene, barboncini, formichieri, raffigurati ora su sfondi naturalistici ora in ambientazioni domestiche. Le illustrazioni bolognesi si distinguono per il ricco apparato descrittivo delle singole figure: si tratta di animali noti – il cavallo, l’asino, il bue – ma più spesso inconsueti, quelli che venivano esibiti a pagamento nelle fiere, come elefanti, rinoceronti, ippopotami, cammelli, o anche animali di recentissima scoperta nei lontani territori del Siam, della Guinea, del Canada, del Brasile. L’esposizione consente inoltre di evidenziare l’importante ruolo che Bologna ebbe come centro di diffusione del nuovo pensiero illuminista nonché di produzione del libro scientifico illustrato, subito dopo le grandi capitali culturali ed editoriali del Settecento italiano: Milano, Napoli, Roma e Venezia.


Orari di apertura:
lunedì, mercoledì, venerdì dalle 9.00 alle 13.00, martedì e giovedì dalle 9.00 alle 17.00

Ingresso gratuito


genusbononiae.it

Intramondo | Sabrina Muzi

museo temporaneo navile | mtn
mostra | inaugurazione il 5 giugno
mostra | inaugurazione il 5 giugno
Sabrina_Muzi_Bestiarum_Fotografie_27x18,6-cm_2016.jpg

INTRAMONDO
Sabrina Muzi
museo temporaneo navile | mtn
05|06-29|08|20

museo temporaneo navile | mtn di Bologna confermando il suo stretto legame con la comunità, ha deciso di non interrompere la sua attività espositiva, tenendo comunque presente i problemi in corso, inaugurando un nuovo format di mostre che avranno come sede le vetrate monumentali del museo. Questo favorirà la fruizione delle mostre dall’esterno in assoluta sicurezza e distanziamento sanitario. Si potrebbe quasi dire che in questo modo saranno le opere ad andare verso il pubblico e non più viceversa. Le due sale che solitamente ospitavano le opere saranno vuote, impraticabili, in attesa. Questo vuoto tuttavia non sarà uno spazio inerte ma potenzierà, come un grande serbatoio di ossigeno, le opere esposte sulle vetrate che saranno concepite come un territorio inedito: uno spazio della prossimità.
Il primo artista che mtn ha invitato per sviluppare questo nuovo format è Sabrina Muzi, la cui ricerca è focalizzata proprio sulla capacità di trasformare in modo inaspettato i luoghi, instaurando un rapporto simbiotico tra opera e spazio che la ospita. Inoltre i temi che stanno alla radice della sua ricerca sono incentrati su una visione non convenzionale dell’essere umano e del suo rapporto con la società.
Il progetto di mostra concepisce le sezioni modulari delle vetrate del museo come luoghi spazio-temporali per una narrazione che si definisce man mano che la si percorre nel senso di marcia voluto. Disegni di forme vegetali si stendono su grandi fogli di carta ibridandosi con riflessi, luci e paesaggi reali. A questi si alternano sagome e profili, dipinti direttamente sul vetro, che richiamano immaginari simbolici, viaggi già percorsi, segni annidati nello spazio remoto dell’archetipo, che così riscoperto sembra formulare una capitale domanda: in fondo cosa significa essere umani?
Considerare l’opera di Sabrina Muzi in questo delicato periodo storico vuole dire soprattutto credere alla multiformità dell’essere umano, alla ricchezza delle sue espressioni vitali e linguistiche, alla dignità della propria vicenda. Quello che sorprende in questa concezione dell’arte è l’intuizione che oggi ci sia bisogno di una cultura condivisa, nata nell’orizzontalità, nel desiderio di unire quanto appare drammaticamente diviso. Un’arte umana fatta per gli esseri umani.

Sempre visibile dall’esterno dal 5 giugno al 29 agosto 2020 

Sotto il segno di una nuova stella

Museo Ebraico di Bologna
 La Brigata Ebraica e l’Aliyah Bet 1944-1948 | Riaperta la mostra al MEB
 La Brigata Ebraica e l’Aliyah Bet 1944-1948 | Riaperta la mostra al MEB
Sotto il segno di una nuova stella.jpeg

Il 2 giugno il Museo Ebraico di Bologna riapre le sue porte per accogliere il pubblico alla visita dei percorsi storici nella sezione permanente e alla mostra Sotto il segno di una nuova stella. La Brigata Ebraica e l’Aliyah Bet 1944-1948, prorogata fino al 30 settembre 2020.

Attraverso una rigorosa ricostruzione storica, rare immagini fotografiche, militaria e filmati d’epoca, la mostra documenta una delle più singolari pagine di storia che ebbe come sfondo l’Italia tra il 1944 e il 1948: l'attività e le azioni della Brigata Ebraica Combattente (Jewish Brigate), formata da volontari ebrei arruolatisi nell'esercito britannico e formalmente costituita nel 1944.

Una vicenda storica di grande rilevanza per il contributo alla guerra di liberazione, per il soccorso alle popolazioni, per l'appoggio logistico al passaggio degli Alleati nel Nord Italia, ma anche per la ricostruzione delle comunità ebraiche italiane e per il riscatto degli ebrei dopo gli anni delle persecuzioni nazifasciste e della Shoah.

Un particolare risalto è dato agli eventi legati all'offensiva della Brigata Ebraica in Romagna, dalla battaglia sul Senio del marzo 1945 agli scontri con la IV Divisione paracadutisti tedeschi, al passaggio del fiume Lamone e al controllo del territorio collinare intorno a Brisighella. È raccontato, inoltre, il coinvolgimento della Brigata nell’Aliyah Bet, l’immigrazione clandestina via mare dei sopravvissuti ai campi di sterminio dai porti italiani alla Palestina, allora territorio controllato dalla Gran Bretagna, che aveva posto un limite agli ingressi consentiti. L’operazione Aliyah Bet è illustrata in mostra anche attraverso le tavole di un grapich novel, con particolare riferimento al porto di La Spezia e all’azione di Ada Sereni che ebbe un ruolo di primo piano nella sua organizzazione.

