BANDO INCREDIBOL 2020 – Don’t stop me now!

C’è tempo fino al 29 settembre per partecipare alla nona edizione di INCREDIBOL! – l’INnovazione CREativa DI BOLogna, il progetto che sostiene ~

Leggi
 

Bologna Estate viaggia con Il Treno del Ricomincio

Un progetto di arte comunitaria con atelier artistici partecipati da associazioni, gruppi  e cittadini

Leggi
Leggi tutte le notizie

Il treno del ricomincio - seconda tappa a Borgo Panigale

Giardino Jerzy Popiełuszko
Installazione di arte comunitaria e rassegna di appuntamenti  a cura di Cantieri Meticci
Treno 6_part.jpg

Il Treno del Ricomincio - grande installazione di arte partecipata di oltre trenta metri - prosegue il suo viaggio attraverso la città ed arriva nel quartiere Borgo Panigale, al Giardino Jerzy Popiełuszko.

Il progetto è stato ideato dagli artisti di Cantieri Meticci e realizzato da tantissimi cittadini che hanno voluto partecipare ai laboratori di costruzione ed assemblaggio del Treno durante il mese di luglio.
Tra luglio e agosto il Treno è diventato scenografia per spettacoli, spazio espositivo, bottega artigiana, luogo di laboratori, ospitando una rassegna al Giardino Europa Unita, nel quartiere Savena.

Dal 5 al 20 settembre il Treno del Ricomincio è pronto a ripartire per la seconda tappa del suo viaggio, nel Giardino Jerzy Popiełuszko a Borgo Panigale: una nuova rassegna di incontri, proiezioni, spettacoli e laboratori in collaborazione con tante realtà del quartiere, come la Biblioteca Borgo Panigale, Il Cimena, Arvaia, OPENgroup, Piazza Grande, BIRRRRbanti, Compagnia teatrale CreAzione, Borgo Alice, APE Onlus - Associazione per l'educazione giovanile.

Durante il weekend del 19-20 settembre Cantieri Meticci saluterà il quartiere con la Festa della Ripartenza, in collaborazione con le associazioni del territorio.

Il Treno del Ricomincio è parte di una riflessione artistica sulla città che Cantieri Meticci porta avanti ormai da anni, e che ha visto la compagnia impegnata in laboratori comunitari, performance teatrali site-specific e azioni installative realizzate con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza.

Anche questo nuovo intervento nasce con lo scopo di dare un significato inedito a scorci urbani periferici, convertendoli in “piazza”, ovvero luogo di confronto e di incontro, rispondendo ancor più dei precedenti all’esigenza profonda di cittadine e cittadini di tornare a popolare spazi a lungo negati.
Ed ecco che il viaggio del Treno del Ricomincio si fa strumento di riflessione ed elaborazione collettiva, luogo di laboratorio in cui creare insieme, wunderkammer delle meraviglie quotidiane, in cui riporre ciò che abbiamo deciso di proteggere, curare, coltivare, come le infinite possibilità di essere comunità - nonostante la distanza - che i mesi trascorsi ci hanno mostrato.


La costruzione del Treno del Ricomincio è realizzata con il finanziamento del progetto UIA01-047 SALUS W SPACE mentre i laboratori e le attività culturali sono finanziati dai fondi PON METRO 14-20 – OI Comune di Bologna - Asse 3 – Progetto BO3.3.1d1 – CUP F32G19001370004
Si ringrazia Fondazione Innovazione Urbana per la condivisione dei contatti e delle informazioni legate al Quartiere Borgo-Reno.


PER INFO E CONTATTI:
info@cantierimeticci.it
ufficiostampa@cantierimeticci.it
+39 3336738830
Fb: Cantieri Meticci // https://www.facebook.com/events/3363908750367103/

#MÉTRON3

Le Serre dei Giardini Margherita
performance per un musicista/atleta e speech dispositor
performance per un musicista/atleta e speech dispositor
21-settembre-fabrizio-saiu-m-tron-3_orig.jpg

21 settembre 2020 ore 18.30
FABRIZIO SAIU, #MÉTRON3 - performance per un musicista/atleta e speech dispositor + Fassbinder's Wives AAA Amorevole Approvvigionamento Autogestito (incursione) 

Performance per un musicista-atleta, 35 piatti da percussione e speech dispositor. La pratica musicale del concerto si articola nei modi di una training session posta ai limiti tra l’azione sonora e la pratica atletica. Un algoritmo di controllo del sistema di sintesi vocale macOS (speech dispositor) organizza le fasi della training session e interviene sulle modalità d’uso e produzione del gesto attraverso sequenze di cues e introductions, talvolta si sovrappone a essa articolandosi in un piano discorsivo autonomo.

21 settembre 2020 ore 19.30  
Francabandera – Mastroianni, Micromondi (workshop) breve descrizione MICROMONDI è un progetto di esperienze e incontri mediati e attivi con i linguaggi dell’arte e la propria sensibilità. Nato dall’esigenza di avvicinare alle nuove dimensioni creative il maggior numero di persone di ogni tipo di esperienza e provenienza, il laboratorio dinamico si propone come arricchimento e incontro, ma anche come stimolo creativo per i partecipanti, che integra, ricompone, permea tutte le aree di indagine della conoscenza sulle arti dal vivo. Gli aspetti di interdisciplinarità della performance, la sua possibilità di essere scritta o non scritta, casuale o predefinita o pianificata, reale o digitale, con o senza coinvolgimento di pubblico, pongono la creatività davanti ad una serie di quesiti e approfondimenti di primaria rilevanza, amplificati negli ultimi anni dalla loro praticabilità tramite i media digitali. Attraverso un percorso misto didattico-laboratoriale, il partecipante sarà guidato a scoprire il rapporto fra ascolto, sguardo ed esperienza in un modo personalizzato, soggettivo e informale. Il ciclo di incontri è aperto a persone di ogni formazione, senza bisogno di esperienze pregresse.
 

Durata: 1H è possibile iscriversi al ciclo di incontri (21, 22 e 24 settembre) o a incontri singoli.

Prenotazione obbligatoria a info@perasperafestival.org o via WhatsApp al 349 5824266


 

Guastocene | Agosto - Settembre - Ottobre

Giardino del Guasto
calendario appuntamenti al Giardino del Guasto
calendario appuntamenti al Giardino del Guasto
Guastocene_part.jpg

Di seguito gli appuntamenti in programma al Giardino del Guasto nei mesi di agosto/settembre/ottobre:


1 - 24 agosto pausa nessuna attività


Dal 25 agosto al 31 agosto

Guastocenecinnicinecittà in Cinema Ritrovato Kid a cura di Schermi e lavagne, dalle 18 al buio dal Guasto alla Piazzetta Pier Paolo Pasolini - PEDICINEBUS


Settembre

2-4 settembre

Primo, non fare niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


7-9-11 settembre

Secondo, non fare niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


12 settembre

Festival guasto del coniglio nero, a cura di Antonella Tandi con musiche e canti

Dalle 17 alle 20


14-16-settembre

Terzo, non fare niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


Dal 15 al 30 settembre Installazione pittorica, Becco blu Becco blu, Forestazione al Guasto, a cura di Odgo e Antonella 


16 settembre, Orchestra AfroBeat di Guglielmo Pagnozzi ore 19-21


18 settembre, Pianista Blue moon “Jazz in the garden” a cura di Vito Favara ore 20 


21-23-25 settembre

Quarto, faccio tutto e niente, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


22 settembre, Non si scherza con il pianeta, giocolerie con Max dei Max ore 18


28-30-settembre 2 ottobre

Guastocene forever, incontri-laboratori a cura di Antonella Tandi e Paola Merli

Dalle 17 alle 20


Gran finale 2 ottobre

Un vibrafono per Rodari con Pasquale Mirra ore 19


Tutte le attività si svolgono all’interno del Giardino del Guasto.
Tutte le iniziative sono su prenotazione, attraverso un cellulare dedicato, tramite whatsapp e messaggi (n. 3928780106 cellulare di Anto)  e hanno ingresso libero, ma contingentato.

Let's skate

Frida nel Parco
corsi di skateboard e inline skate | (Around) Frida nel Parco
corsi di skateboard e inline skate | (Around) Frida nel Parco
let's skate_fb_detail.jpg

LET’S SKATE
Corsi skateboard e inline skate (roller)

in collaborazione Bologna Skateschool



- giugno/luglio: mercoledì e venerdì, ore 17.30 - 18.30
- agosto: solo mercoledì, ore 17.30 - 18.30
- settembre: mercoledì e venerdì, ore 17.30 - 18.30

Partenza e arrivo al chiosco di Frida nel Parco


La tessera Bologna Skateschool (obbligatoria) ė valida anche per l'ingresso nello skatepark Silver Lining e per tutte le lezioni  Bologna skateschool in skatepark e parchi. Ė necessario portarsi le proprie protezioni.

Per info e costi: segreteria Bologna Skateschool tel. 3755238130
Prenotazioni via whatsapp al numero  3755238130 entro la sera prima [Indicando: Frida / nome cognome, età / skate o roller].

I corsi si attivano con minimo 3 allievi. E' necessario quindi confermare la presenza entro la sera prima.
Lezioni, singole, pacchetti da 4, da 8 e da 12 (utilizzabili anche tra fratelli)



www.facebook.com/Frida-nel-Parco

A centro tavola | Laboratorio

Frida nel Parco
Frida kids & teens | (Around) Frida nel Parco
Frida kids & teens | (Around) Frida nel Parco
14-21-settembre.jpg

Frida kids & teens presenta “A centro tavola”, un laboratorio per scoprire come educare con i giochi da tavolo.

“A centro tavola” è un progetto, oltre che un libro di Gigi Cotichella di Ago Formazione, frutto del lavoro di un team di professionisti che sperimentano da anni il gioco da tavolo in campo educativo, pedagogico e didattico. Da Frida nel parco Liliana Silva Plazzi coinvolgerà in due incontri dedicati ragazzi e ragazze e le loro famiglie nella scoperta di giochi da tavolo entusiasmanti.


Lunedì 14 settembre - Dalle 17.30
Primo incontro dedicato principalmente ai genitori, che potranno sperimentare l'uso dei giochi da tavolo con i propri figli.


Lunedì 21 settembre - Dalle 17.30
Secondo incontro che coinvolge maggiormente le ragazze e i ragazzi a partire dalla scuola primaria.



www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Mystery train

Cinema Lumière
(USA-Giappone/1989) di Jim Jarmusch (110')
(USA-Giappone/1989) di Jim Jarmusch (110')
mystery train.jpg

Film a episodi ambientato a Memphis, nel regno dei memorabilia di Elvis. Ogni storia finisce nel vicolo cieco delle narrazioni di Jarmusch. Tutti annoiati e lunatici, forse un canto funebre per gli anni Ottanta al tramonto. La cosa più curiosa è il cast: Nicoletta Braschi e Joe Strummer, Steve Buscemi e Rufus Thomas (ma le musiche sono del fedelissimo John Lurie). Nella costellazione del regista, pianeta più piccolo ma malinconicamente luminoso. (Roy Menarini)

Lingua originale con sottotitoli

Palchi verdi

Parco Don Bosco e Parco Padre Giovanni Brevi
27 luglio –  21 settembre 2020
27 luglio –  21 settembre 2020
Foto Tomax Teatro_Palchi Verdi.JPG

Progetto presentato da Tomax teatro con attività dedicate a giovani e ragazzi, percorsi di laboratorio teatrale finalizzato a superare la paura del giudizio altrui, affrontare la propria timidezza, sospendere l’auto-giudizio e acquisire più consapevolezza e fiducia in se stessi.

Si realizza nel quartiere San Donato-San Vitale presso il Parco Don Bosco e il Parco Padre Giovanni Brevi.

1. Laboratorio di teatro e musical | Parco Padre Giovanni Brevi, via Sante Vincenzi, 50

Descrizione: Sperimentare la propria voce, il proprio corpo e il proprio sentimento recitando o cantando, a seconda delle proprie inclinazioni, estratti da famose opere teatrali e di musical. Non è richiesta alcuna esperienza pregressa.
Partecipanti: Il laboratorio è aperto a adulti e adolescenti fino ad un massimo di 10 partecipanti.
Durata incontri: 10 incontri (compreso incontro finale) della durata di 2 ore ciascuno.
Orario: 18.00-20.00
Date: lunedì 27 luglio – Musical, venerdì 31 luglio – Musical, lunedì 3 agosto – Teatro, venerdì 28 agosto – Musical, lunedì 31 agosto – Teatro, venerdì 4 settembre – Teatro, lunedì 7 settembre – Musical, venerdì 11 settembre – Musical lunedì 14 settembre – Teatro, lunedì 21 settembre - Giornata conclusiva
Luogo. Parco Padre Giovanni Brevi, via Sante Vincenzi, 50
Partecipazione: Gratuita. Sarà richiesta sola la tessera associativa (€10)
Prenotazione: obbligatoria al seguente link: https://www.tomaxteatro.it/events/laboratorio-di-teatro-e-musical


2. Arena Teatrale – Laboratorio di Combattimento scenico | Parco Don Giovanni Bosco, Viale Aldo Moro

Descrizione: Un intenso lavoro di sblocco corporale per arrivare alla coscienza corpomente- emozione. Non si tratta solo di imparare tecniche di combattimento, ma di trovare la coesione tra sé stessi e il movimento che permette di compiere l’intera sequenza di un combattimento con la consapevolezza di creare una complicità con i compagni di scena dove si va oltre il personale per rendere credibile ogni momento e viverlo pienamente. Il lavoro prevede combattimenti scenici a due e corali.

Partecipanti: Il laboratorio è aperto a adulti e adolescenti fino ad un massimo di 10 partecipanti.
Durata incontri: 10 incontri (compreso incontro finale) della durata di 2 ore ciascuno.
Orario: 18.00-20.00
Date: mercoledì 29 luglio, mercoledì 5 agosto, lunedì 24 agosto, mercoledì 26 agosto, lunedì 31 agosto, mercoledì 2 settembre, mercoledì 9 settembre, lunedì 14 settembre, lunedì 21 settembre - Giornata conclusiva
Luogo: Parco Don Giovanni Bosco, Viale Aldo Moro
Partecipazione: Gratuita. Sarà richiesta sola la tessera associativa (€10)
Prenotazione: obbligatoria al seguente link: https://www.tomaxteatro.it/events/laboratorio-di-combattimento-scenico

SI ripARTE

Elastico Ass. Culturale e altri luoghi Quartiere Navile
25 luglio, 5 agosto, 2,3 e 10 settembre 2020
25 luglio, 5 agosto, 2,3 e 10 settembre 2020
ELASTICO grafica web PAGINA.png

SI ripARTE è una rassegna di eventi e laboratori gratuiti di arte, musica e artigianato rivolto ad un pubblico giovane. Una“ripartenza” che pone l’arte al centro della vita quotidiana per rispondere ai bisogni di socialità di quartiere e prossimità accessibile ed ecosostenibile. Il progetto prevede laboratori e residenze artistiche che abbracciano diverse fasce di età, dai 5 ai 30 anni, seguiti e coordinati da esperte figure professionali interne agli atelier d'arte di Elastico.

Luogo in caso di pioggia: Lo spazio dispone di un’ampia sala al coperto in cui poter accogliere dai 7 ai 10 utenti, nel rispetto delle normative anti covid 19.

Calendario eventi:

25 luglio 2020
GIOCARE CON L’ARTE / Laboratorio sulla manipolazione della creta

Il laboratorio punta a rendere duttile l’apprendimento del/la bambino/a, a cambiare il punto di osservazione, seguire diverse ipotesi, aprendo ad un metodo sempre sensibile a sviluppi inaspettati.
Durata: 4 ore – dalle 16:00 alle 20:00
Partecipanti: bambine e bambini dai 5 ai 10 anni
Luogo: Elastico Ass. Culturale – Via dell’Arcoveggio, 49 - Bologna
 

5 agosto 2020
GIOCARE CON LA MUSICA / Scrittura creativa di una canzone

Il laboratorio prevede la condivisione di un tema, poi verrà mostrata la tecnica di scrittura di una canzone a partire dalle idee e suggestioni condivise tra i partecipanti del corso, con l’obiettivo di realizzare e registrare una canzone originale.
Durata: 4 ore dalle 16:00 alle 20:00
Partecipanti: ragazzi e ragazze dai 12 ai 17 anni
Luogo: A.S.D. Caserme Rosse – Via di Corticella, 147 - Bologna
 

2-3 settembre 2020
STAMPA LA TUA T-SHIRT / Laboratorio di serigrafia

Il laboratorio presenta una delle tecniche di stampa più utilizzate oggi nella stampa in serie. Mira a mostrare il processo artigianale della stampa serigrafica, mostra come è possibile riciclare e personalizzare una t-shirt rendendola unica.
Durata: 6 ore dalle 17:00 alle 20:00
Partecipanti: ragazzi e ragazze dai 12 ai 17 anni
Luogo: Elastico Ass. Culturale – Via dell’Arcoveggio, 49 - Bologna
 

10 settembre
LOTTERIA al MERCATO

Serata in collaborazione col Mercato Albani, dove sarà possibile comprare i biglietti della lotteria di autofinanziamento a supporto delle attività dell’associazione Elastico.
Durata: dalle 19:00 alle 23:30
Luogo: Mercato Albani - Via Albani - Bologna

21 settembre
Seminario esperienziale sul Canto Armonico condotto da Sergio Quagliarella.

Un laboratorio sul canto armonico benefico per gli organi del corpo (testa, gola, cuore, ventre, addome) e l’uso della voce a scopo meditativo. Incontro aperto a tutti coloro che vogliono sperimentare la potenza e la bellezza del Canto Armonico.
Durata: 2 ore dalle 18:00 alle 20:00
Partecipanti: Aperto a ogni fascia di età. Massimo 7 partecipanti.
Luogo: Elastico Ass. Culturale – Via dell’Arcoveggio, 49 – Bologna

29 settembre
GUMMA mostra personale di Nicola Di Benedetto in arte Benni Nodo

La mostra è il risultato di una residenza artistica ospitata nel laboratorio di stampa di Elastico FaART, dal 7 al 10 settembre 2020
GUMMA è il progetto artistico di Nicola Di Benedetto in arte Benni Nodo, che eLaSTiCo fa/ART presenta per il primo appuntamento della rassegna organizzata da DAS Dispositivo Arti Sperimentali, “Collagene”.
Durata: dalle 18:00 alle 23:00 (orari da confermare)
Partecipanti: Aperto a tutti
Luogo: DAS – Dispositivo Arti Sperimentali - Via Del Porto 11/2 – 40121 Bologna

Per partecipare ai laboratori OCCORRE PRENOTARE inviando una mail a info@elastico.org o chiamando il 339 4470779 / 328 3931867

F***ing Genius

Libreria Feltrinelli
Massimo Temporelli presenta il suo libro
Massimo Temporelli presenta il suo libro
TEMPORELLI.jpg

Massimo Temporelli, fisico e divulgatore scientifico, arriva a Bologna con il suo book bike tour per presentare F***ing Genius, pubblicato da HarperCollins, nato dal celebre podcast di storielibere.fm.

Nel libro sono raccolte le straordinarie vite di otto grandi scienziati che con la loro visione e la loro opera hanno cambiato per sempre la nostra storia.

Interviene Federico Taddia.

L’incontro si tiene presso la Galleria Acquaderni

ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti, nel pieno rispetto delle normative vigenti sulla sicurezza sanitaria.
Per prenotazioni scrivere a: eventi.bologna@lafeltrinelli.it

Play with Fire di Nicoz Balboa

Online
Presentazione in anteprima | Some Prefer Cake
Presentazione in anteprima | Some Prefer Cake
PlaywithFire.jpg

Presentazione in anteprima del graphic novel Play with Fire di  Nicoz Balboa, Oblomov Edzioni. 

"Che cosa ci definisce maschi o femmine? Il sesso oppure la percezione che abbiamo di noi stessi? E che cosa potrebbe fare di me il ragazzo con le spalle larghe e il bacino stretto che sento di essere e non ritrovo quando mi guardo nello specchio?"
La sofferenza, la sfida, è quella della ricerca della propria identità, innanzitutto sessuale.
Play with fire è un’autobiografia erotica nell’accezione più ampia, il diario disegnato di una vita che gioca col fuoco, con le convenzioni, al di là dei generi, tutti: madre etero della bambina Mimmi, Nicoz racconta i primi dubbi, il coming out, il percorso di genere, l’amore e il sesso con le ragazze, e poi quello con il ragazzo trans Stef, in una narrazione liquida, libera, ricca di humour.


Nicoz Balboa è un* tattoo artist e fumettista italian* che usa gli eventi della sua vita come ispirazione per opere che vanno dal disegno al tatuaggio passando per il diario grafico, la pirografia e la pittura.
Nei progetti Drawing my Life Ruined my Life e Nicoz Balboa Goes Porn (ma anche nel suo libro Born to Lose) Nicoz ci rivela le sue speranze, i suoi fallimenti (o i suoi successi) con un lavoro innocente, a volte lancinante, che è sempre sia tragico sia umoristico. I temi della provocazione e della sessualità riemergono ripetutamente nei lavori di Nicoz, poiché la sua opera è saldamente radicata nella tradizione del discorso lgbtq e femminista.
 

#chiediloaMercalli

Cortile Guido Fanti di Palazzo d’Accursio
il climatologo risponde alle tue domande
il climatologo risponde alle tue domande
mercalli.jpg

Città, resilienza, persone e cambiamento climatico: inviaci la tua domanda per Luca Mercalli e lunedì 21 settembre il noto climatologo risponderà in diretta alla tua domanda in collegamento con il Cortile Guido Fanti di Palazzo d'Accursio nel corso di una serata dedicata ai temi ambientali.
 

Compila questo modulo e inviaci la tua domanda per Luca Mercalli. Puoi scegliere uno di questi due temi:

1 – LA CITTÀ RESILIENTE
Le città sono sempre più vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici e questo ci impone di trasformarle e ri-progettarle per renderle capaci non solo di adeguarsi al cambiamento ma di dare vita a risposte sociali, economiche, ambientali, ma anche sanitarie, che ne permettano la sopravvivenza. In altre parole, le nostre città devono diventare resilienti.

2 – IL CAMBIAMENTO CLIMATICO PARTE DA ME
Il cambiamento climatico è una realtà ormai innegabile e l'uomo ne è la vittima consapevole nonché la causa. A tale realtà possiamo adeguarci passivamente, delegando all' "altro" strumenti e potere, o possiamo prendere atto che il cambiamento inizia da noi, dalla nostra volontà e dalle nostre azioni quotidiane.
 

Lunedì 21 settembre al Cortile Guido Fanti di Palazzo d’Accursio, Luca Mercalli sarà nostro ospite in un collegamento in diretta e risponderà a tutte le domande ricevute in un incalzante botta e risposta.
 

