Vittorio Franceschi - Canti dell'autunno inoltrato

Città di Bologna
franceschi-2.jpg

"Un poeta legge se stesso", a cura di Elena Di Gioia e Mariangela Pitturru

Una serata speciale con i versi di Vittorio Franceschi, attore, drammaturgo, regista, maestro di teatro.
“Non sempre teatro e poesia vanno a braccetto. Anzi, tante volte han l’aria di non conoscersi. Per me, che vivo di teatro e amo la poesia, per me che scrivo e cerco di raccontare con le parole giuste quel che ho intravisto in tanti anni di navigazione dal mio oblò a pelo d’acqua, teatro e poesia sono una necessità. Ho sempre scritto poesie ma solo in tarda età ho pubblicato qualcosa. Un attore che scrive poesie - pensavo - non verrà mai preso sul serio (lo penso ancora). Per fortuna c’è il pubblico, che ne capisce più di tutti. E non giudica per sentito dire ma per “sentito nel cuore”. Questa serata, quindi, è dedicata al pubblico, meraviglioso e insostituibile compagno di viaggio”.
Vittorio Franceschi

Musiche originali di Valentino Corvino
eseguite dal vivo dall'autore

con la partecipazione della cantante Roberta Giallo
Ripresa video dello spettacolo che si è svolto al LabOratorio San Filippo Neri di Bologna, il 17 maggio 2018.
Ripresa video, Simone Felici
Si ringraziano vivamente la Fondazione del Monte  e Mismaonda
Poesie tratte da "Il volo dei giorni" e "Canti dell'autunno inoltrato"
Raffaelli Editore, Rimini
e da
"Tre ballate da cantare ubriachi e altre canzoni"
Edizioni Pendragon, Bologna