Capri-Revolution

Sala Cervi
(Italia/2018) di Mario Martone (122')
(Italia/2018) di Mario Martone (122')
Capri-revolution.jpg

Alla vigilia della Prima guerra mondiale un gruppo d'artisti e intellettuali nordeuropei fonda una comune sull'isola di Capri per portare avanti la propria ricerca sulla vita e sull'arte. Al gruppo s'avvicina anche la giovane pastorella Lucia. "Se cronologicamente gli eventi narrati in Capri-Revolution seguono quelli dei film ottocenteschi di Martone, in realtà si può leggere il film come un ideale prequel di Noi credevamo. Lì, raccontando il Risorgimento, si parlava anche degli anni Settanta; qui, pur in una storia ambientata negli anni Dieci, siamo davanti a una summer of love, all'esplosione di una vitalità e ansia di libertà, di cui vengono mostrate anche le contraddizioni. [...] Martone, sulle orme di scrittrici donne come Ramondino e Ortese, cerca ancora una volta, da regista intellettuale e non emotivo, di avvicinarsi alle regioni della poesia e dell'utopia" (Emiliano Morreale).