NEWS

ART CITY Bologna 2021 | Nona edizione

Torna dal 7 al 9 maggio 2021, con una nona edizione dalla formula rinnovata il programma istituzionale di mostre e iniziative speciali promosso dal ~

Leggi
NEWS

Bologna Estate 2021 riparte dai quartieri e dalle piazze del centro con Cineteca, ERT e Teatro Comunale

E’ in via di definizione il cartellone che vedrà tra i protagonisti le 3 principali fondazioni culturali cittadine nelle piazze del centro

Leggi
NEWS

Due milioni di euro dalla Regione E-R per progetti di rigenerazione urbana e imprese creative

A Bologna i tre progetti vincitori del bando permetteranno di continuare l'opera più importante di questi anni: il recupero e la rinascita dei luoghi abbandon~

Leggi
Leggi tutte le notizie

Leggere il Presente, progettare il Futuro. Cinque lezioni teatrali

online
lezioni-teatrali.jpg

Prima dello scoppio della pandemia che ha spostato l’attenzione ad altre forme di crisi, in maniera sorprendente era emersa da protagonista la generazione dei teenagers. Greta Thumberg, Emma Gonzales, Malala Yousazfa e le migliaia di bambine, bambini e adolescenti che le hanno seguite nelle manifestazioni di piazza, hanno posto al mondo intero grandi questioni. I cambiamenti climatici, il controllo delle armi, il diritto all’istruzione, le questioni di genere sono i temi che dal diario di queste giovani donne erano arrivate alle agende del potere e per quanto appannate dal virus, rimangono i temi centrali su cui lavorare per ridisegnare il futuro. 

Con il Covid-19, gli adolescenti sono stati rinchiusi nelle loro case, sono stati separati, divisi, obbligati a fare lezione a distanza o a non fare. Dopo quasi un anno dall’inizio della pandemia, continuano le incertezze sulle lezioni in presenza e la forza che i teenagers avevano dimostrato solo un anno fa sembra disinnescata. A questo si aggiunge il fatto che, mentre si parla molto di loro, si sente pochissimo la loro voce. È quindi necessario tornare ad offrire agli adolescenti occasioni di incontro e di confronto in cui possano ritrovare un loro protagonismo, acquisire nuove competenze e riunirsi, nel rispetto delle misure di sicurezza anti-covid, intorno a un progetto che li rimetta al centro delle diverse attività non solo come fruitori, ma soprattutto come produttori di contenuti e soggetti attivi. 

Le Lezioni teatrali per leggere il presente e progettare il futuro, inserite nel progetto Generazioni a teatro 2021, in mancanza di una stagione teatrale dal vivo, hanno l’obiettivo di tracciare un sentiero in cui invitare i ragazzi a prendersi quello spazio e lo facciamo, a partire dall’arte e dagli artisti, dalla bellezza, dalle storie e dalla partecipazione: nel mondo flagellato dalla pandemia una nuova visione del mondo non può che partire dalla cultura e dalla formazione delle giovani generazioni a riconoscere il potere della creatività e dell’invenzione. 

Sono stati convocati artisti, attori, registi, autori a tenere una lezione in cui raccontare un libro, un oggetto, un’opera nati in un momento di crisi ma capaci di determinare il futuro e di modificarlo positivamente. Invitati a formulare delle domande per dare modo, ai ragazzi, di riprendere la parola e provare a immaginare “un futuro sostenibile, inclusivo e bello, per le nostre menti e anime”, come recita l’invito della Commissione Europea a creare un Nuovo Bauhaus Europeo a cui si guarderà con più attenzione in una delle cinque lezioni. Un piccolo patto tra scuola e teatro per ricominciare, dopo un anno di interruzione, a leggere il presente e progettare il futuro.

  • Martedì 13 aprile 2021, ore 11
    Quarta lezione
    LA LOTTERIA DELLA NASCITA
    Lezione teatrale a cura di Gianni Farina, autore e regista della Compagnia Menoventi

  • Martedì 20 aprile 2021, ore 11
    Quinta lezione
    I CAN’T BREATH/ODIO GLI INDIFFERENTI
    a cura di Luca Carboni, Stefano Moretti e Giulia Valenti
    artisti riuniti nel collettivo Saveria Project

Campi di battaglia

Libreria Trame
Jessy Simonini presenta il suo libro | Virtual Trame
Jessy Simonini presenta il suo libro | Virtual Trame
47069776_1982594738488736_7119267275076534272_o.jpg

Jessy Simonini presenta “Campi di battaglia” (Sensibili alle foglie 2021), in dialogo con Federico Picerni, dottorando in letteratura cinese a Cà Foscari e traduttore e Maria Luisa Vezzali, poeta e traduttrice.

Le tre parti che compongono “Campi di battaglia” attraversano diversi territori.
La prima tratteggia il profilo dell’identità poetica, la seconda rivolge lo sguardo all’indietro, ai processi rivoluzionari degli anni settanta e contemporaneamente ci consegna una memoria di figure della famiglia d’origine, la terza si affaccia sulla contemporaneità e le sue contraddizioni.
L’insieme, con ampi riferimenti alla poetica europea, statunitense e afro-caraibica del Novecento, ci restituisce un quadro composito qui sintetizzato nel verso: « Solo per questo scriviamo: per amore di chi ruba da mangiare, di chi si dispera, di chi crepa »

Diretta Facebook dalla pagina di Trame Libreria BookShop

Sfregi: visite guidate con l'artista e i curatori

online
due speciali visite guidate online alla prima mostra antologica in Italia di Nicola Samorì
due speciali visite guidate online alla prima mostra antologica in Italia di Nicola Samorì
32-Pittura2018oliosutavola43x33cm_b.jpg

Sfregi è la prima mostra antologica in Italia di Nicola Samorì, artista contemporaneo tra i più originali della sua generazione. Attraverso un percorso espositivo di circa 80 opere, tra scultura e pittura, progettato dall’artista per le sale di Palazzo Fava, Samorì si confronta faccia a faccia con la storia dell’arte, in un continuo rimando di analogie e suggestioni sia con i fregi dei Carracci e degli allievi, sia con le opere provenienti dalle Collezioni di Fondazione Carisbo.

In attesa di poter aprire al pubblico le porte del Palazzo delle Esposizioni due speciali visite guidate online:

  • 10 aprile ore 18.30 con la straordinaria partecipazione dell'artista Nicola Samorì
  • 13 aprile ore 18.30 con la straordinaria partecipazione dei curatori Alberto Zanchetta e Chiara Stefani

Costo 7,00 € | Acquista il biglietto 

Foto: Nicola Samorì, Pittura, 2018, olio su tavola, 40x30 cm © Monitor, Roma / Lisbon / Pereto

Un robot in cattedra. Il ruolo della tecnologia nell’evoluzione della formazione

online
I Martedì di San Domenico | incontro in streaming su YouTube
I Martedì di San Domenico | incontro in streaming su YouTube
cross-on-bible-green.jpg

51° anno – 16° incontro
IV° incontro del ciclo “Persona e tecnologia”

Un robot in cattedra. Il ruolo della tecnologia nell’evoluzione della formazione

Interverranno:

Luca Ferrari
Ricercatore – Dipartimento di Scienze dell’Educazione” G.M.Bertin” Università di Bologna

Paolo Maria Ferri
Docente – Dipartimento Scienze umane per la formazione “Riccardo Massa” Università degli Studi Milano Bicocca

Giovanna Cenacchi
Docente di  Anatomia Patologica

Andrea Porcarelli
Scienze dell’Educazione – Università di Padova

Andrea Zanotti
Presidente Fondazione Golinelli


Sarà possibile seguire l’evento alle ore 21 collegandosi a: Youtube Centro San Domenico

Massimo Quarta | Pietro De Maria

online
Musica Insieme | I Concerti 2021
Musica Insieme | I Concerti 2021
12apr21 Quarta Massimo.jpg

Dal Complesso di Santa Maria della Vita, situato nel cuore della città di Bologna, celebre sia per la meravigliosa cupola del Bibiena che per il capolavoro quattrocentesco di Niccolò Dell'Arca: lo struggente Compianto sul Cristo Morto, a darci il “benvenuto in sala”, come per tutti I Concerti 2021, sarà una figura dello spettacolo e della cultura legata alla nostra città: l’attrice bolognese Carlotta Miti, che ha esordito nel 1994 con Dichiarazioni d'amore di Pupi Avati.

MASSIMO QUARTA violino
PIETRO DE MARIA pianoforte

Johannes Brahms
Sonata n. 1 in sol maggiore op. 78
Nicola Campogrande
Forme di felicità, nuova composizione commissionata da Musica Insieme – prima esecuzione assoluta
Johannes Brahms
Sonata n. 3 in re minore op. 108


Il cartellone della nuova Stagione "I Concerti 2021", dal 21 febbraio al 14 giugno vi accompagnerà in un vero e proprio viaggio musicale in alcuni tra i luoghi più affascinanti e talvolta sconosciuti della nostra Città, con interpreti straordinari, tutti italiani, e molte sorprese e novità.

Il Concerto sarà disponibile al Pubblico con la trasmissione gratuita in streaming sul sito di Fondazione Musica Insieme da lunedì 12 aprile 2021 alle ore 20:30 e sul canale televisivo TRC Bologna (canale 15 del digitale terrestre) domenica 11 aprile alle ore 17 e martedì 13 aprile 2021 alle ore 22.

das.04 - Dialoghi artistici sperimentali

online
progetto espositivo e culturale sui temi della contemporaneità | Gli appuntamenti online del Public Program
progetto espositivo e culturale sui temi della contemporaneità | Gli appuntamenti online del Public Program
Slide Monitor Mediateca (1).jpg

Dal 21 gennaio al 29 maggio 2021 CUBO, museo d’impresa del Gruppo Unipol, promuove das.04 - dialoghi artistici sperimentali, la quarta edizione del progetto espositivo e culturale sui temi della contemporaneità che nasce come territorio di confronto – di contenuti, tecniche, linguaggi – tra diversi registri dell’arte contemporanea con esponenti della new generation.

Ad aprire la rassegna, giovedì 21 gennaio, l'inaugurazione di Remote Armonie la mostra personale di Matteo Nasini (Roma, 1976), curata da Treti Galaxie (Matteo Mottin e Ramona Ponzini). Matteo Nasini, che vive e lavora a Roma, in occasione di questo progetto bolognese trasforma gli ambienti di Spazio Arte di CUBO con una grande e inedita installazione site-specific che ha come peculiarità un display espositivo visibile dalle grandi vetrate dello spazio che si affaccia sui giardini pensili del quartier generale del Gruppo Unipol in Porta Europa. La componente sonora dell’opera sarà fruibile dall’esterno con la CUBO APP, un'applicazione multimediale costruita ad hoc che arricchisce il progetto e permette di ampliare in modo intuitivo e autonomo i contenuti inerenti la mostra.

I valori alla base della mostra si ritrovano nel più ampio programma di das.04 - dialoghi artistici sperimentali, dove le arti si confrontano con le nuove tecnologie, la fisica, la musica, il video.  Da gennaio ad aprile un calendario di appuntamenti online dispiega il progetto espositivo e ne declina gli argomenti salienti aprendo al dialogo artistico e alla contaminazione multidisciplinare. Il Public Program, ricco di eventi culturali curati da Federica Patti, comprende talk, eventi musicali e performativi in modalità streaming che indagano e amplificano i diversi registri della mostra.

Meet the artist
Tre appuntamenti tematici a tu per tu con l’artista, in cui Matteo Nasini entra in dialogo con studiosi e collaboratori - e con il pubblico - per approfondire la lettura del proprio percorso a partire dalle opere in mostra, dalla musica e dalla scienza. La sua ricerca artistica parte infatti dallo studio del suono, per concretizzarsi in forme fisiche che analizzano in profondità ed osservano la superficie della materia sonora e di quella scultorea. Da questo ne deriva una pratica che si manifesta metodologicamente nelle installazioni sonore, nelle performance, nei lavori tessili e nelle opere plastiche.

Simposio - “D'où venons-nous? Que sommes-nous? Où allons-nous?”
Fin dai suoi albori, l’umanità ha guardato al cielo in cerca di risposte a domande fondamentali: chi siamo? Da dove veniamo? Dove stiamo andando? L’osservazione degli astri e della loro ricorrenza ciclica in rapporto al mutare delle stagioni è stata la spinta trainante per l’evoluzione del pensiero umano, diventando la principale fonte di ispirazione sia della mitologia che dello sviluppo della cultura scientifica. In una serie di incontri, studiosi ed esperti espongono prospettive e contributi intorno a tematiche quali lo spazio-tempo, le origini dell’universo, l’informatica, l’antropologia e la filosofia, per una apertura interpretativa del progetto espositivo e della ricerca artistica di Matteo Nasini.

dasLIVE
Un palinsesto di live media performance e spettacoli per presentare le più recenti creazioni di artisti internazionali. 2 show digitali di grande richiamo.

Il Canto degli Erranti
Un radiodramma fantascientifico a puntate scritto e diretto da Matteo Mottin e Matteo Nasini, che ne cura la sonorizzazione. “In un mondo in cui la tecnologia sembra essersi estinta, ritrovamenti parziali di una presunta macchina in grado di suonare le stelle destano scalpore innescando ricerche e nuovi emblematici interrogativi”. 4 podcast sul sito di CUBO tra gennaio e aprile.

Tutti gli appuntamenti sono trasmessi in modalità live streaming sulla piattaforma gratuita di CUBO  e il pubblico potrà porre domande ai relatori esattamente come sempre fatto negli incontri in presenza.


Questi i prossimi appuntamenti in programma:

giovedì 21 gennaio 2021, ore 18:30
Inaugurazione "Remote Armonie"

Incontro con Matteo Nasini & Treti Galaxie sulla piattaforma streaming di CUBO

martedì 26 gennaio 2021, ore 18:30
Meet the artist - Nasini e l'arte
L'artista Matteo Nasini dialoga con Federica Patti, storica dell'arte e curatrice del public program di das04 e Luca Cerizza, autore e critico d'arte, per approfondire il proprio percorso di ricerca e produzione nell'ambito delle arti visive, a partire dalle opere in mostra

giovedì 28 gennaio 2021, ore 18:30
SIMPOSIO “D'où venons-nous? Que sommes-nous? Où allons-nous?"
con Federica Patti, storica dell'arte e curatrice del public program di das04 e Rosalba Nodari, docente di Linguistica all'Università di Siena presso il Dipartimento di scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale.

martedì 16 febbraio 2021, ore 18:30
Meet the artist – Nasini e la fisica

L'artista Matteo Nasini dialoga con Federica Patti, storica dell'arte e curatrice del public program di das04 e Massimo Margotti, fisico e ricercatore, per approfondire il proprio percorso di ricerca e produzione nell'ambito delle arti visive, a partire dalle opere in mostra.

giovedì 18 marzo 2021, ore 18:30
Meet the artist – Nasini e la musica

Ultimo appuntamento tematico con l’artista Matteo Nasini insieme all’artista Caterina Barbieri e la curatrice della mostra Remote Armonie, Ramona Ponzini. Un momento di confronto sul suo percorso di ricerca e di esplorazione del suono e il suo potenziale creativo.

domenica 28 marzo 2021, ore 16:00
Intensional Particle
online live performance di Hiroaki Umeda

In diretta dal Giappone, il primo live di das04 con Hiroaki Umeda, coreografo, artista versatile e multidisciplinare noto per la sua grande capacità di mixare la tecnologia con la danza dando vita a paesaggi sonori minimali e coreografie potenti, dei veri e propri spettacoli cinetici nei quali innesca una stretta relazione tra “realtà” e “virtualità”.


Tutti gli aggiornamenti e collegamenti per la diretta streaming su www.cubounipol.it/it/eventi/das-04-2021


www.facebook.com/dasCUBO


#iorestoinSALA

online
prime visioni, anteprime, eventi, live streaming e incontri digitali con i filmmaker
prime visioni, anteprime, eventi, live streaming e incontri digitali con i filmmaker
io_resto_in_sala.png

Torna in scena #iorestoinSALA, il circuito nazionale di sale cinematografiche di qualità, che raggruppa ora più di 40 cinema del territorio italiano.
Il progetto, lanciato lo scorso maggio grazie alla collaborazione tra un gruppo di esercenti e un gruppo di distributori, è ora nuovamente ai blocchi di partenza: da sabato 31 ottobre è operativo online, con un ricco calendario di prime visioni, anteprime, eventi, live streaming e incontri digitali con i filmmaker, per non privare il nostro Paese del proprio immaginario collettivo e della possibilità di varcare i confini del quotidiano.

Il compito di aprire le danze su www.iorestoinsala.it, il 31 ottobre, è spettato a Cosa sarà di Francesco Bruni, seguito da Nomad: in cammino con Bruce Chatwin di Werner Herzog. Il 2 novembre, a 45 anni esatti dalla morte del poeta, sarà quindi la volta di In un futuro aprile – Il giovane Pasolini di Francesco Costabile e Federico Savonitto. Sarà invece disponibile dal 5 novembre Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli.
Protagonisti collegati in diretta streaming dalle stanze virtuali di Zoom sono stati sabato 31 ottobre alle 20.30 Francesco Bruni moderato da Gian Luca Farinelli, per introdurre Cosa sarà, e saranno lunedì 2 novembre alle 20.30 Francesco Costabile e Federico Savonitto per presentare In un futuro aprile.

Il carattere interattivo di #iorestoinSALA sarà potenziato rispetto al progetto iniziale: in occasione degli incontri in streaming con gli autori, gli spettatori potranno infatti interagire, ponendo domande e commentando in diretta. Si andrà così a creare non solo un network tra spettatori accomunati dalla passione per il cinema e dalla stessa esperienza di fruizione - come accade all’interno di una sala cinematografica - ma anche un canale diretto di comunicazione con i protagonisti.
Dal 31 ottobre in poi #iorestoinSALA permetterà, quindi, ai cinema, anche in una prossima e tanto desiderata situazione di normalità, di proporre percorsi tematici, rassegne e live stream e di completare sul web la proposta del grande schermo. Una coesistenza pacifica e complementare.


Lo spettatore acquisterà il biglietto dal sito internet della sua sala cinematografica di riferimento e riceverà quindi un codice e un link per accedere alla sala virtuale. Dal primo click sono 48 le ore a disposizione per completare la visione. 

I prezzi dei biglietti sono calibrati in base alle tariffe esistenti sulla rete e vanno, cioè, da un minimo di € 3,00 ad un massimo di € 7,90.
Inizio prevendita sabato 31 ottobre.

Per info:
www.iorestoinsala.it


SCOPRI IL PROGRAMMA DELLA SALA VIRTUALE DEL CINEMA LUMIÈRE


Tour virtuale del Museo di Speleologia L.Fantini

online
foto Simonetti Roberto (9).jpg

Sul sito internet del GSB-USB APS  è ora presente il tour virtuale del Museo di Speleologia L.Fantini con sede al Cassero di p.ta Lame.
Le restrizioni Covid 19 impediscono le visite fisiche ma gli speleologi bolognesi propongono una visita on line mediante un innovativo sistema di navigazione 3D con cui "girare" fuori e dentro Porta Lame e soffermarsi su vetrine, installazioni e attrezzature presenti. Nella navigazione si incontreranno anche punti informativi con brevi testi ed anche un sonoro con cui udire i rumori di grotta.