Mostra organizzata e promossa da Museo Ebraico di Bologna in collaborazione con Comunità Ebraica di Bologna, Centro di Cultura Ebraica della Comunità Ebraica di Roma, Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia, Museo della Battaglia del Senio di Alfonsine.



Le visite del pubblico sono gestite attraverso nuove misure organizzative di sicurezza in linea con gli indirizzi governativi della "Fase 2" dell'emergenza Covid-19 nei luoghi della cultura. Per tutelare i visitatori e garantire loro un’esperienza serena e confortevole, sono stati completamente sanificati gli ambienti, modificati gli orari di apertura e riorganizzato i flussi di accesso alle sale.

Nuova "biglietteria online"  che consente di scegliere la fascia oraria di visita per evitare assembramenti. Dal 3 giugno è possibile prenotare la visita dal sito di Bologna Welcome e all’info point in Piazza Maggiore, nei giorni successivi anche dal sito del MEB.

Nuovi orari di apertura
martedì, giovedì e domenica ore 10.00 - 18.00
Chiuso gli altri giorni e durante le festività ebraiche

Ingresso
tariffa unica per l'ingresso alle due sezioni del museo (permanente e mostra temporanea): intero € 7 | ridotto € 5 studenti, over 65, Card Cultura Bologna
 

museoebraicobo.it

facebook.com/MebMuseoEbraicoDiBologna

Giuliano Gresleri. Disegno e Pittura

Raccolta Lercaro
mostra alla Raccolta Lercaro | Inaugurazione giovedì 11 giugno su YouTube
mostra alla Raccolta Lercaro | Inaugurazione giovedì 11 giugno su YouTube
Giuliano-Gresleri_Veronica-BVI-1960.jpg

Giovedì 11 giugno alle ore 17.30 inaugura in diretta sul canale YouTube  la mostra Giuliano Gresleri. Disegno e Pittura aperta dal 12 giugno al 31 luglio 2020 alla Raccolta Lercaro.

Realizzata grazie al contributo della Fondazione Carisbo, la mostra vuole essere un omaggio a Giuliano Gresleri, noto architetto e docente di storia dell'architettura moderna, figura di spicco del panorama culturale bolognese del secondo Novecento, legato al programma di costruzione delle nuove chiese della periferia cittadina durante l’episcopato del cardinale Giacomo Lercaro.

L’obiettivo dell’esposizione non è ripercorrere il ruolo di Gresleri all’interno di quella stagione sperimentale, ma svelare la sua opera grafica e figurativa: dimensione intima meno nota, culla per la comprensione del suo riconosciuto e rinomato apporto intellettuale e professionale in architettura.

Il linguaggio delle arti visive, infatti, emerge con forza in moltissimi suoi lavori pubblici e s'intreccia inequivocabilmente con le modalità espressive adottate in privato per dare voce a esigenze intime e personali. Ecco quindi che, accanto alle decorazioni per chiese e luoghi aperti alla devozione, si colloca una vasta produzione di pittura realizzata per puro piacere, per urgenza espressiva o per necessità di sperimentazione, oltre a numerosi e piacevolissimi “taccuini di viaggio” tracciati col segno rapido e sicuro della mano d’architetto-artista.

La mostra si apre con il richiamo alle realizzazioni pubbliche più note, come l’altorilievo in cemento raffigurante la Veronica – il volto di Cristo impresso nel lino – realizzato per la chiesa della Beata Vergine Immacolata di Bologna progettata dal fratello Glauco di cui, in mostra, è esposta la matrice di legno o le vetrate colorate progettate per la chiesa di Cristo Re, documentate dai grandi bozzetti al vero su carta velina. Prosegue poi con la presentazione di una selezione di dipinti realizzati negli anni Cinquanta e Sessanta utilizzando anche materiali poveri (come juta e impasti di sabbia), sotto l’influsso delle tendenze informali.

Infine, una sequenza di coloratissimi lavori degli ultimi anni, in cui il cromatismo acceso, si coniuga alla geometria delle forme per restituire una personalissima interpretazione neopurista in cui si fondono echi della pittura di Fernand Léger, di Amédée Ozenfant e delle nature morte di Le Corbusier. Gresleri si presenta oggi in un’inedita veste: quella dell'artista desideroso di tradurre, di volta in volta in grafica o su tela, le proprie “architetture interiori”. Nell’intimità del suo studio, rimedita e affina la lezione dei Maestri, misurandosi con i reperti fisici che lo circondano, le persone care e le memorie dei luoghi, ricavandone così originali combinazioni figurative e compositive che giocano sui contorni delle forme, liberandone l’essenza più profonda attraverso il colore. In un momento storico nel quale le identità individuali e collettive sono in profonda crisi, Gresleri ci insegna a recuperare il valore della creatività spontanea, del coraggio di osare, di osservare il proprio “dentro” traducendolo in forme concrete col linguaggio dell’arte. Non per un mero esercizio di libertà, ma come momento profondo di conoscenza di sé.