La conversazione con Luca Mercalli sarà preceduta dal dibattito “L’impatto positivo della mobilità sostenibile sull’ambiente”, un’occasione per approfondire la sfida globale del contrasto al cambiamento climatico, con una particolare attenzione alla pianificazione della mobilità urbana. 
 

Il noto climatologo Luca Mercalli, in collegamento in diretta e intervistato da Valeria Barbi, risponderà alle domande dei cittadini in un incalzante botta e risposta sui temi “La città resiliente” e “Il cambiamento parte da me”.
 

L'evento si svolge del distanziamento e delle normative anti-Covid ed è a ingresso libero con prenotazione obbligatoria del posto.
>> Prenota il tuo posto
 

Ingresso solo da via Ugo Bassi 2

BnB – Brasil in Bologna

Parco della Montagnola
Sambaradan_fotoPoster.JPG

Sambaradan propone una nuova edizione di Laboratori di samba e danze afrobrasiliane con musica dal vivo per incontrarsi ed incontrare i ritmi, i colori e le danze del Brasile. 

I lunedì del mese di settembre - 7, 21 e 28 - vi aspettiamo alle ore 20 in Montagnola nello spazio aperto per imparare a ballare divertendosi, per mettersi in gioco con ritmo e energia, con la musica dal vivo di Numa Boa batucada.

Ogni settimana le persone interessate potranno vivere un momento coinvolgente e divertente di musica e danza, per condividere di nuovo insieme il piacere di muoversi e stare all’aria aperta, di ritrovare salute fisica in un contesto organizzato e sicuro. 

Mente sana in corpo samba!

Dopo le sfide poste dall’emergenza sanitaria è tempo di rigenerarsi e di celebrare il mese di settembre all'insegna dell'allegria e del coinvolgimento di genti, generi e generazioni.


Laboratori ad offerta libera e su prenotazione: sambardan@gmail.com - Messenger Facebook.com/sambaradan - Istagram: @sambaradan      

*si chiede di arrivare h19:45 per le necessarie procedure antiCovid*

con la collaborazione di Binario69 e MontagnolaRepublic 

Info e contatti: 
Facebook.com/sambaradan - Istagram: @sambaradan


SCARICA LA LOCANDINA

Consorzio Popolare in concerto

Frida nel Parco
Fridati! Cose dell’altro mondo | (Around) Frida nel Parco
Fridati! Cose dell’altro mondo | (Around) Frida nel Parco
21-settembre-Consorzio-Popolare.jpg

Per “Fridati! Cose dell’altro mondo” (di lunedì) in concerto Consorzio Popolare.

Il repertorio del gruppo attinge alla cultura tradizionale del Sud Italia: si spazierà dalle pizziche alle tammurriate, dalle tarantelle calabresi e del Gargano ai canti della Sardegna, in un percorso di rielaborazione e re-interpretazione, tra memoria e innovazione.
Le musiche si intrecciano alle danze, in un unico linguaggio espressivo che vede nella danza la forma visibile del suono.

.



www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Juraj Valčuha e Valeriy Sokolov aprono la stagione al Paladozza

PalaDozza
Stagione Sinfonica 2020
Stagione Sinfonica 2020
Valcuha-Juraj.jpg

Con il concerto che vede protagonisti il direttore d'orchestra slovacco Juraj Valčuha e il violinista ucraino Valeriy Sokolov riparte lunedì 21 settembre alle 20.30, presso la nuova sede del PalaDozza, la Stagione 2020 del Teatro Comunale di Bologna.

Il palazzetto sportivo, che per la prima volta ospita gli spettacoli del teatro bolognese e che è stato dotato per l'occasione di una camera acustica virtuale per garantire un'elevata qualità sonora, potrà accogliere in sicurezza fino a un massimo di 1000 spettatori ad evento nel rispetto delle norme anti-Covid. Direttore musicale del Teatro di San Carlo di Napoli e Primo direttore ospite della Konzerthausorchester di Berlino, Juraj Valčuha torna sul podio dell'Orchestra del TCBO dopo aver inaugurato con successo la Stagione lirica lo scorso gennaio con il Tristano e Isotta di Richard Wagner.
 

Il concerto del 21 settembre, che recupera quello previsto lo scorso 1° marzo, vede in programma la Sinfonia n. 5 in mi minore op. 64 di Pëtr Il’ič Čajkovskij, scritta in un lampo tra il maggio e l'agosto del 1888 e dedicata al musicista e insegnante Theodor Avé-Lallemant.

Forse fu proprio a seguito dell'incontro e del confronto con Avé-Lallemant, avvenuto nel gennaio di quell'anno ad Amburgo a un concerto dove venivano eseguite musiche di Čajkovskij, che il compositore trovò lo slancio per creare la Quinta dopo ben undici anni dalla stesura della Quarta. Nella prima parte della serata, invece, debutta con l'Orchestra del Comunale il violinista trentatreenne Valeriy Sokolov, vincitore nel 2005 del Primo Premio al Concorso Internazionale George Enescu di Bucarest e ospite frequente di compagini come la Philharmonia Orchestra, la Tokyo Symphony Orchestra e l'Orchestre National de France, interpretando il Concerto per violino e orchestra n. 2 in sol minore op. 63 di Sergej Prokof'ev. Eseguito per la prima volta a Madrid nel 1935 dal violinista francese Robert Soëtens, il Concerto in sol minore per violino riscosse da subito grande successo ed entrò stabilmente nel repertorio di celebri solisti.

Per l'ingresso a questo evento restano validi i biglietti già acquistati per il concerto del 1° marzo 2020 e gli abbonamenti alla Stagione Sinfonica 2020. Eventuali biglietti disponibili sono in vendita online su www.tcbo.it, presso la biglietteria dell'Auditorium Manzoni (Via de' Monari, 1/2) dal martedì al venerdì dalle 12.00 alle 18.00 e il sabato dalle 11.00 alle 15.00 e la sera del concerto presso la biglietteria al PalaDozza da 1 ora e mezza prima dell’inizio dell'evento.

A piedi nudi nel prato

Parco della Montagnola
rassegna cinematografica al parco della Montagnola | 31 agosto – 21 settembre 2020
rassegna cinematografica al parco della Montagnola | 31 agosto – 21 settembre 2020
A piedi nudi nel prato-schermo-detail.jpg

Torna A piedi nudi nel prato, la rassegna cinematografica più fresca della città, ideata e realizzata da #FreeMontagnola, in programma al parco della Montagnola dal 31 agosto al 21 settembre 2020, il lunedì e martedì alle ore 21.00, con ingresso gratuito. I film verranno proiettati in italiano con sottotitoli in inglese. Giunta alla sua IV edizione, l’ottica e gli obiettivi della rassegna restano gli stessi delle “origini”, ovvero fare incrociare un pubblico allargato e variegato per età, genere e cultura.

Il luogo è il “pratone” che si trova in fondo al parco, a fianco dell’area sgambatura cani. Uno spazio grande che si apre a ventaglio, coperto da un folto prato verde, che a maggior ragione – in questa estate “particolare” – ben si presta ad una visione distanziata e sicura. Le modalità di fruizione sono sempre le stesse: i film si seguono accomodati sul prato su plaid, coperte e seggioline da campeggio che ognuno porterà da casa propria, per una visione informale e a contatto con la natura. #FreeMontagnola metterà a disposizione alcune sedie per coloro che hanno difficoltà a stare seduti o stesi per terra.

Tra i titoli in programma, #FreeMontagnola è particolarmente orgogliosa di poter proiettare l’8 settembre – data simbolica –  The Forgotten Front, il film di Paolo Soglia e Lorenzo K. Stanzani sulla Resistenza a Bologna, che racconta la guerra degli alleati dal 1943 al 1945 sulla linea Gotica, l’occupazione tedesca della città durante la Repubblica di Salò e naturalmente la lotta di Liberazione condotta dai partigiani e dalla popolazione che li sosteneva.


PROGRAMMA


Lunedì 31 agosto / CANCELLATA CAUSA MALTEMPO
(rinviata a domenica 6 settembre)
I cento passi
di Marco Tullio Giordana, con Luigi Lo Cascio (Italia, 200)
Il film è dedicato alla vita di Peppino Impastato nella lotta alla mafia attraverso la sua stessa vita e la militanza a Radio Aut, ucciso dal boss Gaetano Badalamenti.


Martedì 1 settembre
Il viaggio (The journey)
di Nick Hamm (Gran Bretagna, 2016)

British comedy e road movie che racconta la storia di due nemici nell'Irlanda del Nord: il leader del Partito democratico unionista - il reverendo Ian Paisley - e il politico del Sinn Fein, Martin McGuinness.


Domenica 6 settembre
(recupero proiezione del 31/08 annullata causa maltempo)
I cento passi
di Marco Tullio Giordana, con Luigi Lo Cascio (Italia, 200)

Il film è dedicato alla vita di Peppino Impastato nella lotta alla mafia attraverso la sua stessa vita e la militanza a Radio Aut, ucciso dal boss Gaetano Badalamenti.


Lunedì 7 settembre / CANCELLATA CAUSA MALTEMPO
(proiezione rinviata a sabato 12 settembre)
Rango
film di animazione diretto da Gore Verbinski (regista de I pirati dei Caraibi), scritto da John Logan (Usa, 2011)

Rango è un “western leonino”, vincitore di un premio Oscar e candidato al Golden Globes. Johnny Depp presta la voce al camaleonte protagonista, per questo film che va oltre l’animazione.


Martedì 8 settembre
The Forgotten Front – La Resistenza a Bologna
di Paolo Soglia e Lorenzo K. Stanzani (Italia, 2020)
Fu il New York Times, l’11 dicembre 1944, a definire “fronte dimenticato” quello che vide i partigiani a combattere soli mentre le forze alleate si trovavano più a nord. Con numerosi documenti, anche inediti, il film ripercorre le vicende che coinvolsero Bologna dal ’43 al ’45, concentrandosi coraggiosamente su ciò che avvenne dopo la fine del conflitto.


Sabato 12 settembre
(recupero proiezione del 07/09 annullata causa maltempo)
Rango
film di animazione diretto da Gore Verbinski (regista de I pirati dei Caraibi), scritto da John Logan (Usa, 2011)
Rango è un “western leonino”, vincitore di un premio Oscar e candidato al Golden Globes. Johnny Depp presta la voce al camaleonte protagonista, per questo film che va oltre l’animazione.


Lunedì 14 settembre
Sergio e Sergei – Il professore e il cosmonauta
di Ernesto Daranas (Spagna – Cuba, 2017)
Il film cubano dai toni surreali racconta la storia – ispirata alla realtaà - dell'astronauta russo Sergei, che nel 1991 sta vivendo la sua personale odissea nello spazio, entra in contatto con Sergio, un radio amatore e professore universitario di filosofia a Cuba, che assiste da lontano al crollo dell'Unione Sovietica in seguito a un colpo di Stato.


Martedì 15 settembre
Quel giorno d’estate
di Mikhaël Hers (Francia, 2018)
David, 24 anni, orfano di padre e abbandonato dalla madre, perde l’amata sorella Sandrine in un attentato terroristico e si ritrova ad essere l’unico parente della nipotina di sette anni, Amanda. Una storia delicata che racconta l’elaborazione del lutto nel nuovo millennio.


Lunedì 21 settembre
Caffè
di Cristiano Bortone (Cina – Belgio – Italia, 2016)
E’ attorno al caffè che ruotano le storie di tre persone: un giovane immigrato iracheno che cerca in Belgio una vita migliore, un manager rampante cinese e un italiano somellier di caffè, sottopagato. Tre episodi per tre storie in tre diverse parti del mondo per riflettere sul mondo contemporaneo.


Ingresso gratuito

Tenet - 70mm

Cinema Lumière
(GB-USA/2020) di Christopher Nolan (151')
(GB-USA/2020) di Christopher Nolan (151')
tenet (1).jpg

Il mondo è minacciato dall'apocalisse: per evitarla due agenti molto speciali (John David Washington e Robert Pattinson) dovranno alterare il normale flusso del tempo. La chiave di volta sembra essere racchiusa in una misteriosa parola palindroma, Tenet. Febbrilmente atteso, da molti considerato il film del possibile rilancio del cinema nell'era post-Covid, l'opera undicesima di Christopher Nolan - avvincente concentrato di action movie, thriller spionistico e fantascienza - è la summa delle ossessioni e del gigantismo creativo di uno dei pochi registi contemporanei capaci di mettere d'accordo critica e pubblico. Il Lumière sarà una delle due sale italiane a proporlo nel maestoso formato 70mm: "Credo che di tutti i film che ho fatto questo sia forse quello più orientato verso l'esperienza del pubblico. È un film in cui l'immagine e il sonoro devono essere assaporati al cinema su un grande schermo" (Christopher Nolan). 

Lingua originale con sottotitoli

Pezzettini

Trame Bookshop
mostra di Francesca Mazzucato
mostra di Francesca Mazzucato
pezzettini.jpg

Sabato 6 giugno dalle 12,30 in libreria inaugurazione della mostra Pezzettini di Francesca Mazzucato.

Francesca Mazzucato è una scrittrice e un'artista di collage che si firma "franceslou" in omaggio a Lou Andreas Salomè. I suoi lavori sono intrecciati e collegati alla sua narrativa e ai suoi luoghi, tracce, appunti, scarti. È nella direzione artistica del sito Paris Collage Collective, suoi lavori sono apparsi in riviste specializzate di settore e ha esposto a Rotterdam e a Barcellona. Quella di Trame è la sua prima personale.

La mostra sarà aperta fino all'autunno negli orari di Trame, e l'ingresso sarà permesso secondo le norme vigenti, con mascherina e distanziati. 
 

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna

Museo Civico Archeologico
Electa Etruschi Bologna musei.jpg

Dopo l’emergenza COVID-19, sabato 6 giugno riapre la grande mostra Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna allestita al Museo Civico Archeologico di Bologna. L’ambizioso progetto dedicato alla civiltà etrusca - circa 1400 oggetti esposti su oltre 1000 metri quadrati di superficie espositiva - sarà visitabile fino al 29 novembre 2020, grazie all’impegno congiunto di Istituzione Bologna Musei ed Electa e alla disponibilità di tutti i  prestatori coinvolti che, con generoso spirito di solidarietà, hanno acconsentito a rendere possibile l’apertura, tra cui il British Museum di Londra, il Musée du Louvre di Parigi, il Musée Royal d’Art d’Histoire di Bruxelles, il Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen e i Musei Vaticani.

L’esposizione conduce i visitatori in un itinerario attraverso le terre degli Etruschi e mostra come non esista una sola Etruria, ma molteplici territori che hanno dato esiti di insediamento, urbanizzazione, gestione e modello economico differenti nello spazio e nel tempo, tutti però sotto l’egida di una sola cultura, quella etrusca. Non c’è migliore metafora che quella del viaggio, per spaziare in un vasto territorio compreso tra le nebbiose pianure del Po fino all’aspro Vesuvio, attraverso paesaggi appenninici e marini, lungo strade e corsi fluviali.

La prima parte del percorso offre un momento di preparazione al viaggio, facendo conoscere ai visitatore i lineamenti principali della cultura e della storia del popolo etrusco, attraverso oggetti e contesti archeologici fortemente identificativi. Così preparato, il visitatore può affrontare la seconda sezione, dove si compie il viaggio vero e proprio nelle terre dei Rasna, come gli Etruschi chiamavano se stessi.

La mostra dialoga naturalmente con la ricchissima sezione etrusca del Museo Civico Archeologico, che testimonia il ruolo di primo piano di Bologna etrusca, costituendo, quindi, l’ideale appendice al percorso di visita dell’esposizione temporanea.

Accompagna la mostra il catalogo Electa con saggi introduttivi di Giuseppe Sassatelli, Vincenzo Bellelli, Roberto Macellari, Marco Rendeli, Alain Schnapp e Giuseppe Maria Della Fina; saggi dedicati alle singole sezioni di mostre; un approfondimento sui musei etruschi italiani e un importante apparato di schede dedicate alle opere in mostra.

Durante il periodo della sospensione di apertura, l’esplorazione dei temi della mostra è proseguita online con iniziative digitali. Notizie e curiosità relative al mondo affascinante degli Etruschi e ai reperti esposti sono state presentate sulla pagina Facebook del Museo Civico Archeologico, mentre sul canale YouTube  Giuseppe Sassatelli, docente universitario e membro del comitato scientifico, ha curato un’introduzione al percorso espositivo. Nell’ambito del festival multimediale #laculturanonsiferma promosso dall’Assessorato alla cultura e paesaggio della Regione Emilia-Romagna e coordinato dall’Istituto per i Beni Artistici Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, Lepida TV ha inoltre prodotto un documentario video alla scoperta della mostra con le archeologiche del museo Laura Minarini e Marinella Marchesi, trasmesso in diretta streaming sulla piattaforma digitale www.lepida.tv e sul canale 118 del digitale terrestre.

Etruschi. Viaggio nelle terre dei Rasna è progettata e promossa da Istituzione Bologna Musei | Museo Civico Archeologico, in collaborazione con la Cattedra di Etruscologia e Archeologia italica di Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, realizzata da Electa e posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana.


INFORMAZIONI PER LA VISITA

La mostra è visitabile con orari di apertura rimodulati:
lunedì, mercoledì, giovedì  10.00-19.00
venerdì  14.00-22.00
sabato, domenica  10.00-20.00
chiuso martedì non festivo
ultimo ingresso un’ora prima della chiusura


Al fine di garantire la visita in sicurezza, vengono attuate le seguenti disposizioni:
• acquisto del biglietto solo online tramite il circuito VivaTicket
• modalità di recupero biglietti prenotati: per i possessori di biglietto open richiesta prenotazione senza costi aggiuntivi (tramite call center 051 7168807) o eventuale accesso diretto previa disponibilità posti; per i possessori di biglietto non open richiesta prenotazione a pagamento (tramite call center 051 7168807)
• obbligo di indossare la mascherina durante la visita
• contingentamento in slot per l'ingresso frazionato dei visitatori
• predisposizione di percorsi distinti in entrata e in uscita
• dotazione di gel igienizzanti a disposizione dei visitatori


Il tempo della visita è predefinito con un limite di 75 minuti.
É disponibile il servizio di audioguide, con sanificazione dei dispositivi dopo ogni utilizzo.
Il servizio di guardaroba non è disponibile (i visitatori sono pregati di presentarsi con il minimo di accessori personali, evitando bagagli, nonché borse e zaini voluminosi).
Il servizio di bookshop è attivo.

Maggiori dettagli


Biglietti:
Intero € 14,00
Ridotto € 12,00 / € 10,00
Per gli abbonati alla Card Cultura € 7,00


www.etruschibologna.it

museibologna.it/archeologico


La Riscoperta di un Capolavoro | Il Polittico Griffoni

Palazzo Fava
a Palazzo Fava apre la mostra dedicata a uno dei massimi capolavori del Rinascimento italiano
a Palazzo Fava apre la mostra dedicata a uno dei massimi capolavori del Rinascimento italiano
PolitticoGriffoni-detail.jpg

La mostra La riscoperta di un capolavoro a Palazzo Fava. Palazzo delle Esposizioni apre le porte lunedì 18 maggio 2020. Un viaggio di ritorno travagliato, che ai tre secoli di attesa ha sommato altro tempo, se possibile ancor più interminabile nella sua incertezza: ma finalmente il capolavoro ritrovato è pronto a rivelarsi. La grande mostra riporta a Bologna, a 500 anni dalla sua realizzazione e a 300 dalla sua dispersione, le tavole del Polittico Griffoni dei ferraresi Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti, che proprio a Bologna, con la maestosa pala d’altare realizzata tra il 1470 e il 1472 per l’omonima cappella nella Basilica di San Petronio, diedero avvio al loro straordinario sodalizio artistico.

Un lavoro di oltre due anni ed il coinvolgimento di 9 Musei internazionali proprietari delle singole tavole, la metà dei quali ubicati fuori dai confini nazionali - National Gallery di Londra, Pinacoteca di Brera di Milano, Louvre di Parigi, National Gallery of Art di Washington, Collezione Cagnola di Gazzada (Va), Musei Vaticani, Pinacoteca Nazionale di Ferrara, Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam, Collezione Vittorio Cini di Venezia – danno vita oggi a quello che è un evento eccezionale per la storia dell’arte, che ha il merito, tra le altre cose, di ridefinire la centralità della città di Bologna nel panorama Rinascimentale italiano.

Nelle settimane passate sono state studiate tutte le misure di sicurezza richieste per l’accesso in sicurezza dei visitatori, come disposto dalle normative di contenimento del contagio, e stilato un protocollo che prevede, tra le altre cose, l’ampliamento dell’orario di apertura, il contingentamento degli ingressi, l’obbligatorietà della prenotazione (on line, telefonica o via mail) e dell’utilizzo di dispositivi di protezione individuale.

La mostra si compone di due sezioni: il Piano Nobile di Palazzo Fava ospita “Il Polittico Griffoni rinasce a Bologna” a cura di Mauro Natale in collaborazione con Cecilia Cavalca: le 16 tavole originali ad oggi superstiti provenienti dai Musei prestatori sono visibili assieme alla ricostruzione del Polittico, una vera e propria rimaterializzione della pala d’altare così come dovette apparire ai bolognesi di fine Quattrocento. Si tratta di una perfetta riproduzione dell’originale realizzata da Factum Foundation di Adam Lowe. Dai primi anni Duemila Factum Foundation si occupa di documentare, monitorare e ricreare il patrimonio culturale mondiale attraverso lo sviluppo di tecniche di registrazione ad alta risoluzione e ricostruzione in 3D.

Il secondo piano pertanto ospita “La Materialità dell’Aura: Nuove Tecnologie per la Tutela” a cura di Adam Lowe, Guendalina Damone e del team della Fondazione, sezione nella quale viene mostrato, attraverso video, immagini e dimostrazioni con gli strumenti di scannerizzazione 3D progettati dalla stessa fondazione, l’operato di Factum e l’importanza che assumono le tecnologie digitali nella tutela, registrazione e condivisione del patrimonio culturale, proprio a partire dal lavoro svolto sulle tavole originali del Polittico. Due anche i cataloghi di mostra, entrambi editi da Silvana Editoriale.

La straordinaria avventura del Polittico Griffoni è diventata anche un documentario, La Riscoperta di un capolavoro – Il Polittico Griffoni, una produzione 3D Produzioni in esclusiva per Sky Arte. Girato nelle settimane precedenti il lockdown e andato in onda su Sky Arte lo scorso 30 aprile, sarà visibile on demand su Sky a partire da lunedì 1° giugno.

La mostra La riscoperta di un capolavoro è un progetto di Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Genus Bononiae. Musei nella città, in collaborazione con Basilica di San Petronio, Polo Museale Emilia Romagna, Pinacoteca Nazionale di Bologna, Factum Foundation, Comune di Bologna. Con il patrocinio di MiBACT Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Pontificio Consiglio della Cultura, Regione Emilia Romagna, Chiesa di Bologna.