GSB-USB APS: Gruppo speleologico con sede a Bologna, nato dalla federazione tra GSB (Gruppo Speleologico Bolognese) e l'USB (Unione Speleologica Bolognese), dal 2020 è Gruppo unico, costituito da 140 soci. Conduce molteplici ricerche che vanno dal reperimento delle cavità, alla loro esplorazione, al rilevamento, all’effettuazione di studi specifici, fino all’accatastamento e alla pubblicazione di quanto scoperto e studiato. La ricerca e lo studio scientifico delle cavità è condotto in stretta collaborazione con enti, istituzioni, musei e con l’ausilio di competenze esplorative, geologiche, storiche, faunistiche, biologiche, archeologiche e paletnologiche.  
Il Gruppo gestisce presso il Cassero di Porta Lame P.zza VII Novembre 1944 n. 7 e 7/2 il Museo di Speleologia L. Fantini, riconosciuto dall’Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali (IBC) e registrato nella lista dei Musei della Città Metropolitana di Bologna. Il nostro Gruppo Speleologico GSB-USB APS (ex USB ) è iscritto al registro LFA e ha in concessione dal CoBo il Cassero di Porta Lame

Foto: Simonetti Roberto

Cerimonia

Opera fruibile dall’esterno - Area ex Mercatone Uno
l’installazione site-specific realizzata da TRAC - Tresoldi Academy | L’opera, fruibile dall’esterno, rimmarrà installata per tutto il 2021
l’installazione site-specific realizzata da TRAC - Tresoldi Academy | L’opera, fruibile dall’esterno, rimmarrà installata per tutto il 2021
TRAC_Tresoldi_Academy_Cerimonia ┬® Roberto Conte_5.jpg

L'opera Cerimonia è fruibile solamente dall'esterno, attraverso la parete trasparente in plexiglass. L'accesso all'area del sabato è sospesa: le visite riprenderanno non appena possibile in relazione all'andamento dell'emergenza sanitaria.


Cerimonia è l’installazione site-specific promossa e sostenuta da UrbanUp | Unipol, realizzata a Bologna da TRAC - Tresoldi Academy, con la collaborazione scientifica di G124 - il gruppo voluto dal Senatore Renzo Piano per una ricerca costante e continua sul tema delle periferie. L’opera d’arte è pensata per ‘ricucire’ l’area periferica dell’ex Mercatone Uno di proprietà del Gruppo Unipol, ripensandola quale teatro di bellezza, arte e sperimentazione creativa. Creare nuove centralità e lasciare un segno sui territori è infatti la missione di TRAC: una scuola che nasce dalla collaborazione fra YAC - accademia di architettura che prepara giovani progettisti facendoli lavorare con i più grandi studi di architettura al mondo - e Studio Studio Studio, il progetto interdisciplinare fondato da Edoardo Tresoldi per creare e supportare progetti artistici contemporanei.

L’opera è una struttura alta 5.30 metri realizzata in rete metallica, materiali e terra reperiti nel sito, frutto del lavoro congiunto dell’artista Edoardo Tresoldi e 15 giovani studenti dell’Academy, selezionati a luglio 2020 fra oltre 500 candidature ricevute da tutto il mondo, che sotto la direzione artistica di Tresoldi hanno immaginato e costruito per l'area dell’ex Mercatone Uno un intervento site-specific. Un progetto che valorizza aree periferiche metropolitane, restituendole a un più vasto pubblico e rivalutandone completamente la percezione. Dopo quasi 10 anni di abbandono, l’area di circa 4600 mq, sarà oggetto nel corso del 2021 di una importante riqualificazione che prevede la demolizione degli attuali fabbricati ora dismessi e la realizzazione di un nuovo complesso multifunzione che sarà incentrato su nuove residenze e servizi connessi alla persona.

Cerimonia rimarrà installata per tutto il 2021 fino all’inizio del cantiere e sarà visibile dal 31 ottobre 2020 tutti i giorni attraverso una parete trasparente in plexiglass appositamente realizzata, mentre tutti i sabati sarà consentito l’accesso all’area seguendo un percorso su una passerella che permetterà la fruizione dell’opera da vicino nel rispetto delle misure di contenimento del Covid-19.

Cerimonia nasce come opera site-specific in un’area caratterizzata da segni di decomposizione in cui cumuli di macerie e vegetazione spontanea si pongono come elementi linguistici del caos estetico che vive il luogo. E’ pensata per dialogare con i fenomeni biologici dell’area. La terra presente sul sito è stata raccolta e innestata nell’opera; nel corso del tempo la vegetazione ricoprirà l’installazione ridefinendo le forme dell’architettura. Il processo di trasformazione dei fenomeni naturali è al centro dell’opera come cerimonia di un dialogo tra architettura, natura e passare del tempo. Il linguaggio celebrativo dell'architettura classica si fonde con i materiali e i linguaggi dello spazio originario, così come con i processi di trasformazione dell'abbandono, generando un nuovo e inedito racconto. Questo processo di continua metamorfosi verrà documentato grazie all’ installazione di alcune telecamere fisse.


In ottemperanza al DPCM del 3 novembre 2020 l'opera Cerimonia è fruibile solamente dall'esterno, attraverso la parete trasparente in plexiglass, tutti i giorni dalle 8.30 alle 22.00. L'accesso all'area del sabato è sospesa: le visite riprenderanno non appena possibile in relazione all'andamento dell'emergenza sanitaria.

Visitabile a partire dal 31 ottobre tutti i sabati dalle 9.30 alle 18.30. Ingresso libero. L’accesso è contingentato nel rispetto delle misure di contenimento del Covid-19 e consentito solo se muniti di mascherina. Dal 31 ottobre l’opera è anche visibile dall’esterno attraverso la parete in plexiplass tutti i giorni dalle ore 8.30 alle ore 24.00

Foto: © Roberto Conte

Vivere l'altrove

online
Storie di altri mondi | podcast 
Storie di altri mondi | podcast 
131901765_2222727167871618_2879612829704401631_o.png

Un podcast dove ci sono le favole inventate insieme ai bambini nati in Italia da famiglie straniere, rielaborate e musicate dagli artisti di Sementerie Artistiche. Ci sono le impressioni di persone arrivate in Italia da pochi anni, scritte durante le lezioni del laboratorio di Eks&Tra con la guida di Idriss Amid. Ed infine estratti dai racconti scritti dai "nipoti" di chi un giorno partì per una terra lontana realizzati nel laboratorio di scrittura creativa Eks&Tra guidato da Gassid Mohammed.

Le voci narranti sono di Manuela De Meo, Ester Spassini Pietro Traldi e le favole sono state immaginate insieme a: Neim, Xhulia, Ginus, Cyril Kingdom, Cyril Bethel, Sebastian, Eljabiri Omar, Adam, Fatine, Mohamed Hadi, Xhahysa Daniel, Fatima, Kawtar, Fahrat Isra, Safa, Fatima Zahra, Janette, Rayan, Emanuele, Christian, Nada, Timar, Zakaria, Nirmin, Taouba, Mohammed, Mame Marie, Maria Rosa, Rose, Carolina, Imane, Haifa, Fatima, Jannat, Rim, Amir, Zaccaria, Vittoria, Diego, Asad. Le musiche sono di Cande Marzinotto Pietro Traldi.

Per informazioni info@sementerieartistiche.it

Letture, spettacoli, incontri per bambine e bambini

online
nelle biblioteche di Bologna
nelle biblioteche di Bologna
libri bambini.jpg

Gli appuntamenti settimanali delle biblioteche di Bologna per bambin* e ragazz*

Calendario completo

Biblioteca Salaborsa Ragazzi
Piccolissimi 0-3 anni
Suoni per te in sala bebè 0-3 anni
Una lettura tutta per te 0-3 anni

Biblioteca Scandellara-Mirella Bartolotti 
Cucciolibri  0-12 mesi
Tante storie per te 1-3 anni
Le storie del mercoledì 2-5 anni
Le storie iniziano di lunedì 3-6 anni
Tandem English Italian versione online del tandem della biblioteca
Ti leggo una storia 5-8 anni
Pacchetto di storie per tutt*

Biblioteca Natalia Ginzburg
Piccole Storie dalla Biblioteca 0-3 anni
Avamposto di lettura ragazze e ragazzi delle scuole secondarie
Storie dalla biblioteca dai 3 anni in su

Biblioteca Borgo Panigale 
Storie per crescere 0-24 mesi
Storie piccine del mercoledì 3-6 anni
Storie nel paniere 3-6 anni
A caccia di storie! 7-8 anni
Gruppo di Lettura Adolescenti

Biblioteca J.L. Borges
Storie di primavera online 4-8 anni
Cook & Go kids 5-8 anni

Biblioteca Oriano Tassinari Clò
L’ora delle storie 0-6 anni
Tanti libri sul tappetone 0-3 anni
Le storie del martedì 4-7 anni
Storie nel parco online 0-6 anni

Biblioteca casa di Khaoula
Benvenuti bebè! 0-3 anni
In cucina 3-6 anni

Biblioteca Lame-Cesare Malservisi
Draw the music dai 10 anni
Letture en plein air
Club del libro Meeting GdL adolescenti

Biblioteca Luigi Spina
Parole di latte 12-36 mesi
I mercoledi dei piccini 3-5 anni
Albi a merenda 4-8 anni
Un botto di storie 4-8 anni 
La biblioteca a casa tua 2-5 anni

Biblioteca Corticella – Luigi Fabbri
Suoni e segni in biblioteca 

Remote Armonie

CUBO in Porta Europa - Spazio Arte (display espositivo)
mostra di Matteo Nasini | das.04 – dialoghi artistici sperimentali​
mostra di Matteo Nasini | das.04 – dialoghi artistici sperimentali​
Bannerdas042 Logo.jpg

Nell’ottica di proseguire nel tracciato virtuoso segnato da das - dialoghi artistici sperimentali​, la rassegna dedicata al dialogo artistico e culturale sui temi della contemporaneità alla sua quarta edizione, CUBO presenta Remote Armonie, la prima mostra a Bologna di Matteo Nasini curata da Treti Galaxie (Ramona Ponzini e Matteo Mottin).
Da gennaio ad aprile, un calendario di appuntamenti online dispiega il progetto espositivo e ne declina gli argomenti salienti aprendo al dialogo artistico e alla contaminazione multidisciplinare. Gli appuntamenti del Public Program sono a cura di Federica Patti.

Durante una notte tersa, osservando il cielo stellato, affascinati da quello spettacolo lontano, tra le molte domande che questa visione naturalmente può suscitare, vi è mai capitato di chiedervi quale tipo di musica potrebbe generare il movimento degli astri?

Spazio Arte risponde a questo interrogativo proponendo l'inedito progetto artistico di Matteo Nasini nel quale l'artista presenta al pubblico una nuova serie di opere ispirata dalla possibilità di tradurre il movimento delle stelle della Via Lattea in suono, un percorso coinvolgente che guarda al cielo in cerca di risposte ad ancestrali domande e mira ad essere una spinta trainante per l’evoluzione del pensiero umano.
Accostandosi al tema della Musica delle Sfere, che in origine vedeva il pianeta Terra come centro immobile dell’intero universo, l’intero progetto intende minare la sua concezione antropocentrica ed inoltre enfatizzare l’isolamento del nostro pianeta rispetto al resto della galassia, con la speranza che le polifonie generate dalla sua ispezione dello spazio possano rendere l’umanità consapevole dell’arbitrarietà di tutte le divisioni che generano conflitti, producendo un sentimento di comunità universale e rivelando l’effettiva unione di tutta l’umanità nel medesimo viaggio verso l’ignoto.
L’artista ha sviluppato un complesso algoritmo in grado di elaborare i dati del catalogo di Gaia stilati dall’European Space Agency e coordinarli con una particolare posizione GPS. Da questa coordinata l’algoritmo costruisce una linea immaginaria al suo zenit e la proietta fino ai limiti della Via Lattea. Quando un oggetto celeste intercetta questa retta ideale ne varia la lunghezza accorciandola, e l’algoritmo ne calcola la posizione traducendola in una sequenza di note, rendendo così udibile su scala umana il transito degli astri della nostra galassia.

Il progetto espositivo propone una selezione di lavori ottenuti da alcune delle molteplici applicazioni e traduzioni in campo artistico dei risultati dell’algoritmo: Mangiastelle assiale, un arazzo di grosse dimensioni realizzato a mano, Sidereo, una scultura sonora prodotta in parte artigianalmente e in parte con macchinari a controllo numerico e la sua trascrizione calligrafica e Transtamburo, un gruppo scultoreo in ceramica a stampa 3D. Opere rispondenti a tecniche e materiali usati fin dall’antichità ma realizzate attraverso le più recenti tecnologie contemporanee, concretizzazioni di lontane possibilità inespresse.​

Tenendo conto dell'emergenza sanitaria COVID_19 in atto, CUBO ha scelto un display espositivo che possa garantire la massima salvaguardia della salute degli spettatori e del personale di sala e al contempo permettere una ottimale fruizione delle opere esposte. Dall'esterno, oltre a fruire la mostra dalla grande vetrata che si affaccia sui giardini pensili del quartier generale del Gruppo Unipol in Porta Europa, è possibile attivare la componente sonora dell'opera attraverso la CUBO APP, un'applicazione multimediale costruita ad hoc che arricchisce il progetto e permette di ampliare in modo intuitivo e autonomo i contenuti inerenti la mostra (Apple Store e Google Play).


Inaugurazione giovedì 21 gennaio alle ore 18:30 in modalità LIVE streaming​ sulla piattaforma gratuita di CUBO.


cubounipol.it/it

facebook.com/cubounipol

facebook.com/dasCUBO

Tante storie, tutte bellissime

online
letture animate e laboratori creativi per raccontare le tante differenze che rendono bellissimo il mondo in cui viviamo contro ogni pregiudizio e discriminazione.
letture animate e laboratori creativi per raccontare le tante differenze che rendono bellissimo il mondo in cui viviamo contro ogni pregiudizio e discriminazione.
Locandina Tante storie quadrata  2021-page-0.jpg

Il progetto, rivolto a bambine e bambini dai 2 ai 10 anni e alle loro famiglie, è costituito da 14 appuntamenti con letture animate e laboratori creativi che si svolgeranno nelle biblioteche e nei Centri per Bambini e Famiglie del Comune di Bologna.

Le storie che verranno raccontate proporranno una grande varietà di modelli e situazioni di vita per aiutare bambini e bambine nella costruzione dell’immagine di sé e della realtà che li circonda. Tutte e tutti avranno la possibilità di riconoscersi e rispecchiarsi sviluppando empatia, inclusione e rispetto delle differenze individuali, familiari, di genere per prevenire la strutturazione di pregiudizi e comportamenti di bullismo e violenza di genere.

Da sabato 23 gennaio fino a sabato 11 dicembre 2021 sarà possibile seguire le letture e realizzare laboratori speciali seguendo i video proposti sul canale Youtube del progetto in attesa di ritrovarci presto nelle biblioteche e in tutti i luoghi della nostra bellissima città. Sempre su YouTube è disponibile anche l'archivio video degli appuntamenti 2020.


CALENDARIO

  • 23 gennaio 2021 online

Ettore l'uomo straordinariamente forte di M. Le Huche (Settenove, 2014)
Ettore lavora nel circo Extraordinaire, con saltimbanchi, ballerine e giocolieri, tutti straordinariamente bravi. Ma l’ammirazione per Ettore, l’uomo straordinariamente forte, scatena l’invidia dei due domatori di leoni, decisi a rovinare l’immagine della celebrità svelando il suo segreto... 
Età: da 5 anni

  • 13 febbraio 2021 online

E con tango siamo in tre di J. Richardson, P. Parnell (Junior, 2010)
Roy e Silo sono due pinguini maschi che vivono fianco a fianco nello zoo di Central Park a New York. Si vogliono bene e si sentono una vera famiglia quando finalmente nasce il piccolo Tango, il loro unico pulcino! 
Età: da 4 anni

  • 27 febbraio 2021 online

La bambina con due papà di Mel Elliott (DeAgostini, 2019)
Pearl ha una nuova compagna di scuola ed è super fantastica. Si chiama Matilda, corre velocissima, si arrampica sui rami più alti, sguazza nelle pozzanghere e soprattutto... ha due papà! 
Età: da 5 anni

  • 13 marzo 2021 online

Non si mangiano i compagni di classe di Ryan T. Higgins (Edizioni Nord-Sud, 2020)
Per Penelope è il primo giorno di scuola e non vede l'ora di conoscere i suoi compagni di classe. Ma farsi nuovi amici è difficile quando sono tanto deliziosi! 
Età: da 5 anni
in collaborazione con CBF Il Girotondo 

  • 27 marzo 2021 online

Tutte le famiglie di Federico di Mili Hernández  (Nube Ocho, 2019)
Federico è un gatto che, saltando di tetto in tetto, ogni giorno fa visita a tutte le sue famiglie, ognuna diversa dall’altra a cui Federico vuole bene allo stesso modo.
Età: da 2 anni
in collaborazione con CBF Il Monello

  • 10 aprile 2021 online

Mio amore di Beatrice Alemagna (TopiPittori, 2020)
Uno strano animale. Uno scherzo di natura con il pelo di cane e la testa di maiale. Alcuni lo scambiano per un gatto, una scimmia, un topo, perfino per un leone. Che animale sarà?
Età: da 3 anni
in collaborazione con CBF Il Tasso Inventore

  • 15 maggio 2021 online

Tamo l’ippopotamo che covava le uova di Daniela Iride Murgia (Edizioni Corsare, 2019)
Tamo ogni mattina elenca tutte le cose che non sa fare e tutte quelle che sa fare. Tra le cose che non gli riescono proprio, ci sono nuotare all’indietro e scalare gli alberi alti, mentre sa fare le bolle nell’acqua, ballare quando c’è silenzio, nascondersi tutto dietro una foglia. Ma la cosa che gli riesce meglio è covare le uova! 
Età: da 3 anni
in collaborazione con CBF Il Focolare

  • 29 maggio 2021 online

Ti mangio di John Fardell (Il Castoro, 2012)
Mentre si avventura in bici per i boschi insieme alla sorella Sara, il piccolo Leo viene inghiottito da un grande e pelosissimo mostro: il temibile Inghiottone dei boschi! Sara, senza perdersi d’animo, si lancia all’impazzata...
Età: da 3 anni
Presso CBF Il tempo dei giochi Via dello Sport, 25 - Bologna  | tel. 051.6141147 |

  • 25 settembre 2021

Nei panni di Zaff di Manuela Salvi e Francesca Cavallaro (Fatatrac, 2015)
Zaff, tu sei maschio! Puoi fare il re, il principe, il meccanico, l'ingegnere, il maresciallo dei carabinieri... ma la principessa proprio no! 
Età: da 4 anni
Presso CBF Il tempo dei giochi Via dello Sport, 25 - Bologna  | tel. 051.6141147 |

  • 9 ottobre 2021

Non sono tua madre di Marianne Dubuc (Orecchioacerbo, 2017)
Un mattino, Otto, lo scoiattolo, trova una strana palla verde davanti a casa sua. Contiene un essere minuscolo, tondo e molto peloso. Otto lo accoglie per la notte, ma domani, è una promessa, ritroverà la madre di quel piccolo...
Età: da 3 anni
Presso con CBF Piuinsieme Via Libia, 53 - Bologna | tel. 051.300631|

  • 23 ottobre 2021

Il mio amico Jim di Kitty Crowther (Marameo, 2020)
Jack il merlo vive nel bosco ed ha un grande desiderio, quello di vedere il mare. Un giorno decide di partire e arriva sulla spiaggia dove si imbatte in Jim il gabbiano…
Età: da 3 anni
IPresso 
CBF Il Salotto delle Fiabe Via M. E. Lepido, 181 – Bologna | tel. 051.401289 |
CBF Girotondo Via P. Gamberini, 2 – Bologna | tel. 051.6195277 |

  • 6 novembre 2021

Daniela la pirata di Susanna Isern (Nube Ocho, 2018)
Daniela sogna di diventare una pirata del Caimano Nero. Il Capitano Orecchiomozzato non ne vuole sapere. Riuscirà Daniela a superare le prove del Capitano e diventare una pirata?
Età: da 5 anni
Presso Biblioteca da definire

  • 20 novembre 2021

Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza 
Cose da maschi o da femmine? di Clémentine Du Pontavice (Babalibri, 2020)
Violette vorrebbe giocare a pallone, ma un gruppo di bambini la allontana: «Il calcio è da maschi!». Piangere, ballare, pilotare un aeroplano, fare scoperte, diventare Presidente della Repubblica, cambiare i pannolini, conquistare il mondo... Chiunque può farlo, non importa il genere. Basta seguire i propri sogni! 
Età: da 5 anni
Presso Biblioteca da definire

  • 11 dicembre 2021

Il Principe cerca moglie di Stern Nijland, Linda de Haan (Logos, 2020)
Sulla cime della montagna più alta, in un palazzo che domina la città, vive il giovane erede al trono, insieme alla regina madre e al gattino reale. La regina governa ormai da troppi anni e non vede l'ora che il figlio si sposi. Riuscirà il Principe a trovare l’amore?
Età: da 4 anni
Presso Biblioteca da definire


Il progetto rientra nell'ambito del Patto generale di collaborazione per la promozione e la tutela dei diritti delle persone e della comunità LGBTQI nella Città di Bologna.
È curato da Centro di documentazione Flavia Madaschi Cassero LGBTI Center, associazione Frame, associazione Famiglie Arcobaleno, con il sostegno del Comune di Bologna, Ufficio Pari opportunità e Tutela delle differenze, in collaborazione con Biblioteche comunali e Area educazione, istruzione e nuove generazioni, nell’ambito del Patto per Lettura di Bologna.