Inaugurazione giovedì 11 giugno, ore 17.30 in diretta sul canale YouTube della Raccolta Lercaro


Dopo la sospensione dell’apertura e delle attività dovuta all’emergenza sanitaria, la Raccolta Lercaro riapre al pubblico dal 4 giugno al 31 luglio 2020 con nuovi orari e nuove norme per garantire un accesso regolato nella sicurezza di tutti:

Orari di apertura della mostra
- Da lunedì a mercoledì, ore 9-13
Senza prenotazione

- Giovedì, ore 14-18
- Venerdì, ore 10-18
con prenotazione o con preavviso telefonico di almeno 15 minuti prima dell’arrivo in struttura
(tel. 051 6566210 /  segreteria@raccoltalercaro.it)

Ingresso libero


- Non sono ammesse le visite di gruppi superiori a 6 persone e comunque svolte sempre seguendo le norme di distanziamento.
- È obbligatorio l’uso della mascherina per tutti.
- L’uso del guardaroba è possibile seguendo le indicazioni che verranno fornite in portineria.
- All’ingresso è disponibile un distributore di gel igienizzante per le mani.
- Guanti usa e getta saranno a disposizione in portineria per chi volesse (non obbligatori).
- Non sono disponibili materiali cartacei come pieghevoli e cataloghi.
- Le postazioni sedute all’interno del museo sono posizionate a oltre un metro di distanza l’una dall’altra e vengono igienizzate di volta in volta.
- Non è consentito toccare le teche espositive.

Ultrabandiere

MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna, foyer
fino al 6 settembre 2020
fino al 6 settembre 2020
Ultrabandiere-Sharif.jpg

Il progetto nasce nel novembre 2017 a Torino all’interno dello Spazio Popolare Neruda, un’occupazione abitativa atipica. Insieme agli abitanti sono state immaginate, disegnate e poi cucite quattordici bandiere in stoffa che raccontano storie, pensieri, sogni e ricordi dei loro autori. Questi manufatti non sono più “solo” bandiere, ma “ultra”-bandiere. Si trasformano in altro, stratificando significati: sono arazzi, tappeti, lenzuola o tovaglie... Non più vessilli identitari ma narrazioni aperte.

Progetto a cura di Guerrilla Spam e Mattia Branca in collaborazione con CHEAP Street Poster Art.

Orari
martedì, mercoledì, giovedì, venerdì: ore 14–18.30
sabato e domenica: ore 11–18.30

La Collina delle Meraviglie

La Collina delle Meraviglie
16 giugno – 15 settembre 2020
PHOTO-2020-06-09-09-33-50 (1).jpg

In via di Sabbiuno 6 riprende la manifestazione La Collina delle Meraviglie, spazio di valorizzazione del territorio delle prime colline bolognesi e delle sue risorse elaborato dall’associazione culturale Dalla Terra in su assieme a Stappo e Sposto, società che si occupa della somministrazione di vini e piatti tipici. Anche quest’anno La Collina delle Meraviglie sarà uno spazio in cui i prodotti e le bellezze del territorio, unite alla buona musica, al cibo genuino e al vino artigianale, dialogheranno tra loro al tramonto, valorizzandosi l’un l’altro. Alla luce del successo avuto lo scorso anno, in cui si è vista la presenza di oltre 20.000 persone da giugno a settembre, nonostante il difficile periodo e seguendo tutte le linee guida per la sicurezza da Covid 19, si riparte martedì 16 giugno alle 18.30 per godere insieme dello spettacolo che il sole regala incontrando le colline bolognesi.

Per sottolineare il valore culturale della musica e per sostenere un settore che ha sofferto particolarmente del recente lock down, La Collina delle Meraviglie propone anche quest’anno una piccola rassegna di musica dal vivo la cui direzione artistica e tecnica è  curata, ancora una volta, da Antonio Lovato, professionista del settore musicale e teatrale ed ex proprietario del Vinile Soundsfood di Bologna. Il programma inizia il 30 giugno alle 20.30, con il concerto del chitarrista di fama nazionale Federico Poggipollini, che anticiperà per l’occasione, per la prima volta dal vivo, il suo nuovo lavoro “Canzoni Rubate”, l’album di cover dedicato a piccole perle della musica italiana, riarrangiate e reinterpretate dal musicista bolognese. A luglio saliranno sul palco i Limbo Tree con i loro sound che va dal Calypso allo ska, dal Rocksteady al reggae, e a seguire i Jus Brothers, avvocati bolognesi che per l’occasione si toglieranno la toga in nome del rock and roll.

Un occhio di riguardo c’è anche per l’infanzia, altri grandi “non protagonisti” di questi ultimi mesi: consapevoli del fatto che sarebbe complicato tenere i bambini distanziati, sono stati ideati, con Giosi D’amore - responsabile del progetto - dei laboratori di qualità che ogni sera i bambini potranno seguire dal tavolo con i loro familiari, scegliendo tra diversi temi. Sarà possibile acquistare un kit contenente una maglietta o due shopper da decorare seguendo il tutorial, accessibile con un QR code, che racconta l’artista cui si ispira il laboratorio. In programma ci sono anche percorsi di educazione al gusto dedicati ai bambini (naturalmente divisi in piccoli gruppi) e degustazioni di vini di piccoli produttori per i più grandi, prediligendo le aziende locali.
La cucina del food truck gestito dalla Stappo e Sposto, propone anche quest’anno un ricco menu per l’aperitivo o la cena all’aperto (con possibilità di estendere anche al pranzo), accompagnati da vini di vignaioli artigianali e birre di microbirrifici locali.

Due diverse iniziative permettono di scoprire il territorio: tutti i giorni piccole gite organizzate dall’associazione Bike in Bo, con biciclette a pedalata assistita, partono dal centro con destinazione Collina delle Meraviglie, mentre, tre volte a settimana, passeggiate naturalistiche, con guide specializzate della Compagnia delle Guide Valli Bolognesi e Cooperativa Madre Selva, partono dalla Collina delle Meraviglie per arrivare, attraverso i calanchi, al monumento ai caduti di Sabbiuno, per poi fare ritorno alla Collina attraversando boschi e campi coltivati.