Il vademecum sicurezza e le misure approntate da Genus Bononiae. Musei nella Città in ottemperanza al DPCM 16 maggio 2020 n. 33 e in vigore da lunedì 18 maggio è disponibile a questo link

Orari di apertura

Dall’1 al 31 ottobre la mostra seguirà i seguenti orari:
Dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.30 (con accesso in mostra fino a un’ora prima della chiusura)
Lunedì chiuso

Per l’accesso alla mostra è obbligatorio effettuare la prenotazione: on line dal sito di Genus Bononiae (consente di scegliere direttamente il giorno e l’orario di visita), prenotando telefonicamente al numero +39 051 19936343 (dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 16) o via mail scrivendo a esposizioni@genusbononiae.it, pagando poi alla cassa al momento del ritiro del biglietto. Si consiglia ovviamente la prenotazione e acquisto on line del biglietto per ottimizzare i tempi, dato che la permanenza all’interno del Palazzo non potrà superare 1 ora. Potranno accedere in mostra 35 persone ogni 30 minuti, per rispettare i distanziamenti tra le persone, facendo sì che ogni singolo visitatore abbia a disposizione 4mq. Vietate invece fino a nuove disposizioni le visite di gruppo.


Info biglietti
Gli abbonati Card Cultura hanno diritto all’ingresso ridotto a 10 €

Women. Un mondo in cambiamento

Santa Maria della Vita
mostra fotografica in Santa Maria della Vita
mostra fotografica in Santa Maria della Vita
4_BEAUTY National Geographic 2169583_credit Robin Hammond.jpg

Mercoledì 20 maggio ha riaperto dopo il lockdown la mostra Women. Un mondo in cambiamento, nel Complesso di Santa Maria della Vita  organizzata in collaborazione con National Geographic Italia che racconta cento anni di storia femminile, La mostra, la cui chiusura era prevista il 17 maggio, è stata prorogata fino al 30 settembre 2020.

Un viaggio per immagini attraverso la rappresentazione delle donne ad ogni latitudine, con gli scatti dei (e delle) più celebri reporter del National Geographic, che a 100 anni dalla concessione del diritto di voto alle donne negli Stati Uniti intende riflettere su passato, presente e futuro delle donne.

Il percorso espositivo della mostra WOMEN. Un mondo in cambiamento, organizzata da National Geographic in collaborazione con Genus Bononiae. Musei nella città e Fondazione Carisbo, è articolato in 6 sezioni – Beauty/Bellezza, Joy/Gioia, Love/Amore, Wisdom/Saggezza, Strength/Forza, Hope/Speranza – e raccoglie una selezione di immagini tratte dallo straordinario archivio del National Geographic, disegnando un viaggio attraverso un secolo di storia delle donne in tutti i continenti, con diverse prospettive e focalizzando l’attenzione sui problemi e le sfide di ieri, oggi e domani nei vari paesi ed epoche. Ogni immagine crea un ritratto di alcuni aspetti dell’esistenza femminile e mostra ai visitatori come la rappresentazione delle donne si è evoluta nel tempo. Così le immagini festose delle ballerine di samba che si riversano nelle strade durante il carnevale di Salvador da Bahia si alternano a quelle delle raccoglitrici di foglie di the in Sri Lanka. E ancora il ritratto di donna afghana in burqa integrale rosso che trasporta sulla testa una gabbia di cardellini, potente metafora di oppressione, si contrappone all’immagine di libertà e bellezza di una ragazza in pausa sigaretta a Lagos, in Nigeria.

Completa la mostra la sezione Portraits/Ritratti, scatti intimi e biografici di un gruppo iconico di attiviste, politiche, scienziate e celebrità intervistate da National Geographic per il numero speciale della rivista di novembre 2019 pubblicato ai tempi della prima donna alla direzione del National, Susan Goldberg: tra esse Nancy Pelosi, Oprah Winfrey, il Primo Ministro neozelandese Jacinda Ardern e la Senatrice a vita Liliana Segre.


Per garantire le norme di distanziamento previste dal DPCM è consentito l’accesso in mostra di un massimo di 60 persone contemporaneamente.


Orari di apertura:
dal martedì alla domenica 10.00 - 19.00 (ultimo ingresso alle ore 18)


info biglietti
Con Card Cultura ingresso ridotto a 8 €, invece di 10 €


Photo: Una coordinatrice di 24 anni si prende una pausa per fumare una sigaretta fuori dall’African Artists’ Foundation di Lagos, in Nigeria (credit Robin Hammond)

Noi siamo la Minganti

Museo del Patrimonio Industriale
Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019)
Bologna e il lavoro industriale tra fotografia e memoria (1919-2019)
MuseodelPatrimonioIndustriale_mostra_Minganti

L'Istituzione Bologna Musei ha riaperto le proprie sedi espositive, con nuovi orari di apertura e nuove modalità organizzative per consentire al pubblico di svolgere le visite in sicurezza e garantire la tutela del personale coinvolto in mansioni di front-office. Con la riapertura fisica delle porte dei musei, riprende la programmazione espositiva interrotta dall'emergenza.
Tutte le informazioni per l'accesso e la permanenza in sicurezza sul sito  www.museibologna.it


L'esposizione fotografico-documentale realizzata nel centenario delle Officine Minganti racconta la storia della fabbrica come luogo al contempo del lavoro e della produzione, accostando un’ampia selezione di fotografie d’epoca e una raccolta di materiali documentali.

Il percorso espositivo è caratterizzato da una selezione di fotografie provenienti sia dagli archivi della Camera del Lavoro di Bologna, della Fiom-Cgil Bologna e del Museo del Patrimonio Industriale che da donazioni di ex dipendenti.

La scelta delle immagini si dipana intrecciando volutamente la memoria visiva strettamente legata alla realtà produttiva e lavorativa quotidiana, nella sua materialità e varietà all’interno dello spazio industriale, ma anche il suo svilupparsi all’esterno delle officine, nelle forme di espressione legate alle manifestazioni sindacali.

Le immagini documentano, in un arco temporale che va dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta del Novecento, gli ambienti interni ed esterni della fabbrica, il lavoro nell’officina e negli uffici tecnico-amministrativi e la lunga lotta contro la chiusura (il declino inizia dagli anni Settanta, prosegue con l’amministrazione controllata degli anni Ottanta e arriverà alla fine con una lunga e complessa procedura fallimentare conclusasi solo nel 1997).
Un ulteriore nucleo di fotografie mostra gli spazi abbandonati nei primi anni Duemila e l’odierna rifunzionalizzazione dell’area come centro commerciale.

Completano l’esposizione due spazi tematici: il primo è legato alla produzione Minganti con cataloghi e oggetti donati da ex lavoratrici ed ex lavoratori. Il secondo è dedicato alla Virtus Minganti pallacanestro.

Arricchiscono il percorso una video-installazione e alcune video-interviste a ex dipendenti, che restituiscono memoria all’aspetto umano della produzione industriale.

La mostra fa parte del più ampio progetto Il lavoro e la Minganti, lanciato in occasione del centenario della fondazione delle Officine in sinergia con il progetto Bologna metalmeccanic@, co-promosso dal Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna, dal Museo del Patrimonio Industriale, da associazioni di ricerca storica e promozione culturale come Clionet e da Fiom-Cgil Bologna. Significativa ed importante è stata l’attivazione di un gruppo di ex-lavoratori ed ex-lavoratrici delle Officine Minganti, costituitosi nel Comitato Minganti Storica, interessati a non disperdere l’importante memoria e cultura del lavoro che ha trovato espressione nello stabilimento metalmeccanico nel corso del Novecento.


La mostra è stata prorogata al 15 novembre 2020



Leggi le informazioni per una visita in sicurezza


Orari di apertura del museo dal 20 maggio 2020:
lunedì, martedì chiuso
mercoledì, giovedì, venerdì h 10.00-13.00
sabato, domenica h 10.00-14.00

Ingresso:
biglietto museo (€ 5,00 intero / € 3,00 ridotto)
Per gli abbonati alla Card Cultura l’ingresso è gratuito

Servizio di prevendita online dei biglietti sul sito
www.midaticket.it/eventi/museo-del-patrimonio-industriale

Nino Migliori. Stragedia

Ex Chiesa di San Mattia
inaugurazione sabato 27 giugno 2020
inaugurazione sabato 27 giugno 2020
Migliori.jpg

Nel 2020 ricorre il 40° anniversario della Strage di Ustica che, tra le numerose iniziative, verrà ricordato tramite la mostra Nino Migliori. Stragedia, promossa dal Dipartimento Cultura e Promozione della Città del Comune di Bologna e dall'Associazione Parenti della Strage di Ustica.
L'esposizione, a cura del responsabile Area Arte Moderna e Contemporanea dell'Istituzione, Lorenzo Balbi, si terrà negli spazi dell'Ex Chiesa di San Mattia, con inaugurazione sabato 27 giugno, data in cui avvenne la tragedia nel 1980, per proseguire fino al 7 febbraio 2021.
Il progetto, che si svilupperà in una video-installazione immersiva, nasce da una rielaborazione di immagini scattate dal grande fotografo nel 2007 durante l'allestimento dei resti del velivolo negli spazi del Museo per la Memoria di Ustica. Gli 81 scatti, corrispondenti al numero di vittime della strage, sono eseguiti a “lume di candela” tecnica utilizzata dal fotografo nel 2006 per la serie Lumen. Nino Migliori, oltre alle ricerche di stampo realista sull'Italia del dopoguerra, è noto per le sperimentazioni sul materiale fotografico eseguite mediante tecniche di sua invenzione come le ossidazioni e i pirogrammi. 
La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione Edizioni MAMbo.


Apertura sabato 27 giugno 2020: ore 18.00 - 24.00

Orari di apertura: venerdì e sabato ore 20.00 - 22.00
domenica ore 18.00 - 20.00

Ingresso libero
Prenotazione: tel. 051 6496611
www.midaticket.it/eventi/mambo-museo-darte-moderna-di-bologna

www.mambo-bologna.org
info@mambo-bologna.org

Photo: Nino Migliori, Stragedia, 2007-2020 © Fondazione Nino Migliori

Parco di Villa Angeletti | Programma attività

Parco di Villa Angeletti (Quartiere Navile)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
010 (Copia).JPG

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Parco di Villa Angeletti:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì  

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato


in Lak’Ech (thai ci – Qi Gong): inizio attività 13/07; sospensione 01/08 – 20/08; fine attività 30/09
Universal sport: inizio attività 13/07; sospensione 10/08 - 23/08; fine attività 30/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Giardino del Velodromo | Programma attività

Giardino del Velodromo (Quartiere Porto-Saragozza)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento-1.jpg

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Giardino del Velodromo:

ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì

Martedì  

  • ore 08,30 – 10,30  -functional training  | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it 
  • ore 17,00 - 19,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it
  • ore 19,00 - 21,00  Yoga -functional training – capoeira bambini | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it  

Mercoledì

Giovedì   

  • ore 08,30 – 10,30 Capoeira -functional training  | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it  
  • ore 17,00 - 19,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it
  • ore 19-00 – 21,00 Yoga -functional training – circo bambini | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it  

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

  • ore 08,30 – 9,30 Yoga | Tel. 3394470305 - mail:info@capoeirapalmares.it
  • ore 09,30 – 10,30 Mobility stretching  | Tel. 339 4470305 - mail:info@capoeirapalmares.it
  • ore 17,00- 19,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it
  • ore 19,00 – 20,00 Capoeira  | Tel. 3394470305 - mail:info@capoeirapalmares.it
  • ore 20,00 – 21,00  Functional training | Tel. 3394470305 - mail: info@capoeirapalmares.it 

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato

  • ore 09,00 -11,00 Gruppo cammino per tutti | Tel. 3356910173 - mail: andga@iol.it


Leaf: inizio attività 13/07; sospensione 01/08 – 21/08 fine attività 30/09
Capoeira: inizia attività 13/07; sospensione 07/08-31/08; fine attività 11/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Parco San Donnino | Programma attività

Parco San Donnino (Quartiere San Donato-San Vitale)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento-2.jpg

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Parco San Donnino:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

da 18/8  martedì

da 18/8  giovedì

da 31/8  lunedì


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


C.soc Frassinetti: inizio attività 13/07; sospensione 1/08 – 31/08; fine attività 18/09
Polisportiva San Donnino: inizio attività dal 13/07; sospensione 01/08 - 18/08; fine attività 24/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Parco dei Cedri-Lungosavena | Programma attività

Parco dei Cedri-Lungosavena (Quartiere Savena)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento-003.JPG

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Parco dei Cedri-Lungosavena:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì
ore 17,00 – 18,00  Pilates per tutti  | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18,00 – 19,00  Zumba, balli latini e danza del ventre per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18,00 – 20,00  Camminate di Nordic Walking & Stretching per tutti  |  Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com
ore 19,30 – 20,30  Allenamento Funzionale per tutti | Tel 3456682159 | mail: grphotographer22@gmail.com

Martedì
ore 18,00 – 19,00 Riabilitango e ginnastica dolce over 65 | Tel. 3394734113 mail: info@olitango.it

Mercoledì
ore 08,30 – 09,30 Qi Gong e meditazione per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18,00 – 19,00 Mobilità pilates | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Total body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Yoga adatto a tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it

Giovedì
ore 17,00 – 18,00 Qi Gong bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 mail info@olitango.it  
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Tecniche di rilassamento per tutti | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com

Venerdì
ore 09,00 – 10,00 Qi Gong per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it  


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Stretching | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com

Giovedì
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Tecniche di rilassamento | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com


ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì
ore 17,00 – 18,00 Pilates per tutti Tel. 3394734113 mail: info@olitango.it  
ore 18,00 - 19,00  Zumba, balli latini e danza del ventre per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it   
ore 18,00 – 19,00 Total Body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Allenamento funzionale | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Martedì
ore 18,00 – 20,00 Camminate di Nordic Walking & Stretching | tel. 3357853622 mail flaviacalza24@gmail.com
ore 18,00 - 19,00  Riabilitango e ginnastica dolce over 65 |Tel. 3394734113 mail info@olitango.it
dal 15/09: ore 10,00 – 11,00 Ginnastica dolce over 60 | tel 3456682159 mail grphotographer22@gmail.com

Mercoledì
ore 08,30 – 09,30 Qi Gong e meditazione per tutti | Tel. 3394734113 mail: info@olitango.it   
ore 18.00 - 19.00 Pilates | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19,00 – 20,00 Yoga per tutti |  Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it  
ore 19.00 - 20.00 Total Body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Giovedì
ore 17,00 – 18,00 Qi Gong bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
ore 18:00 - 19:00 Total Body | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com
ore 19:00 - 20:00 Allenamento Funzionale | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Venerdì
ore 09,00 – 10,00 Qi Gong per tutti | Tel. 3394734113 – mail: info@olitango.it
dal 18/09: ore 10,00 – 11,00 Ginnastica dolce over 60  | Tel 3456682159 – mail: grphotographer22@gmail.com

Sabato
ore 09,30 – 11,30 Camminate di Nordic Walking & Tecniche di rilassamento | Tel. 3357853622 – mail: flaviacalza24@gmail.com


Nordik Walking: inizio attività 13/07; sospensione 10/08 – 23/08; fine attività 26/09
Olitango: inizio attività 13/07 – 31/07; sospensione 01/08 – 07/09; fine attività 25/09
Ads Enecta: inizio attività 13/07; sospensione 01/08 – 31/08; fine attività 26/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Giardino Lunetta Gamberini | Programma attività

Giardino Lunetta Gamberini (Quartiere Santo Stefano)
Parchi in Movimento 2020
Parchi in Movimento 2020
Parchi-in-movimento_010 (Copia).jpg

Di seguito il programma delle attività proposte nell’ambito dell’edizione 2020 di Parchi in Movimento al Giardino Lunetta Gamberini:


ATTIVITÀ MESE DI LUGLIO 2020

Lunedì

Martedì

  • ore 09,30 – 10,30 Yoga per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 17,00 – 18,00 Yoga per bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18,00 – 19,00 Feldenkrais per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18,30 – 20,30 Tecniche di difesa personale | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


ATTIVITÀ MESE DI AGOSTO 2020

(vedi sotto il periodo di sospensione attività di ogni associazione)

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

  • ore 18,30 – 19,30 fino al 07/08: OCR per bambini / dal 31/08: Yoga per bimbi 6-14 anni | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com
  • ore 19,30 – 20,30 fino al 07/08: OCR per adulti / dal 31/08: Yoga per adulti | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com

ATTIVITÀ MESE DI SETTEMBRE 2020

Lunedì

Martedì

  • ore 09,30 – 10,30 Yoga per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 17,00- 18,00 Yoga per bimbi 6-10 anni | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18,00 – 19,00 Feldenkrais per tutti | Tel. 3394734113 - mail: info@olitango.it
  • ore 18.00 - 19.00 YOGA Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com
  • ore 19.00 - 20.00 PILATES | Tel. 3920401247 - mail: atw.fairplay@gmail.com

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


Olitango: inizio attività 13/07 – 31/07; sospensione 01/08 – 07/09; fine attività 25/09
Around the Wod (atw): inizio attività 13/04; sospensione 07/08 - 31/08; fine attività 18/09


Partecipazione gratuita

Iscrizioni: via mail o via telefono contattando i singoli organizzatori ai recapiti indicati nel calendario.

Fight Art. Arte “Face to Face”

Spazio Arte CUBO
mostra
mostra
Immagine Fight Art.jpg

Mai come in questi ultimi mesi, gli artisti sono stati messi, come la comunità cui si rivolgono, a dura prova: l’isolamento individuale e la conseguente sospensione del contatto reale con il mondo hanno richiesto nuove riflessioni, tanto sulla propria identità e relazione con l’altro, quanto sul proprio linguaggio e ricerca. CUBO le vuole raccontare con la mostra FIGHT ART. Arte “FACE to FACE” che si tiene dal 6 luglio al 10 ottobre 2020 presso lo Spazio Arte. La mostra, che si avvale del contributo critico di Ilaria Bignotti, è l’appuntamento annuale che CUBO, il Museo d’impresa del Gruppo Unipol, organizza per valorizzare la propria collezione artistica, divulgando la conoscenza dell’arte e rendendola fruibile al pubblico.

Raccogliendo la sfida di questi tempi, il progetto espositivo fa “confliggere” i linguaggi artistici in un “corpo a corpo”, evidenziando quanto sia importante, oggi, riscoprire il valore del confronto diretto, accogliendo anche il possibile scontro con l’altro, generatore di nuovi significati e rotte di senso: se bisogna reagire, bisogna farlo fino in fondo.  Per rafforzare tale pensiero, le opere esposte in mostra non saranno avvicinate per assonanze visuali e affinità linguistiche, ma per la loro distanza concettuale e diversità formale. Il contrasto come generatore di nuove possibilità: è questo un aspetto cruciale del progetto, che sarà ancor più pregnante quando il visitatore della mostra potrà vedere dal vero le opere esposte, anche attraverso le visite guidate, scoprendo inediti temi, sorprendenti suggestioni. Una mostra che è sfida, ring dello sguardo e match di relazioni.

Il progetto si arricchisce di interviste (visibili sul canale Youtube di CUBO) “screen to screen”: due a due, gli autori delle opere esposte hanno risposto a domande incalzanti che riguardano la loro esperienza in questi mesi, la loro pratica artistica, il rapporto con il passato e il dialogo con l’altro artista intervistato. Sollecitando in tal modo, ancor più incisivamente, la lettura dialettica delle opere esposte in mostra. Perché l’arte è un modo speciale di pensare (Harold Rosenberg), attivatrice di quel pensiero laterale necessario a raccogliere le sfide del cambiamento e del rinnovamento con potenza e onestà: “FACE to FACE”.

  • Ettore Frani facing Stefano Ronci
  • Tommaso Fiscaletti facing Alessandro Lupi
  • Angelo Marinelli facing Andrea Chiesi
  • Maurizio Bottarelli facing Giacomo Costa
  • Tania Brassesco e Lazlo Passi Norberto facing Mary Bauermeister
  • Joanie Lemercier facing Mario Raciti
  • Francesca Pasquali facing Luca Bellandi
  • Matteo Basilè facing Lidia Bagnoli

Tutte le informazioni e calendario video-interviste su www.cubounipol.it

Orari di apertura
Lunedì 09:30 - 20:00
Martedì 09:30 - 23:30
Mercoledì 09:30 - 20:00
Giovedì 09:30 - 23:30
Venerdì 09:30 - 20:00
Sabato e domenica chiuso​

We Are. Here. Il paesaggio attorno

Cortile della Chiesa di San Cristoforo di Montemaggiore
Gianluca Rizzello | Installazione fotografica diffusa
Gianluca Rizzello | Installazione fotografica diffusa
Gianluca Rizzello_We Are Here.jpg

Ogni comunità si riconosce in una identità collettiva, formata dalla stratificazione condivisa di luoghi e fatti. Identità che, seppur sempre più labili e dinamiche, rappresentano il sentire comune in un dato tempo, in un dato luogo geografico. Esiste anche un inconscio paesaggistico, chiamato immaginario, che ogni notte nutriamo con quello che di giorno abbiamo visto. Di solito non siamo portati a compiere una decifrazione del paesaggio in cui viviamo, che diventa semplice panorama, rumore di fondo. Palesare il rumore ed ergerlo a paesaggio è l’obiettivo di questa ricerca fotografica che, attraverso un'analisi storica e geografica, individua cinque assi identitari: il torrente Lavino, i calanchi, la S.P. 26, la Resistenza Partigiana, l'abitato di Calderino.

Da questi punti privilegiati e su di essi Gianluca Rizzello - interessato a cogliere e rappresentare i mutamenti e le trasformazioni del paesaggio antropico e sociale e a indagare le dinamiche di partecipazione, reazione ed adattamento ad essi - concentra la sua ricerca, interrogando e mettendo in relazione luoghi e persone, creando un racconto del tessuto umano e paesaggistico. Ne nasce una installazione fotografica che attraversa il territorio, palesandosi in cinque tappe esposte in grandi bacheche a vetro, che rendono l'abitato un museo diffuso a cielo aperto, segnato su una mappa.
 

L'evento di inaugurazione, il 27 agosto alle ore 18.30, in un salotto ricreato nel cortile della Chiesa di San Cristoforo di Montemaggiore, tra calanchi e prati del Comune di Monte San Pietro, intreccerà il racconto del percorso fotografico con le storie delle persone ritratte, esprimendo nuovi paesaggi umani. 

 Ingresso libero

Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet di Parigi

Palazzo Albergati
mostra
mostra
02_MONET 5164.jpg

Dal 29 agosto 2020 fino al 14 febbraio 2021. riparte l’attività espositiva a Palazzo Albergati di Bologna con i 57 capolavori di Monet e dei maggiori esponenti dell’Impressionismo francese, provenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi, noto nel mondo per essere la “casa dei grandi Impressionisti”. Un’anteprima assoluta dal momento che, per la prima volta dalla sua fondazione nel 1934, il Museo parigino cede in prestito un corpus di opere uniche, molte delle quali mai esposte altrove nel mondo.