Master online

online
Scuola per librai* | Accademia Drosselmeier
Scuola per librai* | Accademia Drosselmeier
master.png

Seconda edizione del Master Online di Accademia Drosselmeier.
Un percorso che segue 4 moduli tematici, da marzo a maggio.
Due lezioni settimanali che si svolgeranno sulla piattaforma Google meet dalle 18 alle 20. Per accedere è necessario inviare lettera di motivazione e curriculum alla segreteria, si verrà contattati per il colloquio.
A breve sul sito tutte le date disponibili. Sarà inoltre possibile iscriversi ai singoli moduli.

Programma completo su Accademiadrosselmeier

Il Cinema Ritrovato | Fuori Sala

online
Piccoli e grandi capolavori restaurati da vedere in streaming su MYmovies (21 marzo - 21 aprile)
Piccoli e grandi capolavori restaurati da vedere in streaming su MYmovies (21 marzo - 21 aprile)
cinema_ritrovato_fuorisala.png

Quarto programma per Il Cinema Ritrovato | Fuori Sala, una storia del cinema firmata dalla Cineteca di Bologna, fatta di grandi classici e rarità da scoprire, sempre nelle migliori versioni restaurate. 

Domenica 21 marzo sarà online su MYmovies il nuovo cartellone di film disponibili fino al 21 aprile, senza limiti di giorni o di orari (N.B. i film sono disponibili soltanto per il territorio italiano; i titoli stranieri hanno sottotitoli italiani), al costo di 15 euro (ridotto 12 euro per gli Amici della Cineteca di Bologna e i possessori della Card Cultura del Comune di Bologna). E ogni 30 giorni, un programma tutto nuovo, con altri nuovi film, sempre presentati da critici, registi, testimoni.

Tra le scelte di questo mese Les Enfants du Paradis che fu, per i francesi, il film della fine dell’incubo, della Liberazione, il doppio poker chapliniano, quattro lungometraggi sonori, Tempi moderni, Il grande dittatore, Monsieur Verdoux, Luci della ribalta e Varda par Agnès, che la regista francese ha voluto realizzare come suo ultimo film, per consentirci di continuare a vedere la sua opera accompagnati dai suoi racconti.

Scopri il programma 21 marzo / 21 aprile.

L’abbonamento, del costo di 15 euro, è ricorsivo (si rinnova automaticamente ogni mese), ma si può facilmente disdire in qualunque momento cliccando sull’apposito bottone disponibile sul sito di MYmovies.
E per tutti gli appassionati dei grandi classici in streaming, un abbonamento speciale al costo di 40 euro complessivi: in una unica soluzione, l’abbonamento si estenderà su tutta la durata del progetto (5 mesi, fino a giugno 2021).


ACQUISTA E/O REGALA

Dantedì: L’Inferno (1911)

online
online su MYmovies
online su MYmovies
Inferno.jpg

Il Cinema Ritrovato fuori sala

Dantedì

Dal 25 marzo online su MYmovies

INFERNO (Italia/1911) di Francesco Bertolini, Adolfo Padovan, Giuseppe De Liguoro (66’)

Restauro realizzato dalla Cineteca di Bologna presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata

Colonna sonora elettro-acustica con voci e suoni d’ambiente composta ed eseguita da Edison Studio


Un capolavoro dell’epoca muta per il Dantedì: la Cineteca di Bologna festeggia la giornata dedicata a Dante Alighieri, il 25 marzo, con il restauro del film L’Inferno, diretto nel 1911 da Francesco Bertolini, Adolfo Padovan, Giuseppe De Liguoro. L’Inferno sarà online sulla piattaforma della Cineteca di Bologna dedicata ai classici restaurati, Il Cinema Ritrovato fuori sala, con la colonna sonora elettro-acustica fatta di voci e suoni d’ambiente composta ed eseguita da Edison Studio, oggi riferimento a livello internazionale per il loro lavoro sulla sonorizzazione del cinema muto.

Primo vero kolossal del cinema italiano (tre anni di riprese, 150 tra attori e comparse, 100 scene, un bat- tage pubblicitario senza precedenti), l’Inferno della Milano Films è stato a lungo disponibile solo in copie danneggiate o mutile. Grazie al restauro che lo ha restituito alla pienezza della sua luce e dei suoi colori, ci ritroviamo avvolti nella visione orrida e meravigliosa di figurazioni ispirate a Gustave Doré, ma come rivisitate da un Méliès crudele: lande desolate, bagliori repentini, dannati striscianti, decapitati, bizzarre creature mitologiche, mostruose metamorfosi.

Come ha scritto Henri Langlois, “L’Inferno, con le sue immagini fantastiche, esce totalmente dallo stile dei film europei dell’epoca. La sua bellezza plastica, basata su una cultura visiva evoluta, annuncia già il fantastico delle grandi opere svedesi e tedesche, mostrando così il ruolo giocato, negli anni Dieci, dal cinema italiano sulle scuole dei Paesi dell’Europa centrale”.

La genesi del film è ricordata dallo storico del cinema muto italiano, Aldo Bernardini: “Già da vari mesi alcuni produttori lungimiranti avevano imboccato la strada del film lungo, mettendo in cantiere opere particolarmente impegnative e costose, che puntavano direttamente al traguardo dei 1000 metri di lunghezza. Arrivò prima la Milano Films, che aveva ereditato dalla precedente Saffi-Comerio il progetto e un gruppo di sequenze dell’Inferno: riduzione per il cinema della prima cantica del poema di Dante, realizzata da Francesco Bertolini e Adolfo Padovan con la collaborazione di Giuseppe De Liguoro. Probabilmente incoraggiati dal buon successo ottenuto con quei primi episodi presentati e premiati nel settembre 1909 al Concorso di Milano, i dirigenti della Casa milanese avevano fatto proseguire e completare la faticosa lavorazione, arrivando infine a un film lungo 1300 metri (si diceva che fosse costato oltre centomila Lire). A quanto pare, non ebbero esitazioni: il film doveva essere proiettato per intero, in un unico spettacolo. La gestione del lancio pubblicitario e dei diritti per tutto il mondo vennero per tempo affidati all’ambizioso, intraprendente napoletano Gustavo Lombardo. Tutto questo costoso sforzo pubblicitario rischiò all’ultimo momento di venire vanificato da una trovata di una casa concorrente, la Helios di Velletri, che in tre settimane e per la modica spesa di ottomila Lire, riuscì a realizzare un altro Inferno di 400 metri, e a farlo uscire nel gennaio 1911: utilizzando, anche materialmente, a proprio vantaggio tutto il lavoro pubblicitario di Lombardo. L’incidente non riuscì però a offuscare il successo della Milano Films e di Lombardo, che programmarono per il loro Inferno anteprime a inviti, prima al regio teatro Mercadante di Napoli (il 2 marzo), e poi al Filodrammatici di Milano (il 22 marzo) e al rinnovato Moderno di Alberini a Roma (il 7 aprile). Avvenute sotto gli auspici della Società nazionale Dante Alighieri, queste proiezioni richiamarono un pubblico d’eccezione: per la prima volta, un film riempì i quotidiani di cronache, di recensioni e di interviste, quasi tutte encomiastiche. Il successo dell’Inferno fu di proporzioni internazionali e assai duraturo: si ripetè in Francia, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna”.

Cercar lo tuo volume

online
 documenti danteschi in Archiginnasio
 documenti danteschi in Archiginnasio
Cercar lo tuo volume.jpg

Apre mercoledì 25 marzo 2021, nel Dantedì Cercar lo tuo volume. Documenti danteschi in Archiginnasio. 

Si tratta della versione online della mostra organizzata in collaborazione con la Società Dantesca Italiana, è inserita nel percorso espositivo diffuso ideato dal Servizio Patrimonio Culturale della Regione che unisce diverse città dell’Emilia-Romagna.
La mostra di Archiginnasio vuole valorizzare i materiali danteschi antichi e moderni posseduti dalla biblioteca, inserendoli nel contesto delle altre raccolte conservate in Archiginnasio.
 


La mostra è divisa in due parti. Nella prima sono esposte al pubblico le testimonianze più antiche della Commedia: manoscritti, incunaboli e cinquecentine attraverso i quali vengono esplicitate alcune tematiche pertinenti alla tradizione del testo dantesco.

La seconda parte del percorso espositivo si propone di far conoscere alcuni fondi speciali, di particolare rilievo per lo studio della ricezione dantesca nei secoli XIX-XX: libri e le carte appartenuti al dantista Teodorico Landoni, acquistati dal Comune di Bologna nel 1888 su suggerimento di Carducci e altri documenti, tra  quelli conservati nel fondo speciale “Comitato bolognese per la celebrazione del sesto centenario dantesco” che testimonia le iniziative tenutesi alla Biblioteca dell’Archiginnasio nel 1921.

In attesa di poterla visitare dal vivo è possibile consultare i preziosi materiali esposti secondo le suddivisioni nella versione online 

Il Servizio Patrimonio Culturale della Regione  ha realizzato un video per lanciare il percorso espositivo Dante e la Divina Commedia in Emilia Romagna.
l video ripercorre lo stretto rapporto tra Dante e l’Emilia Romagna  dai primi anni del suo esilio fino all’ultimo rifugio ravennate.

Open UP

online
The BCBF skill box
The BCBF skill box
openup.png

OPEN UP - The BCBF Skill Box è il nuovo ambiente completamente digitale dove le professioni, le conoscenze, le culture convergono, dando vita ad opportunità uniche di confronto e soprattutto di crescita. 

Con OPEN UP BCBF espande le sue attività lungo l’arco dell’anno, offrendo un programma di conferenze internazionali, masterclass, webinar, portfolio review, workshop, progetti speciali che creano l’incontro con gli esperti e i grandi protagonisti del mondo del libro per ragazzi.

Accessibile 365 giorni all’anno, BCBF Skill Box è una grande occasione in rete per apprendere, dialogare, cogliere opportunità professionali e vivere esperienze di totale immersione nella comunità internazionale del children’s publishing. 

Connessioni Podcast

Edicola Aldini
da un’idea di Francesca Vannucchi dell’Edicola Aldini
da un’idea di Francesca Vannucchi dell’Edicola Aldini
connessioni-300x300.jpg

Una produzione artigianale, sperimentale e collettiva, che raccoglie (e raccoglierà) al suo interno voci diverse per parlare di argomenti anche molto distanti gli uni dagli altri. Obiettivo numero 1: fare rete!
Libri, trekking, cucina, fumetto, Beat Generation, antichi mestieri… e vedremo cos’altro verrà fuori.
In questa bella cornice fa parte anche La Sere legge un pod, una rubrica di recensioni e letture di libri scelti un po’ a caso tra quelli che le sono piaciuti particolarmente. Nel primo episodio, si parla de La pantera delle nevi di Sylvain Tesson (Sellerio). 

Pasta

online
Fresca secca colorata e ripiena nei documenti dell'Archiginnasio | Mostra documentaria
Fresca secca colorata e ripiena nei documenti dell'Archiginnasio | Mostra documentaria
pasta2.png

​Dopo avere raccontato e celebrato nel 2020 la storia del pane e dei salumi, la Biblioteca dell’Archiginnasio esplora il mondo di un’altra eccellenza gastronomica del nostro paese e della nostra città.

Pasta. Fresca, secca, colorata e ripiena nei documenti dell’Archiginnasio è il titolo della mostra curata da Alessandro Molinari Pradelli, con la collaborazione dei bibliotecari Rosa Spina e Michele Righini, visitabile gratuitamente presso la biblioteca 

ATTENZIONE! La mostra non è al momento visitabile: è comunque disponibile la versione online.


L’opera di ricerca e di indagine compiuto dai curatori sul patrimonio dell’Archiginnasio ha portato alla luce documenti librari o iconografici che permettono di ricostruire e raccontare la storia della pasta, o meglio delle diverse forme con cui un piatto molto semplice – basta un impasto di acqua e farina – è stato servito sulle tavole nostre e dei nostri antenati. Dalla pastasciutta, vero e proprio simbolo dell’italianità nel mondo e piatto ormai globale, alla pasta fresca (ripiena o meno) per la quale Bologna si è sempre distinta come punto di riferimento.
Tra le curiosità, lo “scopritore” del glutine, il bolognese, Jacopo Bartolomeo Beccari, insigne medico e fisico docente dell’Alma Mater, che nel 1728 illustrò in una comunicazione orale all’Accademia delle Scienze della nostra città (curiosamente pubblicata solamente nel 1745) le proprietà della sostanza “scoperta”.


Ingresso libero, il pubblico dovrà essere munito di mascherina, che si richiede venga indossata dall’ingresso fino all'uscita
Salvo limitazioni, la mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19.
Gli orari di visita potrebbero essere soggetti a variazioni in relazione alla situazione di emergenza sanitaria: dal 21/02 la mostra è visitabile solo online

La mostra è visitabile anche online

Inferni e vite nove

online
Corso di lettura dantesca 
Corso di lettura dantesca 
inferni e vite nove.png

A 700 anni dalla morte del più grande scrittore italiano di tutti i tempi (S)Blocco5 apre un corso speciale per ricordare il suo genio.
8 lezioni, da aprile a maggio 2021, per attraversare le opere che hanno fatto la storia della letteratura mondiale: dalle poesie della Vita Nova alla Commedia, dal De Vulgari Eloquentia all'Inferno, da Beatrice a Dio..

Un corso di lettura espressiva per lettori, attori e creativi che permetterà di leggere e analizzare filologicamente alcuni dei passi più famosi della carriera letteraria di Dante, e di cercare delle chiavi rappresentative attraverso l'uso della voce ed esperimenti video.

​Il corso si rivolge a tutt* e non necessita di competenze pregresse, ma data la complessità della materia linguistica trattata è consigliata una dimestichezza minima in recitazione o uso della voce, e una conoscenza orientativa della biografia dell'autore.

​DOCENTE Ivonne Capece | laureata in filologia medievale e dantesca, regista, attrice, performer

​DURATA 2 MESI da martedì 6 aprile a martedì a martedi 25 maggio ore 19.00/21.00 su Zoom (link consegnato tramite mail agli iscritti)

Info costi e iscrizioni 

When the Rain Stops Falling // nell'ambito del Play-Back di Melbourne

online
When the Rain Stops Falling.jpg

Lo spettacolo When the Rain Stops Falling è in scena on-line dall'1 al 30 aprile nell'ambito del Play-Back 2021 di Melbourne. 
La rassegna speciale dedicata al teatro italiano contemporaneo per l'emisfero australe, organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Melbourne, questo anno è stata curata da Elvira Frosini e Daniele Timpano.


Per seguire lo streaming, puoi cliccare QUI


Scritto dall'australiano Andrew Bovell, When the Rain Stops Falling ci narra la storia delle famiglie Law e York.

Lo spettacolo - che ha visto il suo debutto nel 2019 al Teatro Arena del Sole di Bologna grazie al progetto della compagnia lacasadargilla, per la regia di Lisa Ferlazzo Natoli - racconta quattro generazioni di padri e figli, delle loro madri e mogli.

Quasi un romanzo teatrale intimo e distopico che Bovell disegna con un’affascinante struttura drammaturgica, dove i diversi fili narrativi, il graduale sovrapporsi delle temporalità e l’incrocio dei destini delle quattro generazioni, raccontano una corrispondenza così profonda tra le esperienze di ognuno da suggerire che negli alberi genealogici non vi siano ‘scritti’ solo i nomi dei protagonisti, ma anche i comportamenti, le inclinazioni, i desideri e gli errori.

Nicola Samorì. Sfregi

Palazzo Fava (temporaneamente chiuso)
circa 80 opere in dialogo con i preziosi affreschi dei Carracci e altri capolavori della collezione Genus Bononiae | Due visite guidate online presentano la mostra
circa 80 opere in dialogo con i preziosi affreschi dei Carracci e altri capolavori della collezione Genus Bononiae | Due visite guidate online presentano la mostra
7. Anulante, 2018.jpg

In attesa dell’auspicata riapertura dei musei su tutto il territorio nazionale, Genus Bononiae. Musei nella Città presenta in anteprima al pubblico, con due speciali appuntamenti online (sabato 10 e martedì 13 aprile), Sfregi, la prima mostra antologica in Italia di Nicola Samorì (Forlì, 1977), a cura di Alberto Zanchetta e Chiara Stefani, a Palazzo Fava fino al 25 luglio 2021: circa 80 lavori che spaziano dalla scultura alla pittura, dagli esordi fino alle realizzazioni più recenti.

Sfregi è un progetto espositivo studiato dall’artista, Nicola Samorì, in esclusiva per le sale del Palazzo delle Esposizioni di Bologna. Una lettura esaustiva e lenticolare del percorso da lui intrapreso negli ultimi vent’anni che illumina le opere più rappresentative della sua produzione. Bologna è la città che ha visto formarsi Samorì presso l’Accademia di Belle Arti: già in quel contesto hanno preso forma il suo stile e la sua poetica, indissolubilmente connessi ad una profonda necessità di fustigare la serenità delle immagini, prassi che ha mantenuto e sviluppato nel corso degli anni sperimentando sempre nuove tecniche. I traumi inferti alle opere dall’artista, che tenta di turbare, trasgredire e trasfigurare immagini preesistenti, presuppongono infatti, ieri come oggi, un potere taumaturgico.

L’esposizione a Palazzo Fava è occasione per Samorì di cimentarsi in un faccia a faccia con la storia dell’arte e in particolare con l’epoca barocca, articolando un percorso di suggestioni e analogie e innescando una stretta e intensa relazione con i preziosi fregi che decorano le pareti del piano nobile. Così nel Salone con il mito di Giasone e Medea un corpus di lavori databili all’ultimo decennio di attività sembra reagire, quasi in estasi, alla pittura dei Carracci, mentre grazie ai lavori incentrati sull’ustione del rame, con un focus sul tema del desinare e del corpo scarnificato, l’artista tenta uno stravolgimento cromatico della Sala degli allievi di Ludovico Carracci. La stanza dipinta da Francesco Albani ospita una “camera delle meraviglie” di soggetti vegetali e animali, mentre la Sala delle Grottesche accoglie l’affresco monumentale Malafonte che, in un gioco di perfette geometrie, sembra essere stato concepito da sempre per quello spazio. Il percorso espositivo sarà inoltre arricchito dalla presenza di alcune opere individuate all’interno delle collezioni d’Arte e di Storia della Fondazione Carisbo (che comprendono anche il grande Giardino anatomico dello stesso artista), stabilendo una “affinità elettiva”, oltre che con gli spazi, con lo stesso patrimonio del Museo. Tra le opere in mostra la meravigliosa Maddalena Penitente del Canova e i suggestivi Ritratti di donne cieche di Annibale Carracci.