Dal 16 giugno al 15 settembre tutte le sere, escluso il lunedì, dalle 18.30 alle 23.00

Tutti i giorni con Bike in Bo
Gite di 2 h circa in bicicletta dal centro di Bologna fino alla Collina delle Meraviglie ad orario aperitivo
Prenotazione con 48 h di anticipo al numero 347 0017996

Tutti i giorni con Giosi D’Amore (Gesti di carta)
Laboratori per bambini

Tre giorni a settimana con Compagnia delle Guide Valli Bolognesi e Cooperativa Madre Selva
Facili passeggiate al tramonto partendo dalla Collina delle Meraviglie fino al Monumento di Sabbiuno, per scoprire il territorio sotto l’aspetto storico, botanico e paesaggistico. Info e prenotazioni Alessandro Conte 32847766980

Open Galleria

Galleria Cavour
mostra
mostra
Open Galleria-detail.jpg

In questa impegnativa fase di ripresa post lockdown, Galleria Cavour Green ha deciso di dedicare una mostra ai suoi esordi e al suo heritage quale simbolo di ‘rinascita’: un ponte ideale tra i tempi difficili di oltre 60 anni fa, a cui fece seguito il boom economico, e quelli che stiamo vivendo ora.
La mostra viene offerta in visione al pubblico secondo dettami consoni a questi tempi di emergenza sanitaria che impongono restrizioni. E’ infatti allestita in una originale modalità ‘sotto vetro’, ovvero agevolmente visibile a tutti dall’esterno, senza la necessità di entrare all’interno dello spazio espositivo.

OPEN GALLERIA è una mostra ‘in divenire’ che, grazie al ricchissimo materiale espositivo (i progetti degli inizi, le vecchie foto che fanno parte della storia di Galleria Cavour, i plastici a cui lavorarono i progettisti in parte del tutto inedito), sarà divisa in 3 momenti diversi e successivi, e cambierà fisionomia e contenuti ogni 20 giorni nell’arco di 2 mesi.


19 giugno > 31 agosto 2020
Open no stop

  • 19 giugno - 9 luglio | DOPOGUERRA E RICOSTRUZIONE
  • 10 luglio - 23 luglio | IL PROGETTO PIZZIGHINI
  • 24 luglio - 31 agosto | PRIMI PASSI: NEGOZI E PRESENZE

 
La mostra OPEN GALLERIA gode del patrocinio del Comune di Bologna e dell’Ordine degli Architetti.

Nino Migliori. Stragedia

Ex Chiesa di San Mattia
inaugurazione sabato 27 giugno 2020
inaugurazione sabato 27 giugno 2020
Migliori.jpg

Nel 2020 ricorre il 40° anniversario della Strage di Ustica che, tra le numerose iniziative, verrà ricordato tramite la mostra Nino Migliori. Stragedia, promossa dal Dipartimento Cultura e Promozione della Città del Comune di Bologna e dall'Associazione Parenti della Strage di Ustica.
L'esposizione, a cura del responsabile Area Arte Moderna e Contemporanea dell'Istituzione, Lorenzo Balbi, si terrà negli spazi dell'Ex Chiesa di San Mattia, con inaugurazione sabato 27 giugno, data in cui avvenne la tragedia nel 1980, per proseguire fino al 27 settembre.
Il progetto, che si svilupperà in una video-installazione immersiva, nasce da una rielaborazione di immagini scattate dal grande fotografo nel 2007 durante l'allestimento dei resti del velivolo negli spazi del Museo per la Memoria di Ustica. Gli 81 scatti, corrispondenti al numero di vittime della strage, sono eseguiti a “lume di candela” tecnica utilizzata dal fotografo nel 2006 per la serie Lumen. Nino Migliori, oltre alle ricerche di stampo realista sull'Italia del dopoguerra, è noto per le sperimentazioni sul materiale fotografico eseguite mediante tecniche di sua invenzione come le ossidazioni e i pirogrammi. 
La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione Edizioni MAMbo.


Apertura sabato 27 giugno 2020 ore 18.00 - 24.00
Orari di apertura: venerdì e sabato ore 20.00 - 22.00
domenica ore 18.00 - 20.00

Ingresso libero
Prenotazione: tel. 051 6496611
www.midaticket.it/eventi/mambo-museo-darte-moderna-di-bologna

www.mambo-bologna.org
info@mambo-bologna.org

Photo: Nino Migliori, Stragedia, 2007-2020 © Fondazione Nino Migliori

Crinali 2020

Luoghi vari nella Città Metropolitana
1 luglio - 15 agosto 2020
1 luglio - 15 agosto 2020
Crinali2020_Boestate.jpg

Crinali è una rinnovata proposta turistica per riscoprire il nostro Appennino attraverso escursioni nelle località più affascinati della montagna bolognese.

Al centro dell’attenzione il paesaggio, le emergenze naturali e culturali del territorio “utilizzando” la generosità di tanti testimonial che appariranno a sorpresa nel corso dei singoli eventi.

Come si svolge Crinali?

I camminatori lungo i percorsi incontreranno senza preavviso musicisti, narratori e in generale artisti che si esibiranno al loro passaggio.

Questi artisti, provenienti da vari ambiti espressivi, appariranno improvvisamente, quando il camminatore arriverà in una radura o in uno spazio suggestivo dell’itinerario.

Diverse decine di artisti a partire da luglio animeranno i cammini, i turisti non sapranno dove né quando, ma sapranno che all’improvviso, come elfi dei boschi, appariranno musicisti, narratori, poeti, attori, camminatori, esploratori, circensi che allieteranno il loro cammino, offrendo gratuitamente attraverso la loro arte un racconto o un’esibizione.

L’ingresso a tutti gli eventi è gratuito, si richiede un’attitudine mimetica, rispetto per le performance artistiche, l’ambiente e le norme imposte dalla situazione sanitaria attuale.