Il Musée Marmottan Monet e Arthemisia hanno lavorato duramente per poter riprogrammare la mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi - la cui inaugurazione lo scorso 12 marzo non è stata possibile a causa della crisi sanitaria per il Coronavirus. Principalmente Monet, ma anche Manet, Renoir, Degas, Corot, Sisley, Caillebotte, Morisot, Boudin, Pissarro e Signac sono gli indiscussi protagonisti della mostra: un’occasione irripetibile per ripercorrere l’evoluzione del movimento pittorico più amato a livello globale. Un percorso espositivo che vede primeggiare - accanto a capolavori cardine dell’impressionismo francese come Ritratto di Madame Ducros (1858) di Degas, Ritratto di Julie Manet (1894) di Renoir e Ninfee (1916-1919 ca.) di Monet - opere inedite per il grande pubblico perché mai uscite dal Musée Marmottan Monet. È il caso di Ritratto di Berthe Morisot distesa (1873) di Édouard Manet, Il ponte dell’Europa, Stazione Saint-Lazare (1877) di Claude Monet e Fanciulla seduta con cappello bianco (1884) di Pierre Auguste Renoir.

La mostra Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet, Parigi vuole anche rendere omaggio a tutti quei collezionisti e benefattori – tra i quali molti discendenti e amici degli stessi artisti in mostra – che, a partire dal 1932, hanno contribuito ad arricchire la prestigiosa collezione del museo parigino rendendola una tra le più ricche e più importanti nella conservazione della memoria impressionista.

Con il patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Bologna, la mostra è prodotta e  organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con il Musée Marmottan Monet di Parigi e curata da Marianne Mathieu, Direttore scientifico del Museo. Il Comune di Bologna, in collaborazione con Bologna Welcome, partecipa attivamente alla promozione della mostra anche attraverso lo strumento della Card Cultura.


Per garantire l’accesso alla mostra nel rispetto di tutti gli standard di sicurezza, a partire da lunedì 6 luglio sono aperte le prevendite sul sito www.ticket.it

Tutte le informazioni disponibili su:

www.palazzoalbergati.com

www.arthemisia.it

www.ticket.it

oppure telefonando al numero +39 051 030141

Dal 29 agosto è possibile anche acquistare il biglietto in loco, ma è fortemente consigliata la prenotazione.

Info biglietti

Con Card Cultura ingresso a 8 € (invece che 16 €) audioguida inclusa
Acquistando il biglietto online, agli 8 € previsti si aggiungono 2 € di prevendita e 1,50 € per i diritti di agenzia.


Orario:
aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 20.00
(chiusura biglietteria ore 19.00)
Possono entrare 25 persone ogni 20 minuti, per un massimo di 75 visitatori all’ora, con obbligo di indossare la mascherina.

Photo: Claude Monet (1840-1926) - Nymphéas, vers 1916-1919, Huile sur toile, 150x197 cm Paris, musée Marmottan Monet, legs Michel Monet, 1966 © Musée Marmottan Monet, Paris / Bridgeman Images

Ballare insieme ma senza contatto

Centro Frassinetti
luglio – settembre 2020
luglio – settembre 2020
frassinetti.jpg

“Ballare insieme ma senza contatto” sarà il tema degli incontri di questo periodo. Certi dell'enorme valore del Ballo come attività che unisce il benessere psicofisico all'aspetto sociale e comunitario, e sicuri che la mancanza di contatto costituisca una risorsa per lo studio e il miglioramento di noi stessi e del nostro Ballo.

Le lezioni si svolgeranno seguendo e rispettando tutti i protocolli anti Covid-19 (ambiente sanificato – distanziamento sociale di 2mt – etc ) e sono a numero chiuso per un massimo di 8 persone, quindi è necessaria la prenotazione tramite mail a elletango13@gmail.com o messaggio whatsApp al 3920455033 

Programma:

LABORATORI di TANGO con Eloy Octavio Souto & Luciana Semprini
ogni lunedì ore 19,30/21 prima lezione (livello unico) ore 21,30/23 seconda lezione (livello unico).
Si lavorerà in coppia ma senza il contatto fisico, a distanza; si tratta di lezioni in cui si lavorerà sul come: - articolare una proposta di movimento finalizzata a produrre, attraverso una elaborazione coerente, una risposta puntuale, senza utilizzare il contatto fisico. Un lavoro molto profondo che contribuisca ad approfondire consapevolezza di cosa, come, e soprattutto di dove siamo nel ballo, nel nostro ballo. - analizzare e sperimentare questa modalità di “marca” studiando i vari passi del tango, le strutture di movimento e le transizioni da un passo e l'altro, e vedere come questo lavoro ci renderà più sicuri attenti e "attraenti". 

TANGO TRAINING PROGRAM:
 Lezioni di “BODY WORK”ogni martedì dalle ore 20 alle 21 e giovedì dalle 21,30 alle 22,30: lavoro individuale; si tratta di un training utilissimo per chi fa tango e anche per chi non balla: unisce esercizi di pilates/ stretching e sbarra terra, serve per l’impostazione per l’allineamento e per il potenziamento muscolare, e per migliorare la mobilità dei vari segmenti corporei. I benefici saranno molto validi per migliorare il nostro ballo o la nostra vita quotidiana. 
Lezioni di TECNICA di TANGO ogni martedì dalle 21,30 alle 22,30 e giovedì dalle 20 alle 21: lavoro individuale; ogni lezione si articola in 2 parti, nella prima parte lavoreremo su elementi generali come postura, equilibrio, asse, peso; nella seconda parte ci dedicheremo allo studio di elementi specifici del Tango come: camminata, pivot, ochos, giro, boleos, etc. 
Lezioni di “SBARRA a TERRA” (con musica di Tango)ogni venerdì dalle 19 alle 20:  lavoro individuale; si tratta di un lavoro indicato per migliorare la postura e tonificare la muscolatura di tutto il corpo, e' una tecnica di allineamento e correzione posturale. La Sbarra a Terra è in grado di migliorare le abilità tecniche, aumentare la flessibilità, rinforzare i muscoli corretti, prevenire e riabilitare da eventuale infortuni. Ogni lezione si svolge per i 2/3 proni, supini o sul fianco 
Lezioni di “FOOT WORK” lavoro sui piedi: ogni venerdì dalle 20,30 alle 21,30 - lavoro individuale; i piedi sono strumenti fondamentali per potere ballare, sia da un punto di vista funzionale che estetico, ma spesso vengono trascurati e non gli si dà l'attenzione che meritano. Durante questa lezione ce ne prenderemo cura e faremo tutta una serie di esercizi che ci aiuteranno a prenderne consapevolezza, che aumenteranno la loro flessibilità e duttilità, che svilupperanno la loro forza e vedremo come tutto questo migliorerà la nostra postura, il nostro equilibrio, la nostra propulsione nei passi e tutto il nostro ballo.

Le lezioni sono tenute da Luciana Semprini. Ogni lezione ha la durata di 1 ora e tutte le lezioni sono rivolte ad un pubblico maschile e femminile.

Jewish Journeys - Itinerari ebraici

MEB - Museo Ebraico di Bologna
mostra
mostra
IMG_0572_detail.jpg

In occasione della XXI edizione della Giornata Europea del Cultura Ebraica, domenica 6 settembre 2020 il Museo Ebraico di Bologna presenta al pubblico la mostra Jewish Journeys - Itinerari ebraici, curata dalla Associazione Europea per la preservazione e la promozione della cultura | AEPJ, dalla Biblioteca Nazionale di Israele e per la versione italiana dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane | UCEI. Sei sintetici capitoli nei quali il tema degli itinerari ebraici si declina in vari modi: viaggi ispiratori, viaggi per i commerci, pellegrinaggi, ma anche viaggi di fuga, esilio e diaspora.

Viaggiare da un luogo a un altro – fisicamente, spiritualmente o emotivamente – predispone le persone a un percorso di transizione. L’odissea degli ebrei non inizia con un passo fisico ma con un concetto: non esiste che un unico Spirito infinito. Intorno al 1730 a.C. questo Essere Divino disse ad Abramo (che già si era allontanato da Ur dei Caldei, sua terra natia) di andare “nella terra che Io ti mostrerò.” Quella terra era Canaan. Abramo divenne Avraham. Gli ebrei, i cristiani e i musulmani sono tutti “figli di Avraham”. La terra di Canaan promessa ad Avraham sarebbe diventata Israele. Durante un altro viaggio, il nipote di Avraham, Giacobbe, fu rinominato “Israel”. Durante un periodo di carestia, Giacobbe andò in Egitto. I suoi discendenti furono ridotti in schiavitù. Nel XIII secolo A.E.V. Mosè guidò il loro Esodo nuovamente verso la Terra Promessa. Sul monte Sinai, Dio diede loro la Torah con i suoi 10 Comandamenti, i rituali e le leggi; lo Shabbat sarebbe diventato il giorno dedicato al riposo. La festività di Pesach avrebbe avuto lo scopo di commemorare l’uscita dall’Egitto. Un percorso di vita avrebbe indirizzato verso la carità, intesa come “giustizia”, l’ospitalità e il rispetto per gli stranieri. L’arrivo li mise di fronte ad una sfida. Un popolo diviso in tribù avrebbe potuto unificarsi culturalmente e politicamente? Sarebbero riusciti a sostenere l’idea di una divinità unica in un mondo politeista come quello del Medio Oriente di allora? A causa di circostanze non determinate dalla loro volontà, si ritrovarono sulla strada dell’esilio, del ritorno e di nuovo della dispersione. Poi, 2000 anni dopo, verso un ulteriore straordinario ritorno a casa. Lungo il percorso, ogni qualvolta sia stato possibile, hanno trasformato un esilio disperato in una fiorente diaspora. Hanno rafforzato i 10 Comandamenti del monte Sinai. Il loro pellegrinaggio ricordava quello che era stato perso ma riaffermava anche le loro aspirazioni. Furono scritte preghiere al contempo poetiche e concrete. Ci furono spaventose fughe ma anche sollievo nel trovare porti sicuri. L’odissea ebraica ha creato continue aperture che ha permesso di ridefinire chi essere, cosa imparare e condividere e dove dirigersi.
La presenza ebraica a Bologna in epoca medievale e moderna è documentata per poco meno di duecentocinquant’anni, quelli che intercorrono dalla prima attestazione storica rilevabile dalle fonti documentarie (1353), fino alla definitiva cacciata avvenuta nel 1593. Successivamente, gli ebrei sono ritornati in città con l’emancipazione napoleonica (1796), poi definitivamente con l’Unità d’Italia (1860).
Tutto sommato, rispetto ad altre città italiane e del territorio emiliano-romagnolo, gli ebrei sono rimasti a Bologna per poco tempo. Un tempo sufficiente, tuttavia, per lasciare tracce indelebili della loro presenza, della loro storia, ma soprattutto della loro apporto fondamentale nella vita culturale, civile e sociale, ampiamente documentato da materiali librari e documentari, conservati nelle principali istituzioni cittadine. Queste testimonianze sono ancora ben visibili in Bologna: la casa quattrocentesca dell’illustre intellettuale Ovadyah Sforno in piazza Santo Stefano, il palazzo cinquecentesco dell’umanista Achille Bocchi in via Goito con la monumentale scritta ebraica incisa nello zoccolo, l’edificio in via S. Vitale un tempo sede di una grande sinagoga, l’antico quartiere medievale sotto le Due Torri scelto come area del ghetto, dove gli ebrei furono segregati per periodi alterni dal 1555 fino alla loro cacciata definitiva avvenuta nel 1593, il Museo Civico Medievale con le cinquecentesche lapidi ebraiche provenienti dall’antico cimitero posto nell’area adiacente alla chiesa del Baraccano, la sinagoga novecentesca di via de’ Gombruti e il Cimitero Ebraico nei pressi della Certosa, costituiscono l’itinerario dei luoghi ebraici di Bologna, che si integra ai percorsi storici presenti nel Museo Ebraico di Bologna. Museo nel Museo, ovverosia un percorso intramuros che si integra con quello extramuros.


dal 6 settembre al 18 ottobre 2020

Info orari e biglietti

Un giro in città: Bologna ebraica

MEB - Museo Ebraico di Bologna
mostra
mostra
IMG_0573.jpg

In occasione della XXI edizione della Giornata Europea del Cultura Ebraica, domenica 6 settembre 2020, il Museo Ebraico di Bologna presenta al pubblico la mostra Un giro in città: Bologna ebraica, curata da Vincenza Maugeri e Caterina Quareni.
Suggestivi scatti, antiche vedute, immaginari artistici sono lo spunto per un percorso attraverso luoghi che raccontano ancora oggi la storia degli ebrei a Bologna iniziata più di sette secoli fa e che fanno della Bologna ebraica uno degli itinerari di maggior interesse turistico e culturale della città.
Il primo documento che attesta la presenza degli ebrei a Bologna risale al 1353. Da allora la loro presenza in città rimane abbastanza costante e florida fino alla definitiva cacciata, avvenuta nel 1593. Eccettuati brevi e sporadici ritorni di individui o piccoli gruppi, gli ebrei ricominciano a far parte della società bolognese solo dopo l’emancipazione napoleonica, nel 1796. Nel corso della loro permanenza, sia in età medievale e moderna, sia in età contemporanea, danno significativi apporti alla vita culturale ed economica della città, di cui restano le testimonianze in libri e documenti conservati negli archivi e nelle biblioteche di Bologna e tracce ancora visibili in città: la casa quattrocentesca dell’intellettuale Ovadyah Sforno in piazza Santo Stefano, il palazzo cinquecentesco dell’umanista Achille Bocchi in via Goito, con la monumentale iscrizione ebraica e latina incisa nello zoccolo, l’edificio di via San Vitale un tempo sede di una grande sinagoga, l’ex ghetto ebraico nei pressi delle Due Torri, le lapidi medievali provenienti dall’antico cimitero ebraico di via Orfeo conservate presso il Museo Civico Medievale, il cimitero ebraico ottocentesco ancor oggi in uso adiacente al complesso della Certosa, la Sinagoga di via de’ Gombruti, costruita negli anni ’30 su progetto di Attilio Muggia e attualmente arricchita di un secondo tempio sottostante. A questi monumenti storici si aggiunge il Memoriale della Shoah, realizzato nel 2017 presso la nuova stazione dell’alta velocità.

Nel percorso di mostra, oltre alle foto di Franco Bonilauri, Michele Levis e Roberto Macrì, anche le suggestive vedute dell’antico ghetto di Guido Neri, e due importanti opere, un disegno di Emanuele Luzzati del 2005 e uno di Marina Falco Foa del 2014, che interpretano il ghetto di Bologna, donate dagli artisti al MEB.

La mostra si completa inoltre con la proiezione di Un viaggio, tante storie, il video collettivo realizzato dai Musei ebraici italiani, in occasione della XXI Giornata Europea della Cultura Ebraica. Da Venezia a Lecce, attraverso Padova, Casale Monferrato, Soragna, Ferrara, Pisa, Firenze, Siena, Roma, un incalzante e avvincente percorso a tappe lungo la nostra penisola tra luoghi ebraici straordinari e ricchi di testimonianze, con storie interessantissime, talvolta inedite e sorprendenti, fatte di persone e di tradizioni comunitarie, intrecciate all’arte, alla letteratura, alla musica, alle raffinatezze culinarie. Nel video è ovviamente inclusa anche la parte relativa al MEB, che propone “L’ombilico più precioso della città”, ovvero un breve viaggio nella Bologna ebraica.


dal 6 settembre al 18 ottobre 2020

Info orari e biglietti

Project Room Neutral

mtn | museo temporaneo navile
mostra
mostra
PROJECT-ROOM_NEUTRAL_VISUAL.jpg

PROJECT ROOM NEUTRAL

Artisti: Emanuela Ascari, Riccardo Bellelli, Luca Bolognese, Emilia Bosetti, Dariotti, Giuseppe Di Martino, Alcide Fontanesi, Silla Guerrini, Valentina Medda, Stefano W. Pasquini, Chiara Pergola, Prom.run, Ivano Ruscelli, Marcello Spada, Golzar Sanganian.

L’attività di mtn | museo temporaneo navile riprende con la mostra Project Room Neutral: occasione per riflettere sulla natura stessa di Museo d’Arte in rapporto alla società. Insieme ad altre istituzioni, anche i musei oggi sono chiamati a uscire da una posizione di ambiguità rispetto al proprio ruolo e alle proprie finalità. Il risultato di questa riflessione determina la coerenza e l’efficacia della propria azione e proposta in un’ottica culturale, giuridica ed economica. Dunque si arriva a dover rispondere a una domanda capitale: quali sono oggi la funzione e il ruolo di un Museo d’Arte? Si tratta di determinare, paternalisticamente, ciò che merita di essere portato incontro al pubblico, individuando quale impostazione culturale sostenere? Come potenziare la responsabilità di creare un’atmosfera nella quale immergere il proprio tempo? Quale valore, non artificialmente determinato, bensì effettivo, ha l’arte? Questi sono solo alcuni aspetti che richiedono almeno una serie di riflessioni.

Project Room Neutral presenta il lavoro di quindici artisti di generazioni molto diverse, con impostazioni di pensiero ed estetiche importanti, in alcuni casi addirittura in aperto contrasto se valutate secondo un parametro critico tradizionale. La pluralità, e ciò che questa presuppone, è l’ambito che questa mostra vuole approfondire, per incominciare a elaborare alcune delle domande sopra enunciate. Per mtn un ente culturale dovrebbe essere uno spazio quanto più possibile ideologicamente neutro, un supporto imparziale sul quale proiettare liberamente la multiformità dell’esperienza umana. Il Museo diventa un organismo sfaccettato, aereo, disponibile ad abbandonare con disinvoltura il già pensato ed elaborato verso una dimensione non ancora codificata, sia in ambito culturale che più estesamente sociale.
Come ogni project room le opere in mostra, finito il periodo di esposizione al museo, saranno disponibili per il prestito gratuito ai cittadini di Bologna.
La mostra è accompagnata da un saggio critico di Ornella D’Agnano.


Orari: martedì, giovedì, sabato dalle 15 alle 19 solo su appuntamento.
La mostra è sempre visibile dall’esterno del museo.

info@museotemporaneonavile.org
 

Il meglio deve ancora venire

Sala Cervi
(Le Meilleur reste à venir, Francia/2020) di Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte (117')
(Le Meilleur reste à venir, Francia/2020) di Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte (117')
il-meglio-deve-ancora-venire-1280x720.jpg

Arthur è un ricercatore medico puntiglioso e ligio alle regole; César un buontempone imprudente e donnaiolo. Diversissimi, i due sono amici fin dall'infanzia. Per un malinteso entrambi si convincono che l'altro abbia una grave malattia: faranno a gara per realizzare i rispettivi desideri finali, in un viaggio tra ricordi del passato e nuove avventure che lascerà un segno profondo. La 'strana coppia' Fabrice Luchini e Patrick Bruel dà nuova linfa alla commedia francese dei veterani del genere Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte (Cena tra amici, Mamma o papà?), che scelgono questa volta di affrontare i temi della malattia e dell'amicizia virile, filtrandoli attraverso la lente della loro consueta, irresistibile comicità.

Lingua originale con sottotitoli

YEAH YOU | Live Arts Week IX

luoghi vari
yeah_you_a.jpg

Xing/Live Arts Week IX
presentano

YEAH YOU (GB)

THIS INSTEAD
martedi 22 + mercoledi 23 settembre 2020 h 18>22

sound performance, prima italiana
in movimento a Bologna*
+
K(h)ar-t- from Khot to Krutch to Vhod. I’m not, I’m knot
da sabato 18 a mercoledi 23 settembre h 19>23

videoinstallazione, prima italiana
LOCALEDUE**
 

Xing/Live Arts Week presentano a Bologna YEAH YOU, ovvero Gustav Thomas ed Elvin Brandhi, formazione artistica composta da padre e figlia. Originari del Galles, si spostano in un itinerario in continua evoluzione, compiendo escursioni musicali e geografiche improvvisate a bordo di quella che hanno loro stessi battezzato Kh-art (Car-art).

Martedi 22 e mercoledi 23 settembre 2020, dalle h 18 alle 22, il duo presenta la sound performance urbana THIS INSTEAD che si svolge seguendo il movimento della loro Kh-art(Car-art), per la prima volta in Italia. Come accompagnamento del progetto live, da venerdi 18 a mercoledi 23 settembre dalle h 19 alle 23, negli spazi di LOCALEDUE è installato l’in-car video K(h)ar-t- from Khot to Krutch to Vhod. I’m not, I’m knot, un concerto registrato durante un loro tragitto compiuto in auto da Utrecht ad Amsterdam. Il video è stato scelto dall'archivio di centinaia di riprese del duo fatte nel corso del tempo.

L’auto familiare, oggetto progettato per facilitare gerarchicamente il passaggio intergenerazionale, ottimizzando al contempo le attività domestiche/commerciali, diventa, nel lavoro di YEAH YOU, un object-trouvé futuristico. Questa famiglia nucleare ribalta, da dentro, la funzione convenzionale del mezzo, destinandolo a ospitare un progetto inclusivo. Ne deriva un’arte portabile su quattro ruote che nasce dal desiderio di creare in qualsiasi condizione e tempo. Il progetto riflette così sul significato di social drive (letteralmente sulla spinta sociale, ma anche su cosa comporti l’atto del guidare e l’interdipendenza tra guidatore e guidato) e sullo smantellamento del sistema normativo famiglia/realtà.
In una serie di CAR)T performance in diverse zone della città, l’azione del duo oscilla tra la vita quotidiana e l’impraticabilità pratica di un veicolo che si trasforma da mero mezzo di trasporto a uno spazio dedicato allo scambio sociale. Il pubblico potrà seguirne dal vivo gli spostamenti nel corso di 4 ore tramite gli aggiornamenti trasmessi in tempo reale e collegati alla pagina Fandom Wiki del live, THIS INSTEAD, usando in maniera effimera uno strumento libero.
L’auto costituisce uno stage dinamico, con lui al volante e lei come passeggera: dall’abitacolo esce un noise-pop lo-fi con basi distorte che fungono da piattaforma per i flussi di coscienza, furiosi, profondi o non-sense, cantati da Elvin.

Un auto THIS INSTEAD
Un negozio THIS INSTEAD
Una forma THIS INSTEAD

Il metodo di base di THIS INSTEAD implica che qualsiasi situazione sia re-interpretabile (prima che tu possa essere reinterpretato all’infinito).