Rispetto alle imponenti opere del piano nobile, nelle sale del secondo piano sono esposti lavori di piccolo e medio formato che sviluppano singoli temi o costituiscono dei focus sulle diverse tecniche utilizzate dall’artista: l’accecamento dell’immagine, l’aggregazione di materiali di risulta, la pittura su pietra, il disegno e la scultura. Opere più intime, ma non meno preziose, che permettono allo spettatore di abbracciare la vasta e complessa produzione di Samorì, una ricerca ossessiva, quasi maniacale che gli ha permesso di differenziarsi dall’odierno panorama artistico, balzando agli onori della critica internazionale.

La mostra è un progetto di Genus Bononiae. Musei nella Città, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna e gode del Patrocinio del Comune di Bologna e dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.


Sabato 10 e martedì 13 aprile, alle ore 18.30, due visite guidate online della mostra, a cura dei Servizi Educativi di Genus Bononiae, con la straordinaria partecipazione dell’artista, Nicola Samorì (10 aprile) e dei curatori, Alberto Zanchetta e Chiara Stefani (13 aprile). Leggi tutto

Maggiori informazioni sul sito www.genusbononiae.it

Tel. 051 19936343
esposizioni@genusbononiae.it

Foto: Nicola Samorì, Anulante, 2018, olio su rame, 70x50 cm © Monitor, Roma / Lisbon / Pereto

The Act of Killing | Nothingwood Party | Snow Monkey

online
tre grandi documentari sul fare cinema come gesto catartico di liberazione e presa di coscienza
tre grandi documentari sul fare cinema come gesto catartico di liberazione e presa di coscienza
THE_ACT_OF_KILLING-4.jpg

Si dice spesso che la realtà superi la finzione. Ma è anche vero che il cinema può essere ben più tangibile del mondo che ci circonda. Nel cinema documentario accade spesso, grazie a storie di straordinaria potenza che mischiano la Storia con le storie e i racconti, apparentemente piccoli, di ognuno di noi. Dall’8 aprile su IWONDERFULL, la piattaforma streaming Video On Demand di I Wonder Pictures, realizzata in partnership con MYmovies.it, tre grandi documentari sul fare cinema come gesto catartico di liberazione e presa di coscienza. E quando il confine tra finzione e realtà è labile, si entra in una nuova dimensione, Bigger than Life.


Il film della settimana
THE ACT OF KILLING
Joshua Oppenheimer è uno dei più grandi documentaristi viventi. The Act of Killing è il suo primo lungometraggio ed è un capolavoro sconvolgente. Quarantacinque anni dopo il genocidio di un milione di persone, il regista americano va in Indonesia per cercarne i responsabili, i militari del movimento Pancasila che dopo il colpo di stato del 1965 hanno ucciso tutti i possibili oppositori del regime. Oppenheimer li trova e loro raccontano le loro storie, mettendole in scena come in un film. Cinema nel cinema, per raccontare e al contempo fare la Storia. Film straordinario, candidato all’Oscar come miglior documentario, premio che sarebbe arrivato con il seguito The Look of Silence, entrambi film della Unipol Biografilm Collection. L’uscita di The Act of Killing su IWONDERFULL è accompagnata da una Masterclass dedicata a Joshua Oppenheimer, in cui ci racconterà il mistero del suo fare cinema e come si è avvicinato a uomini così pericolosi.


Prima Visione IWonderfull
NOTHINGWOOD PARTY
La Prima Visione IWonderfull della settimana è Nothingwood Party, diretto dalla giornalista francese Sonia Kronlund. Salim Shaheen ama il cinema più di qualunque altra cosa. Maestro della serie Z, ha girato oltre 100 film praticamente a budget zero, con una troupe ridotta all’osso e attori non professionisti. Tutto questo in Afghanistan, nazione perennemente in guerra, ma nonostante ciò Shaheen non ha mai rinunciato al suo sogno.


I Wonder Story
SNOW MONKEY
Sempre in Afghanistan, per l’esattezza a Jalalabad, l’artista e attivista per la pace australiano George Gittoes insediò nel 2011 un centro per le arti, fondando anche una casa di produzione specializzata nella realizzazione in film dedicati alla comunità pashtun, il popolo che vive tra Pakistan meridionale e Afghanistan settentrionale. Secondo Gittoes, arte e cultura sono fondamentali per combattere le inumane condizioni in cui si viene a trovare la popolazione di un paese in guerra. Partendo prima di tutto dai giovanissimi, bambini che vivono in una situazione di trauma e pericolo costanti e a cui Gittoes mette in mano delle telecamere per raccontare la loro quotidianità. Snow Monkey è un documento di eccezionale potenza cinematografica ed emotiva, vincitore del Premio del Pubblico al Biografilm Festival 2016 e inserito nella Unipol Biografilm Collection.


Tutti i film di questa settimana fanno parte della Unipol Biografilm Collection e vengono presentati anche nel circuito di sale virtuali #iorestoINSALA.


Info costi e tutta la programmazione di IWONDERFULL su: www.mymovies.it/ondemand/iwonderfull


www.iwonderfull.it

iwonderpictures.com

facebook.com/iwonderpictures

Sie7e- IV Episodio - Scultura

online
quarto episodio che indaga l’arte della Scultura nella web serie performativa "SIE7E"
quarto episodio che indaga l’arte della Scultura nella web serie performativa "SIE7E"
SIE7E_InstabiliVaganti_IVepisodio_SCULTURA_Photo di Gloria Chillotti (10).jpg

La web serie performativa “SIE7E” (Italia - Spagna, 2021) prosegue la sua indagine tra le sette Arti, attraverso un incontro artistico e culturale a distanza tra Italia e Spagna, con il quarto episodio dedicato alla scultura realizzato tra le suggestive opere della Gipsoteca del Museo Civico Archeologico di Bologna (Via dell’Archiginnasio, 2). Il progetto, ideato e realizzato dalla Compagnia Instabili Vaganti in collaborazione con il collettivo spagnolo Cross Border e il Teatro de la Abadia di Madrid e promosso dall’Istituto Italiano di Cultura di Madrid, esplora in sette episodi i confini tra le Arti e coinvolge nella ricerca artisti spagnoli di diverse discipline, adottando un linguaggio transmediale che combina teatro, arti visive a audiovisive. 

In questo episodio, il quarto dopo l’Architettura, la Danza e le Arti Visive, la Compagnia Instabili Vaganti - formata dalla regista Anna Dora Dorno, dal performer Nicola Pianzola e dal musicista e compositore Riccardo Nanni - indaga l’arte della Scultura attraverso una collaborazione a distanza con il regista, attore e drammaturgo spagnolo Jordi Pérez - già coinvolto nel progetto multidisciplinare Beyond Borders - che qui firma i testi e si cala nel ruolo di voce narrante. Il percorso drammaturgico vede, in questo episodio, il corpo umano quale strumento che si offre alla narrazione, in un continuo rimando tra la fisicità del performer Nicola Pianzola e la plasticità delle opere scultoree - mimesi dell’uomo - qui sottolineata dal sapiente utilizzo in scena di luci monocrome direzionate.

Grazie al supporto del Comune di Bologna e dell’Istituzione Bologna Musei, gli Instabili Vaganti scelgono, come location del quarto episodio, la Gipsoteca del Museo Civico Archeologico di Bologna che ha sede nello storico Palazzo Galvani sin dal 1881, anno della sua inaugurazione. Il museo ospita più di 200.000 opere e si colloca tra le più importanti raccolte archeologiche italiane e tra le più rappresentative della storia locale, spaziando dalla preistoria all’età romana e senza dimenticare la sezione etrusca e una ricchissima sezione egizia, tra le più importanti d’Europa.

Questo episodio segue il III, uscito il 25 marzo, dedicato alle Arti Visive girato in un campo di girasoli della Valsamoggia e dedicato alla figura del pittore Van Gogh e che potete trovare qui

SIE7E - IV Episodio - SCULTURA
Coproduzione
Istituto Italiano di Cultura di Madrid - Instabili Vaganti
Una collaborazione artistica a distanza tra
Instabili Vaganti - Beyond Borders Project - ITALIA
Cross Border - Proyecto CASA - SPAGNA
Regia video
Anna Dora Dorno
Testo originale
Jordi Pérez
Performer
Nicola Pianzola
Musica e suono 
Marco Dalpane - Riccardo Nanni - 7floor
Voce
Jordi Pérez
Riprese video 
Anna Dora Dorno - Raffaello Rossini 
Location
Bologna, Museo Civico Archeologico - Gipsoteca
Video editing & Post production
Anna Dora Dorno - Nicola Pianzola
Un ringraziamento speciale a
Istituzione Bologna Musei|Museo Civico Archeologico
Comune di Bologna
Durata
5’54”


Il quarto episodio sulla Scultura di “SIE7E” è visibile sul canale YouTube degli Instabili Vaganti e sul sito ufficiale della Compagnia.

Foto: Gloria Chillotti

Varichina – La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis

online
docufiction diretta da Mariangela Barbanente e Antonio Palumbo | rassegna online di DER - Documentaristi Emilia Romagna
docufiction diretta da Mariangela Barbanente e Antonio Palumbo | rassegna online di DER - Documentaristi Emilia Romagna
Varichina Press 17.jpg

Al via dal 30 marzo, “Registi on line a primavera – Spring Doc 2021”, la nuova rassegna online promossa dalla DER - Documentaristi Emilia Romagna, che per le quattro settimane primaverili, fino al 26 aprile, porta sulla piattaforma Docacasa.it, quattro documentari della migliore produzione italiana, accompagnati da incontri con i rispettivi autori e disponibili gratuitamente per tutti.
 

Varichina – La vera storia della finta vita di Lorenzo De Santis, la docufiction diretta da Mariangela Barbanente e Antonio Palumbo, storia tragicomica tra realtà e immaginazione, di Lorenzo De Santis, omosessuale nella Bari degli anni ’70 dove faceva il posteggiatore abusivo, puliva i bagni pubblici, era stato anche chaperon di prostitute e prima ancora venditore di candeggina porta a porta, da cui il suo soprannome.
 

I due registi, entrambi baresi, incontreranno il pubblico su Docacasa.it, sabato 17 aprile, sempre alle 18.
 

Per seguire “Registi on line a primavera” basta andare sul sito www.docacasa.it

VideoDante # India

online
web serie performativa in sette episodi per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta
web serie performativa in sette episodi per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta
videodante.jpg

VideoDante è un progetto di teatro virtuale ideato e diretto dalla Compagnia teatrale Instabili Vaganti che celebra il VII centenario della morte del sommo poeta e che trae ispirazione dalle sue opere, in particolare La Divina Commedia. Nel capitolo indiano in sette episodi VideoDante # India - prodotto dall’Istituto Italiano di Cultura di New Delhi insieme al Consolato Generale d’Italia a Calcutta - la pluripremiata regista Anna Dora Dorno e il performer Nicola Pianzola, accompagnati dal musicista e compositore Riccardo Nanni, realizzano una collaborazione artistica a distanza con la danzatrice Anuradha Venkataraman e con il giovane video maker Ashwin Iyer, portando l’universo della Divina Commedia e le sue relazioni con la filosofia e la spiritualità indiana sul palcoscenico virtuale del web, attraverso azioni performative, teatrali e di danza.

La web serie - visibile sui canali social della Compagnia e dell’ IIC di New Delhi - coniuga letteratura e arti performative attraverso un linguaggio sperimentale che unisce la poesia dei canti danteschi alle “mudra”, quei gesti simbolici delle mani usati durante le danze tradizionali indiane.

Il progetto di teatro virtuale "VideoDante”  è tra gli eventi di “DANTE 700 nel Mondo”, il programma del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale che celebra i 700 anni dalla morte del sommo Poeta.


VIDEODANTE # India
Produzione Istituto Italiano di cultura di New Delhi
Web video performance series, Italy-India 2021    

Regia: Anna Dora Dorno
Video editing: Nicola Pianzola
Performer: Anna Dora Dorno, Anuradha Venkataraman e Nicola Pianzola
Musiche originali e sound editing: Riccardo Nanni – 7 Floor

GUARDA IL TRAILER


Le prossime date della web serie performativa a questo link


canale Youtube Instabili Vaganti.

facebook.com/instabilivaganti.compagniateatrale

instabilivaganti.com

Zoomer VS Boomer

online
ciclo di incontri online, paralleli per adolescenti e genitori 
ciclo di incontri online, paralleli per adolescenti e genitori 
zoomer boomer.jpg

Ciclo di incontri online, paralleli per adolescenti e i loro genitori per la corretta informazione in rete e per il contrasto delle fake news e dell'hate speech online.

Incontri dedicati a genitori con figli/e dai 13 ai 18 anni.
Posti limitati, l'accesso verrà fornito una volta effettuata l'iscrizione obbligatoria.

A cura di ABC Digitale Open Group.

Gli incontri rivolti alle ragazze e ai ragazzi saranno tenuti dalla D.ssa Janice Diamantino Caribè, educatrice e formatrice.
Gli incontri rivolti ai genitori saranno tenuti dalla D.ssa Damiana Aguiari, giornalista.

Questo ciclo è frutto della co-progettazione di Panigale anche noi. Una biblioteca aperta a tutti, finanziato dal Piano Cultura Futuro Urbano, Biblioteca Casa di Quartiere del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

Per info e iscrizioni 051 404930 - bibliotecaborgopanigale@comune.bologna.it

Arte, politica e mercato per Roma capitale. Un dibattito

online
Conferenza di Paolo Coen e Bruno Toscano | I mercoledì di S. Cristina. Incontri con l’arte 2021
Conferenza di Paolo Coen e Bruno Toscano | I mercoledì di S. Cristina. Incontri con l’arte 2021
Coen_Toscano-locandina-dettaglio.jpg

I MERCOLEDÌ DI S. CRISTINA - INCONTRI CON L’ARTE 2021. Mirando a un confronto sempre stimolante e propositivo, le sezioni di Arti Visive del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna si aprono alla Città, organizzando un ciclo di conferenze e di presentazioni di libri su temi della storia dell’arte nelle sue più diverse manifestazioni e metodologie. L’intento è mostrare la vitalità e la ricchezza di prospettive con le quali sono oggi praticati la ricerca e l’insegnamento delle discipline storico-artistiche.


Mercoledì 14 aprile 2021, dalle 17:00 alle 19:00

ARTE, POLITICA E MERCATO PER ROMA CAPITALE. UN DIBATTITO
Conferenza di Paolo Coen (Università degli Studi di Teramo)
e Bruno Toscano (Università Roma Tre)

Coordina Donatella Biagi Maino

All’indomani del 20 settembre 1870 Roma, la nuova capitale del Regno d’Italia, cercò di riappropriarsi di un ruolo di primo piano nell’arte occidentale, in contrasto profondo e deliberato con Parigi, intesa come la città della moda, ma anche della Comune e degli impressionisti. Un recente volume di Paolo Coen, uscito nella primavera del 2020, mette in luce i meccanismi di questo tentativo sul piano dell’architettura, della politica, dell’imprenditoria e del mercato dell’arte, che, per quanto diversi, trovarono un momento comune nel recupero del linguaggio del Rinascimento maturo. Ne emerge un profilo di Roma inedito e in larga misura diverso dal solito: personalità già note da tempo, come il duca Michelangelo Caetani, il principe Baldassare Odescalchi, l’architetto e restauratore Camillo Boito o l’architetto statunitense Charles F. McKim, sono messe in rapporto con altre invece per molti anni rimaste sepolte in archivio, dall’imprenditore del bronzo Alessandro Nelli allo scultore e mercante Orazio Andreoni.


Diretta streaming sulle pagine Facebook di DAMSLab/La Soffitta e dei CdL DAMS e Arti Visive

Cook & GO kids

online
Laboratori online a cura di Associazione MondoDonna Onlus e biblioNOI in tre biblioteche del territorio
Laboratori online a cura di Associazione MondoDonna Onlus e biblioNOI in tre biblioteche del territorio
166715325_4164214370263917_8637447945831981054_n.jpg

Cook & GO kids è un ciclo di laboratori online a cura di Associazione MondoDonna Onlus e biblioNOI che coinvolge tre biblioteche per tre cicli di incontri:
 

Biblioteca “G. C. Croce” sezione Ragazzi e Biblioteca “R. Pettazzoni” di San Giovanni in Persiceto

Biblioteca Ragazzi di San Pietro in Casale

Biblioteca Jorge Luis Borges del Quartiere Porto-Saragozza

Si tratta di un format dedicato a bambini e bambine dai 5 agli 8 anni e le loro famiglie, con l’obiettivo di coniugare il tema del cibo con i libri e la creatività.

I laboratori pratici si concentreranno sulla creazione di preziosi ricettari di famiglia, veri e propri piccoli libri d’artista, con l’obiettivo più ampio di rafforzare la solidarietà e coesione sociale tra donne migranti e madri di provenienza diversa, e il tessuto sociale cui riferiscono attraverso la trasmissione interculturale delle proprie tradizioni culinarie.
 

Programma; tutti gli incontri si terranno alle 17.30

  • 1 aprile dalla Biblioteca Ragazzi di San Pietro in Casale
  • 7 aprile dalla Biblioteca Jorge Luis Borges 
  • 9 aprile dalla Biblioteca di San Giovanni in Persiceto
  • 14 aprile dalla Biblioteca Jorge Luis Borges 
  • 15 aprile dalla Biblioteca Ragazzi di San Pietro in Casale
  • 16 aprile dalla Biblioteca di San Giovanni in Persiceto
  • 21 aprile dalla Biblioteca Jorge Luis Borges 
  • 23 aprile dalla Biblioteca di San Giovanni in Persiceto
  • 29 aprile dalla Biblioteca Ragazzi di San Pietro in Casale


Maggiori informazioni su modalità e materiale necessario ai laboratori sulla pagina di Mondodonna Onlus

Host in Translation

online
Dialoghi in lingua per leggere il mondo
Dialoghi in lingua per leggere il mondo
Host in Translation_logo.jpg

In live streaming sul sito www.mulino.it, sulla pagina Facebook @edizioni.mulino e sul canale YouTube Edizioni del Mulino, un dialogo a distanza tra gli autori stranieri del Mulino e un interlocutore specializzato, introdotto dall’editor di riferimento del Mulino, per una riflessione ampia sui tanti tempi di competenza e sulle relative proposte editoriali, per avere una lettura di prima mano da parte dei grandi autori del panorama culturale internazionale. 