Per partecipare e necessaria la prenotazione.

Per informazioni: Marco Tamarri, mob. +39 3401841931
e-mail: marco.tamarri@unioneappennino.bo.it

(dalle ore 9 alle 19 dal lunedì al venerdì)

Poetika

Parco Marco Biagi
1 - 22 luglio 2020
1 - 22 luglio 2020
PHOTO-2020-07-01-12-20-28.jpg

Nella cornice rinfrescante del Parco Marco Biagi di Pianoro si tiene Poetika, manifestazione che si propone come un’esperienza “enoletteraria” fatta di Poesia, Vino, Musica.

Quattro appuntamenti, con inizio alle ore 21, per altrettante letture da opere dei principali poeti del ‘900 allietate dall’accompagnamento musicale e dalla degustazione di vini proposti da sommelier.

Questo il programma dell’iniziativa:

1 luglio

“Lettera Levantina” e altre poesie di Eugenio Montale. Legge Luciano Mazziotta. Musica: pianoforte (Matteo Rubini) e violoncello (Jacopo Paglia). Vini della regione Liguria.

8 luglio

“I Fiori” e altre poesie di Aldo Palazzeschi. Legge Luciano Manzalini. Musica : violino (Daniele Negrini) e violoncello (Jacopo Paglia). Vini della regione Toscana.

15 luglio 

“I Sacriféizi” e “Zarchè” di Tonino Guerra. Legge Annalisa Teodorani. Musica: violino (Daniele Negrini), pianoforte (Matteo Rubini) e violoncello (Jacopo Paglia). Vini della regione Emilia-Romagna.

22 luglio

“Signorina Felicità” di Guido Gozzano. Legge Francesca Del Moro. Musica: violino (Daniele Negrini) e pianoforte (Matteo Rubini). Vini della regione Piemonte.

Le degustazioni sono a cura di Andrea Rubbi Lortica Enoteca – Bologna. Prezzi:  euro 8,00 + euro 2,00 di cauzione per il bicchiere in vetro.

In caso di pioggia le iniziative si terranno all’interno dell’adiacente Biblioteca S Mucini – Pianoro

Per partecipare alle serate occorre prenotarsi segnalando con precisione numero di persone e l’eventuale appartenenza ad uno stesso gruppo familiare:

PER INFO: Whatsapp: 351.9707422; e-mail: amministrazione.lortica@gmail.com

Brividi d'estate

1 luglio - 5 agosto 
1 luglio - 5 agosto 
imm brividi solo fronte.jpg

Tornare ad uscire, tornare a sognare, sotto le stelle, insieme alle stelle … di Hollywood. E’ quanto propone Brividi d’estate, rassegna di cinema all’aperto per grandi e piccini con una scelta di titoli legati al tema del freddo.

Le proiezioni hanno inizio alle ore 21.30 e si tengono in due location: l’Arena del Cinema Nuovo a Vergato e presso Impianti sportivi di Riola di Vergato

Questo il programma dell’iniziativa:

1 luglio

Fargo di Joel Coen e Ethan Coen - Thriller

Arena del Cinema Nuovo a Vergato

8 luglio

La spada nella roccia di Wolfgang Reitherman e Walt Disney - Animazione

Arena del Cinema Nuovo a Vergato

15 luglio

The hateful eight di Quentin Tarantino - Western

Arena del Cinema Nuovo a Vergato

22 luglio

Forza maggiore di Ruben Östlund - Thriller

Arena del Cinema Nuovo a Vergato

24 luglio

8 amici da salvare di Frank Marshall - Avventura

Impianti sportivi di Riola di Vergato

29 luglio

Nightmare before christmas di Henry Selick e Tim Burton - Animazione

Arena del Cinema Nuovo a Vergato

31 luglio

Revenant di Alejandro G. Iñárritu - Thriller

Impianti sportivi di Riola di Vergato

5 agosto

Il mio Amico Nanuk di Brando Quilici e Roger Spottiswoode - Avventura

Arena del Cinema Nuovo a Vergato

E’ consigliata la prenotazione.

Le proiezioni avverranno nel rispetto del distanziamento fisico. Potrà essere provata la temperatura corporea all'entrata.

In caso di pioggia la proiezione saranno rimandate.

PER INFO: Tel. 051910559,  oppure via whattsapp 3341152800

Non solo Roveri

Cortile Giostrà
GIOSTRA ESTATE.jpg

LUNEDÌ 
Una serata tra musica, chiacchiere e tante tante crescentine, per iniziare al meglio la settimana!  Ogni lunedì Giostrà Estate si trasforma nel “Molo Due Zero, il Super Aperitivo” con selezioni musicali dei migliori DJ (Gabrielli, Muri, Masi, Devil ….) 
MARTEDÌ 
   Concerti con i migliori cantautori bolognesi che illumineranno assieme alle stelle il cielo del nostro nuovo giardino cantando tutti assieme pensando a Dalla, Guccini, De Gregori, De Andrè, Gaetano  FEDERICO AICARDI, GIO MARINELLI, VIAPIANA, MARSALA, SANTINO 
MERCOLEDÌ  
  Tutto da ridere al Giostrà Estate, con LA SOLITA TRUFFA! Conducono Marco Dondarini e  Davide Dal Fiume con tantissimi ospiti conosciuti e dilettanti allo sbaraglio 
 GIOVEDÌ 
  Dalle ore 19, arriva in collaborazione con La Récré, “Resto-Diner”, piatti tipici africani & e dj set a seguire musiche e colori con i migliori dj Afro-urbani e Afro-beat 
VENERDÌ   
Serate alternative curate da Marco Aversa  “WE ARE HISTORY”, per rivivere la cultura techno, hardcore e hardtrance degli anni ’90,  “Tapas Trash”, in collaborazione con Internazionale TRASH RIBELLE, la più irriverente che ci sia, Vintage nigth.  
 SABATO 
 Il Sabato di Giostrà Estate si trasforma in “IBIZA STYLE”, con i ragazzi di Desacato Latino che porteranno allegria e divertimento nel nostro giardino, con musica latina a 360°, esibizioni ballo, percussioni e musica dal vivo.
Dj Joele, Samuel, Fernando 
 DOMENICA 
 Ogni domenica, a partire dalle 15, “LE BARBEC' DU DIMANCHE”, per gli amanti della griglia, ricco barbecue con varie specialità africane, un’occasione di incontro e scambio interculturale, famigliare e musicale con i migliori dj Afro-urbani e Afro- beat 


