Anna Bonitatibus mezzosoprano - Paolo Raffo pianoforte

Teatro Auditorium Manzoni
Bologna Festival | Grandi Interpreti
Bologna Festival | Grandi Interpreti
Bonitatibus.jpg

Anna Bonitatibus - mezzosoprano
Paolo Raffo - pianoforte
«Che palpiti son questi»

programma

  • Vincenzo Bellini
    Questa è la valle… Quando incise su quel marmo… Spergiura! (scena drammatica)
  • Gioachino Rossini
    Giovanna d’Arco (cantata a voce sola)
  • Ludwig van Beethoven
    L’amante impaziente op.82 n.3 (arietta buffa)
    L’amante impaziente op.82 n.4 (arietta assai seriosa)
  • Franz Schubert
    Guarda che bianca luna D.688, II (canzone)
    Mio ben ricordati D.688, IV (canzone)
  • Vincenzo Gabussi
    La luna (arietta n.7), La protesta d’amore (arietta n.10)
  • Franz Schubert
    Improvviso op.90 n.3
  • Giovanni Battista Perucchini
    Se i sospiri degli amanti (arietta op.IV n.5)
    Odi d’un uom che muore (arietta op.IV n.6)
  • Vincenzo Bellini
    O crudel che il mio pianto non vedi (arietta)
    A palpitar d’affanno (arietta)
    Le souvenir présent céleste (arietta)
  • Gioachino Rossini
    Un rien (Péchés de vieillesse, Vol.XII)
    Francesca da Rimini:“Farò come colui che piange e dice” (recitativo ritmato)
    Beltà crudele (melodia)
    Mi lagnerò tacendo (arietta)

Il mezzosoprano Anna Bonitatibus possiede un belcantismo di raffinata eleganza, sorretto da una particolare attenzione musicologica. La prima parte del programma prevede la “scena drammatica”, genere destinato agli interpreti professionisti legati al mondo dell’opera mentre la seconda è un percorso dedicato alla lirica amorosa italiana preromantica, nella quale Rossini e Bellini ebbero il ruolo principale.

Concerto inserito nel programma delle celebrazioni rossiniane “L’inquilino di Strada Maggiore e Piazza Rossini. Il maestro a Bologna nel 150° dalla scomparsa”