Tutti gli incontri: 

  • mercoledì 10 marzo ore 18

A talk with Antoine Garapon
Justice Digitale, con Maria Rosaria Ferrarese
Introduce Daniela Bonato
A partire dal volume La giustizia digitale (scritto con Jean Lassègue)
Per seguire l’evento

  • lunedì 15 marzo ore 18 

A talk with Georg Northoff
The time code
Introduce Daniele Malaguti
A partire dal volume Il codice del tempo

  • mercoledì 24 marzo ore 18 

A talk with Anne Case and Angus Deaton, premio Nobel per l'economia
Deaths of Despair and the Future of Capitalism, con Alessandro Merli 
Introduce Monica Albertoni 
A partire dal volume Morti per disperazione e il futuro del capitalismo, in libreria dal 18 marzo

  •  mercoledì 14 aprile ore 18 

A talk with Richard Baldwin
The Globotics Upheaval, con Alessandro Merli 
Introduce Monica Albertoni 
A partire dal volume Rivoluzione Globotica 

  • mercoledì 21 aprile ore 15

A talk with Bina Agarwal, premio Balzan 
Gender, Poverty and Inequality, con Alessandro Merli
Introduce Monica Albertoni 
A partire dal volume Disuguaglianze di genere nelle economie in via di sviluppo a cura di Alberto Quadrio Curzio, in libreria dall'8 aprile


Tutti gli incontri sono liberi e gratuiti 

L'iniziativa è realizzata con la sponsorizzazione di UniCredit e con il patrocinio di Confindustria Emilia

Tessitrici di pensieri

online
Laboratorio di Scrittura Espressiva
Laboratorio di Scrittura Espressiva
tessitrici.png

Armonie Associazione di Donne per le Donne organizza un laboratorio di scrittura espressiva:

Scopo del laboratorio è diventare tessitrici di pensieri che si dipanano nel vivere e nell'immaginare. Rintracciare questi fili personali vuol dire rivivere ricordi, ritrovare storie lontane che però hanno contribuito a definire il nostro essere, sono presenti nel nostro pensare e fare di oggi.
Fili che connettono radici e prospettive di futuro e rimandano alla tessitura, all’intreccio, alla propria tela originale ma anche alle sfaccettature delle trame di tutte le partecipanti del laboratorio. La scrittura è porta di accesso all’interiorità ma anche apertura al mondo.

Nel laboratorio nascono così testi e si crea anche un clima d’intesa tra le partecipanti.
La conduttrice propone uno spazio/tempo piacevole dove si è attente a sé e alla relazione reciproca: chi conduce e la struttura del laboratorio con le sue regole permettono di produrre elaborati personali, la lettura dei propri testi e la sospensione di giudizio favorisce la fiducia e il vicendevole ascolto.

Gli incontri si terranno su piattaforma Zoom e sono coordinati da Carmen Balsamo

Dettagli, costi e modalità di parecipazione sulla pagina Facebook del corso
Info biblioteca@armoniedonnebologna.it 


 

Fratture

online
Una storia di svolte tecnologiche  | Incontri in diretta streaming
Una storia di svolte tecnologiche  | Incontri in diretta streaming
Fratture_Banner.jpg

La Storia dimostra di andare avanti spesso per fratture, strappi, svolte, legati anche a piccoli eventi ma capaci di mutare la società e spesso sono scosse tecnologiche: invenzioni, scoperte, soluzioni che cambiano la vita, la società perfino la mentalità dell'uomo. Quali sono state le svolte/fratture della nostra Storia recente? E come hanno cambiato, spesso anche in maniera imprevista, la nostra società? “Fratture. Storie di svolte tecnologiche" è un ciclo di 3 incontri che si propone di analizzare alcuni grandi e piccoli eventi che hanno scosso la nostra Storia a partire dal '900. Con Stefania Carini.​

mercoledì 17 febbraio 2021, ore 18:30
Il vaccino e la salute pubblica

I vaccini, e la loro diffusione di massa, hanno mutato il nostro rapporto con le malattie. Dal vaccino antipolio fino a quello contro il Covid-19. Stefania Carini dialoga con Giacomo Papi, giornalista e scrittore, autore di Happydemia (Feltrinelli), e Guido Silvestri, MD, Professor & Chair, Emory University, Atlanta

mercoledì 17 marzo 2021, ore 18:30
La plastica tra uso, abuso, riciclo

La plastica ha cambiato il nostro mondo “materiale”, tra uso industriale e quotidiano, fino a diventare moda e design. Ora cambia ancora per una maggiore sostenibilità. Stefania Carini incontra Chiara Alessi, esperta di design e saggista (Tante care cose, Loganesi)

mercoledì 14 aprile 2021, ore 18:30
Il primo sito web e il mondo nuovo

Trenta anni fa nasceva il primo sito web. Da allora internet, e tutto quello che contiene e permette, dai social allo streaming, ha creato un mondo nuovo. Stefania Carini dialoga con Marianna Aprile, giornalista e scrittrice (Il Grande Inganno, Piemme)


Gli incontri vengono trasmessi in diretta streaming sulla pagina facebook e sul canale YouTube di CUBO

Ingresso libero


facebook.com/cubounipol

canale youtube

cubounipol.it

Verso uno spazio verde aperto a tutti

online
incontro pubblico di presentazione del percorso per creare uno spazio verde alla biblioteca di Borgo Panigale.
incontro pubblico di presentazione del percorso per creare uno spazio verde alla biblioteca di Borgo Panigale.
Panigaleanchenoi_banner_sito_FIU.png

Il percorso Verso uno spazio verde aperto a tutti prevede di riqualificare e ampliare l’area verde davanti alla biblioteca di Borgo Panigale con interventi leggeri per favorire la socialità e renderlo adatto a ospitare sia la lettura individuale che piccoli incontri collettivi. 

Il percorso rientra nel progetto Pangale anche noi, una biblioteca aperta a tutti vincitore di un finanziamento del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo – Piano Cultura Futuro Urbano allo scopo di promuovere iniziative culturali nelle periferie delle città metropolitane e nei capoluoghi di provincia di tutta Italia ed è in linea con gli obiettivi del Patto per la lettura di Bologna.

In particolare, l’avviso Biblioteca: casa di quartiere era volto proprio a finanziare progetti che mirassero a diversificare e ampliare l’offerta culturale delle biblioteche diffuse sul territorio, quali luoghi sempre più centrali per la vita delle comunità.
Il percorso è coordinato da Istituzione Biblioteche Bologna, Quartiere Borgo Panigale-Reno e Fondazione per l’Innovazione Urbana..

Obiettivi del percorso:
- definire e sperimentare nuovi usi dello spazio esterno alla biblioteca
- realizzare il nuovo spazio in auto-costruzione
- co-progettare e organizzare iniziative per vivere insieme il nuovo spazio. 

Il primo incontro è l’occasione per presentare il percorso e coinvolgere le realtà interessate a partecipare. 
Per partecipare è necessario iscriversi compilandoi il modulo.
Dopo l’iscrizione si riceverà via mail il link per partecipare all’incontro che si svolge in modalità digitale. 

L’intervento è a cura del Centro Antartide

Conversazioni aperte | presenze possibili

online
Conversazioni per tenere aperta la mente. Un ciclo di incontri per dialogare sulla presenza, il presente e sull'essere presenti da prospettive ogni volta diverse.  
Conversazioni per tenere aperta la mente. Un ciclo di incontri per dialogare sulla presenza, il presente e sull'essere presenti da prospettive ogni volta diverse.  
CONVERSAZIONI APERTE.png

Mercoledì ore 18.45  in diretta streaming sulla pagina fb di Samà

  • 24 marzo ore 18.45
    Enrica Sangiovanni e Franca Zagatti
  • 31 marzo ore 18.45
    Simona Brighetti e Elena Di Gioia
  • 7 aprile ore 18.45
    Fulvio Bugani e Alessandro Cannella
  • 14 aprile ore 18.45
    Paolo Ballarin e Pierluigi Musarò
  • 21 aprile ore 18.45
    Simona Bertozzi e Enrico Pitozzi

I mercoledì di Samà | progetto a cura di Samà aps
 

Premio Strega: Il libro delle case

online
presentazione online del libro di Andrea Bajani
presentazione online del libro di Andrea Bajani
9788807034336_0_0_626_75.jpg

ll candidato al Premio Strega Andrea Bajani presenta Il libro delle case (Feltrinelli).
Dialoga con l'autore Valentina Maini.

A quante parti di noi siamo disposti a rinunciare per continuare a essere noi stessi? E soprattutto: dove abbiamo lasciato ciò che non ci siamo portati dietro? Quali case lo custodiscono in segreto o lo tengono in ostaggio? Per raccontare la vita di un uomo, l’unica possibilità è setacciare le sue case, cercare gli indizi di quel piccolo inevitabile crimine che è dire “io” sapendo che dietro c’è sempre qualche menzogna. Il libro delle case è la storia di un uomo – “che per convenzione chiameremo Io” –, le amicizie, il matrimonio nel suo rifugio e nelle sue ferite, la scoperta del sesso e della poesia, il distacco da una famiglia esperta in autodistruzione.
La storia di Io salta di casa in casa, su e giù nel tempo, ciascuna è la tessera di un puzzle che si compone tra l’ultimo quarto del millennio e il primo degli anni zero: è giovane amante di una donna sposata in una casa di provincia, infante che insegue una tartaruga in un appartamento di Roma mentre dalla tv si rovesciano le immagini di Aldo Moro sequestrato e del corpo di Pasolini rinvenuto all’Idroscalo; è marito in una casa borghese di Torino, bohémien in una mansarda di Parigi e adulto in carriera in un albergo londinese; ragazzo preso a pugni dal padre in una casa di vacanza, e studente universitario buttato sopra un materasso; poi semplicemente un uomo, che si tira dietro la porta di una casa vuota.
Costruito come una partita di Cluedo o un poliziesco esistenziale, Il libro delle case è un viaggio attraverso i cambiamenti degli ultimi cinquant’anni, nelle sue geografie, nelle sue architetture reali così come in quelle interiori, i luoghi da cui veniamo e quelli in cui stiamo vivendo, le palazzine di periferia degli anni sessanta, lo sparo che cambia il corso della storia, e il bacio rubato dietro una tenda. In un romanzo unico per costruzione, poesia e visionarietà, Bajani traccia il grande affresco di un’educazione sentimentale a metri quadri.
La vita che succede è soprattutto la vita nelle stanze.
.

Incontro online sulla pagina Facebook de La confraternita dell'uva.

Cibi Cose Città. Stagione finale

online
nell’ambito di Dire fare fondare
nell’ambito di Dire fare fondare
cibi.png

Tre nuovi appuntamenti per il format di show cooking in streaming che unisce cucina, teatro e immaginazione della città del futuro. Studentesse e studenti di Bologna, assieme alla compagnia permanente di ERT, si cimenteranno in nuove ricette alla ricerca degli ingredienti per fondare una nuova città, con la speciale collaborazione di alcune realtà associative della città di Bologna. Gli spettacolo digitali vengono trasmessi pubblicamente sui canali social del progetto Dire+Fare=Fondare.

#1
Una pizza per mestiere
Mercoledì 14 aprile // ore 19.00

Trasmesso sulla pagina Dire+Fare=Fondare (è possibile collegarsi anche senza essere registrarsi alla piattaforma)

Show Cooking Letterario con la classe 1G – corso DOC del Liceo Laura Bassi di Bologna, la prof.ssa Lucia Lanzarini e con la partecipazione della compagnia permanente di Emilia Romagna Teatro Fondazione

Nell’ultimo anno ci siamo riscoperti tutti fornai e pizzaioli domestici, abbiamo sperimentato farine, impasti e ricette di cui siamo diventati dei veri e propri professionisti: abbiamo riscoperto un mestiere! Ma quali saranno i lavori della città del futuro?

A partire dai diversi tipi di pizza, studentesse e studenti trattegeranno i caratteri dei mestieri con i quali fondare la città del futuro: mestieri plausibili, immaginabili, ma anche fantastici e inaspettati prenderanno vita anche grazie all’intervento delle attrici e agli attori della compagnia permanente di ERT. Una pizza per mestiere apre la stagione finale di Cibi Cose Città, lo show cooking che riscrive i connotati della città di domani a colpi di cucina.


Dire+Fare=Fondare è parte di Così sarà! La città che vogliamo, un progetto promosso dal Comune di Bologna, realizzato da Emilia Romagna Teatro Fondazione, finanziato dall’Unione Europea – Fondo Sociale Europeo, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020
www.cosisara.it Instagram / Facebook

ClassicadaMercato

online
nove concerti inediti in diretta sul canale YouTube dell’Orchestra Senzaspine
nove concerti inediti in diretta sul canale YouTube dell’Orchestra Senzaspine
CLASSICAdaMercato.jpg

Dopo le rassegne primaverili Sul tuo Schermo e MercatoSenzaspine, si amplia l’offerta culturale dell’Orchestra Senzaspine e del Mercato Sonato che, dopo la sospensione delle attività aperte al pubblico a seguito degli ultimi DPCM dei mesi scorsi, propone in live streaming il consueto appuntamento di musica classica del mercoledì: ClassicadaMercato. Sono nove i concerti inediti che verranno realizzati al Mercato Sonato – senza pubblico in sala –, con la regia di Daniele Poli (StreetStyleStudio) e l’audio e le luci di Mattia Garoia per il palinsesto sul canale YouTube dell’Orchestra, in onda ogni mercoledì dal 3 marzo al 28 aprile sempre alle 20.30. Gli appuntamenti, introdotti dai direttori dell’Orchestra Senzaspine Tommaso Ussardi e Matteo Parmeggiani, prevedono gli ensemble cameristici Senzaspine in un repertorio che spazia dal classicismo di Haydn, al romanticismo di Brahms e Beethoven e fino a pagine impressionistiche di Musorgskij e Ravel.
I concerti sono tutti gratuiti e per chi ha piacere può sostenere la rassegna facendo una donazione tramite la piattaforma Paypal.

Mercoledì 3 marzo, ore 20.30
Francesco Checchini, flauto
Anna Sorgentone, oboe
Emilio Checchini, clarinetto
Tommaso Bemporad, corno
Riccardo Rinaldi, fagotto
Musiche di Ottorino Respighi, Franz Danzi e Jacques Ibert 


Mercoledì 10 marzo, ore 20.30
Elisa Bonazzi, voce 
Stella Degli Esposti, viola
Fabio Gentili, pianoforte
Musiche di Johannes Brahms, Frank Bridge, Giya Kancheli, Benjamin Britten


Mercoledì 17 marzo, ore 20.30
Pietro Fabris, violino 
Giulio Montanari, corno 
Fabio Gentili, pianoforte
Musiche di Johannes Brahms
 

Mercoledì 24 marzo, ore 20.30
Mariella Francia, clarinetto
Annalisa Meloni, clarinetto
Martina Di Falco, clarinetto 
Nicolas Palombarini, clarinetto
Davide Testa, percussioni
Paolo Andreotti, percussioni
Jordi Tagliaferri, percussioni
Stefano Barbato, percussioni
Musiche di Modest Musorgskij


Mercoledì 31 marzo, ore 20.30
Agnese Maria Balestracci, violino
Clara Sette, violoncello
Margot Miani, pianoforte
Musiche di Johannes Brahms e Ludwig van Beethoven
 

Mercoledì 7 aprile, ore 20.30
Marco Trebbi, tromba
David Salvage, pianoforte
Musiche di Giuseppe Torelli, Franz Joseph Haydn, David Salvage, Joseph Guy Marie Ropartz, Paul Hindemith e Frederick Thorvald Hansen
 

Mercoledì 14 aprile, ore 20.30
Isac Federico Macrí, violoncello
Luca Orlandini, pianoforte
Musiche di Ludwig van Beethoven


Mercoledì 21 aprile, ore 20.30
Akanè Ogawa, voce
Stefano Deotto, flauto
Pietro Fabris, violino 
Antonio Silvestro Salvati, violoncello 
Francesca Fierro, pianoforte
Musiche di Maurice Ravel


Mercoledì 28 aprile, ore 20.30
Pietro Fabris, violino
Francesco Ricci, pianoforte
Musiche di Richard Strauss

Beethoven, i 'suoi' scrittori e i 'suoi' registi.

online
Scritture, forme musicali, immagini, montaggi, un’eterna ghirlanda brillante tra la musica e le sue narrazioni
Scritture, forme musicali, immagini, montaggi, un’eterna ghirlanda brillante tra la musica e le sue narrazioni
Mahler-Beethoven-banner-1024x576.jpg

Mappature e intrecci, letture, ascolti e visioni beethoveniani con Emanuela Marcante e Daniele Tonini. UNIBO- Dottorato Letterature europee – Erasmus mundi

  • 4 marzo 2021, I incontro | online
    Forme di pathos: da E.T.A Hoffmann a Thomas Mann (passando per Heine, Balzac, Tolstoi, Gide, Hugo, Proust, Stefan Zweig e vari altri) Beethoven nella letteratura e nelle sue “inversioni energetiche”.
    La scoperta del potere straordinariamente e attivamente “energetico” e trascinante del genio beethoveniano, politico, rivoluzionario ma uguamente e empaticamente umano e consolatorio (da “compagno di strada” toccato da mille disgrazie) mette in azione nuove forme, ritmi, paesaggi musicali che – con gradazioni, collocazioni e tempi diversi – irrompono nel vissuto sociale e nell’immaginario letterario. A partire dalla Quinta Sinfonia fino all’apoteosi della Nona.
     
  • 11 marzo 2021, II incontro | online
    Beethoven sulle macerie: dalla fine del nazismo alla nuova vita di icona pop del dopoguerra e di simbolo europeo.
    Riannodando le fila di una fascinazione dalla “rinuncia” a Beethoven nel Doctor Faustus di Mann alla “ricostituzione della magia” di Beethoven (con il Trio dell’Arciduca) in Kafka sulla spiaggia di Murakami e al futuro “ambientalista” della sua musica nel Pastoral Project (passando attraverso la fantascienza, il fantastico e la distopia inglesi e americani fino ai graphic novel, e quindi attraverso Heinrich Böll e Günther Grass, Milan Kundera, Elie Wiesel, Nadine Gordimer, i temi razziali e il femminismo e altro ancora)
     
  • 15 aprile, III incontro | Via Centrotrecento 18, Aula D ore 15-17
    Prénom Ludwig van, storie di cinema: reinvenzioni biografiche e creazioni letterarie e visive, che si confrontano con il genio e il mito beethoveniani, nell’esaltazione e nella manipolazione, nell’evocazione e nell’adattamento della sua musica e della sua figura alle inquietudini e ai desideri del Novecento e quindi della nostra contemporaneità. Seguiremo le prime “apparizioni sullo schermo” del compositore nel grandioso simbolismo delcinema di Abel Gance degli inizi del Novecento fino alla produzione del secondo dopoguerra e della nostra contemporaneità, fermandoci sull’utilizzo dirompente di musica e riferimenti beethoveniani in Stanley Kubrick (la Nona Sinfonia) e Jean Luc Godard (gli ultimi Quartetti) come nel dissacrante Ludwig Van di Mauricio Kagel (per le celebrazioni beethoveniane del 1970) e quindi anche nelle tracce disseminate da Billy Wilder, da Hitchcock, da James Ivory, da Fassbinder o da Werner Herzog, da Woody Allen o dai fratelli Coen nei loro film. Una mappatura di narrazioni visive che con la musica di Beethoven si sono confrontate fortemente, duramente e appassionatamente.

Al mio migliore amico. La singolare relazione epistolare tra Čajkovskij e la baronessa Nadežda von Meck

online
Bologna Festival 2021 | 40^ edizione | Carteggi Musicali 
Bologna Festival 2021 | 40^ edizione | Carteggi Musicali 
Villa_Belpoggio.jpg

Giovedì 15 aprile 2021
Sala della Musica di Villa Belpoggio
«Al mio migliore amico» 
La singolare relazione epistolare tra Čajkovskij e la baronessa Nadežda von Meck
conversazione e letture a cura di ALBERTO BATISTI
introduzione storico-artistica della sala a cura di Jadranka Bentini
esecuzioni al pianoforte STEFANO CAMPANINI 

Čajkovskij
Canzone triste op.40 n.2

Čajkovskij
Le Stagioni op.37a (estratti)
 1 Gennaio: Presso il caminetto
 5 Maggio: Notti bianche
 6 Giugno: Barcarola
11 Novembre: Troika

Carteggi Musicali, come un preludio alla stagione di concerti, cambia scenario e si trasferisce nei salotti di storiche dimore bolognesi. Quattro conversazioni-concerto in streaming dedicate agli epistolari di Puccini, Čajkovskii, Beethoven e Šostakovič.