Ingresso gratuito
Info: 338 6355624 

La Repubblica delle Idee

luoghi vari, Bologna e online
Ripartiamo
Ripartiamo
repubblica-delle-idee-2020-1248x703.jpg

Tre giorni nei quali Repubblica propone in pubblico il suo modo di essere, presenta i protagonisti della cultura, della politica e dello spettacolo, vive in diretta per e con i suoi lettori. Ma lo fa con una formula inedita: Tre appuntamenti al giorno in piazza - in piena sicurezza – e gli altri solo in digitale. E tutto che confluisce in un unico festival online con un continuo rimando tra la piazza e il web, in tre intensi pomeriggi sul sito di Repubblica. Il primo "festival ibrido" della storia. All'insegna di una parola d'ordine che è anche una speranza: “Ripartiamo". 
 
GUARDA IL PROGRAMMA

E...state al Benassi!

Circolo Arci Benassi
giugno – settembre 2020
giugno – settembre 2020
Circolo Arci Benassi.jpg

Un'estate piena di eventi, musica e merende al circolo Arci Benassi. Due centri sportivi estivi. Ristorazione: 3 dehors. Partite di calcio del Bologna su grande schermo: 3 sale disponibili. Il giardino estivo si riempie di balli di moda e balli popolari. Merende e Cinema per bimbi e Cinema per adulti. Oltre a un super pranzo di Ferragosto e tanta…Bologna! Tombola estiva il venerdì e la domenica.

Programma nel rispetto delle regole anti COVID 19

GIUGNO | Campi estivi
15 giugno-26 giugno - Campi estivi settimanali sportivi- Impariamo a ballare.
15 giugno -10 luglio - Campi estivi settimanali sportivi - Pontevecchio Calcio.


LUGLIO |  Il mese della danza!
ore 20,45  (entrata: Liscio e Balli di gruppo: 3 €, Boogie Woogie e Lindy Hop: ingresso gratuito)
giovedì 2-9-16-23-30 luglio -  Liscio
venerdì 3-10-17-24-31 luglio - Boogie Woogie e Lindy Hop
sabato 4  luglio - Country
sabato 11-18-25 luglio - Balli di gruppo – anni ’60. Musica Mix.


AGOSTO | Danza, cinema e…bambini in città
sabato 1-8-22-29 agosto - Balli di gruppo – anni ’60. Musica Mix.- Balli di gruppo – anni ’60. Musica Mix.
giovedì 6-13-20-27 agosto - Liscio
venerdì 7-14-21-28 agosto - Boogie Woogie e Lindy Hop


Cinema adulti, con il patrocinio di Alliance Francaise - Bologna
martedì 4-11-18-25 agosto ore 20,45 - Cinema francese


Pomeriggio bimbi
martedì 4-11-18-25 agosto
ore 17,00 – Merenda Bimbi offerta dal Circolo vicino al giardino degli Alberi dei Frutti Dimenticati
ore 17,15 - Cinema d’animazione


Sabato 15 agosto | Ferragosto
Ore 12,00  pranzo
Ore 15,30 proiezione film Hanno rubato un tram
Ore 17,00 cocomerata
Ore 20,00 Tombola di Ferragosto


SETTEMBRE | Danza e Campi estivi
giovedì 3-10 settembre - Liscio
venerdì 4-11 settembre -  Boogie Woogie e Lindy Hop
sabato 5-12 settembre - Balli di gruppo – anni ’60. Musica Mix

7 - 11 settembre: Campo estivo settimanale sportivo- Impariamo a ballare.

BolognadaSballo… Young People Free Tour

noleggio walkman c/o Master Key
Esclusivo per Under 21
Esclusivo per Under 21
Piazza Maggiore notte cassette CADENTI OK.png

BolognadaSballo… Young People  Free Tour 

Esclusivo per Under 21
segnatevi in agenda questo Appuntamento di BolognadaSballo  

I Giovani “curiosi” di scoprire il centro di Bologna saranno guidati  dal Walkman anni ottanta per un Tour unico nel suo genere. I “giovani visitatori” ascoltando questa Situation Comedy scopriranno una serie di particolarità storiche e culturali di Bologna camminando per strade e vicoli meno conosciuti tra una risata e suoni curiosi.
Il racconto è calibrato passo dopo passo e permetterà di spostarsi in completa autonomia semplicemente ascoltando le indicazioni di Ugo inserite nel racconto emozionale. 

Durata 
Il PRIMO percorso culturale per le vie del centro di Bologna ha una durata di 80 minuti


Quando
Venerdì 10  Luglio
5 turni ore 19,30 - 20 – 20,30 – 21 – 21,30


Come partecipare
 È obbligatoria la prenotazione
- telefonando al 3284412533


Quanto costa
Completamente GRATIS ed esclusivo per Under 21


Dove si noleggia il Walkman
In centro a Bologna c/o Master Key in Via San Nicolò 3d
(laterale di via Oberdan)

Per maggiori informazioni visita il sito e le pagine social dedicate.