LUOGHI
*(i meeting point saranno comunicati in tempo reale tramite http://this-instead.fandom.com Il punto di partenza di martedi 22 settembre sarà davanti a MAMbo, in via Don Minzoni 14, alle h 18)
**LOCALEDUE – Via Azzo Gardino 12/C - Bologna

Fucsia 2020

Giardino Lavinia Fontana
in giardino – Mostra | Arte | Fotografia | Dibattiti | Proiezioni
in giardino – Mostra | Arte | Fotografia | Dibattiti | Proiezioni
Fucsia.jpg

FUCSIA è una tecnologia sociale, artistica e culturale che promuove e riafferma i diritti delle donne e delle minoranze. Luogo di connessione nel cuore del tessuto urbano, FUCSIA realizza la convergenza di esperienze ed espressioni di una polisemia cittadina viva. Il festival unisce diverse realtà del territorio verso nuove forme di collaborazione tra entità che perseguono finalità simili in ambiti disciplinari e artistici differenti in un percorso di empowerment sociale per un confronto con altre realtà organizzative per una progettazione partecipata sinergica.

Tenendo in considerazione la situazione corrente, dedichiamo la nostra programmazione al Giardino Lavinia Fontana a incontri e a cinema all'aperto, valorizzando la possibilità di poter creare situazioni di socialità, nel rispetto delle condizioni previste dalla ripresa post-emergenza Covid-19.


Gli incontri si orientano su:

  • Questioni di identità, nuove generazioni e diaspora Africana a Bologna
  • Arte femminista e rivoluzione - in collaborazione con Some Prefer Cake Festival
  • Emergenza sociale sanitaria ambientale in Brasile e Amazzonia
  • La situazione attuale in Palestina - in collaborazione con AssoPalestina
  • Nuove speranze e rappresentazioni politiche in USA, da Alexandria Ocasio Cortez a Kamala Harris - in collaborazione con International Women Forum
  • Giustizia e diritti civili in Egitto


Attraverso la nostra programmazione cinema, offriremo un'anticipazione di Fucsia Women Film Festival, un progetto in via di sviluppo in collaborazione con il Dipartimento di Arti Visive (CITEM, DAMS) per valorizzare le creatività femminili attraverso il cinema. Presenteremo quindi alcune produzioni di registe o significative della professionalità femminile nel cinema - dalla critica all'industria cinematografica.

Tra i film proposti: The Invisibles di Diana Ferrero e Carola Mamberto, Women Art Revolution di Lynn Hershman Leeson, Democrazia al Limite di Petra Costa, Naila and the Uprising di Julia Bacha, XIII Emendamento di Ava DuVernay, Al Midan / The Square di Jehan Nouijaim.


Siamo felici di poter ospitare due importanti mostre fotografiche che riflettono la forza ed energia delle donne in diversi contesti geografici e personali e ne celebrano la resilienza e impegno per vivere e rinascere al di là delle difficoltà:

  • Il Viaggio della Rinascita di Laura Frasca
  • Nigerian Women Life in Ngugo, Imo State di Laura Bessega


Fucsia è organizzato da Human Rights Nights in collaborazione con Associazione Orlando – Centro delle Donne di Bologna. Patrocinio del Quartiere Santo Stefano, Comune di Bologna. Media partner ABOut Bologna. Con il sostegno di Volabo


PROGRAMMA

Sabato 19 Settembre
Inaugurazione FUCSIA 2020
18.00 Apertura Mostre Arte Fotografica
Nigerian Women Life in Ngugo, Imo State di Laura Bessega
Il Viaggio della Rinascita di Laura Frasca

20.00 Some Prefer Cake Festival
connessione live inaugurazione festival 2020

21,00 New Generation, Identity, African Diaspora in Bologna Intervengono Dece Seck, Jeffrey Lennon (African Street Festival UK).
Film: The Invisibles di Diana Ferrero e Carola Mamberto (Italia 2020, 10’) in omaggio ai braccianti e Aboubakar Soumahoro


Domenica 20 Settembre
18.30 Feminist Art: le donne che hanno rivoluzionato l’arte Presentazione in anteprima del libro di Valentina Grande ed Eva Rossetti (Centauria, 2020). Un evento organizzato in collaborazione con Some Prefer Cake, Bologna Lesbian Film Festival.
Saranno presenti le autrici Valentina Grande ed Eva Rossetti.

21.30 Film Women Art Revolution di Lynn Hershman Leeson (USA 2010, 83’)


Lunedi 21 Settembre
18.30 Brasile e Amazzonia: emergenza sociale, sanitaria, ambientale Intervengono Sergio Rossi  (ricercatore, Brasile, prigioni, favelas, comunità afrodiscendenti), Federica Falancia (ricercatrice, Sarayaku, Amazzonia, Ecuador)

21.30 Film Democrazia al Limite di Petra Costa (Brasile 2019, 113’)


Martedi 22 settembre
21.00 Film Naila and the Uprising di Julia Bacha (USA, Palestina 2017, 75’) Introduzione al fi lm a cura di Associazione Orlando e Assopace Palestina


Mercoledi 23 settembre
18.30 New Hopes, New Generations in USA Election - from Alexandria Ocasio Cortez to Kamala Harris, new representations within US politics. in collaboration with International Women Forum. Intervengono Raffaella Baritono, Università di Bologna, Joanna Maloney (ACTA, American Citizens Taking Action / Democrats Abroad), e Akos Mensah (International Women Forum)

21.30 Film: XIII Emendamento di Ava DuVernay (USA 2016, 100’)


Giovedi 24 settembre
18.30 Patrick Zaki, Sarah Hijazi: giustizia e diritti civili in Egitto Intervengono Francesca Biancani (Storia del Medio Oriente, Università di Bologna), Rita Monticelli (coordinatrice Master Gemma, Università di Bologna), Mohamed Hazem (Socialisti Rivoluzionari in Egitto). Modera Giulia Sudano (Presidente, Associazione Orlando)

21.30 Film Al Midan / The Square di Jehan Nouijaim (UK, Egitto, USA 2013, 108’)


INFO: Whatsapp: 389 4749120 / 380 1485702
Prenota un posto! è necessario registrarsi gratuitamente
Eventbrite:

www.eventbrite.it/e/fucsia-2020-tickets-120181669609
Nel caso si voglia accedere senza aver prenotato, sarà necessario registrarsi all’entrata. Partecipazione sia in presenza, sia online - live FB sulla pagina dell’evento
----
Sarà possibile prenotare la cena da asporto a Sham Cibo Siriano.

The Elephant Man

Cinema Lumière
(USA-GB/1980) di David Lynch (124')
(USA-GB/1980) di David Lynch (124')
elephant-man.jpg

La storia di John Merrick, l'uomo elefante, il freak della Londra proto-industriale, serve a Lynch per due motivi: mostrare il lato intimamente mélo del suo cinema e trovare una via d'entrata a Hollywood. The Elephant Man è ibrido e tragicomico come il suo protagonista, da una parte trascina al pianto il grande pubblico e dall'altra fa saettare schegge di orrido e memorie di Tod Browning. Non meno ancestrale e traumatico di Eraserhead, The Elephant Man si ‘nasconde' dietro il film di malattia anni Ottanta per costruire una nuova riflessione sul visibile e sull'orrore. (Roy Menarini)
Restaurato nel 2020 da StudioCanal a partire dal negativo originale con la supervisione di David Lynch

Lingua originale con sottotitoli

Ape Car

Mercato Albani
performance itinerante
performance itinerante
22-settembre-macellerie-pasolini-ape-car_orig.jpg

Ore 18.30
Macellerie Pasolini, Ape Car (performance itinerante) + Fassbinder's Wives AAA Amorevole Approvvigionamento Autogestito (incursione)

 

Regia: Ennio Ruffolo
Drammaturgia: Patrizia Caffiero, Alice Manzini, Mila Marchesini
Performer: Serena Dibiase, Mattia Manfroni
Progetto: Ennio Ruffolo e Maria Donnoli
photo credits: The Making of Planet of the Apes
produzione: Nove Punti APS / perAspera Festival
 

L’isolamento è sentirsi piccolo, una piccola parte, sempre più attaccabile, sempre meno forte. Ingigantisce l’esterno, rende sempre meno facile esprimersi perché intanto l’esterno si ingrossa, si irrobustisce: allontanandolo. Isolarsi è essere alla deriva, è guardarsi alle spalle, camminare piano e non fare rumore, soprattutto non fare rumore. Isolarsi è stare in silenzio e non fare rumore. Quindi sperare di diventare invisibili. Così da non essere riconosciuti e additati. APE CAR è un lavoro di isolamento, di schieramento e ricerca nel passato, quando altri hanno vissuto anche per un attimo lo stesso nostro disagio. Una performance itinerante tra il Mercato Albani e le Corti Acer della Bolognina, in cui due persone, con una maschera da scimmia, percorrerranno lentamente le strade e i cortili su un'apecar, alla ricerca di luoghi dove far accadere un semplice rituale, fatto di musica e di testi che vengono da artisti costretti nei secoli passati all'isolamento. Prima di partire per una nuova destinazione. Macellerie Pasolini è un progetto che prevede il coinvolgimento di artisti di ogni nazionalità, disciplina e formazione, chiamati a collaborare intorno a temi della cultura contemporanea. Istituite tra Roma e Bologna nel 2009, Macellerie Pasolini creano, producono e sostengono opere interdisciplinari, dislocandosi nei luoghi di residenza artistica dei suoi componenti. Tra i lavori Love Car (2010), Premio del Pubblico al Festival Spoleto Off, Parade – a tenderness act (2011), rappresentato in prima internazionale a Brighton (UK), La città della gioia (2014), finalista del Premio Nex(t)work e rappresentato in prima nazionale al Teatro Orologio (Roma) a maggio 2014, Parade sulla croce (2015), Match/Point (2016).
 

ore 19.30  
Francabandera – Mastroianni, Micromondi (workshop) breve descrizione MICROMONDI è un progetto di esperienze e incontri mediati e attivi con i linguaggi dell’arte e la propria sensibilità. Nato dall’esigenza di avvicinare alle nuove dimensioni creative il maggior numero di persone di ogni tipo di esperienza e provenienza, il laboratorio dinamico si propone come arricchimento e incontro, ma anche come stimolo creativo per i partecipanti, che integra, ricompone, permea tutte le aree di indagine della conoscenza sulle arti dal vivo. Gli aspetti di interdisciplinarità della performance, la sua possibilità di essere scritta o non scritta, casuale o predefinita o pianificata, reale o digitale, con o senza coinvolgimento di pubblico, pongono la creatività davanti ad una serie di quesiti e approfondimenti di primaria rilevanza, amplificati negli ultimi anni dalla loro praticabilità tramite i media digitali. Attraverso un percorso misto didattico-laboratoriale, il partecipante sarà guidato a scoprire il rapporto fra ascolto, sguardo ed esperienza in un modo personalizzato, soggettivo e informale. Il ciclo di incontri è aperto a persone di ogni formazione, senza bisogno di esperienze pregresse.
 

Durata: 1H è possibile iscriversi al ciclo di incontri (21, 22 e 24 settembre) o a incontri singoli.

Prenotazione obbligatoria a info@perasperafestival.org o via WhatsApp al 349 5824266


 

La centrale idroelettrica del Cavaticcio, unico impianto europeo posizionato in un centro storico

Ritrovo: Largo Caduti del Lavoro
A passeggio con i ricercatori alla scoperta di Bologna
A passeggio con i ricercatori alla scoperta di Bologna
Aspettando la notte_22 settembre_detail.jpg

A passeggio con i ricercatori alla scoperta di Bologna


LA CENTRALE IDROELETTRICA DEL CAVATICCIO, UNICO IMPIANTO EUROPEO POSIZIONATO IN UN CENTRO STORICO

Durante la visita si andrà alla scoperta della centrale idroelettrica del Cavaticcio, costruita nel cuore di Bologna nel 1994 sfruttando il salto naturale di circa 15 metri che il canale di Reno compie in prossimità dell’incrocio tra via Marconi e via Riva di Reno, trasformandosi nel canale Cavaticcio.   L’opera è stata realizzata dal Comune di Bologna ed è attualmente di proprietà e gestita dal Consorzio della Chiusa di Casalecchio e del Canale di Reno. La potenza massima è di 1890 kW.

Fabio Marchi (Consorzi dei Canali di Reno e di Savena), Daniele Pascale (Università di Bologna)


Martedì 22 settembre 2020

2 turni: ore 18.00 e ore 20.00 (massimo 25 persone a turno)

Ritrovo: Largo Caduti del Lavoro

Partecipazione gratuita. La prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata accedendo a uno dei siti:

cineca.it/area-stampa/news/la-scienza-va-citta-e-dintorni

nottedeiricercatori-society.eu/aspettando-la-notte-2020


Le visite potranno essere annullate, anche in giornata, per condizioni meteorologiche non favorevoli, per insufficiente numero di iscritti, così come per emergenze sanitarie legati a COVID19.
La modalità delle visite avverrà nel rispetto delle direttive nazionali e regionali relative all’emergenza COVID19. Con l'iscrizione ai tour i partecipanti dichiarano di aver letto e compreso il vademecum per il rispetto delle norme di comportamento e per il distanziamento che si trova alla pagina di iscrizione.

Il colore delle favole

Parco 11 settembre 2001
nell’ambito di CinePorto Boff rassegna a cura dell’Associazione Farm
nell’ambito di CinePorto Boff rassegna a cura dell’Associazione Farm
Il Colore delle Favole.png

Ciclo di incontri rivolto ai bambini e alle bambine per raccontare favole da tutto il mondo,  che trattano tematiche legate alla comprensione dell’alterità in un’ottica multiculturale. 

Imparare a conoscere popoli solo apparentemente lontani, ma che condividono lo spazio geografico e metropolitano significa attivare meccanismi di cittadinanza attiva e di comunità partecipata, processi fondamentali nell’educazione delle nuove generazioni. Rintracciare attraverso l'archetipo universale della fiaba, percorsi comuni e suggestivi alla crescita dei bambini e delle bambine di tutte le latitudini conferma che “all'origine del mondo c'è un racconto” (cit.  Joyce Lussu). L'iniziativa vuole fornire ai più piccoli/e stimoli di approccio all’idea dell’alterità, un percorso virtuoso di elaborazione delle differenze.  Questo ciclo di incontri proseguirà poi in autunno/inverno in varie biblioteche, parchi e centri infanzia di Bologna e provincia.

Laboratori, letture teatralizzate e musicate, spettacoli di burattini e muppets sono le iniziative proposte ad accesso gratuito nel mese di settembre in uno dei giardini di Bologna più frequentati dalle famiglie. 


Dalle ore 18:00 al Parco 11 settembre 2001 di Bologna:
 

  • venerdì 11 settembre La bambina invisibile. Abbattiamo muri, costruiamo ponti a cura di Manuela Ara
    Lettura animata liberamente tratta dall’omonimo libro di Marisa Porciello. Racconto-gioco su differenze e integrazione. Età indicata: 4 / 11 anni
  • martedì 15 settembre 1, 2, 3 L’amicizia che cos’è?  a cura di Ambaradan Teatro ragazzi
    Spettacolo in cui il teatro di figura si  intreccia a quello attoriale, per affrontare i delicati temi dell’amicizia e dell’alterità.  Età indicata: 3 / 10 anni
  • venerdì 18 settembre Giro tondo in tutto il mondo a cura di Manuela Ara 
    Letture animate per imparare a stare insieme, nel rispetto delle differenze, attraverso i testi di Gianni Rodari. Età indicata: 4 / 11 anni
  • martedì 22 settembre Lutka a cura di Teatrino di Carta 
    Spettacolo di burattini, liberamente tratto dal testo Il proprietario del burattinaio argentino Roberto Espina. Lutka, che nelle lingue slave significa burattino, tratta il tema del potere che taluni individui esercitano sugli altri. Età indicata: 5 / 11 anni 
  • venerdì 25 settembre Grande Favola Tour a cura di Elena Musti 
    Letture animate per un viaggio attorno alle fiabe del mondo, alla scoperta della sue ricchezze, tradizioni e culture: dalle melanconiche lande del Nord Europa al variopinto mondo degli Indiani d’America; dall’oriente con le sue tradizioni millenarie ai caldi paesaggi ed animali africani. Età indicata: 4 / 9 anni

Tutte le attività sono ad accesso gratuito. Si consiglia la prenotazione.
Inviare messaggio (no vocali e telefonate):
WhatsApp / Telegram / mobile phone: +39.333.2206226   e-mail: dry-art@dry-art.com

In caso di pioggia gli eventi verranno realizzati al coperto presso Cohousing Porto 15 in via del Porto 15

Fantateatro | Bimbi al Duse

Teatro Duse
4° edizione | Dal 15 settembre al 27 ottobre 2020
4° edizione | Dal 15 settembre al 27 ottobre 2020
Bimbi al Duse con Conad.png

Dalla gabbianella e il gatto di Luis Sepùlveda a ‘Il libro della giungla’, da Pippi Calzelunghe agli amatissimi personaggi di Roald Dahl; la grande letteratura per l’infanzia è al centro della quarta edizione della rassegna ‘Bimbi al Duse con Conad’, in scena al Teatro Duse di Bologna, con 7 letture animate, dal 15 settembre al 27 ottobre 2020.

L’iniziativa, dedicata gli spettatori dai 3 anni in su e alle loro famiglie, è promossa da Teatro Duse e Conad, in collaborazione con la compagnia Fantateatro, diretta da Sandra Bertuzzi. Gli appuntamenti, che offrono l’emozione unica di ascoltare, tutti insieme sullo storico palcoscenico di via Cartoleria, le più belle storie della narrativa internazionale per ragazzi, sono in programma il martedì alle ore 18.00. 

Si parte, dunque, il 15 settembre con la tenera ‘Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare’, nata dalla fantasia del cileno Luis Sepùlveda e si prosegue il 22 settembre con i terribili scherzi de ‘Gli Sporcelli’, creati dalla penna del britannico Roald Dahl. Il 29 settembre sarà in scena l’eccentrica ‘Pippi Calzelunghe’ della scrittrice svedese Astrid Lindgren, mentre il 6 ottobre sarà la volta di ‘Topiopì’, favola sull’amicizia tra un bambino ed un pulcino, firmata da Andrea Camilleri. Il 13 ottobre spazio alle avventure del piccolo Mowgli, dell’orso Baloo e della pantera Baghera, con ‘Il libro della giungla’ del premio Nobel Rudyard Kipling. Il 20 ottobre, l’appuntamento è con ‘Cipì’, il curioso passerotto protagonista dell’omonimo classico scritto dal pedagogista Mario Lodi. Il ciclo si conclude il 27 ottobre con ‘La magica medicina’, tra i racconti di Roald Dahl più letti e amati, capace di regalare momenti di euforia, umorismo ed empatia.

La rassegna, che si svolge al DUSEpiccolo nell’ambito del progetto DUSEgiovani, si terrà per un pubblico limitato di 60 spettatori, nel rispetto del distanziamento sociale e dei protocolli di sicurezza sanitaria.


BIGLIETTI
Intero: 11 euro
Ridotto riservato ai possessori Carta Insieme Conad: 8 euro.
                    
BIGLIETTERIA
Online: teatroduse.it e vivaticket.it
Biglietteria Fantateatro: Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 16.00.
Via Giuseppe Brini, 29 Bologna - Tel. 051 0395670 - info@fantateatro.it.

Biglietteria Teatro Duse: Da 30 minuti prima dell'inizio dello spettacolo.
Via Cartoleria, 42 Bologna - Tel. 051 231836 - biglietteria@teatroduse.it.
Informazioni: teatroduse.it


Martedì 15 settembre I ore 18.00
Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
- Luis Sepùlveda
La giovane gabbiana Kengah viene trovata in fin di vita da Zorba, un grosso gatto nero al quale decide di chiedere aiuto. Prima di morire, infatti, Kengah depone un uovo e strappa a Zorba tre solenni promesse: non mangiare l’uovo, averne cura fino alla schiusa e, soprattutto, insegnare a volare al piccolo. Nato dalla tenera fantasia di Luis Sepúlveda nel 1996, il romanzo ‘Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare’ regala al pubblico l’emozione e il valore universale dell’affetto e della cura degli altri, attraverso la dinamica e commovente lettura animata proposta da Fantateatro.

Martedì 22 settembre I ore 18.00
Gli Sporcelli
- Roald Dahl
Ci sono persone insieme sporche, brutte e cattive come gli Sporcelli. Gli Sporcelli hanno un’indole malvagia e fanno scherzi orribili: come quando la signora Sporcelli mise il suo occhio di vetro nel boccale di birra del marito, per fargli sapere che lo teneva sempre sotto controllo. Fortunatamente, gli Sporcelli non sono inesauribili nelle loro trovate, e alla fine, sia pure in modo del tutto involontario, rimangono vittime della loro stessa cattiveria. Questa lettura animata è carica dello spirito irriverente di Roald Dahl, enfatizzato dalle voci degli attori della compagnia Fantateatro, che accompagnano il pubblico in una storia capace di trasmettere valori attraverso una forte ironia.

Martedì 29 settembre I ore 18.00
Pippi Calzelunghe
- Astrid Lindgren
‘Pippi Calzelunghe’ è un libro per ragazzi del 1945 della scrittrice svedese Astrid Lindgren e racconta le avventure di Pippi, un’eccentrica bambina che va a vivere da sola in una grande villa in un piccolo paese della Svezia. Assieme a Tommy e Annika, due fratellini che fanno subito amicizia con lei, Pippi vive una lunga serie di bizzarre e favolose avventure, come quella con i ladri e quella con i poliziotti. Una lettura animata piena di divertimento e allegria che, grazie alle voci degli attori di Fantateatro, trasmette al pubblico emozioni e spasso.

Martedì 6 ottobre I ore 18.00
Topiopì -
Andrea Camilleri
Nenè è un bambino che frequenta la scuola elementare e tutti gli anni trascorre l’estate in campagna, dai nonni. Un giorno, il bambino trova un pulcino solitario in fondo al pollaio. La nonna gli dà il permesso di tenerlo con sé e così Nenè e Piopì diventano inseparabili. Un pomeriggio arriva un nuovo animale, l’asino. Il bambino si avvicina per fargli una carezza, cambiando così il destino del piccolo pulcino. Gli attori di Fantateatro propongono in tutta la sua bellezza questa favola sull’amicizia, piena di avventura ed emozioni, frutto di una memoria d’infanzia del grande Andrea Camilleri.

Martedì 13 ottobre I ore 18.00
Il libro della giungla
- Rudyard Kipling
Il piccolo Mowgli, trovato da un branco di lupi, impara a vivere nella giungla rispettandone le leggi. I suoi mentori, l’orso Baloo e la pantera Baghera, lo conducono attraverso le insidie e i pericoli che un cucciolo d’uomo deve affrontare nella foresta tropicale. ‘Il libro della giungla’ di Rudyard Kipling, premio Nobel per la letteratura, è un’opera narrativa di formazione, dal forte valore didattico per ogni bambino perché incentrata sui valori universali del rispetto dell’altro e della relazione con le leggi della natura. La compagnia Fantateatro legge le avventure di Mowgli mantenendo lo stile narrativo dell’autore e trasportando chi ascolta nelle ambientazioni più celebri della fitta e misteriosa giungla, tra lupi, scimmie, tigri e serpenti.

