Orfeo 9 Un’opera pop

Teatri di Vita
(Italia\1973, 82’) regia di Tito Schipa Jr.
(Italia\1973, 82’) regia di Tito Schipa Jr.
orfeo.jpeg

Un grande evento: la rimasterizzazione di una vera e propria pietra miliare nello spettacolo italiano, “Orfeo 9”, ovvero non solo la prima opera rock italiana (1970) ma anche la prima al mondo a essere rappresentata in un teatro. Dal palcoscenico, il salto nel 1973 allo schermo in un film sperimentale per la Rai, che fu boicottato e trasmesso solo dopo alcuni anni. Animatore di quell’evento pionieristico il geniale Tito Schipa Jr., figlio d’arte e a sua volta compositore e attore- cantante, che riscrisse il mito di Orfeo in chiave contemporanea. Al suo fianco sullo schermo, alcuni nomi della futura canzone italiana come Renato Zero e Loredana Berté poco più che ventenni, e a dirigere l’orchestra un giovane Bill Conti, futuro compositore di alcune delle colonne sonore più famose della storia, da “Rocky” a “Fuga per la vittoria”. L’opera riprende il mito di Orfeo con lo spirito libertario degli anni 70. Un gruppo di ragazzi vive in pace all'interno di una chiesa sconsacrata e a distanza dalla grande città. Tra di loro è Orfeo innamorato di Euridice. Ma un “venditore di sogni”, ossia uno spacciatore, riesce a separare la coppia. Orfeo andrà così alla sua ricerca compiendo un viaggio dentro di sé.

con Tito Schipa Jr., Renato Zero, Loredana Berté, Edoardo Nevola, Eva Axen, Penny Brown, Marco Piacente, Monica Miguel

orchestra diretta da Bill Conti