Letture al Circolo Malpensa

Centro Sociale Fiorenzo Malpensa
appuntamenti a cura di Legg’Io
appuntamenti a cura di Legg’Io

Due appuntamenti nel mese di luglio con le letture ad alta voce di Legg’Io al Circolo Malpensa di San Lazzaro di Savena
 

  • Venerdì 10 luglio h. 16,30 - Storie Bolognesi 
     
  • Venerdì 24 ore 21,00 - Viaggiare


    E’ inoltre possibile ascoltare ogni giovedì alle 10 ogni giovedì alle 10 "Racconti d'autore", su Radio Emilia Romagna 

Tutti i videospettacoli di Legg’io QUI

La Collina agricola

Partenza da Villa Spada
Trekking teatrale | InsOrti
Trekking teatrale | InsOrti
Trekking La Collina Agricola al tramonto_trekking teatrale_foto di Simone Tonarelli (3).jpg

Inaugurazione della rassegna

TREKKING LA COLLINA AGRICOLA

La Collina agricola è un trekking teatrale che racconta la storia degli agricoltori della collina di ieri e di oggi, in una drammaturgia creata dal Teatro dei Mignoli, sotto la direzione di Mirco Alboresi, basata su interviste e racconti degli abitanti del luogo. Un trekking per tutti, per esplorare un lato inedito della collina bolognese.

La passeggiata, di circa due ore, avrà inizio da Villa Spada, attraverserà il suo caratteristico giardino all'italiana, proseguirà poi per il Parco San Pellegrino fino ad arrivare allo spazio comunitario dei 300 Scalini.

Al termine del percorso sarà possibile gustare i prodotti del territorio collinare con “l'aperitivo del Contadino”.


10 luglio 2020
ore 19.00

Partenza da Villa Spada, si attraversa il Parco San Pellegrino fino ai 300 scalini

€ 16,50

Il biglietto è acquistabile su www.boxerticket.it


info.teatrodeimignoli@gmail.com

ai300scalini.blogspot.com

Serate musicali

Podere Canova
Estate al Podere Canova sui Colli
Estate al Podere Canova sui Colli
Podere_Musica_part.jpg

Serate musicali
Il venerdì ore 19 – 21 

  • 10 luglio musiche balcaniche con il Visegrad Balkan trio con Tim Trevor-Briscoe fiati, David Sarenelli fisarmonica e Mirco Mungari oud, bouzouki e chitarra acustica
  • 17 luglio world music di M.P.B. con Stefano D’Arcangelo fisarmonica e Francesco Giacalone clarinetto
  • 24 luglio serata jazz con Jimmy Villotti duo
  • 31 luglio serata jazz con Jimmy Villotti trio
  • 7 agosto musica brasiliana e folk europeo con Tim Trevor-Briscoe clarinetti e Marco Ruviaro chitarra acustica 
  • 14 agosto spoken word music Martina Campi voce e Mario Sboarina piano e sax 
  • 21 agosto tradizione cantauatoriale italiana col Trio Pineda 
  • 28 agosto pop e swing col trio vocale al femminile delle  ShoobUp Sisters
  • 4 settembre serata conclusiva jazz con Jimmy Villotti

Link Back in Town

Giardini del Baraccano - Casa delle Associazioni al Baraccano
I Giardini del Baraccano - Festival '20
I Giardini del Baraccano - Festival '20
Link back in town.jpg

Tornano le serate del Link Back in Town ai Giardini del Baraccano. Per l’occasione è stato chiamato un ospite speciale: Dario Rossi, uno dei drummer più conosciuti al mondo per l'originalità e l'unicità delle sue performance in strada. La sua musica, e soprattutto il suo particolare modo di produrla, rappresenta un unicum nel settore della musica elettronica. A  sostenerlo i resident della Link Crew, Soul boy e Max Miranda.


L'ingresso è gratuito, fino a esaurimento posti.
Registrazioni disponibili su Eventbrite

Con-Visioni a Nudo

Casa e Parco del Paleotto
La Terra del Corpo
La Terra del Corpo
Convisioni a nudo2.jpg

CON-VISIONI A NUDO É una piéce coreografica che indaga la relazione, la visione e il corpo umano, ambiti che si pongono in relazione tra di loro e in dialogo con il pubblico. Le tre danzatrici sono parte del contesto, nutrendosi ed alimentandolo a loro volta. Una struttura coreografica accompagna il processo interno, che si sviluppa ascoltando il momento presente; non c’è narrazione, se non quella emozionale. In un momento storico dove lo sguardo è iper-sollecitato, guardare lo spettacolo può essere ora un sostegno, ora un’ancora per aggrappare i pensieri, infine un luogo dove perdersi un attimo per ritrovarsi altrove. Il corpo è il luogo dove le matrici sociali e culturali s’iscrivono, si leggono e si traducono seguendo personali proiezioni. “Guardare non è un atto innocente”, ma coinvolge e rende ugualmente responsabili entrambi gli attori dell’azione, danzatrici e pubblico. La piéce nasce come dono alla natura e al parco del Paleotto che ha accolto per molti anni la ricerca di EkoDanza. Consegnare valore alla produzione coreografica è una necessità politica, come produzione di significato e come sostegno alla creazione di propri immaginari da parte di ogni singolo spettatore. La scelta di proseguire per tutta l’estate con la presentazione dello spettacolo sottolinea, quest’anno più che mai, l’urgenza di sostenere il lavoro artistico come necessario e insostituibile per la comunità, non legato alla mercificazione e alla poca vita destinata comunemente alle produzioni contemporanee. 