Martedì 20 ottobre I ore 18.00
Cipì -
Mario Lodi
Cipí è un passerotto che fin dalla nascita dimostra una grande curiosità per il mondo. Dapprima imprudente e sventato, impara a sue spese ad essere saggio e ragionevole. La compagnia Fantateatro dà voce ad un classico della letteratura per ragazzi, scritto dal grande pedagogista e insegnante Mario Lodi nel 1972. Il testo, che coinvolge profondamente i bambini perché ne rispecchia le emozioni e le prime scoperte, porta all’attenzione dei più piccoli valori come l’amicizia, la solidarietà e la socializzazione, facendoli allo stesso tempo riflettere sull’organizzazione del mondo animale e sull’intervento dell’uomo sulla natura.

Martedì 27 ottobre I ore 18.00
La magica medicina -
Roald Dahl
George è un bambino costretto a sopportare una nonna egoista e prepotente, che lo spaventa lasciandogli credere di essere una strega. Il timido George decide, così, di preparare una magica medicina che cambi almeno un po’ il carattere della nonna. Tra euforia ed empatia, la compagnia Fantateatro propone la lettura animata di quest’opera esilarante, tra le più lette e amate di Rold Dahl, che fa immedesimare gli spettatori nel giovane protagonista, desideroso di creare qualcosa di magico che faccia sparire le persone presuntuose e irritanti. Una favola umoristica per dimenticare le preoccupazioni della vita.

Amori, congiure e delitti: le famiglie nobili in Strà San Donato

Piazza Rossini
visite guidate in zona universitaria | Take care of U
visite guidate in zona universitaria | Take care of U
piazzarossini.jpg

Martedì 25 agosto e martedì 22 settembre
Amori, congiure e delitti: le famiglie nobili in Strà San Donato 

Bologna Malvezzi Campeggi, Magnani Salem, Malvezzi de Medici, Poggi, sono solo alcune delle famiglie che per secoli si sono scontrate per ottenere favori e privilegi, ma anche per rendere i loro palazzi sontuosi e degni di ricevere visite di Papi e Re. Racconto intrigante tra storia e leggenda, aneddoti e curiosità dalle sfumature di un romanzo. 
 

 Visite guidate a cura di Confguide Confcommercio Bologna.

Per garantire la completa accessibilità la visita sarà accompagnata anche da un Interprete e Traduttore di Lingua dei Segni Italiana.

Tutte le attività sono gratuite a ingresso libero con posti limitati. 

La registrazione dei partecipanti in Piazza Rossini a partire da mezz'ora prima dell'inizio della visita (le 18.30 per agosto e le 17.30 per le visite di settembre).

Le visite guidate si svolgeranno anche in caso di pioggia.

Biciliberatutt*

Parco della Montagnola
Pedalata liberatoria, partenza e arrivo al Parco della Montagnola
Pedalata liberatoria, partenza e arrivo al Parco della Montagnola
pedalata_oscar.jpg

Una pedalata aperta a tutt*, bambini, famiglie, amici, per ritrovare insieme il piacere e la libertà di appropriarsi della città e delle sue strade. Dopo la lunga reclusione che ha visto tutti impegnati nel combattere la diffusione del Covid-19, rinunciando non solo a spostarsi per necessità ma anche per piacere, invitiamo la città a ritrovarsi in un momento di aggregazione, festeggiando e mostrando gratitudine alla comunità cittadina, che in questi mesi ha messo a dura prova i propri anticorpi reali e metaforici. Parteciperanno alla pedalata anche le persone che hanno seguito il percorso Biciliberatutti promosso dall’Associazione Salvaiciclisti, per imparare ad andare in bicicletta, dedicato sia ai bambini che agli adulti, con uno speciale impegno sulle donne migranti grazie alla partnership con Cospe Onlus.

A seguire:

Ore 18-20 > La cargo-bike dei Giochi | Gioco libero con Leila Bologna
La mitica Cargo Bike di Leila con i giochi di un tempo, quelli che si fanno per strada, che hanno poche regole se non quella di divertirsi e che non hanno bisogno dei grandi. Leila ha scelto una bici speciale per portare in giro la condivisione di giochi e saperi perché crede tantissimo che un mondo più lento, libero da smog e con il vento tra i capelli, sia molto più bello e divertente, con le persone che sono l'unico motore che ci serve davvero.

Spazio giochi di una volta!
Pronti. Partenza. Via!
Tutti pronti per divertirci insieme con i giochi dei nostri nonni! Campana, tiro alla fune, colpisci il barattolo, la corsa con i sacchi e tanti altri!
 

Ore 19.00 > La nonna al Circo! | Spettacolo di acrobatica, giocoleria, equilibrismo e clownerie

Una nipotina va ad accudire la povera nonna... non sa che la vecchina sarà incontenibile! Piena di energie e risorse creative le darà del filo da torcere, soprattutto quando scoprirà il mondo del Circo! Nonni e nipoti senza filtri né paure, per nuovi approcci intergenerazionali.

L'abisso di Edipo

Piazza Coperta, Biblioteca Salaborsa
Giulio Guidorizzi presenta il suo libro | Le Voci dei libri
Giulio Guidorizzi presenta il suo libro | Le Voci dei libri
abisso di edipo.jpg

La voce degli antichi: Giulio Guidorizzi presenta il suo libro L'ABISSO DI EDIPO (il Mulino).
Con Luigi Spina

La vicenda di Edipo si eleva a parabola della fragilità umana, dell'azione cieca del destino, del dolore e della tragicità del conoscere.
 

Per partecipare è necessario ritirare in Salaborsa il coupon gratuito (massimo 2 a persona) che verrà messo in distribuzione nei giorni precedenti. INFO
NON è possibile prenotare per telefono.

Nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni sanitarie anticovid di legge i posti a sedere attualmente nella piazza coperta sono limitati a 150. Per evitare assembramenti si consiglia di presentarsi 15 minuti prima.
 
Durante gli incontri sono previste letture a cura della scuola di teatro di Bologna Galante Garrone.

Le Voci dei libri è una rassegna è organizzata da Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop in collaborazione con il Comune di Bologna e la Biblioteca Salaborsa, con il Patrocinio del Centro per il libro e la lettura del MiBACT e con il contributo di Bper Banca.
 

Festival della Resilienza | Gli appuntamenti a Bologna

Chiostro di Santo Stefano
Autori, libri e incontri per resistere e ripartire
Autori, libri e incontri per resistere e ripartire
Festival Resilienza_Chiostro di Santo Stefano-1-low.jpg

La pandemia di Covid-19 ha sconvolto radicalmente il nostro vivere quotidiano. Nel prossimo futuro dovremo imparare a convivere con il virus per impedire alla paura di soffocare le nostre esistenze. Ci servono quella saggezza e quel coraggio capaci di fondersi in un unico atteggiamento: la resilienza – fisica, mentale e spirituale – che ha bisogno di buone ispirazioni.

La Fondazione Terra Santa e i Frati Minori del Nord Italia promuovono, in collaborazione con le Edizioni Terra Santa, il Festival della Resilienza, un’occasione per trovare queste ispirazioni attraverso incontri con autori e ospiti di primo piano. Interverranno infatti personalità del mondo della cultura, dell’economia e della fede. Il programma prevede otto incontri, che si terranno in due prestigiosi contesti: il Chiostro di Sant’Angelo a Milano e il Chiostro di Santo Stefano a Bologna. Qui sarà inoltre possibile visitare la mostra «Come pellegrini al Santo Sepolcro».

Questi gli incontri in programma a Bologna:

Martedì 8 settembre, ore 18:30
Presentazione del libro di Vincenzo Paglia L'arte della preghiera. Sarà presente l'autore in dialogo con Romano Prodi e Gianfranco Brunelli


Martedì 15 settembre ore 18:30
Francesco Antonioli, autore del saggio Meno è di più. Le Regole monastiche di Francesco e Benedetto per ridare anima all’economia, alla finanza, all’impresa e al lavoro, in dialogo con Luca Barilla, Guido Ottolenghi e Ilaria Vesentini


Martedì 22 settembre ore 18:30
Vanessa Niri, autrice del saggio I bambini non perdonano. Che fine ha fatto l'infanzia al tempo del coronavirus?


Martedì 29 settembre ore 18:30
Safiria Leccese, autrice del libro La ricchezza del bene. Storie di imprenditori tra anima e business. Intervengono: Silvano Pedrollo e Marco Bartoletti


L’ingresso è gratuito, con iscrizione obbligatoria fino a esaurimento posti, su piattaforma Eventbrite o via e-mail a: eventi@edizioniterrasanta.it

Andrea Cimatti | "L'universo oscuro. Viaggio tra i più grandi misteri del cosmo"

Frida nel Parco
presentazione libro | (Around) Frida nel Parco
presentazione libro | (Around) Frida nel Parco
22 sett_Andrea Cimatti_L'universo_oscuro.jpg

Andrea Cimatti presenta la nuova edizione de "L'universo oscuro. Viaggio tra i più grandi misteri del cosmo" (Carocci).

Vincitore nel 2017 vinse il Premio nazionale divulgazione scientifica “Giancarlo Dosi” (categoria Scienze matematiche fisiche e naturali), il libro - "L'universo oscuro. Viaggio tra i più grandi misteri del cosmo" - esce in una nuova edizione  arricchita da approfondimenti di argomenti che erano solo accennati nell'edizione precedente, come Big Bang, buchi neri, onde gravitazionali, ragnatela cosmica, gravità modificata come alternativa alla materia oscura e il mistero dell'espansione dell'universo. Nonostante siano passati tre anni dal 2017, materia oscura ed energia oscura, che insieme compongono il 95% del cosmo, sono rimaste inafferrabili come fantasmi, e il quadro è stato ulteriormente complicato da nuovi misteri che potrebbero minare le fondamenta della cosmologia che credevamo ormai consolidate.  La comunità scientifica è disorientata e consapevole che il prossimo decennio potrebbe rivoluzionare la nostra conoscenza.

Andrea Cimatti è professore ordinario a Unibo e docente di Astronomia e Formazione ed evoluzione delle galassie.

.



www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Cycling Angels

Parco della Montagnola
Anteprima italiana a Visioni a Catena 2020
Anteprima italiana a Visioni a Catena 2020
CYCLING ANGELS.jpg

"CYCLING ANGELS"
Anteprima italiana a Visioni a Catena 2020

di Paul Chu
(Taiwan, 2016, 82 min, documentario)

A Taiwan, ogni estate, un gruppo di bambini tra gli 8 e gli 11 anni provenienti da famiglie in difficoltà affronta un incredibile viaggio di 14 giorni in bicicletta attraverso il Paese, accompagnati e incoraggiati dal preside, da un gruppo di volontari e dagli educatori dell’istituto XI-Yi presso il quale sono temporaneamente in affido. Riusciranno veramente ad affrontare 1300 km di sudore, pioggia, copertoni bucati, cadute, sveglie all’alba? Saranno capaci di sopportare sui pedali le salite delle zone di montagna, fino a sfiorare i 2600m di altitudine?  In un percorso fatto di inaspettata forza, determinazione e soprattutto allegria e senso della comunità, scopriamo le grandi risorse di ragazzini apparentemente fragili, alcuni dei quali sono spinti dalla speranza di raggiungere, durante il tragitto, le loro zone di origine, per poter incontrare anche solo per pochi istanti le famiglie che non vedono da tempo. Gli adulti che li sostengono in questa enorme avventura li osservano cambiare, diventare più equilibrati, più sereni. Ma che effetti avrà sul lungo periodo, sulle loro vite, questa esperienza così straordinaria? Un viaggio incredibile per costruire e ricostruire la sicurezza in sé stessi e vivere un’esperienza educativa e di riscatto da un’infanzia ferita, “Cycling Angels” ci offre uno sguardo sensibile, insolito e complesso sul potenziale e il significato dello sport per chi lavora con e per i bambini.


Prenotazioni su Eventbrite


L'anteprima di Cycling Angels è preceduta da “CIAK SI PEDALA” selezione di cortometraggi internazionali per ciclist* di tutte le età:

“Bicycle” di Dana Sink
(Usa, 2015, 1 min)
Cos’è una bicicletta se non un’incredibile e folle sintesi di movimento, suoni e forme in perfetto equilibrio tra loro?


Visioni a Catena 2020 è un festival multidisciplinare di 2 giorni tra cinema, fotografia e arte ispirati al mondo della bicicletta, al suo valore estetico, comunitario, ecologico. È prodotto da Dynamo Velostazione in collaborazione con la casa di distribuzione Rodaggio Film, e presenta film dedicati alla bicicletta in anteprima italiana. Il festival apre Bologna Bike City, la settimana dedicata agli eventi, le persone e i luoghi che muovono Bologna.


Segui Montagnola Republic su Facebook e Instagram
 

Darknesse visible | FontanaMIX Ensemble

Oratorio di San Filippo Neri
Bologna Festival 2020 | Il Nuovo L’Antico
Bologna Festival 2020 | Il Nuovo L’Antico
FontanaMIX ensemble.jpg

Martedì 22 settembre 2020 – ore 20:30

FontanaMIX ensemble
Lavinia Guillari (flauti) Ravzan Marin Gheorghiu (oboe e corno inglese) Marco Ignoti (clarinetti)
Valentino Corvino (violino) Corrado Carnevali (viola) Sebastiano Severi (violoncello) Fabio Quaranta (contrabbasso) Simone Beneventi (percussioni) Franco Venturini pianoforte e celesta
Francesco La Licata direttore

“Darknesse visible”

George Benjamin
Octet per ensemble (1978)
Salvatore Sciarrino
Gesualdo senza parole (2013)
per flauto, corno inglese, clarinetto basso (e in sib), percussione, violino, viola, violoncello

Tristan Murail
Treize couleurs du soleil couchant (1978)
per flauto in sol (e in do), clarinetto, violino, violoncello, pianoforte

Thomas Adès
Darknesse visible (1992) per pianoforte solo
George Friedrich Haas
AUS.WEG (2010)
per flauto, oboe, clarinetto basso, percussione, pianoforte, violino, viola, violoncello

Darknesse visible è il titolo del brano per pianoforte di Adès, una rilettura della canzone In Darknesse Let Mee Dwell scritta da John Dowland nel 1610, che offre spunti tematici all’intero programma. Illuminare l’oscurità, mettere in relazione ombre e luci, indagare sulle trasformazioni del colore attraverso immagini acustiche. Ma non solo. Se Adès guarda a Dowland nella sua indagine sonora, Sciarrino scava nelle viscere del suono di Gesualdo reinterpretandone la sostanza. Il brano di Haas, vero e proprio esegeta dell’oscurità, giocando sull’ambiguità della parola “Weg” sin dal suo titolo mette in luce un mondo di possibili interpretazioni: “Weg” che significa “percorso/via” o “weg” che significa “andato/vai”. Così, il titolo del brano potrebbe significare “via d’uscita”, “fermalo, vai via” o qualsiasi altro significato.


I concerti saranno accessibili al pubblico nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni sanitarie anti-covid di legge. Il pubblico avrà accesso solo se munito di mascherina; è obbligatorio indossare la mascherina dal momento dell’ingresso fino al raggiungimento del posto, ogni volta che ci si allontana dallo stesso e nel momento dell’uscita. Informazioni: Bologna Festival 051 6493397 info@bolognafestival.it   www.bolognafestival.it

Music in Motion | sonorizzazioni in cortile #1

Cortile Guido Fanti di Palazzo d’Accursio
uomo meccanico.jpg

Recupero dell'evento del 2 settembre rimandato causa maltempo
 

Proiezione con sonorizzazione live ‘L'uomo meccanico’ di André Deed (1921) in una sonorizzazione elettromagnetica a cura di OoopopoiooO (Vincenzo Vasi e Valeria Sturba) in collaborazione con Associazione Culturale Shape.

L'universo visivo del film cult degli anni 20 ‘L'uomo meccanico’ di André Deed, si sposa con le sonorità OoopopoiooO di Vincenzo Vasi e Valeria Sturba. Con l’ausilio di voci, violino, basso elettrico e strumenti elettroacustici, il duo trasporterà il pubblico in una dimensione psichedelico/elettromagnetica.

L'evento è preceduto dall'incontro "Quando Bologna viveva sull'acqua"
La prenotazione dei posti, valida per entrambi gli appuntamenti, è disponibile su boxerticket.it con emissione di biglietto elettronico.

L’evento si svolge nel rispetto del distanziamento e delle normative anti-Covid.

L’ingresso al Cortile Guido Fanti sarà solo da via Ugo Bassi 2

Cycling Angels di Paul Chu

Parco della Montagnola
(Taiwan, 2016, 82 min, documentario) | Anteprima nazionale
(Taiwan, 2016, 82 min, documentario) | Anteprima nazionale
cycling_angels.jpg

Un gruppo di bambini tra gli 8 e gli 11 anni provenienti da famiglie in difficoltà affrontano un incredibile viaggio in bicicletta attraverso il Paese, accompagnati e incoraggiati da preside ed educatori dell’istituto presso il quale sono in affido. 1300 km di fatica, allegria, cadute, forza e libertà, per costruire e ricostruire la sicurezza in sé stessi e vivere un’esperienza educativa e di riscatto da un’infanzia ferita.
Inizio proiezione ore 21.00
 

Precede alle ore 20.45: “Ciak si pedala” - Selezione di cortometraggi e corti animati da festival internazionali.

Storie di bambini e ragazzi che in sella diventano grandi, scoprono altri mondi, vanno più veloci di problemi grandissimi. Storie appassionanti e divertenti di elefanti che pedalano, biciclette invisibili, bambine coi super poteri e di ruote che girano forte fortissimo.

Il Teatro Romano e non solo

Ritrovo via dell'Indipendenza 8
visita guidata a cura di G.a.i.a. eventi
visita guidata a cura di G.a.i.a. eventi
teatro1.jpg

Passeggiando lungo le strade che un tempo furono luogo di uno straordinario municipio romano, ricostruendo insieme come doveva essere Bologna duemila anni fa. Scendendo al livello di Bononia potremo accedere ad alcuni scavi archeologici proprio al livello delle cantine cinquecentesche dove si nasconde un'intera città. La visita procederà verso il teatro Romano riaperto da pochissimi mesi. In esclusiva visiteremo i ruderi del teatro in muratura più antico del mondo romano accompagnati da una esperta archeologa. Alla fine della visita guidata ci si rinfrescherà con una bevanda fredda e qualche stuzzichino perchè si sa, dopo tanta calura ... è meglio berci sopra.

In collaborazione con il Teatro Romano di Bologna

 Costo: € 20 comprensivi di accessi, radioguide, visita e brindisi finale

La visita guidata deve essere prenotata a info@guidegaiabologna.it oppure allo 0519911923

Guida Giada Ravezzi

Sorridere con gli Dèi

Chiostro di San Domenico
Serate nel Chiostro | X edizione
Serate nel Chiostro | X edizione
SORRIDERE-CON-GLI-DEI_600x600.jpg

La rassegna curata dalla Società editrice il Mulino e dal Centro San Domenico, è quest’anno alla decima edizione e celebra questo traguardo con tre serate dedicate al dono del sorriso. Dopo un inverno e una primavera sofferti, le Serate nel Chiostro sono un momento per riflettere sull’importanza di un sorriso anche in tempi bui e difficili, sulla gratitudine che genera serenità e sulla fiducia che tante volte, nei mesi passati, ci ha permesso di dire “andrà tutto bene”. 

Programma

  • martedì 8 settembre ore 21
    ANCHE GLI DÈI AMANO LO SCHERZO 
    con Maurizio Bettini in dialogo con Luigi Spina

  • martedì 15 settembre ore 21
    GLI ANGELI VOLANO PERCHÉ SI PRENDONO ALLA LEGGERA
    con Vito Mancuso introduce fra Giovanni Bertuzzi o.p.

  • martedì 22 settembre ore 21
    OLTRE IL SORRISO: IL BUDDHA 
    con Elena Seishin Viviani in dialogo con Stefano Bettera 

I posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria scrivendo a: centrosandomenicobo@gmail.com o info@mulino.it, indicando nome e cognome di tutti i partecipanti e rispettivi numeri di telefono. In caso di maltempo gli incontri si terranno nella Sala Bolognini del Centro San Domenico. In queste serate sarà permesso parcheggiare in Piazza San Domenico a partire dalle ore 20. Tutti gli eventi si svolgeranno nel rispetto del distanziamento fisico e di tutte le misure anti-Covid vigenti alla data di svolgimento delle conferenze. Sarà possibile seguire tutti gli incontri anche in diretta streaming. 

ConservatJazz

Giardino Rosamunde Pilcher
Janz
Janz
Federico Rubin.jpg

Il 22 settembre il Festival ospita, come ogni anno, i GIOVANI MUSICISTI di un Conservatorio: sarà la volta di quello di Rovigo. Un quintetto di artisti verrà diretto da FEDERICO RUBIN, laureato da poco in pianoforte jazz con 110 e lode.


I concerti avranno inizio alle 21,30 e si svolgeranno presso il giardino Rosamunde Pilcher, via Terremare, ad Anzola dell’Emilia, di fianco alla Furzeina Cineina. In caso di maltempo, i concerti si terranno nella Sala Polivalente della Biblioteca in Piazza Giovanni XXIII, 2, ad eccezione del concerto previsto per l’11 settembre, che in caso di pioggia avrà luogo alle Notti di Cabiria (Via Santi angolo via Calari).
La prenotazione è obbligatoria.
Occorre indossare la mascherina e occupare i soli posti indicati dall’organizzazione.

100 POSTI DISPONIBILI
INFO E PRENOTAZIONI

051.650.2222 / 347.129.2667 / 338.528.1966
gabrielemolinari@tiscali.it / biblioteca@comune.anzoladellemilia.bo.it

CONCERTO+CALICE
Ingresso al concerto
+ Consumazione
10,00 euro

CONCERTO+CENA
Cena alla Furzeina Cineina
+ Ingresso al concerto
+ Consumazione
30,00 euro.

BolognadaSballo… Young People Free Tour

noleggio walkman c/o Master Key
Esclusivo per Under 21
Esclusivo per Under 21
Young People.jpg

BolognadaSballo… Young People  Free Tour 

Esclusivo per Under 21
segnatevi in agenda questo Appuntamento di BolognadaSballo  

I Giovani “curiosi” di scoprire il centro di Bologna saranno guidati  dal Walkman anni ottanta per un Tour unico nel suo genere. I “giovani visitatori” ascoltando questa Situation Comedy scopriranno una serie di particolarità storiche e culturali di Bologna camminando per strade e vicoli meno conosciuti tra una risata e suoni curiosi.
Il racconto è calibrato passo dopo passo e permetterà di spostarsi in completa autonomia semplicemente ascoltando le indicazioni di Ugo inserite nel racconto emozionale. 