Eventi in streaming sul sito www.bolognafestival.it, YouTube e canali social 

Caleidoscopio Giappone 2021

online
incontri dedicati alla cultura, all’arte e alle tradizioni giapponesi
incontri dedicati alla cultura, all’arte e alle tradizioni giapponesi
caleidoscopio_giappone_2021.jpg

Si svolge interamente online quest’anno Caleidoscopio Giappone, il programma di incontri dedicati alla cultura, all’arte e alle tradizioni giapponesi, organizzato dal Sistema Museale di Ateneo e il Centro Studi d’Arte Estremo-Orientale, in collaborazione con l’Università di Yamagata. Gli incontri approfondiscono tematiche legate alla mostra La tradizione rinnovata. L'arte giapponese dell'era Meiji (1868-1912). L'esposizione, attualmente chiusa al pubblico, riaprirà non appena le normative lo consentiranno.

Questi gli incontri in programma:


sabato 10 aprile 2021, ore 17.00
L'ERA MEIJI (1868-1912): LE ORIGINI DEL GIAPPONE MODERNO
Alessandro Guidi | Centro Studi d’Arte Estremo-Orientale

L'era Meiji è il periodo più movimentato e più ricco di cambiamenti della storia giapponese. In quei 44 anni di modernizzazione e di occidentalizzazione il Giappone è stato protagonista di una trasformazione così radicale dei suoi assetti politici, militari, amministrativi, economici e culturali da avere pochi confronti nella storia mondiale.


giovedì 15 aprile 2021, ore 17.00
CONTINUITÀ E DISCONTINUITÀ NELLA CULTURA GIAPPONESE. COM'È CAMBIATO IL GIAPPONE PRIMA E DOPO IL 1868
Harufumi Yamamoto | Università di Yamagata

Con la forzata apertura del paese al mondo esterno nel 1853 e la seguente caduta della dittatura militare dei Tokugawa, il Giappone si modernizzò molto rapidamente e il movimento di acquisizione della cultura occidentale fu sorprendentemente veloce. Che cosa è continuato e che cosa invece si è arrestato, prima e dopo il 1868, in quel periodo di grandi cambiamenti?


martedì 20 aprile 2021, ore 17.00
STORIA DELLA LUNA NELL'ARTE. COME SI È GIUNTI AI "CENTO ASPETTI DELLA LUNA" DI YOSHITOSHI
Koto Satô | Università di Yamagata

La luna è qualcosa di intimo nella vita dei giapponesi ed è stata raffigurata e cantata in un grande numero di opere artistiche e letterarie. Questa breve storia della luna ci condurrà fino alla serie di cento xilografie, molto popolare in Giappone, Tsuki hyakushi (Cento aspetti della luna) di Tsukioka Yoshitoshi (1839-1892), una tra le vette artistiche dell'era Meiji.


sabato 24 aprile 2021, ore 17.00
IL NATURALISMO LIRICO DI WATANABE SEITEI (1851-1918)
Giovanni Peternolli | Centro Studi d’Arte Estremo-Orientale

Watanabe Seitei è stato uno dei maggiori artisti dell’era Meiji, per la straordinaria raffinatezza delle sue tecniche pittoriche e per il delicato lirismo della sua ispirazione. Specializzato nel genere pittorico detto “fiori e uccelli” (kachôga), Seitei fu apprezzato anche in Europa: a Parigi fu protagonista di alcune dimostrazioni di pittura tradizionale giapponese, che suscitarono l'entusiasmo di artisti come Manet, Degas e De Nittis.


Tutte le conferenze si svolgono online su una piattaforma di web conference. Per ricevere il link di accesso è necessario registrarsi entro le ore 15.00 del giorno dell'incontro.
REGISTRAZIONI A QUESTO LINK

Le conferenze verranno trasmesse anche in diretta streaming sulla pagina Facebook del Sistema Museale di Ateneo.

Leggere la storia del PCI

online
ciclo di seminari di discussione e riflessione sulla storia del comunismo italiano 
ciclo di seminari di discussione e riflessione sulla storia del comunismo italiano 
unnamed.png

Nel 2021 ricorre il centenario della nascita del Partito Comunista Italiano. Per riflettere su tale avvenimento fondamentale nella storia politico-culturale italiana del Novecento, la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna prevede una fitta serie di attività dedicate alla ricerca, allo studio, alla riflessione ed al dibattito intorno alla storia del Pci, con particolare – benché non esclusiva  attenzione alla esperienza dell’Emilia-Romagna.

LEGGERE LA STORIA DEL PCI è un ciclo di seminari di discussione e riflessione sulla storia del comunismo italiano con riferimento alla bibliografia pubblicata nel sito della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna nella pagina dedicata al centenario del PCI.

Questi i primi due appuntamenti:

  • Martedì 23 marzo 2021 ore 17.00
    Percorsi e biografie nello stalinismo

    Mauro Boarelli, Patrick Karlsen coordina Paolo Capuzzo
    In occasione della pubblicazione di Vittorio Vidali. Vita di uno stalinista (1916-1956) di Patrick Karlsen (Il Mulino, 2019) e della riedizione di La fabbrica del passato. Autobiografie di militanti comunisti (1945-1956) di Mauro Boarelli (Quodlibet, 2021) con la prefazione di Carlo Ginzburg
    QUI IL VIDEO

  • Giovedì 15 aprile 2021 ore 17.00
    I comunisti italiani e la sinistra europea
     
    Michele Di Donato, Marica Tolomelli coordina Roberto Ventresca
    A partire dal volume I comunisti italiani e la sinistra europea: il Pci e i rapporti con le socialdemocrazie (1964-1984) di Michele Di Donato (Carocci, 2015)

>> Qui il link per iscriversi e ricevere il link per accedere alla stanza ZOOM: https://tinyurl.com/Leggerelastoriadelpci


Il ciclo di seminari è a cura del gruppo di ricerca sulla storia del PCI della Fondazione Gramsci Emilia-Romagna coordinato da Paolo Capuzzo (Università di Bologna) e Luca Baldissara (Università di Pisa) ed è composto da Federico Creatini, Elena Davigo, Teresa Malice, Enrico Pontieri, Toni Rovatti, Bruno Settis, Roberto Ventresca, Andrea Ventura.

I seminari e i dibattiti ruoteranno intorno a ricerche e pubblicazioni sulla storia del Pci con l’obiettivo, da una parte, di promuovere un confronto critico intorno agli studi recenti ed alle ricerche in corso, e, dall’altra, di proporre una riconsiderazione critica di contributi apparsi in anni ormai lontani ma ritenuti ancora utili ad una discussione scientifica e politico-culturale intorno alla storia del comunismo ed alla concreta esperienza politica, culturale e sociale dei comunisti.

Le letture proposte si snoderanno tra nuove tendenze storiografiche sulla storia del Pci – pubblicate tra il 2015 e il 2020 – e la rilettura di alcuni testi di riferimento per lo studio della storia del Pci, con un’attenzione particolare alla tipologia ed alle modalità d’impiego delle fonti che di volta in volta sono state utilizzate per scriverla.

Qui la pagina sul centenario 

I musei di Federico Zeri

online
sette incontri in streaming dedicati ad altrettanti musei e collezioni di cui Federico Zeri ha curato i cataloghi | 2021 Anno Zeri
sette incontri in streaming dedicati ad altrettanti musei e collezioni di cui Federico Zeri ha curato i cataloghi | 2021 Anno Zeri
I musei di Federico Zeri.jpeg

Su Zoom e sulla pagina Facebook della Fondazione Zeri, una rassegna di sette incontri in streaming dedicati ad altrettanti musei e collezioni di cui Federico Zeri ha curato i cataloghi. La catalogazione era per Zeri strumento fondamentale di conoscenza e tutela. E una delle necessità che torna in maniera costante lungo tutta la sua carriera è proprio l’attenzione alla salvaguardia del patrimonio artistico. Musei e collezionisti commissionarono allo studioso il catalogo delle loro opere. Dai primi cataloghi compilati negli anni Cinquanta per le grandi collezioni fidecommisarie romane, Galleria Spada (1954) e Galleria Pallavicini (1959), a quelli dei dipinti italiani conservati in musei americani, come il Metropolitan di New York (1971-86) e la Walters Art Gallery di Baltimora (1976), modelli insuperati di connoisseurhip. Fino ai cataloghi di prestigiose raccolte private come quelle di Alberto Saibene, Vittorio Cini e Frederick Mason Perkins.


Giovedì 18 marzo 2021, ore 17.30
LA GALLERIA SPADA A ROMA
Raccontata da Liliana Barroero e Adriana Capriotti


Giovedì 25 marzo 2021, ore 17.30
LA COLLEZIONE DI PITTURA ITALIANA DEL WALTERS ART MUSEUM DI BALTIMORA
Raccontata da Andrea De Marchi e Joaneath Spicer


Giovedì 15 aprile 2021, ore 17.30
LA COLLEZIONE DI PITTURA ITALIANA DEL METROPOLITAN MUSEUM DI NEW YORK
Raccontata da Andrea Bacchi e Luca Mattedi


Giovedì 22 aprile 2021, ore 17.30
LA COLLEZIONE MASON PERKINS DI ASSISI
Raccontata da Federico Zeri
con un intervento di Giacomo Alberto Calogero


Giovedì 29 aprile 2021, ore 17.30
LA COLLEZIONE SAIBENE DI MILANO
Raccontata da Marco Magnifico


Giovedì 13 maggio 2021, ore 17.30
LA GALLERIA DI PALAZZO CINI A VENEZIA
Raccontata da Luca Massimo Barbero e Mauro Natale


Giovedì 20 maggio 2021, ore 17.30
LA GALLERIA PALLAVICINI A ROMA
Raccontata da Francesca Cappelletti


Collegamenti Zoom disponibili a questo link. Le dirette Zoom consentono massimo 100 partecipanti. Per il pubblico che non desidera intervenire, si consiglia di seguire le conferenze in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione Zeri.


La rassegna rientra nelle iniziative di 2021 Anno Zeri: un anno di incontri, libri, rassegne per ricordare i 100 anni dalla nascita di Federico Zeri, grande conoscitore e studioso che ha donato all’Università di Bologna la sua straordinaria fototeca e la biblioteca d’arte.

I figli di Medea

online
Sei incontri da giovedì 11 marzo al 27 maggio, dalle ore 18 alle 19 in diretta streaming sulle pagine Facebook dei partner del progetto, le registrazioni saranno disponibili su www.teatroescuola.it
Sei incontri da giovedì 11 marzo al 27 maggio, dalle ore 18 alle 19 in diretta streaming sulle pagine Facebook dei partner del progetto, le registrazioni saranno disponibili su www.teatroescuola.it
andersen_24.jpg

I FIGLI DI MEDEA
di Suzanne Osten e Per Lysander
Sei incontri da giovedì 11 marzo al 27 maggio, dalle ore 18 alle 19 in diretta streaming sulle pagine Facebook dei partner del progetto, le registrazioni saranno disponibili su www.teatroescuola.it

primo appuntamento di
Scritture e Scene d’Infanzia
un progetto di Federica Iacobelli e Cira Santoro

Da giovedì 11 marzo ore 18, prende l’avvio I FIGLI DI MEDEA un ciclo di incontri dedicati al testo firmato da Suzanne Osten e Per Lysander, primo appuntamento del progetto Scritture e Scene d’Infanzia volto ad attivare un dialogo sulla drammaturgia del teatro ragazzi, promosso e organizzato da 3 circuiti multidisciplinari – ATCL – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, ATER Fondazione/Teatro Comunale Laura Betti, ERT FVG Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, nell’ambito di Class Action. Il diritto al teatro e teatroescuola dell’Ente regionale teatrale del FVG, con il patrocinio di Agis nazionale e Assitej, in diretta streaming sulle pagine Facebook dei partner del progetto.

Dall’incontro della ricerca letteraria, editoriale e teatrale di Federica Iacobelli, scrittrice e curatrice della collana, nata pochi mesi prima della pandemia, I gabbiani: letteratura teatrale per giovani lettori di Edizioni Primavera, con l’importante esperienza tra palcoscenico, pubblico giovane e scuola di Cira Santoro, direttrice del Teatro Laura Betti di Casalecchio di Reno e Responsabile del settore ragazzi di ATER Fondazione, il Circuito Regionale multidisciplinare dell’Emilia Romagna, è nato il progetto SCRITTURE E SCENE D’INFANZIA che si interroga sul rapporto tra scritture per il teatro per l’infanzia e la scena, sull’autorialità in questo particolare segmento teatrale e sul possibile sviluppo in termini di educazione al teatro che la presenza di un’editoria dedicata e di un lavoro di formazione destinato alle figure educative, potrebbe creare.

Prima tappa di questo percorso nella letteratura teatrale per giovani lettori, I FIGLI DI MEDEA di Suzanne Osten e Per Lysander, una pièce scritta per e con i bambini rileggendo insieme a loro quella tragedia di Euripide in cui ‘i figli’ sono stati per secoli le vittime onnipresenti ma mute. È un testo messo in scena con stupore e scalpore nei paesi scandinavi dagli anni Settanta fino a oggi, ma ancora pressoché sconosciuto in Italia.
Può una tragedia scritta nella Grecia del quinto secolo avanti Cristo vivere e parlarci ancora oggi, e parlarci come persone, prima che come lettori o spettatori o insegnanti o teatranti, aiutandoci a trovare nuove domande e nuove visioni anche sull’infanzia contemporanea?
Può una storia che ha più di duemila anni di vita essere ispirazione per nuove drammaturgie, offrendoci idee sull’infanzia ancora inesplorate, interrogandoci su come e cosa si può raccontare ai più piccoli, sulle forme della drammaturgia destinata ai bambini e ai ragazzi, sul rapporto tra il mito e la quotidianità, sull’attualità delle tragedie infantili nel mondo dei grandi?
Può un testo scritto per il teatro per l’infanzia viaggiare sulle pagine di un libro autonomamente, come un classico della scrittura teatrale, ed evocare nel lettore bambino una propria idea di teatro capace di generare stupore nel confronto con la scena?

Il percorso prevede un ciclo di webinar, in cui si incontrerà il testo sotto diversi aspetti, con diversi relatori ospiti coordinati da Federica Iacobelli: da quello editoriale a quello autoriale, dalle implicazioni linguistiche dovute alla traduzione dallo svedese e dal greco antico alle implicazioni pedagogiche dovute alla vicenda narrata fino ad arrivare a un confronto sulla contemporaneità della tragedia greca e alla possibilità, per il teatro ragazzi, e non solo, di metterla in scena con riscritture adeguate.

CALENDARIO DEGLI INCONTRI
giovedì 11 marzo ore 18
UNA LETTERATURA TEATRALE PER GIOVANI LETTORI

con Alessandro Carofano e Claudia Cioffi, Edizioni Primavera
Un incontro introduttivo in dialogo con l’editore per uno sguardo complessivo sulla collana e sul progetto editoriale e culturale che la guida.

giovedì 25 marzo ore 18
LA TRAGEDIA DI ‘MEDEA’ DAL PUNTO DI VISTA DEI PICCOLI

con Suzanne Osten – autrice
partecipa Laura Cangemi
La testimonianza, dalla voce dell’autrice, di un’esperienza unica di teatro politico e di scrittura laboratoriale compiuta a Stoccolma nel 1975.

giovedì 15 aprile ore 18
TRA LINGUE MODERNE E LINGUE ANTICHE, TRA LO SCRITTO E IL PARLATO

con Laura Cangemi e Federico Diamanti – traduttori
Il racconto di una traduzione che si è confrontata con l’originale svedese ma anche con le parti che l’originale cita ‘drammaturgicamente’ dal greco.

giovedì 29 aprile ore 18
UNA TRAGEDIA DELL’INFANZIA?

con Rebecca Rigon – avvocato
Uno sguardo sul testo verso un altro teatro: quello delle famiglie, delle case, dei tribunali, in cui accadono o si discutono le sofferenze dei piccoli nel mondo dei grandi.

giovedì 13 maggio ore 18
STUDIARE, RILEGGERE E RISCRIVERE IL TEATRO ANTICO

con Federico Diamanti, filologo e traduttore
Sotera Fornaro, professore associato di Lingua e Letteratura greca, Università di Sassari
Una conversazione sulla pratica dell’adattamento, della riscrittura, del riallestimento del teatro antico in relazione a lettori e spettatori giovani.

giovedì 27 maggio ore 18
PERSONAGGI E MITI DELL’ANTICHITÀ PER I GIOVANI SPETTATORI DI OGGI

con Fabrizio Montecchi – regista
Enrica Carini – drammaturga
Sonia Antinori, Roberto Cavosi e Francesco Niccolini – autori
Una riflessione sulla messinscena di scritture teatrali che in modi diversi rileggano l’antico e riscrivano la tragedia e il mito per spettatori bambini, ragazzi, giovani adulti.

Emergenze educative

online
Come gestire iperconnessione e crescita dei più giovani | Incontri in streaming
Come gestire iperconnessione e crescita dei più giovani | Incontri in streaming
EmergenzeEducative_Cubo.jpg

CUBO propone due incontri con Alberto Pellai, nell'ambito delle iniziative sui temi di adolescenza e di welfare già realizzate nelle scorse stagioni, per affrontare insieme le tante sfide educative del nostro tempo con l'intento di suggerire approcci e ​ modalità di conversazione che permettano di fare prevenzione in famiglia e a scuola, gettando un dialogo aperto in cui gli adulti sappiano riappropriarsi di quell'autorevolezza educativa che è pre-requisito fondamentale per sostenere la crescita dei minori.


giovedì 11 marzo 2021 | ore 18:00-19:15
Preadolescenza e adolescenza ai tempi del Covid
Insieme ad Alberto Pellai si analizzano gli aspetti associati al complesso passaggio da infanzia ad adolescenza, riflettendo sulle implicazioni che derivano da ciò che succede nel corpo, nella mente e nella vita di un giovane quando entra nell’età detta “dello tsunami”. Un focus particolare sarà dedicato all’analisi di come l'emergenza da pandemia COVID ha impattato le vite dei più giovani, spesso premendo l’acceleratore sulla dimensione dell’iperconnessione, analizzandone alcune degli aspetti associati, come il rischio di dipendenza da videogiochi e la riduzione di empatia e pro-socialità, tutti fenomeni che derivano dalla pervasività con cui gli schermi hanno invaso le nostre vite.


giovedì 15 aprile 2021 | ore 18:00-19:15
Sfide educative nell'era dei nativi digitali
Cresce in modo esponenziale la richiesta di aiuto a specialisti dell’età evolutiva di fronte a fenomeni quali il cyberbullying e il sexting, sconosciuti fino a pochi anni fa. Il covid inoltre, stimolando l'interconnessione virtuale, ha spinto molti minori nel territorio dell'iperconnessione. La tecnologia rende accessibili contenuti ed esperienze che spesso i giovanissimi non sono in grado di processare. Alberto Pellai parla con genitori ed educatori di quegli atteggiamenti in cui la vita online diviene occasione di rischio evolutivo e comportamentale, suggerendo modalità e stili di conversazione che permettano di fare prevenzione in famiglia e a scuola, allacciando un dialogo aperto in cui gli adulti sappiano riappropriarsi di quell'autorevolezza educativa che è pre-requisito fondamentale per sostenere la crescita dei minori.


