Silvia Costa. Sono dentro. L’essere ciò che è chiuso in un tratto

Biblioteca Italiana delle Donne/Centro delle Donne di Bologna
mostra di disegni e processo di creazione quotidiano aperto
mostra di disegni e processo di creazione quotidiano aperto
ArtCityBologna_2020_SilviaCosta_Biblioteca_Donne.jpg

La mostra raccoglie e rivela per la prima volta in Italia i disegni realizzati nell’arco degli ultimi dieci anni dalla regista e performer Silvia Costa.

È questa una pratica, quasi un rituale, che l’artista esegue di notte, quando la luce si attenua, si fa silenzio intorno e tutto si deposita e prende peso. In questi disegni appaiono figure umane, senza tratti precisi, senza occhi né orecchie, senza sesso. In questa sorta di identità amplificata si sono fissate in un tratto lineare e sintetico le memorie di esperienze vissute, di sensazioni attraversate, di incontri avvenuti.

Per la Biblioteca Italiana delle Donne, l’artista ha deciso di uscire dal proprio sentire personale per mettersi in ascolto di quello dell’altra/o e diventare recettore e codificatore in forme e tratti, dei sentimenti e pensieri di chi avrà desiderio di lasciarli. Durante il giorno sarà possibile visitare la mostra e dialogare con l’artista per consegnarle una frase, un pensiero istantaneo di quel momento o una citazione da uno dei libri presenti sugli scaffali della biblioteca: tale raccolta diventerà il materiale su cui Silvia Costa lavorerà nelle ore notturne e che trasformerà in nuovi disegni, in nuove figure.

Questa produzione entrerà di giorno in giorno a far parte della mostra, ampliandola e facendola vivere degli incontri e passaggi sul luogo.

Promosso da Biblioteca Italiana delle Donne/Centro delle Donne di Bologna, col supporto di Xing

Ingresso: gratuito


Orari:

venerdì 24 gennaio h 14-18 mostra e dialogo + h 18-22 pratica notturna
sabato 25 gennaio h 11-18 mostra e dialogo + h 18-24 pratica notturna
domenica 26 gennaio h 11-18 mostra e dialogo + h 18-20 pratica notturna