Durata 
Il PRIMO percorso culturale per le vie del centro di Bologna ha una durata di 80 minuti


Quando
Mercoledì 23 Settembre
5 turni ore 19,30 - 20 – 20,30 – 21 – 21,30


Come partecipare
 È obbligatoria la prenotazione
- telefonando al 3284412533


Quanto costa
Completamente GRATIS ed esclusivo per Under 21


Dove si noleggia il Walkman
In centro a Bologna c/o Master Key in Via San Nicolò 3d
(laterale di via Oberdan)

Per maggiori informazioni visita il sito e le pagine social dedicate.

I Bagni di Mario: acqua fresca per il Nettuno

Ritrovo davanti al cancellino
Visita guidata a cura di Didasco
Visita guidata a cura di Didasco
bagni-mario2.jpg

La magnifica Conserva di Valverde, detta anche Bagni di Mario, è un gioiello della Bologna sotterranea al centro di un complesso sistema di raccolta delle acque dirette verso la città e la Fontana del Nettuno. Un'emozione unica...ma non dimenticatevi di portate la macchina fotografica per immortalare questo momento!


PROTOCOLLI DI SICUREZZA PER PARTECIPARE ALLA VISITA leggi qui

SCARPE CHIUSE E FELPA!
I turno ore 19.30, II turno ore 20.45. Ritrovo davanti al cancellino, via Bagni di Mario 10.
L’Associazione chiede un contributo di 15€ per adulti, 10€ per bambini (fino a 12 anni)

La visita si terrà anche in caso di maltempo. Minimo 10 partecipanti.

Prenotazione obbligatoria al numero 348 1431230 (pomeriggio e sera).

Iniziativa rivolta esclusivamente ai soci. Sarà possibile associarsi al momento della visita guidata compilando l’apposito modulo e ricevendo la tessera (da presentare alle visite successive). La quota associativa è di 10€ e la prima visita guidata è in omaggio, ma sono comunque richiesti 5€ per i costi di apertura del monumento.

BantuBeat | Feat. Devon Miles

Spazio Dumbo / Baia
DumBO Summertime 2020
DumBO Summertime 2020
BantuBeat Feat. Devon Miles.jpg

BANTUBEAT
Afrofunk Ensemble

Feat. Devon Miles

Uniti dalla forte passione per le sonorità funk e la musica afrobeat, i BantuBeat sono rappresentati da una formazione dai colori afrofunk particolari. Il loro stile si pone a cavallo tra gli stilemi classici della musica suonata negli anni '70 in Africa occidentale (Fela Kuti, Marijata, Ebo Taylor ecc.) e una personale interpretazione dei generi sopracitati, gettando uno sguardo sia sulla contemporaneità che su musiche provenienti da altre zone dell'Africa sub-sahariana.

A partire dal novembre 2019 iniziano una collaborazione col cantante nigeriano Devon Miles, sia per quanto riguarda i concerti, che nella scrittura di nuovi brani che andranno a comporre la prossima uscita discografica.

Aftershow con Dj Zeta


Apertura cancelli h. 19.00
Concerto h. 21.00


COME PARTECIPARE

Per accedere all'area di DumBO è obbligatorio registrarsi gratuitamente attraverso il link https://bit.ly/DumboSummertime2020 selezionando la data esatta in cui si vuole partecipare alla rassegna.

Capienza massima limitata, si prega di registrarsi solo in caso di effettiva partecipazione.


dumbospace.it

facebook.com/dumbo.space

Abbazie e antichi borghi

Ritrovo: Bar Due di Picche - Loc. Badia, Monte San Pietro
Con i ricercatori sui sentieri della sostenibilità
Con i ricercatori sui sentieri della sostenibilità
Aspettando la notte_23 settembre-detail.jpg

Con i ricercatori sui sentieri della sostenibilità


ABBAZIE E ANTICHI BORGHI

Attraverso borghi storici ben conservati, tutta la magia e il fascino dei secoli passati e un’occasione per parlare della storia geologica del nostro Appennino.

Francesca Alvisi (CNR- Istituto di Scienze Marine) e Simona Ventura (Agrisophia Natural Garden Design)


Mercoledì 23 settembre 2020

Ritrovo: ore 9:00 c/o Bar Due di Picche, Via Lavino 419/A - Loc. Badia, Monte San Pietro (BO)

Ore di cammino 3,5 (+ pause spiegazioni) - facile/medio - dislivello m 415

Max. 20 partecipanti

Partecipazione gratuita. La prenotazione è obbligatoria: info su

Le visite potranno essere annullate, anche in giornata, per condizioni meteorologiche non favorevoli, per insufficiente numero di iscritti, così come per emergenze sanitarie legati a COVID19.
La modalità delle visite avverrà nel rispetto delle direttive nazionali e regionali relative all’emergenza COVID19. Con l'iscrizione ai tour i partecipanti dichiarano di aver letto e compreso il vademecum per il rispetto delle norme di comportamento e per il distanziamento che si trova alla pagina di iscrizione.

A cielo aperto

Parco Oliviero Olivo e Giardino Santa Marta
11 agosto – 23 settembre 2020
11 agosto – 23 settembre 2020
A cielo aperto-BE.png

“A cielo aperto” è una rassegna di laboratori per le arti performative, dedicata agli abitanti del Quartiere Santo Stefano e di Bologna. Tra agosto e settembre, sette appuntamenti gratuiti animeranno il Giardino Santa Marta e il Parco Oliviero Olivo con performance, spettacoli e laboratori di arti circensi e danza urbana. Attraverso l’utilizzo delle cargo-bike di Salvaiciclisti e Leila Bologna le carovane di MUVet e Circo Sotto Sopra vi aspettano per pomeriggi di condivisione e (r)esistenza post-Covid!

I laboratori/spettacolo per adulti e bambini sono attenti alla mobilità sostenibile e all’ambiente, perché pensati a basso impatto, ma per sviluppare energia a propulsione umana, vicinanza e senso di comunità in un periodo di ripresa delle relazioni sociali e di prossimità.

Il programma prevede:

  • 11 agosto alle 18:00, al Parco Oliviero Olivo
    “Co-Lab 1” laboratorio/performance di danza aperto a tutti
    guidato dai coreografi Michal Mualem e Giannalberto De Filippis
    (MUVet)
  • 12 agosto alle 18:00, al Giardino Santa Marta, via Torleone 4/B
    “Augusto dove sei finito?” Spettacolo di clownerie, acrobatica, giocoleria ed equilibrismo
    (Circo Sotto Sopra)
  • 18 agosto alle 18:00
    Giardino Santa Marta, via Torleone 4/B
    “Up to you” laboratorio di danza con esito performativo guidato da Silvia Berti e Francesca Antonino
    (MUVet)
  • 21 agosto alle 18:00, al Parco Oliviero Olivo
    “Arriva il CicloCirco con Io Bianco, Tu Augusto!” performance circensi di comunità, per scoprire nuovi modi di stare insieme + laboratorio musicale e di arti circensi
    (Circo Sotto Sopra)
  • 15 settembre alle 17:30, al Parco Oliviero Olivo
    “Co-lab 2” laboratorio/performance di danza di comunità
    conducono Michal Mualem e Giannalberto De Filippis
    (MUVet)
  • 18 settembre alle 17:30, al Parco Oliviero Olivo
    “Arriva il CicloCirco con Teriblà!” performance circensi di comunità, per scoprire nuovi modi di stare insieme
    (Circo Sotto Sopra)
  • 23 settembre alle 17:30, al Giardino Santa Marta
    “La nonna al Circo!” spettacolo-laboratorio di acrobatica, giocoleria, equilibrismo e clownerie
    (Circo Sotto Sopra)

Gli eventi sono gratuiti, ma a prenotazione obbligatoria

per MUVet: info@muvet.org
per Circo Sotto Sopra: circosottosopra@gmail.com o 3280178208/3475985762

Un confine incerto

Cinema Lumière
(Italia-Germania/2019) di Isabella Sandri (109')
(Italia-Germania/2019) di Isabella Sandri (109')
un-confine-incerto.jpg

A Roma, l'agente Milia Demez indaga su una rete di pedofili. Si sente impotente di fronte all'orrore quotidiano con cui viene a contatto. La conoscenza del Ladino l'aiuterà ad affrontare il caso di una bambina sudtirolese scomparsa. "In questi ultimi anni ho raccontato storie di bambini: dai profughi palestinesi in Libano agli orfani in Afghanistan, dai figli dei lavoratori in Messico a quelli sopravvissuti in Ruanda. E mi sono chiesta: qual è la crudeltà più grave in questa nostra epoca? Forse portare via il futuro all'essere umano, la forza di credere in sé. Uccidere la sua forza ma anche la sua parte tenera. Uccidere la tenerezza che ha dentro: il bambino" (Isabella Sandri).

Atlante del mondo che cambia

Piazza Coperta, Biblioteca Salaborsa
Maurizio Molinari presenta il suo libro | Le Voci dei libri
Maurizio Molinari presenta il suo libro | Le Voci dei libri
atlante del mondo2.jpg

Maurizio Molinari presenta il suo libro ATLANTE DEL MONDO CHE CAMBIA (Rizzoli).
Con Angelo Panebianco. 

Dai conflitti all'ambiente, dal razzismo alle epidemie il direttore del quotidiano La Repubblica ci mostra i nostri futuri possibili.

 

Per partecipare è necessario ritirare in Salaborsa il coupon gratuito (massimo 2 a persona) che verrà messo in distribuzione nei giorni precedenti. INFO
NON è possibile prenotare per telefono.

Nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni sanitarie anticovid di legge i posti a sedere attualmente nella piazza coperta sono limitati a 150. Per evitare assembramenti si consiglia di presentarsi 15 minuti prima.
 
Durante gli incontri sono previste letture a cura della scuola di teatro di Bologna Galante Garrone.

Le Voci dei libri è una rassegna è organizzata da Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop in collaborazione con il Comune di Bologna e Biblioteca Sala Borsa, con il Patrocinio del Centro per il libro e la lettura del MiBACT e con il contributo di Bper Banca.
 

Boccalone di Enrico Palandri

Piazza Rossini
Storia vera piena di bugie - Bologna 1977 / Take care of U | racconti sul prato
Storia vera piena di bugie - Bologna 1977 / Take care of U | racconti sul prato
Angela Malfitano.jpg

Boccalone di Enrico Palandri – storia vera piena di bugie – Bologna 1977
​Reading a cura di Angela Malfitano

Dedicato a Luigi Liserre
 

Boccalone è un romanzo ambientato a Bologna a ridosso del marzo del 1977, nei mesi della rivolta creativa, della morte dello studente Francesco Lo Russo, e dei carri armati inviati a presidiare la cittadella universitaria. Definito “uno dei frutti di più maturi che raccontano del movimento del 77”, dove politico e privato si intrecciano nelle strade della zona universitaria, Boccalone è soprattutto una storia d'amore, prima ancora che di crisi politica, che annota, con semplicità e audacia, il diario di una crescita, dell’autore-personaggio e del suo giro di amici. Una generazione di giovani in una Bologna dove si viveva da studenti in “un’ancor mite voluttà di spostamenti, viaggi, incontri di un popolo di incontentabili, rissosi, sfrenati, esseri desideranti. Un’idea di popolo di giovani che sembra oggi lontana e insieme commovente come l’inizio di un’utopia troppo rapidamente rientrata. (Goffredo Fofi)

Un diario sincero di un tempo vicino e lontano, a noi, che camminiamo per queste stesse strade. Boccalone di Enrico Palandri ha attraversato in diversi modi e tempi la mia vita, come per magia e sincronicità. Da tempo desideravo farne un reading. Lo dedico a uno dei personaggi-protagonisti del romanzo: Gigi, da poco scomparso.

Angela Malfitano

Les Parapluies

Azienda agricola Maria Bortolotti
Zola Jazz&Wine
Zola Jazz&Wine
les parapluies.jpg

Il concerto si gusterà avvolti nella suggestione dei filari al tramonto della vigna Bortolotti, dove, dalle 18.00 si potranno degustare i vini biologici. Si esibiranno i Les Parapluies, gruppo musicale emergente dedicato alla Chanson Française arrangiata in chiave jazz manouche. Al termine del concerto la serata potrà continuare in lentezza tra i filari con un romantico picnic sotto le stelle.


Ore 18.00 Degustazione gratuita di vini dell’Azienda Maria Bortolotti


Ore 18.30 Concerto Les Parapluies - Chanson Française    

Riccardo Marchi - voce

Marco Paganucci - pianoforte
Sergio Mariotti - contrabbasso


L'ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria su www.zolajazzwine.it (dal 10/9). A tutti i prenotati sarà offerta una degustazione gratuita di vino prima del concerto. Chi desidera trattenersi dopo il concerto per un picnic sotto le stelle, potrà ordinare dal menù dell'agriturismo 'La Roverella' disponibile tra i filari. In caso di maltempo, l’evento sarà annullato.

Info: UIT Colli Bolognesi 366-8982707 info@zolajazzwine.it

Andare per le vie militari romane

Libreria Feltrinelli
Giovanni Brizzi presenta il suo libro
Giovanni Brizzi presenta il suo libro
BRIZZI.jpg

Giovanni Brizzi presenta Andare per le vie militari romane (il Mulino).

Tre sono le strade che più delle altre hanno scandito la conquista e il controllo della penisola da parte di Roma: l'Appia, la Flaminia e l'Emilia, vie consolari sorte nell'arco di 125 densissimi anni. Un itinerario da percorrere cercandone per ognuna anima e vocazione.


Interviene Marco Guidi.


L’incontro si tiene presso la Galleria Acquaderni

ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti, nel pieno rispetto delle normative vigenti sulla sicurezza sanitaria.


Per prenotazioni scrivere a: eventi.bologna@lafeltrinelli.it

Fa un po' caldo: presentazione del libro

Frida nel Parco
(Around) Frida nel Parco
(Around) Frida nel Parco
fa un po' caldo.jpg

Per la rassegna “La Ubik va al parco (con Frida)”, incontri con l’autore al fresco dei platani secolari, Federico Grazzini e Sergio Rossi presentano “Fa un po’ caldo. Breve storia del riscaldamento globale e dei suoi protagonisti” (Fabbri editori).

Interviene Fausto Tomei.

Riscaldamento globale. Greta Thunberg. CO2. Energie rinnovabili. Tutti i giorni sentiamo queste parole, e la testa ci si riempie di domande a volte, ammettiamolo, anche un po’ confuse… “È vero che la Terra si sta scaldando sempre di più?”; “Alcuni scienziati dicono che non è colpa dell’uomo! Chi ha ragione?”; “È troppo tardi per invertire la rotta o siamo in tempo?” A rispondere ci pensano Federico Grazzini e Sergio Rossi, accompagnandoci passo passo alla scoperta di tutto ciò che bisogna sapere sul passato, sul presente e sul futuro del pianeta che ci ospita. 


www.facebook.com/Frida-nel-Parco

Still Alive

Museo di San Colombano – Collezione Tagliavini
in mostra a San Colombano oltre 200 strumenti antichi ad arco della Collezione Vázqueza
in mostra a San Colombano oltre 200 strumenti antichi ad arco della Collezione Vázqueza
SanColombano-CollezVázquez_1133.JPG

Still Alive è  la mostra di strumenti antichi ad arco della Collezione Vázquez (Orpheon Foundation) in programma dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021 nel Museo di San Colombano, gioiello del circuito museale Genus Bononiae. Musei nella città e sede della Collezione Tagliavini di strumenti musicali antichi. Arriva a Bologna una collezione unica al mondo, già esposta in prestigiosi musei in Austria, Francia, Spagna, Germania. Oltre 200 tra strumenti ad arco ed archetti provenienti dalla collezione del Maestro José Vázquez, databili dal 1550 al 1780, tutti restaurati e riportati alle loro condizioni originali, esposti accanto ai clavicembali e alle spinette della collezione del Maestro Luigi Ferdinando Tagliavini, in un dialogo ideale tra strumenti ad arco con quelli a corde pizzicate e percosse. Un percorso espositivo di strumenti ancora “vivi” nella loro funzionalità e fruizione, regolarmente utilizzati in occasione di concerti, registrazioni, masterclass e concorsi.

L’intera Collezione Vázquez, la più grande al mondo di questo genere, comprende strumenti quali viole da gamba, viole d’amore, violini, viole, violoncelli, violoni e baryton. Tra gli strumenti più pregiati della mostra bolognese spiccano un violoncello costruito da Simone Cimapane (1692) che è stato suonato nell’orchestra di Arcangelo Corelli a Roma, una pregiatissima viola da gamba di William Bowelesse (Londra, c. 1590), probabilmente appartenuta alla Regina Elisabetta I d’Inghilterra, una viola da gamba di Gasparo da Salò (Brescia, c. 1570), una viola da gamba di Jakob Stainer (1671), due di Joachim Tielke (1683, 1697), strumenti realizzati dal liutaio milanese Giovanni Grancino (c. 1700) e una viola da gamba di Pietro Guarneri (Mantova, c. 1700). Oltre a numerosi strumenti italiani, un ampio spazio viene dato agli strumenti costruiti in Inghilterra nell’epoca di William Shakespeare e Henry Purcell, e nell’Impero Asburgico dalle dinastie di liutai come Thir, Leidolff, Stadlmann e Posch. Fra gli archi originali si distinguono due archi gemelli appartenuti al grande compositore e virtuoso di violino Giuseppe Tartini, e due archi veneziani, anch’essi gemelli, dell’epoca di Antonio Vivaldi. Ci saranno inoltre archi di Tourte, Dodd ed altri. Come ideale omaggio alla città ospite saranno esposti alcuni strumenti di scuola bolognese, come un violino realizzato da Gian Antonio Marchi (c. 1770) o una viola da gamba di Giovanni Fiorino Guidantus (XVIII sec.).

In autunno la mostra sarà arricchita da un calendario di eventi, con concerti, conferenze e visite guidate, oltre a una serie di appuntamenti dedicati alle scuole, alle università e ai conservatori.


Orari di apertura:
da martedì a domenica, ore 11.00 - 13.00 e 15.00 - 19.00

Ingresso:
intero 7€, ridotto 5€

Ingresso Gratuito con Card Cultura


Info:
+39 051 19936366
sancolombano@genusbononiae.it

I giardini del Pozzo

B&B l’Antico fienile
1 luglio – 30 settembre 2020
1 luglio – 30 settembre 2020
20200701_194729.jpg

Laboratorio di storytelling e di tecniche teatrali, presso il B&B l’Antico Fienile, che si concretizzerà due momenti aperti al pubblico. Dieci persone che hanno vissuto in casa, sole, l'esperienza del lockdown si aprono a un racconto e, con l'ausilio della coordinatrice, lo mettono in scena in un giardino incantato. Da questo pozzo di solitudine, un giardino di parole per ricominciare.

Tutti i Mercoledì di Luglio
ore 19-22
presso Il B&B l’Antico fienile, via del Pozzo,17
Laboratorio di Storytelling
 

Tutti i Mercoledì di Settembre
ore 19-22
presso Il B&B l’Antico fienile, via del Pozzo,17
Laboratorio di Tecniche teatrali
 

Mercoledì 30 settembre
ore 20.30
presso Il B&B l’Antico fienile, via del Pozzo,17
Reading pubblico
 

Iscrizioni e prenotazioni: lamiacasinabella@gmail.com

Kemp. My best dance is yet to come

Cinema Lumière
(Italia/2019) di Edoardo Gabbriellini (63')
(Italia/2019) di Edoardo Gabbriellini (63')
kemp.jpg

Lindsay Kemp, ballerino, mimo, coreografo, regista, recentemente scomparso, è stato un'icona della danza contemporanea; sperimentatore eccentrico e provocatorio, fonte d'ispirazione per altrettante grandi personalità, come David Bowie, Kate Bush e il regista genio dell'avanguardia inglese Derek Jarman. Il documentario racconta il suo ultimo anno di vita a Livorno, tra memorie e tentativi di mettere in scena il suo ultimo spettacolo dedicato a Nosferatu.

Incontro con Edoardo Gabbriellini

Lingua originale con sottotitoli

Wood (Desire)

Oratorio di San Filippo Neri
23-settembre-lara-russo-wood-desire_orig.jpg

idea e creazione: Lara Russo
performer: Lara Russo, Pieradolfo Ciulli
suoni: Filippo Bonelli
In collaborazione con PimOff, Kelim Choreography Center, Istituto Italiano di Cultura
 

«Staccati da qualche tempesta, sradicati, gli alberi hanno navigato. È il primo prodigio del legno, galleggiare. La nostra specie umana ha potuto esplorare il pianeta, conoscerlo, grazie al legno che sa navigare. Altrimenti dovevamo aspettare l’aviazione». (Erri De Luca)
 

Da questa materia che contiene la storia del mare, parte il desiderio di rivelarne il corpo a contatto. Una materia viva, che informa il corpo della sua storia e che a sua volta il corpo racconta, trasformandola in un dialogo. La danza si impregna così dei suoni, delle forme, delle qualità visibili e tattili della materia proprio a partire dal contatto con essa. E, a sua volta, la materia viene danzata. In un paesaggio ritmico in cui non c'è discontinuità tra gli elementi e la percezione che essi scaturiscono sui danzatori, si andranno a cercare incastri, echi e dissonanze.

Lara Russo studia e lavora a Barcellona e poi a Berlino negli anni dal 2000 al 2010. Nel 2011, tornando in Italia, inizia la ricerca come coreografa grazie al percorso di IFA Academy di Inteatro. Nel 2013 con il premio G'da per giovani coreografi italiani sviluppa lo spettacolo Alluminio. Nello stesso periodo assiste il coreografo Virgilio Sieni alla Biennale di Venezia per i progetti con la comunità Agorà e Madre e Figli. Nel 2014, con lo spettacolo 'Legame' vince il premio del pubblico al festival Danze Oriente Occidente di Rovereto. Nel 2015 con il premio Dna Appunti Coreografici di Romaeuropa Festival approfondisce la ricerca con i materiali scultorei, debuttando alla Biennale di Venezia 2016. In linea con la ricerca con i materiali, grazie al percorso Nuove Traiettorie della rete Anticorpi, sviluppa lo spettacolo Papelao, una interazione tra performer e sculture di cartone. Focus del suo lavoro è la relazione tra corpo e materia, mettendo in scena materiali scenografici non come puro sfondo né come oggetti narrativi, ma mettendoli sullo stesso piano d’importanza del danzatore, in uno scambio reciproco di azione reazione.

Prenotazione obbligatoria a info@perasperafestival.org o via WhatsApp al 349 5824266


 

Building Rainbows

Via Genova, via Ferrara, via Ventimiglia, via Cracovia e via Emilia Levante
5 agosto – 23 settembre 2020
5 agosto – 23 settembre 2020
BuildingRainbows_01.png

L’associazione Saltinbanco presenta BUILDING RAINBOWS una performance musicale e teatrale in scena nei complessi residenziali del Quartiere Savena. Un momento artistico per tutta la famiglia da condividere con i vicini di casa negli spazi condominiali. Un esperimento innovativo di distribuzione della scenografia negli smartphone dei residenti: basterà collegarsi ad un sito web per vedere il proprio smartphone illuminarsi e suonare a tempo di musica diventando così parte della performance stessa.