Concept, coreografie e regia di Roberta Zerbini | Danzato e interpretato da: Martina Delprete, Emma Moruzzi, Lucrezia Rosellini | Musiche di Tim Brady / Zumberberg 

Repliche: 27 giugno, 3 e 4, 10 e 11, 17 e 18 Luglio, ore 19.30 


Gratuito

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE: è consigliabile prenotarsi con i seguenti contatti 051 443494 | 370 366 4343 | promozione@ekodanza.it | fb Selene Centro Studi formazione alla danza contemporanea

Il Coro da camera in Italia e Francia

Teatro Comunale
dirige Alberto Malazzi
dirige Alberto Malazzi
malazzi.jpeg

Il Coro da Camera in Italia e in Francia con pagine da Claudio Monteverdi, Gioachino Rossini, Alfredo Catalani, Gabriel Fauré e Reynaldo Hahn.

CLAUDIO MONTEVERDI
Due cori dall’Orfeo, con la realizzazione del basso continuo al pianoforte di Giacomo Orefice (1909)

GIOACHINO ROSSINI
I gondolieri
La passeggiata
Il carnevale

ALFREDO CATALANI
Extase!

GABRIEL FAURÉ
Cantique de Jean Racine op. 11
Madrigal op. 35
Pavane op. 50

REYNALDO HAHN
da Douze Rondels
“Le Jour”
“Gardez le trait de la fenêtre”
“La Nuit”

Al piano Nicoletta Mezzini

ALBERTO MALAZZI direttore
Classe 1961, ha studiato pianoforte e composizione presso il conservatorio G. Verdi di Milano.
Dal 2002 al 2018 è stato Maestro del Coro presso il Teatro della Scala di Milano, precedentemente ha ricoperto il ruolo di Maestro del Coro Ospite presso Radio-France, accompagnatore al piano per il Sommerakademie Mozarteum di Salisburgo ed ha collaborato a lungo col Teatro La Fenice di Venezia ed il Rossini Opera Festival di Pesaro. Dal 2019 è Maestro del Coro presso il Teatro Comunale di Bologna.


I concerti, che si svolgono nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e senza intervallo, sono preceduti da un aperitivo nella terrazza. Le regole in vigore limitano a un massimo di 200 posti a serata l’accesso del pubblico, che potrà entrare in Teatro dalle 19.30 in poi attraverso l’ingresso principale di Piazza Verdi in modo regolamentato, munito di biglietto e indossando la mascherina. Un contingente di posti di ogni concerto è stato destinato agli operatori sanitari del Policlinico Sant’Orsola per il loro impegno durante l’emergenza sanitaria.

432Hz B.Lab | Omaggio all’amore

Giardino della Chiesa di Sant’Elena, Sacerno
 concerto – Notti di Note | Calderara Summer Festival 2020
 concerto – Notti di Note | Calderara Summer Festival 2020
432Hz B.Lab.jpg

Notti di Note

432Hz B.Lab
Omaggio all’amore

Irene Nanni – Voce
Max Benassi – Voce, Chitarra e Ukulele
Lele Veronesi – Batteria,
Riccardo Roncagli - Pianoforte

Dal jazz al blues in un ampio arco temporale che parte dall'inizio del '900 fino agli anni '70 quasi un secolo di musica che comprende, al suo interno molte sfumature intermedie. Perché la musica è l’espressione in note dell’Amore e mai come in nessun altro genere si è parlato di amore, tra storie di amori felici, di amori immaginati, amori sventurati, amori sognati.


Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria

Info e prenotazioni
Prenota i tuoi posti su Eventbrite.it (Calderara Summer Festival)   oppure chiama la biblioteca comunale allo 051 6461247 o la Casa della Cultura al 342 8857347, negli orari di apertura.

Elio (Pinguini Tattici Nucleari) legge Borges

Parco del Cavaticcio
con Elio Biffi | We Reading
con Elio Biffi | We Reading
insta-wereading-summer2020_ISE_Tavola disegno 1.jpg

"Ignoriamo il senso del drago, come ignoriamo il senso dell’universo, ma c’è qualcosa nella sua immagine che si accorda con l’immaginazione degli uomini, e così il drago appare in epoche e latitudini diverse."
(Il libro degli esseri immaginari)

ELIO BIFFI (Pinguini Tattici Nucleari) legge
IL LIBRO DEGLI ESSERI IMMAGINARI di BORGES
Lezione interattiva di Zoologia Fantastica

in collaborazione con Cassero LGBTI center e Ex Forno MAMbo
 

Elio Biffi nasce nel 1994 a Seriate, nell’hinterland bergamasco che ancora si ostina con tenacia ad abitare. Nel corso dei suoi ultimi ed unici 25 anni è riuscito a conquistare un discreto paio di baffi, una cintura nera in jujutsu tradizionale, un diploma al Liceo Classico Sarpi oltre che tre dischi e il palco del Primo Maggio (e quelli dei maggiori festival e club italiani) come tastierista e seconda voce del caleidoscopico gruppo musicale orobico denominato Pinguini Tattici Nucleari. Incidentalmente, si è anche laureato in Lettere all’Università Statale di Milano con una tesi in letteratura latina medievale titolata “I primi due volti di Mago Merlino”. Collabora e ha collaborato con Terre Spezzate, una delle maggiori realtà organizzative di LARP (live action role play / gioco di ruolo dal vivo) in Italia, come designer, produttore, sceneggiatore e regista. E’ animatore del collettivo artistico Maite in Città Alta a Bergamo, dove si occupa di musica popolare e canti di lotta, oltre che della rivalutazione degli spazi e delle tradizioni del borgo storico.

Nel rispetto delle nuove normative anti Covid per gli eventi sarà necessario fare check-in, online o la sera stessa all'ingresso.
Per evitare assembramenti all'ingresso è consigliato fare check-in gratuitamente qui https://checkin-elio-biffi-we-reading-x-bologna-estate.eventbrite.com

No events