Diretta streaming sulla piattaforma di CUBO (collegamento attivo mezz’ora prima a questo link), s​ulla ​​pagina facebook e sul canale youtube

cubounipol.it

facebook.com/cubounipol

youtube CUBO

Incontro con Romeo Castellucci

online
in dialogo con Matteo Casari, Piersandra Di Matteo e Enrico Pitozzi | DAMS50
in dialogo con Matteo Casari, Piersandra Di Matteo e Enrico Pitozzi | DAMS50
Romeo-Castellucci_RC8711bw.jpg

DAMS50
Per celebrare i cinquant'anni del DAMS di Bologna, una serie di incontri con chi è passato dalle sue aule: conversazioni sui percorsi creativi e professionali, ricordi e testimonianze per il pubblico di oggi e gli studenti di domani.

Regista, creatore di scene, luci e costumi, fondatore della Socìetas Raffaello Sanzio, Romeo Castellucci laureato ad honorem al DAMS di Bologna nel 2015, racconta la sua vicenda artistica.

giovedì 15 aprile 2021, ore 18.00

INCONTRO CON ROMEO CASTELLUCCI
in dialogo con Matteo Casari, Piersandra Di Matteo e Enrico Pitozzi

con il supporto di Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, Ministero della Cultura, Regione Emilia Romagna

In collaborazione con DAMSLab, Centro La Soffitta, Comune di Bologna, Associazione Almae Matris Alumni

leggi tutto


Diretta streaming sulla pagina  Facebook di DAMSLab/La Soffitta  e sul canale YouTube del DAR


www.dams50.it

www.facebook.com/damslab.lasoffitta

site.unibo.it/damslab/it

Foto: Romeo Castellucci - credits Slava Filippov

Blackness all’Istituto Parri

online
una conversazione con Carlo Babando e Marco Manetti moderata da Beatrice Pagni
una conversazione con Carlo Babando e Marco Manetti moderata da Beatrice Pagni
Blackness.jpg

Si può ascoltare un brano rap, o vedere un film di Jordan Peele, cercandovi delle connessioni con gli antichi imperi africani? Carlo Babando, attraverso le pagine di “Blackness” (Odoya Edizioni) – introdotte da una bellissima prefazione di Enrico Brizzi – ci prova partendo dal rapporto che intercorreva tra Europa e Africa prima della tratta atlantica, quando ancora gli schiavi non erano solo neri e i padroni solo bianchi. Un’angolazione inedita e sorprendente per osservare le dinamiche attraverso cui il popolo afroamericano si è mosso in campo discografico, sportivo e cinematografico, scoprendo in che modo certe traiettorie si sono riverberate fino a oggi. Dal retro soul di Sharon Jones al contemporary r&b di Beyoncé, passando per Marvin Gaye e Childish Gambino, “Blackness” incrocia storiografia e critica musicale alla ricerca di nuove prospettive.
Dopo essere apparso con interviste e recensioni sulle pagine di Repubblica, Corriere della Sera e delle maggiori testate musicali italiane – nonché attraverso le frequenze di Rai Radio 1, Radio Città Fujiko e Neu Radio – Carlo Babando arriva all’Istituto Parri per una presentazione in streaming di “Blackness”, durante la quale alternerà il microfono con la giornalista Beatrice Pagni e il regista Marco Manetti (Manetti Bros).


Bio Carlo Babando: 
Carlo Babando è giornalista, scrittore e docente di letteratura italiana e storia. Ha collaborato con Mucchio Selvaggio, Mucchio Extra e dal 2014 firma recensioni e retrospettive sulle pagine di Blow Up, curando una rubrica mensile interamente dedicata alla cultura afroamericana. Lavora a vario titolo nel campo della musica, della radio e della televisione. È autore di “Marvin Gaye. Il sogno spezzato” (2016) e “Blackness” (2020).


Giovedì 15 aprile ore 18,30 online dalla pagina facebook dell’Istituto

I giovedì della Consulta

online
Un ciclo di “chiacchierate on line” su Bologna
Un ciclo di “chiacchierate on line” su Bologna
portici-800x500.jpg

La Consulta tra le Antiche Istituzioni Bolognesi, associazione che riunisce enti storicamente legati a Bologna, come la Fabbriceria di San Petronio, valorizzandone l’operato e il patrimonio culturale, inaugura il prossimo 11 marzo un ciclo di “chiacchierate on line” su Bologna per conoscere meglio luoghi, monumenti e personaggi che caratterizzano la nostra città. Un appuntamento fisso sulla piattaforma Zoom al giovedì, ogni due settimane, alle ore 19.00.
 
Questi i temi dei primi incontri programmati:
 
25 marzo 2021 ore 19.00
I PORTICI, VANTO DELLA NOSTRA CITTÀ
Prof. Roberto Corinaldesi
 
8 aprile 2021 ore 19.00
IN GIRO PER LE PORTE DI BOLOGNA
Prof. Roberto Corinaldesi
 
15 aprile 2021 ore 19.00
RUBBIANI E IL RESTAURO DI BOLOGNA
Ing. Giorgio Galeazzi
 
29 aprile 2021 ore 19.00
TRIBOLATE STORIE DI STATUE A BOLOGNA
Prof. Roberto Corinaldesi
 
6 maggio 2021 ore 19.00
IL CARDINALE LAMBERTINI: UN BOLOGNESE DA CONOSCERE MEGLIO
Prof. Roberto Corinaldesi


 Link iscrizione: ID WEBINAR 967 6524 2973 
Per informazioni: erika.tumino@succedesoloabologna.it

La notte del Pratello

online
Incontro con Emidio Clementi | Stefano Pilia | Mattia Cipolli
Incontro con Emidio Clementi | Stefano Pilia | Mattia Cipolli
emidio-clementi-header-fb-uai-720x405.png

L’incontro fa parte di “Oceano di suoni” – Racconti in musica a cura di Pierfrancesco Pacoda

Un viaggio nella via simbolo della cultura giovanile sotterranea di Bologna, al centro di “La notte del Pratello”, il libro più celebre di Emidio Clementi, musicista con la band avant garde rock Massimo Volume e scrittore, diventa una produzione originale per “Oceano di Suoni 2021”. La voce di Clementi, la chitarra e l’elettronica di Stefano Pilia, il violoncello di Mattia Cipolli di  ci porteranno nel cuore della Bologna creativa degli anni 90, uno dei periodi più intensi, soprattutto musicalmente, per la città, tra personaggi, luoghi, situazioni che Clementi ha raccontato dal punto di vista di chi di quella realtà era protagonista e non osservatore. Dopo le date nei teatri per la presentazione del suo ultimo lavoro con i Massimo Volume, “Il nuotatore”, lo scrittore entra per la prima  volta da artista al TCBO.
 


In diretta dalla pagina Facebook del Teatro Comunale 

Non salvarmi

online
presentazione online del libro di Livia Sambrotta
presentazione online del libro di Livia Sambrotta

Livia Sambrotta presenta Non Salvarmi (SEM Libri). L'autrice dialoga con Alessandro Berselli.

Aeroporto di Phoenix, Stati Uniti. Deva Wood, una ragazza italoamericana di ventitré anni, scompare misteriosamente subito dopo aver effettuato il check-in per un volo diretto in Italia. Dipendente dagli psicofarmaci sin dall’adolescenza, Deva è in fuga da un centro di riabilitazione che si occupa dei giovani figli di star del cinema. I ragazzi vivono in un ranch dell’Arizona dove per disintossicarsi seguono una terapia basata sulla cura dei cavalli. “Cresciuti all’ombra della fama dei loro genitori miliardari, questi ragazzi a diciotto anni hanno già sperimentato qualsiasi tipo di dipendenza: alcol, cocaina, anfetamine, psicofarmaci, interventi estetici e sesso compulsivo.”
Ad aspettarla a Milano c’è David, figlio del fondatore del centro, con cui ha organizzato la fuga. I due ragazzi sono follemente innamorati e pronti a vivere insieme, ma Deva non arriverà mai all’appuntamento. Le ultime immagini di lei sono quelle delle telecamere di sorveglianza dell’aeroporto che la riprendono mentre si dirige in bagno con tracce di sangue sulle gambe. Il giorno dopo in un fiume vicino al ranch viene ritrovato il corpo di una giovane con il viso bruciato dall’acido…
Un thriller appassionante, dotato di una trama costruita con grande abilità e ricca di colpi di scena. Alternando il racconto di carriere patinate a devastanti vicende personali, l’autrice apre uno squarcio sui risvolti segreti del mondo del cinema.

Incontro online sulla pagina Facebook de La confraternita dell'uva.

Back to Futura | Cmqmartina ed Emma Nolde

online
Secondo appuntamento del ciclo di incontri con giovani esponenti della scena musicale italiana contemporaneani | Da casa di Lucio Dalla in diretta streaming sul canale youtube di Incontri Esistenziali
Secondo appuntamento del ciclo di incontri con giovani esponenti della scena musicale italiana contemporaneani | Da casa di Lucio Dalla in diretta streaming sul canale youtube di Incontri Esistenziali
Back-to-futura-15aprile-banner.jpg

Ispirati dalla genesi dell’indimenticabile canzone di Lucio Dalla, Futura, un gruppo di giovani amici dell’Associazione Culturale Incontri Esistenziali ha dato il via al progetto musicale “Back to Futura” giunto al suo secondo appuntamento, un percorso di parole e musica che si snoda attraverso incontri con giovani cantautori chiamati a raccontare il proprio personalissimo modo di fare musica.

Tante giovani voci geniali e visionarie, proprio come era Lucio, ospitate non a caso nelle stanze che per tanti anni hanno accolto il cantante a Bologna, ora divenute un simbolo della città. Il progetto è stato recepito con entusiasmo dalla Fondazione Lucio Dalla che ha fatto sua l’iniziativa, contribuendo con suggerimenti e ospitalità.

Ospiti della serata Cmqmartina ed Emma Nolde in dialogo con Luca Franceschini (loudd.it e offtopicmagazine.net). Cmqmartina, nome d'arte di Martina Sirone, è stata concorrente di X Factor 2020 nella categoria Under Donne, dove ha dato sfoggio della sua abilità nel contaminare musica elettronica e testi cantautorali. Emma Maestrelli, in arte Emma Nolde, cantautrice toscana dalla forte personalità artistica, non ama definirsi o racchiudersi in un genere musicale. Due giovani artiste poco più che ventenni e già nomi femminili che si stanno imponendo con forza sul panorama musicale emergente italiano.

Il secondo incontro del progetto “Back to Futura” si terrà online giovedì 15 aprile alle ore 21.00 e sarà possibile assistere all’evento in diretta streaming dal canale Youtube Incontri Esistenziali


www.incontriesistenziali.org

facebook.com/incontriesistenziali

www.fondazioneluciodalla.it

facebook.com/luciodallafondazione

Incontro con Caterina Murino e presentazione del sito F-Actor

online
nell'ambito del ciclo "Attrici e attori incontrano il pubblico"
nell'ambito del ciclo "Attrici e attori incontrano il pubblico"
Incontro con Caterina Murino.jpg

INCONTRO CON CATERINA MURINO E PRESENTAZIONE DEL SITO F-ACTOR

Nell'ambito del ciclo "Attrici e attori incontrano il pubblico"

In dialogo con Luca Barra, Sara Pesce (Università di Bologna) e Cristina Jandelli (Università di Firenze)

Presentazione del sito a cura di Francesco Pitassio e Cristina Formenti (Università di Udine)

Una iniziativa di La Soffitta e F-Actor

L'attrice Caterina Murino si racconta agli studenti e alle studentesse, in una chiacchierata che verte sugli aspetti gratificanti e su quelli più problematici del suo mestiere, sulla gestione della carriera, sulla formazione, sui casting. Al termine dell'incontro, si terrà il lancio ufficiale del sito del progetto di ricerca F-Actor, una piattaforma dove saranno resi via via disponibili materiali, esiti della ricerca e altre risorse utili a un pubblico di esperti e appassionati.

L'incontro è parte del ciclo "Attrici e attori incontrano il pubblico", ed è organizzato dai ricercatori del progetto PRIN 2017 "F-Actor. Forme dell’attorialità mediale contemporanea. Formazione, professionalizzazione, discorsi sociali in Italia (2000-2020)", in collaborazione con La Soffitta. F-Actor è finanziato dal Ministero dell'Università e della Ricerca e indaga nuove forme di performance, percorsi di carriera di attrici e attori cinematografici e televisivi, e gli intermediari chiave che ne influenzano gli sviluppi professionali. Il progetto è coordinato dal prof. Francesco Pitassio dell’Università di Udine, e le altre tre unità di ricerca sono basate a Bologna, Roma Sapienza e Torino. L’evento vedrà il coinvolgimento di studenti e studentesse di corsi di laurea magistrale e triennale degli atenei coinvolti.

leggi tutto


Diretta streaming sulle pagine Facebook di DAMSLab/La Soffitta e dei CdL DAMS e Arti Visive

www.facebook.com/FactorPRIN

Batti cinque

online
Museum Time...sperimenta con noi! | laboratorio didattico online
Museum Time...sperimenta con noi! | laboratorio didattico online
Batti_cinque_1920x1080.png

Cosa ci permette di interagire e relazionarci con l’ambiente? Le cere anatomiche di Giovanni Manzolini e Anna Morandi ci permetteranno di sapere come funzionano i nostri sensi. Costruiremo insieme il nostro personale lapbook per tenere traccia delle conoscenze acquisite.

  • domenica 11 aprile 2021, ore 16.00
  • sabato 17 aprile 2021, ore 16.00

Materiali da procurarsi per lo svolgimento dell'attività: stampa della scheda didattica che verrà inviata tramite e-mail agli iscritti, colla stick, colori, cartoncino bianco o colorato, un frutto.


Età: 6 - 9 anni

Quota di partecipazione: 5€ da pagare tramite bonifico bancario. La prenotazione sarà confermata alla ricezione di copia del bonifico all'indirizzo sma.servizieducativi@unibo.it. ​La quota non è rimborsabile. Le attività si svolgeranno in diretta streaming. Il venerdì antecedente l'appuntamento, agli iscritti in regola con il pagamento verrà inviato tramite e-mail il link per partecipare.

INFO E PRENOTAZIONI A QUESTO LINK


A cura di Open Group Coop. Soc.

Viktoria Mullova - Misha Mullov-Abbado

Teatro Auditorium Manzoni
Musica Insieme Concerti 2019/2020
Musica Insieme Concerti 2019/2020
13_Mullova.jpg

Recupero del Concerto di Lunedì 6 aprile 2020 annullato in osservanza alle disposizioni del DPCM per il contenimento della diffusione del contagio da COVID-19.

Viktoria Mullova violino
Misha Mullov-Abbado contrabbasso

Programma:
Misha Mullov-Abbado
Blue Deer, Brazil, Little Astronaut, Shanti Bell
Shalom Chanoch
Shir Lelo Shem
Tradizionale brasiliano
Caico
Johann Sebastian Bach
Sonata n. 1 in si minore BWV 1014
Sergej Prokof’ev
Sonata in re maggiore op. 115 per violino solo
Antônio Carlos Jobim
Sabia
Osvaldo Lenine & Dudu Falcaõ
O Silencio Das Estrellas
Laércio de Freitas
O Cabo Pitanga
John McLaughlin
Celestial Terrestrial Commuters (arrangiamento di Gary Husband)
Robert Schumann
da Kinderszenen op. 15: Träumerei
Zequinha de Abreu
Tico-Tico No Fubá

Torna nel cartellone di Musica Insieme la violinista Viktoria Mullova, questa volta accompagnata dal figlio Misha Mullov-Abbado, contrabbassista jazz già affermatosi nella scena britannica, per presentare un programma pieno di brillanti spunti che travalicano i confini tra i generi.
Durante la serata ascolteremo brani di compositori da Bach a Schumann, nonché il jazz contemporaneo firmato dal contrabbassista stesso, così come alcune preziose rarità tratte dalla tradizione musicale del mondo intero.

Nei nostri cuori, sui nostri striscioni

online
 Laboratorio utopico di manifesti poetico-politici di Sartoria Utopia
 Laboratorio utopico di manifesti poetico-politici di Sartoria Utopia
Copia-di-IMG_5083-930x1024.jpg

Proseguono i laboratori di Sartoria Utopia – scrittura creativa, poesia, collage e altre magie. 

Fin dalle sue origini, una delle funzioni della poesia è stata quella di protestare contro quello che non ci piace e immaginare la costruzione di un mondo diverso che proponga valori più vicini al proprio sentire.
Molte avanguardie politiche sono nate dalla testa dei poeti che hanno tradotto in manifesti il loro scontento e le loro visioni.
Sartoria Utopia propone una giornata di riflessione, scrittura e creazione che ha come oggetto la stesura e la realizzazione di un manifesto poetico, estetico, etico sotto la guida di Francesca Genti e Manuela Dago.
Quali sono le cose che non ci piacciono? Quale aspetto delle nostre esistenze individuali e collettive vorremmo cambiare? Come possiamo comunicarlo in forma poetica e visiva? Queste le domande da cui partire per una giornata dedicata al sogno e alla lotta.

Laboratori Utopici

online
Laboratori online di Sartoria Utopia
Laboratori online di Sartoria Utopia

Proseguono anche a marzo e aprile i laboratori di Sartoria Utopia – scrittura creativa, poesia, collage e altre magie. 

  • tutti i martedì dal 9 al 30 marzo ore 19
    MAPPE CELESTI - Capire e conoscere il proprio tema astrale

L’astrologia è da sempre uno strumento popolare e raffinato che stimola domande sull’uomo e sul significato della vita. Nei quattro incontri online Francesca Genti spiega basi di questa antica disciplina umanistica che da secoli non smette di affascinare donne e uomini attraverso l’analisi del cielo natale.
Prendendo spunto da esperienze personali e dai temi natali dei partecipanti ci si avventurerà nel complesso linguaggio astrologico approfondendo i segni zodiacali, i pianeti, le case astrologiche e come un tema natale possa essere un meraviglioso strumento di conoscenza e di miglioramento di se stessi. 

  • 20 marzo ore 15
    OVUNQUE PROTEGGIMI - Laboratorio di collage per santini (e santoni)

Sia che siamo in pantofole sul divano o in equilibro sul filo come un funambolo tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci protegga da qualcosa. In questo laboratorio con Manuela Dago creeremo insieme l’immagine originale del nostro santo protettore attraverso la tecnica del collage. Potrà essere un’icona austera, buffa o fantascientifica, sarete voi a decidere, e vi accompagnerà (e proteggerà) ovunque voi siate. Manuela selezionerà per voi il materiale per realizzare queste piccole opere di poesia visiva, a ciascuno dei partecipanti sarà inviato per posta un plico contenente materiale cartaceo da cui selezionare immagini e parole per comporre il proprio santino protettore da portare sempre con sé nel taschino.

  • 18 aprile 2021 ore 10
    NEI NOSTRI CUORI, SUI NOSTRI STRISCIONI! – Laboratorio utopico di manifesti poetico-politici

​Fin dalle sue origini, una delle funzioni della poesia è stata quella di protestare contro quello che non ci piace e immaginare la costruzione di un mondo diverso che proponga valori più vicini al proprio sentire. Molte avanguardie politiche sono nate dalla testa dei poeti che hanno tradotto in manifesti il loro scontento e le loro visioni. Sartoria Utopia propone una giornata di riflessione, scrittura e creazione che ha come oggetto la stesura e la realizzazione di un manifesto poetico, estetico, etico sotto la guida di Francesca Genti e Manuela Dago.

Eroi di marmo

online
online
online
Certosa_estate2020_Putti

Un percorso di visita in Certosa con Roberto Martorelli, Museo civico del Risorgimento, animato dai figuranti in costume di 8cento APS e dai canti patriottici della Corale Quadrivium.

