Matilde di Canossa

Palazzo d’Accursio
celebrazioni a novecento anni dalla morte (1115-2015) | incontri
celebrazioni a novecento anni dalla morte (1115-2015) | incontri
matilda5.jpg

Il Dipast (Centro internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio dell’Alma Mater Studiorum Università di Bologna) e il Comune di Bologna organizzano un ciclo di conferenze per ricordare Matilde di Canossa a novecento anni dalla sua morte (1115) e dalla nascita del Comune di Bologna (1116).

Matilde e i familiari, i Canossani, abbracciano con le loro esistenze oltre 150 anni di storia d’Italia e d’Europa, dalla metà del secolo X agli inizi del XII. Matilde come noto muore a Bondeno di Roncore, nella Bassa reggiana, nel luglio 1115, e con lei si chiude la discendenza biologica.
Le vicende di uomini e donne della dinastia si dipanano prevalentemente nello scenario di territori rurali, in aree mediopadana e toscana: territori segnati da una natura rude, spesso diffi cile da affrontare, solcati da fortezze e castelli, monasteri e chiese. In questi luoghi principalmente si affermano, alle origini, poi si rafforzano i poteri eccezionali dei Canossani.
Alle città la storiografia ha sempre riconosciuto, in tale ambito, una funzione sostanzialmente marginale. Mantova, Reggio Emilia, Modena e Lucca, prima di altre, ma anche Ferrara, Firenze e Milano. In realtà questi centri urbani e i loro abitanti giocarono ruoli decisivi sia nelle fasi di crescita dei poteri della dinastia, sia nel vivo dei momenti più critici, attraverso lo sfaldamento progressivo dei poteri stessi. E ciò accadde negli anni di Matilde, personalmente coinvolta nello scontro fra Impero e Papato.

Prossimo incontro:

  • 17 dicembre ore 17 | Rossella Rinaldi, Archivio di Stato di Bologna
    I Canossani e le città. Dal X al XII secolo

Introduce le conferenze il prof. Rolando Dondarini, Università di Bologna.