Calendario

05/08/2020 h 21:30 - 22:05

26/08/2020 h 21:30 - 22:05 (ANNULLATO)

02/09/2020 h 21:30 - 22:05 (ANNULLATO)

09/09/2020 h 21:30 - 22:05

16/09/2020 h 21:00  nella corte dei condomini di via Cracovia 3-5-7

23/09/2020 h 21:00  a Villa Paradiso, via Emilia Levante, 138

Concerto - Un'Invenzione Teatrale

Parco della Montagnola
live in Montagnola Republic
live in Montagnola Republic
Concerto - Un'Invenzione Teatrale.jpg

Il Collettivo Hospites propone il Concerto - un’Invenzione Teatrale, una performance di canti interamente in lingue e dialetti, dialoghi, balli, brani strumentali, giochi ritmici e poesie. I materiali, originali e di tradizione popolare, nascono a partire da un lavoro sulle diversità linguistiche e dialettali.
Otto giovani, provenienti da regioni italiane diverse, si ritrovano insieme in un clima di festa. Giocano, si divertono, brindano all'occasione, creano la musica e il canto su cui ballano e discutono. Cresciuti come italiani, educati secondo un unico uso canonico della lingua, attraverso canti e storie entrano in un processo di scoperta degli antichi usi e della cultura da cui provengono.

Nel presente che costruiscono percepiscono la densità di un passato, nella vicinanza che li unisce il ricordo di terre lontane. Attraverso la sperimentazione linguistica, esplorano la possibilità di trovare una lingua comune, un modo di comunicarsi sconosciuto, forse dimenticato: oltre ogni comprensione lessicale vi è una condivisione emotiva. Le molteplici culture del territorio italiano si muovono e persistono sotto le strutture istituzionali unificanti di un unico sistema statale, cariche delle loro peculiarità. Dai territori periferici è frequente la migrazione verso la città, ma di cosa si parla quando riflettiamo sul contatto tra locali e stranieri, forestieri, emigrati, passanti, turisti? Le contraddizioni individuali e collettive che si generano riguardano tutti.

Il Collettivo Hospites è formato dal regista Eduardo Landim, attore presso il Workcenter of Jerzy Grotowski and Thomas Richards e originario di Rio de Janeiro. Da oltre due anni, attraverso il teatro, il gruppo si interroga sulle possibilità creative delle diversità culturali, linguistiche e individuali, costruendo una rete di contatti e scambi con tutte le persone che desiderino contribuire all’arricchimento del dialogo interculturale, tra l’Italia, i suoi territori ed il resto del mondo.


I posti a sedere nell'area concerti sono limitati a un numero massimo di 200 partecipanti. L'incontro si svolge all'aperto nell'area verde attrezzata con tavoli e sedute.

COME PRENOTARE
È vivamente consigliata la prenotazione mandando un messaggio whatsapp al numero 3478851268 con le seguenti informazioni:
- Nome e cognome
- Numero di telefono
- Numero dei posti da prenotare

Si prega di arrivare almeno 15 minuti prima dell’inizio del concerto altrimenti la prenotazione non sarà più garantita


Segui Montagnola Republic su Facebook e Instagram
 

Taxisti di notte

Cinema Lumière
(Night on Earth, USA-Giappone-Francia-GBGermania/1991) di Jim Jarmusch (129')
(Night on Earth, USA-Giappone-Francia-GBGermania/1991) di Jim Jarmusch (129')
tasssiti.png

Il frammento si addice a Jarmusch, come noto. Il taxi - mezzo di per sé destinato alla flânerie - entra nel suo universo con episodi che definiremmo, più che da camera, da abitacolo. Forse il più improvvisato dei film del regista, per di più curiosamente ibridato con il mondo di altri autori: Benigni fa il Benigni, Gena Rowlands omaggia Cassavetes, Matti Pellonpää è quota Kaurismäki e così via. Il cinema di Jarmusch sta diventando un partito. (Roy Menarini)

Lingua originale con sottotitoli

DNA, The transmission of life

Casa della Cultura Italo Calvino
video danza
video danza
24-settembre-dna-the-transmission-of-life-ph_orig.jpg

DNA, The transmission of life (video danza) + Fassbinder's Wives AAA Amorevole Approvvigionamento Autogestito (incursione)
 

Concept e direzione progetto: Elisa Pagani
Organizzazione, assistenza al progetto e videomaking: DNA Dance Company
Foto courtesy: Gustavo Bonino
 

The transmission of life nasce dal desiderio di scoprire la ricchezza che si cela nella diversità e nella condivisione. Di dare un’occasione al sentimento che poi in qualche modo sopravvive, salva e risplende sulle ragioni che contano. A partire da una chiamata pubblica, DNA ha così costruito un apprendimento e uno scambio coreografico tra persone aperte a scoprire l’espressività del proprio corpo, indipendentemente dall’esperienza, dall’età o dalla fisicità, intorno al tema dell'amore che attraversa le generazioni. Elisa Pagani ha accompagnato ciascun partecipante nella costruzione di una coreografia che attingesse dal proprio background esperienziale, musicale, artistico, assegnando, poi, il materiale coreografico prodotto ad un altro partecipante, che lo ha riprodotto secondo la propria fisicità, espressività, esperienza. Generando una relazione profonda a distanza, filmata presso la Casa della Cultura, e dando vita al video-danza The transmission of life.

 

La video-installazione sarà visitabile fino a giovedì 8 ottobre 2020.
 

DNA Dance Company, fondata nel 2013 da Elisa Pagani, lavora sul territorio nazionale e internazionale intrecciando produzioni artistiche multiformi con progetti di formazione e seminari di varia scala e natura, in collaborazione con diverse realtà italiane e straniere. La Compagnia da anni si occupa inoltre della produzione di progetti di danza di comunità che hanno tra i focus principali il movimento nella prospettiva intergenerazionale. Ha collaborato con importanti realtà della danza in Italia.
 

ore 19.30  
Francabandera – Mastroianni, Micromondi (workshop) breve descrizione MICROMONDI è un progetto di esperienze e incontri mediati e attivi con i linguaggi dell’arte e la propria sensibilità. Nato dall’esigenza di avvicinare alle nuove dimensioni creative il maggior numero di persone di ogni tipo di esperienza e provenienza, il laboratorio dinamico si propone come arricchimento e incontro, ma anche come stimolo creativo per i partecipanti, che integra, ricompone, permea tutte le aree di indagine della conoscenza sulle arti dal vivo. Gli aspetti di interdisciplinarità della performance, la sua possibilità di essere scritta o non scritta, casuale o predefinita o pianificata, reale o digitale, con o senza coinvolgimento di pubblico, pongono la creatività davanti ad una serie di quesiti e approfondimenti di primaria rilevanza, amplificati negli ultimi anni dalla loro praticabilità tramite i media digitali. Attraverso un percorso misto didattico-laboratoriale, il partecipante sarà guidato a scoprire il rapporto fra ascolto, sguardo ed esperienza in un modo personalizzato, soggettivo e informale. Il ciclo di incontri è aperto a persone di ogni formazione, senza bisogno di esperienze pregresse.
 

Durata: 1H è possibile iscriversi al ciclo di incontri (21, 22 e 24 settembre) o a incontri singoli.

Prenotazione obbligatoria a info@perasperafestival.org o via WhatsApp al 349 5824266


 

Teatro della memoria e sogni africani

luoghi vari
spettacoli nelle nuove case di quartiere e negli orti Ancescao
spettacoli nelle nuove case di quartiere e negli orti Ancescao
BOLOGNA ESTATE 2020 RASSEGNA ANCESCAO-detail.jpg

La rassegna coniuga rappresentazioni teatrali legate alla Memoria a quelle musicali legate al mondo africano presso alcune future Case di Quartiere e orti aderenti ad Ancescao.

Protagonisti gli attori del Gruppo di Lettura San Vitale con una interpretazione tratta dal diario di Teresa Noce “Ma domani farà giorno” e i percussionisti del gruppo Grande Madre Africa diretti da Seydou Kienou con musiche della tradizione del Burkina Faso.

Di seguito il calendario degli spettacoli:


15 settembre 2020 ore 17.00 | Casa di quartiere Ruozi
via Castelmerlo, 13 – Bologna

Il Gruppo di lettura San Vitale presenta
“Ma Domani Farà Giorno”
Diario di prigionia di Teresa Noce
Voce narrante Maria Rosa Damiani
Musiche Luca Mazzamurro


18 settembre 2020 ore 17.00 | Casa di quartiere Ruozi
via Castelmerlo, 13 – Bologna

Seydou Kienou presenta
“Grande Madre Africa”
La voce dell’Africa coi percussionisti del Burkina Faso


24 settembre 2020 ore 17.00 | Orto Paleotto
via Paleotto 11 – Bologna

Il Gruppo di lettura San Vitale presenta
“Ma Domani Farà Giorno”
Diario di prigionia di Teresa Noce
Voce narrante Maria Rosa Damiani
Musiche Luca Mazzamurro


26 settembre 2020 ore 17.00 | Casa di quartiere Montanari
via Di Saliceto 3/21 – Bologna

Seydou Kienou presenta
“Grande Madre Africa”
La voce dell’Africa coi percussionisti del Burkina Faso


Gli spettacoli si tengono all’aperto mantenendo il distanziamento previsto per la sicurezza.
Ingresso libero con mascherina.
Prenotazione presso la cassa del centro. Registrazione obbligatoria.

In caso di maltempo lo spettacolo verrà rimandato.
            

Made in Manifattura 2020

Giardino Graziella Fava e altri luoghi
7 – 25 settembre 2020
7 – 25 settembre 2020
MiM-2020-bannerNoLoghi-01.png

Iniziativa per l'animazione dell’area della Manifattura delle Arti e la valorizzazione del Giardino Graziella Fava, con attività gratuite per tutte le età in grado di mettere a frutto le relazioni di prossimità. Musica, arte, teatro, letture, teatro, radio, percorsi civici compongono un cartellone vario e partecipato. Memoria, rispetto reciproco, ambiente, coesione sociale e sostenibilità sono alcuni dei temi individuati per rivitalizzare uno scorcio cittadino tutto da scoprire. A conclusione del progetto verrà lanciato un concorso per un monumento a Graziella Fava da collocare nel Giardino, con una giuria mista composta da residenti ed esperti di arte.

CALENDARIO


BIMBI BIMBE E DUDU
Giardino Graziella Fava ingressi da Via Milazzo 24 e Via Boldrini (in caso di pioggia gli eventi verranno realizzati presso Porto 15). Dalle ore 17.30

  • Lunedì 7  settembre > Piccoli cerchi per grandi storie con Manuela Ara
    Lettura animata e gioco motorio conclusivo. Età indicata: 2 / 8 anni
  • Mercoledì 9 settembre > Le morbide letture di Gomì con Ambaradan Teatro
    Letture teatralizzata e interattive con muppets, di storie per l’infanzia. Età indicata: 2 / 6 anni.
  • Mercoledì 16 settembre > La fatina Tuttifrutti con Ambaradan Teatro
    Spettacolo sul tema dell'educazione alimentare. Per bambini dai 3 ai 10 anni
    Testo originale e regia: Martina Pizziconi. Personaggi: Mamma, Fata Birichina e i muppets (Caramella, Merendina,Lattina, Sacchetto di patatine, finocchio, cavolfiore, fragola), Francesca la bimba. Evento realizzato in collaborazione con il Consiglio di Zona di Coop Alleanza 3.0. Al termine dell’iniziativa verrà offerta una merenda solidale e biologica.
  • Giovedì 17 settembre > Farsette con Teatrino di Carta
    Spettacolo con i burattini della tradizione italiana. Testo: Monica Rami e Maurizio Mantani. Regia: Maurizio Mantani. Creazione burattini: Maurizio Mantani. Animatore e interprete: Maurizio Mantani. Scenografia: Alberto Storari. Età indicata: per tutti
  • Domenica 20 settembre > Fiabe a manovella con Wanda Circus
    Tratto da Le fiabe italiane di Italo Calvino, racconti animati che includono il coinvolgimento attivo del pubblico. Gran finale con bolle di sapone. Musiche con Organetto di Barberia. Età indicata: 5 / 11 anni
  • Giovedì 24 settembre > Giocolè con Carlo Milizia
    Spettacolo di magia e giocoleria. Età indicata: 5 / 11 anni

sQuote ROSA
Concerti di voci femminili. A partire dalle ore 19

  • venerdì 11 settembre / Bar Christian via Don G. Minzoni 9 > Lady Mi-Fi & the bluesman con Marianna Amendola (voce) e Andrea Manni (chitarra). Un mix di sonorità black, un viaggio tra musiche blues e reggae.
  • venerdì 18 settembre / Gusto Piano via Fratelli Rosselli 10/a > Four Seasons Trio con Sara d'Angelo (voce), Luca Cremonini (chitarre) e Pedro Judkowski (contrabbasso). Lo stile è un po’ retrò, con radici nel jazz, nella bossa nova, nella canzone d’autore italiana.
  • venerdì 25 settembre / Zenzero Bistrot via Fratelli Rosselli 18 > Giorgia Faraone e Antonio Amabile. Anima afroamericana e sonorità jazz per questa giovane salentina trapiantata a Bologna, brani di tradizione si alternano a composizioni originali per questo collaudato duo.

Domenica 13 settembre
NEL NOSTRO GIARDINO / Giardino G. Fava

(in caso di pioggia la pulizia del parco verrà spostata a sabato 19 settembre)

- ore 16:30 > Pulizia del Giardino in collaborazione con Legambiente Bologna e i ragazzi del playground di basket

LIVE RADIO / Co-housing Porto 15 - via del Porto 15

- ore 18:00 > Live e registrazione podcast con Alta Frequenza, la web radio che dà voce ai giovani migranti, tema della puntata:  "Social Street, Parchi e Co-housing: le relazioni di prossimità"


Sabato 19 settembre
AMICI BAU BAU / Giardino G. Fava
(in caso di pioggia consultare il sito)

Giornata dedicata agli amici a 4 zampe con la collaborazione di portamiconte, dogtourist e Associazione Chiaramilla

- ore 10:30 > percorso di mobility dog - a cura di Caterina Giardini

- ore 11.30 > percorso informativo sulle norme di comportamento nelle aree di sgambo - a cura di Caterina Giardini

- ore 16.30 > mercatino di scambio e riciclo a cura dei bambini e delle bambine del distretto delle arti

- ore 17.30 > sfilata canina con giuria di bambini/e, i premi saranno messi a disposizione da portamiconte pet shop

- ore 18.30 > presentazione del libro “La sedia di Lulù” (ed. Itaca), intervengono le autrici Marina Casciani e Alessandra Santandrea. A cura dell’Associazione ChiaraMilla

- ore 19.30 > aperitivo a 6 zampe


On-line
Lancio del concorso per un monumento a Graziella Fava, dedicato alle figure delle badanti e delle collaboratrici domestiche. L’iniziativa vuole porre attenzione alle tematiche legate all’inclusione di migliaia di donne straniere che in Italia svolgono lavori di welfare, spesso abbandonando le famiglie d’origine. A queste donne, che usano ritrovarsi a chiacchierare nei parchi, si vuole dedicare uno spazio di visibilità e porre attenzione a un lavoro spesso dimenticato e discriminato.



Tutte le attività sono gratuite, per via delle disposizioni sanitarie è richiesta prenotazione in quanto gli accessi sono contingentati

Inviare messaggio (no vocali e telefonate):

Porto Aperto - La Resistenza di ieri e di oggi

Punto di ritrovo in via Don Giovanni Minzoni 14
27 agosto, 10 e 24 settembre 2020
27 agosto, 10 e 24 settembre 2020
Gira_cartolina.png

Porto Aperto è un itinerario turistico costruito all'interno del progetto Gira La Cartolina, promosso da Asp Città di Bologna e gestito da Piazza Grande Società Cooperativa Sociale.
All'interno del Laboratorio di comunità Scalo ogni settimana un gruppo di persone ragiona e progetta percorsi turistici urbani cercando di dare centralità al rapporto della persona con la città, il punto di vista soggettivo ed esperienziale di ognuno di noi che ridefinisce Bologna come città relazionale.

Il percorso attraverserà il Quartiere Porto toccando alcuni luoghi simbolo (MAMbo, via del Porto, Cassero, Porta Lame, via della Grada, Condominio Scalo).      

Date del tour: 27 agosto, 10 e 24 settembre 2020 

Ritrovo alle ore 17:45 presso via Don Giovanni Minzoni 14, partenza alle ore 18, termine ore 19:30 presso il Condominio Scalo in via dello Scalo 23. 

Ingresso libero

In caso di pioggia l'evento verrà rimandato

Modalità di prenotazione e richiesta informazioni: Inviare mail con nome, cognome e numero di partecipanti, contatto telefonico a giralacartolina@piazzagrande.it 

Domani è un altro mondo

Atelier Sì
domani e un altro mondo.png

Quali interrogativi porsi per immaginare un futuro differente? Da quali basi (ri)partire, ora che i presupposti paiono mutati? Domani è un altro mondo è un ciclo di incontri rivolti ai giovani, ma aperto a tutta la cittadinanza, nato nell’ambito del progetto Così sarà! La città che vogliamo con l’intento di mettere in luce temi e questioni capaci di stimolare e alimentare la riflessione attorno alla città e al suo rinnovamento, soprattutto ora che la pandemia ha imposto brusche accelerazioni e profondi cambiamenti nella società. Si tratta di conversazioni aperte con figure provenienti da differenti ambiti, chiamate a condividere saperi, visioni e pratiche. Il dialogo fra discipline vuole essere occasione di contaminazione e scardinamento di chiusure e settorialismi; la trasmissione di conoscenze e metodi, invece, è un’opportunità di scambio virtuoso fra membri di una comunità, stimolo al pensiero critico e all’immaginario futuro.

Tutti gli incontri si terranno ad Atelier Sì e sono a ingresso gratuito con posti limitati e prenotazione obbligatoria. Per prenotarsi, occorre inviare una mail ad altrevelocita@gmail.com indicando nome, cognome, data e luogo di nascita, numero di telefono.


Programma

Venerdì 18 settembre, ore 18
Ascolti utopici: la città che vogliamo
serata d’ascolto a cura di Rodolfo Sacchettini

Nel 1973 Andrea Camilleri e Sergio Liberovici compongono un documentario radiofonico dal titolo Outis topos: un’ipotesi di radio futura. È il primo esperimento di autogestione del mezzo radiofonico, prima delle radio libere. A Torino un quartiere si organizza e discute sui problemi più urgenti (caro vita, sfratti, vita da emigranti…). La radio diventa lo strumento per guardare al futuro. L’incontro sarà l’occasione per presentare un innovativo documentario del passato che indica ancora oggi delle nuove possibilità di abitare la città.


Giovedì 24 settembre, ore 18
Zazie nel metrò: la città immaginata dai ragazzini
incontro con Nadia Terranova

Nadia Terranova, autrice di romanzi per ragazzi e adulti, da tempo si interroga con sapienza e gioia, con occhio vigile e mai sazio, sull’infanzia e le sue manifestazioni, anche quelle più celate. Esiste una città a misura di bambino? Agli occhi di un bambino e di una bambina, in che misura regole e anarchia dialogano nel tessuto urbano?


Venerdì 16 ottobre, ore 18
Uno straniero in città
incontro con Goffredo Fofi

Critico e attivista, maestro disobbediente e anarchico, tra le voci più radicali nel mondo culturale italiano, Goffredo Fofi incontrerà i giovani di Bologna per abbracciare e spaziare dall’economia alla politica, dalla cultura all’educazione al rispetto per la natura e per il futuro, e molto altro.


Venerdì 23 ottobre, ore 18
Gioventù rubata: il decoro urbano e altre congiure
Stefano Laffi incontra Wolf Bukowski

Ricercatori, autori, instancabili critici del “senso comune” e delle retoriche che lo sorreggono, Laffi e Bukowski proveranno a farci indossare nuove lenti per osservare la società in cui viviamo. Qual è il destino dei giovani nella città di oggi? Cosa si intende per decoro urbano? Chi decide e perché? Tener vive le domande, per riappropriarsi del presente.


Venerdì 30 ottobre, ore 18
Le mani sulla città. Abitare al tempo delle piattaforme
incontro con Sarah Gainsforth

Vogliamo interrogarci su come sarà la città di domani – visto anche il ruolo che la pandemia giocherà nel settore del turismo e in ambito di diritto alla casa – con la ricercatrice indipendente e giornalista freelance Sarah Gainsforth, autrice di Airbnb città merce (Deriveapprodi 2019), che si occupa di temi sociali con un focus dedicato alle disuguaglianze e alle politiche abitative.

Domani è un altro mondo è parte di Così sarà! La città che vogliamo, promosso dal Comune di Bologna, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, finanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020.

Per maggiori informazioni sul progetto Così sarà! La città che vogliamo:

Il lavoro dello spirito

Piazza Coperta, Biblioteca Salaborsa
Massimo Cacciari presenta il suo libro | Le Voci dei libri
Massimo Cacciari presenta il suo libro | Le Voci dei libri
lavoro dello spirito.jpg

Massimo Cacciari presenta il suo libro IL LAVORO DELLO SPIRITO (Adelphi)
Con Ivano Dionigi

“Il «lavoro dello spirito» è il lavoro creativo, auto­nomo, il lavoro umano considerato in tutta la sua attuosa potenza, e volgersi alla sua affermazione si­gnifica liberazione di ogni attività dalla condizio­ne di lavoro comandato, dipendente, e cioè alie­nato. Ma il suo dissolversi nella forma capitalisti­ca di produzione, nell’universale macchinismo, che fagocita quella Scienza che pure è l’autentico mo­tore dello sviluppo, finisce col delegittimare la stes­sa autorità politica, che nella «promessa di libera­zione» trova il proprio fondamento”..


 

Per partecipare è necessario ritirare in Salaborsa il coupon gratuito (massimo 2 a persona) che verrà messo in distribuzione nei giorni precedenti. INFO
NON è possibile prenotare per telefono.

Nel rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle disposizioni sanitarie anticovid di legge i posti a sedere attualmente nella piazza coperta sono limitati a 150. Per evitare assembramenti si consiglia di presentarsi 15 minuti prima.
 
Durante gli incontri sono previste letture a cura della scuola di teatro di Bologna Galante Garrone.

Le Voci dei libri è una rassegna è organizzata da Coop Alleanza 3.0 e Librerie.coop in collaborazione con il Comune di Bologna e Biblioteca Salaborsa, con il Patrocinio del Centro per il libro e la lettura del MiBACT e con il contributo di Bper Banca.

 

No events