Per raccontare attraverso le sculture e le epigrafi della Certosa episodi e personaggi dell'Unità d'Italia. Marmi e bronzi spesso realizzati da scultori che in prima persona hanno combattuto o cospirato per la libertà del paese.

A cura di Museo civico del Risorgimento in collaborazione con 8cento APS e Corale Quadrivium.

L’evento si svolge online sulle pagine Facebook Museo civico del Risorgimento – Certosa di Bologna, 8cento APS e Associazione Amici della Certosa di Bologna.

Dipingiamo la preistoria

online
Museum Time...sperimenta con noi! | laboratorio didattico online
Museum Time...sperimenta con noi! | laboratorio didattico online
Dipingiamo_la_preistoria_1920x1080.png

Oltre allo studio dei fossili, cosa ci può aiutare a ricostruire l'aspetto degli animali vissuti durante l'ultima glaciazione, come il rinoceronte lanoso, il mammut o l'orso delle caverne? In questo laboratorio osserveremo i resti scheletrici delle faune preistoriche conservati presso la Collezione di Geologia "Museo Giovanni Capellini" e scopriremo la loro rappresentazione nell'arte figurativa paleolitica. Insieme ci cimenteremo nel riprodurre alcuni dei più famosi esempi di arte rupestre conservati nella grotta di Chauvet.

  • domenica 18 aprile 2021, ore 16.00
  • sabato 24 aprile 2021, ore 16.00

Materiali da procurarsi per lo svolgimento dell'attività: - 2 fogli di cartoncino grigio o beige formato A4 (in alternativa verranno fornite le istruzioni per tingere un foglio bianco con il caffè o il tè) - colla stick - colla vinilica - colori per il pigmento giallo: spezie da cucina (tipo curcuma, paprika, noce moscata, cannella, zenzero, curry), oppure matite colorate o pastelli a cera di colore giallo/ocra; per il pigmento rosso, spezie da cucina (tipo paprika), oppure matite colorate o pastelli a cera di colore rosso, oppure cosmetici (ombretto/fard/rossetto); per il pigmento bianco: gessetto bianco o pastello a cera/matita colorata bianca, oppure borotalco/ombretto bianco; per il nero: matita o pastello a cera nero, oppure cosmetici (matita nera per occhi o kajal) Chi non vuole usare le dita per dipingere si può procurare dei cotton fioc, degli stuzzicadenti oppure dei batuffoli di cotone idrofilo.


Età: 8 - 10 anni

Quota di partecipazione: 5€ da pagare tramite bonifico bancario. La prenotazione sarà confermata alla ricezione di copia del bonifico all'indirizzo sma.servizieducativi@unibo.it. ​La quota non è rimborsabile. Le attività si svolgeranno in diretta streaming. Il venerdì antecedente l'appuntamento, agli iscritti in regola con il pagamento verrà inviato tramite e-mail il link per partecipare.

INFO E PRENOTAZIONI A QUESTO LINK


A cura di Open Group Coop. Soc.

Quartetto Prometeo | Mariangela Vacatello

online
Musica Insieme | I Concerti 2021
Musica Insieme | I Concerti 2021
19apr21 Vacatello_Mariangela.jpg

QUARTETTO PROMETEO
MARIANGELA VACATELLO
pianoforte

Ludwig van Beethoven
Quartetto per archi in fa minore op. 95 – “Serioso”
Marco Stroppa
Deux études pour piano
Robert Schumann
Quintetto per pianoforte e archi in mi bemolle maggiore op. 44


Il cartellone della nuova Stagione "I Concerti 2021", dal 21 febbraio al 14 giugno vi accompagnerà in un vero e proprio viaggio musicale in alcuni tra i luoghi più affascinanti e talvolta sconosciuti della nostra Città, con interpreti straordinari, tutti italiani, e molte sorprese e novità.

Il Concerto sarà disponibile al Pubblico con la trasmissione gratuita in streaming sul sito di Fondazione Musica Insieme da lunedì 19 aprile 2021 alle ore 20:30 e sul canale televisivo TRC Bologna (canale 15 del digitale terrestre) domenica 18 aprile alle ore 17 e martedì 20 aprile 2021 alle ore 22.

Sonar

online
performance di improvvisazione teatrale online
performance di improvvisazione teatrale online
sonar_senza_testo-scaled.jpg

domenica 18 aprile, ore 21.00, su piattaforma Zoom
Teatro a Molla presenta:

Sonar

con Antonio Contartese, Luca Gnerucci, Daniele Mazzacurati, Olli Rasini, e Antonio Vulpio


Una performance di improvvisazione pensata per l’ambiente digitale. Una narrazione costruita tramite telefonate, voci, messaggi audio, tutti ispirati dagli spunti iniziali del pubblico.


Lo spettacolo si terrà in ambiente Zoom, senza immagini video ma solo con le voci degli attori. 
Partecipazione gratuita (prenotazione obbligatoria).
Info e prenotazioni: www.teatroamolla.it/spettacoli/
Le prenotazioni chiuderanno alle 19.00 del 18 aprile.

Lectio magistralis di Fausto Malcovati

online
una lectio magistralis di Fausto Malcovati in dialogo con Giulia De Florio in prima visione sulle pagine Facebook di ERT
una lectio magistralis di Fausto Malcovati in dialogo con Giulia De Florio in prima visione sulle pagine Facebook di ERT
Fausto-Malcovati-foto-di-Serena-Pea.jpg

Un approfondimento attorno a Padri e figli: dal romanzo al teatro, dalla letteratura russa alla scena dal vivo. Una lectio magistralis di Fausto Malcovati in dialogo con Giulia De Florio
Una composita e stimolante riflessione che, partendo dal confronto fra generazioni, crea un ponte tra passato, presente e futuro.

Domenica 18 aprile alle ore 21 in prima visione sulle pagine Facebook di ERT

In attesa di essere presentato al pubblico, lo spettacolo Padri e figli -  nuova produzione di ERT diretta da Fausto Russo Alesi - diventa un’occasione preziosa per interrogarsi su una molteplicità di tematiche che spaziano dal fascinoso universo della letteratura russa alla dialettica fra i mondi del romanzo e del teatro. 

Prende così vita una lectio magistralis di Fausto Malcovati - tra i massimi esperti di letteratura, teatro e cultura russa, nonché traduttore e consulente per l’adattamento scenico del romanzo di Turgenev - in dialogo con Giulia De Florio, ricercatrice in Slavistica presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

L’approfondimento sul grandioso trentennio della prosa russa nella seconda metà dell’Ottocento è il punto di partenza per sviluppare poi un’analisi dei nodi contenutistici di Padri e figli, e per indagare sull’attualità di quest’opera.

BIO:

Fausto Malcovati
Ha insegnato letteratura e teatro russo nelle Università di Pavia, Bari, Milano.
Ha scritto saggi e monografie sui principali prosatori della seconda metà dell’Ottocento (tra i quali Dostoevskij, Tolstoj, Gončarov).
Si è occupato dei principali maestri russi della regia di inizio Novecento, pubblicando biografie e testi di Stanislavskij, Mejerchol’d, Vachtangov. 

Giulia De Florio
Ricercatrice junior presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, dove insegna Lingua e Cultura russa. Ha insegnato Lingua e Letteratura russa presso le Università di Firenze, Milano, Macerata, Parma e Viterbo. Pubblica articoli scientifici su riviste nazionali e internazionali. Collabora come traduttrice e consulente editoriale con alcune case editrici italiane quali Salani, Il Saggiatore, Giunti, Valigie rosse. Ha di recente tradotto l’epistolario di F.M. Dostoevskij (insieme a Elena Freda Piredda) e una raccolta di poesie del poeta bielorusso contemporaneo Dmitrij Strocev. È membro di Memorial Italia.

Foto: Serena Pea

VideoDante # Indonesia

online
7 video performance per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta | Progetto di Instabili Vaganti prodotto dall'Istituto Italiano di cultura di Giacarta
7 video performance per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta | Progetto di Instabili Vaganti prodotto dall'Istituto Italiano di cultura di Giacarta
videodante_indonesia.jpg

VideoDante è un progetto di teatro virtuale ideato e diretto dalla Compagnia teatrale Instabili Vaganti che celebra il VII centenario della morte del sommo poeta e che trae ispirazione dalle sue opere, in particolare La Divina Commedia. Il progetto  “VideoDante # Indonesia” nasce dalla collaborazione a distanza tra Instabili Vaganti, i danzatori balinesi Made Suteja e Elly Evyana, il performer balinese di teatro delle ombre Kadek Budi Setiawan, e la musicista di Gamelan Rosemainy Buang, al fine di esplorare le numerose connessioni tra l’opera dantesca e la cultura orientale, sia dal punto di vista iconografico che filosofico e teologico. Le musiche originali sono del compositore Riccardo Nanni. Il progetto è promosso dall’Istituto Italiano di cultura di Giacarta.

Il lavoro di indagine e raccolta di suggestioni su alcuni canti de La Divina Commedia è finalizzato alla produzione di sette differenti episodi, così come i giorni impiegati da Dante nel viaggio ultraterreno, che andranno a comporre una serie performativa in video, pensata appositamente per la fruizione sulle piattaforme web e i canali social, della compagnia Instabili Vaganti e dell’Istituto Italiano di Cultura di Giacarta, per celebrare i 700 anni dalla morte del sommo poeta.


VIDEODANTE # Indonesia
Produzione Istituto Italiano di cultura di Giacarta
Web video performance series, Italy-Indonesia 2021   

Regia: Anna Dora Dorno
Video editing: Nicola Pianzola
Performer: Anna Dora Dorno, Nicola Pianzola, Made Suteja, Kadek Budi Setiawan, Elly Evyana
Musicisti: Rosemainy Buang
Musiche originali e sound editing: Riccardo Nanni – 7 Floor

GUARDA IL TRAILER


Le date della web serie performativa a questo link


canale Youtube Instabili Vaganti

facebook.com/instabilivaganti.compagniateatrale

instabilivaganti.com

Come le donne hanno cambiato la politica nella storia del PCI

online
Tre lezioni a cura di Nadia Urbinati 
Tre lezioni a cura di Nadia Urbinati 
https___cdn.evbuc.com_images_131906689_216100774088_1_original.jpg

Nel 2021 ricorre il centenario della nascita del Partito Comunista Italiano. E’ un’occasione per riflettere e studiare quella vicenda politica, fondamentale nella storia politico-culturale italiana del Novecento. La Fondazione Gramsci Emilia-Romagna prevede una fitta serie di attività dedicate con particolare, benché non esclusiva, attenzione alla esperienza dell’Emilia-Romagna.

Queste tre lezioni, a cura di Nadia Urbinati, sono un’occasione di riflessione sulla storia del comunismo italiano con particolare riferimento al ruolo politico delle donne.

Tutti gli incontri su terranno alle ore 17.00 sulla piattaforma ZOOM.

> Qui il link per iscriversi e ricevere il link per accedere alla stanza ZOOM https://tinyurl.com/donnepci 

Calendario:

  • Lunedì 19 aprile 2021
    NADIA URBINATI
    ​‘Non è cambiato niente’, eppure nulla fu più come prima. Il decreto luogotenenziale n. 23 del primo febbraio 1945 sulla “Estensione alle donne del diritto di voto”
     
  • Giovedì 29 aprile 2021
    ANNA TONELLI
    "Le nostre donne hanno bruciato le tappe". Madri Costituenti, madri di democrazia
     
  • Maggio 2021 (data in via di definizione)
    FIAMMA LUSSANA
    Emancipazionismo e femminismo

Un giornale Under 25

online
Laboratorio per ragazzi dai 12 ai 17 anni | Sei appuntamenti in streaming
Laboratorio per ragazzi dai 12 ai 17 anni | Sei appuntamenti in streaming
giornale under 25.jpg

CUBO propone sei appuntamenti rivolti al target giovanile e dei teenagers che ha due macro obiettivi: dotare i partecipanti delle principali conoscenze teoriche e pratiche necessarie nell'ambito del giornalismo e dell'editoria e presentare il modello di Scomodo coinvolgendo i partecipanti nelle attività editoriali dell'associazione. Cosa significa fare giornalismo? Quali e quante sono le fonti? Quando un fatto diventa una notizia? Per capire il mondo attorno a noi servono le chiavi di lettura giuste.  In collaborazione con l'Associazione Scomodo​


lunedì 19 aprile 2021, ore 17:30
Il Modello Scomodo
Il primo incontro si divide in due fasi: reciproca conoscenza attraverso attività di ice-breaking e creazione di break-out rooms; la seconda fase della lezione si concentrerà sulla presentazione del progetto di Scomodo attraverso una descrizione degli obiettivi e della sua genesi. Al termine sarà divulgata un survey utile per sviluppare una didattica efficace durante i successivi incontri.

lunedì 26 aprile 2021, ore 17:30
Cosa significa fare giornalismo

Le attività e le competenze necessarie alla creazione di un giornale (minimo comparto grafico, struttura editoriale di base, progetto di sostenibilità economica), Cos’è il giornalismo partecipativo e come questo si leghi alle pubblicazioni cartacee.

lunedì 3 maggio 2021, ore 17:30
L’importanza delle fonti d’informazione

Ricerca e la valutazione delle fonti (dirette e indirette) per scrivere un articolo; mettiamo in luce le problematiche legate all’informazione che passa esclusivamente tramite i canali social, fornendo gli strumenti teorici e pratici per individuare fonti attendibili e per riconoscere le fake news.

lunedì 10 maggio 2021, ore 17:30
Introduzione al giornalismo d’inchiesta e casi studio

Un avvicinamento al mondo del giornalismo d'inchiesta. Nella prima parte della lezione alcuni casi studio mentre nella seconda parte della lezione i ragazzi vengono coinvolti nell'utilizzo di alcuni semplici strumenti online per il giornalismo investigativo attuabili sui principali social network (Instagram e Twitter).

lunedì 17 maggio 2021, ore 17:30
La plenaria Editoriale di Scomodo: elementi teorici e pratici

Il processo editoriale che sta dietro alla pubblicazione di un numero di Scomodo: i ragazzi partecipano alla plenaria editoriale dell’associazione, simulando la creazione di un numero di Scomodo

lunedì 24 maggio 2021, ore 17:30
Pianificazione Editoriale

I ragazzi partecipano attivamente alla stesura degli articoli all'interno delle riunioni editoriali delle tre sezioni del giornale “Attualità”, “Cultura”, “Il Plus” e partecipano alla Pubblicazione Presente, prodotto editoriale estivo della redazione.


Diretta streaming a questo link. Il collegamento sarà attivo mezz'ora prima dell'evento

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria. Prenotazioni aperte dal 18/03. Info: laboratori@cubounipol.it ​​


cubounipol.it

facebook.com/cubounipol

youtube CUBO

La Storia #aportechiuse con Carlo Pelagalli

online
online
online
Certosa_estate_2020_storia_a_porte_chiuse

La Storia #aportechiuse propone un palinsesto di dirette Facebook che vede alternarsi diverse voci per condividere insieme l'arte e la storia, occasioni per stare qualche minuto in compagnia e offrire spunti per approfondire da casa eventi, persone, opere d'arte del nostro paese.

Al termine di ogni diretta gli utenti possono dialogare con l’autore del contributo video nei commenti al video stesso. Testi, documenti e video di approfondimento sono segnalati da specifici post.

Il progetto è realizzato dal Museo civico del Risorgimento in collaborazione con 8cento APS, Associazione Didasco e Associazione Amici della Certosa di Bologna.

Lunedì 19 aprile h 20
Carlo Pelagalli, storico dell’arte
in diretta Facebook su Museo civico del Risorgimento - Certosa di Bologna. Lo storico prosegue i suoi approfondimenti sull'urbanistica e la storia toponomastica del centro storico bolognese, in particolare questo intervento è dedicato a “Curiosità, sviste ed errori di interpretazione sui nomi delle vie dal '700 ad oggi”.

Tutti gli interventi de La Storia #aportechiuse sono raccolti nella pagina YouTube Storia e Memoria di Bologna.

Lievito madre. Le ragazze del secolo scorso

online
regia di Concita De Gregorio e Esmeralda Calabria | rassegna online di DER - Documentaristi Emilia Romagna
regia di Concita De Gregorio e Esmeralda Calabria | rassegna online di DER - Documentaristi Emilia Romagna
coverlg.jpg

Al via dal 30 marzo, “Registi on line a primavera – Spring Doc 2021”, la nuova rassegna online promossa dalla DER - Documentaristi Emilia Romagna, che per le quattro settimane primaverili, fino al 26 aprile, porta sulla piattaforma Docacasa.it, quattro documentari della migliore produzione italiana, accompagnati da incontri con i rispettivi autori e disponibili gratuitamente per tutti.
 

La rassegna si chiude con Lievito madre. Le ragazze del secolo scorso di Concita De Gregorio e Esmeralda Calabria, intenso racconto delle grandi donne del secolo scorso rivolto alle giovani del Duemila, frutto della raccolta, in tre anni, di circa mille interviste a donne dai cinque ai cento anni. Una specie di autobiografia collettiva che ha toccato tantissimi aspetti della vita al femminile e che ha preso forma per la prima volta nelle 400 clip pubblicate in un anno sul sito di Repubblica.

 

Presentato in anteprima alla 74esima alla Mostra del cinema di Venezia, le due autrici saranno disponibili per un incontro col pubblico, sabato 24 aprile alle 18.  
 


Per seguire “Registi on line a primavera” basta andare sul sito www.docacasa.it

ROCKET GIRLS

online
Storie di ragazze che hanno alzato la voce 
Storie di ragazze che hanno alzato la voce 
146837642_175286144049179_2691454415980752357_o.jpg

ROCKET GIRLS Storie di ragazze che hanno alzato la voce: due incontri al mese per conoscere da vicino artiste appassionate e indipendenti, osservatrici acute e affamate di novità. Per raccontare battaglie pubbliche e private, tra curiosità, spunti e ispirazioni per la vita di ogni ragazza, di ieri e di oggi. Un percorso che incoraggia a spingersi oltre le etichette e a considerare la musica composta, suonata e prodotta dalle donne non un genere a sé, ma una narrazione ricca e sfaccettata quanto quella maschile.

Dal 23 febbraio, ogni due martedì del mese, sette appuntamenti in diretta web su NEU Radio. Un podcast sarà disponibile al termine di ogni incontro su tutti i canali della rassegna, affinché il riascolto sia sempre possibile nei tempi e nelle modalità più confacenti. Dal 16 giugno al 28 luglio tutti i mercoledì, sette appuntamenti in diretta web h 18 e live da Frida nel Parco il chiosco azzurro della Montagnola. I libri oggetto di ogni incontro sono disponibili al prestito presso le biblioteche cittadine e/o in vendita presso Libreria Trame Bologna.


Calendario degli incontri al MAMbo/NEU Radio condotti da Laura Gramuglia

  • 23 febbraio h 16
    Patti Smith e la disparità di genere nell’industria musicale. 

    Letture tratte da Just Kids di Patti Smith
    Con Sara Colantonio community coordinator di shesaid.so Italy e membro dell’International Music Managers Forum.
    Ascolta il podcast della puntata su NEU RADIO | Mixcloud | Spreaker
    LETTURE ASCOLTI VISIONI
  • 9 marzo h 16
    Nina Simone e i diritti violati.

    Letture tratte da Nina di Alice Brière-Haquet
    Con Emanuela Teodora Russo, avvocato specializzato in diritto della musica e dello spettacolo.
    Ascolta il podcast della puntata su NEU RADIO | Mixcloud | Spreaker
    LETTURE ASCOLTI VISIONI
  • 23 marzo h 16
    Janis Joplin: tra eccesso e successo.

    Letture tratte da Accordi Minori di Grazia Verasani
    Con Grazia Verasani, scrittrice, cantautrice e drammaturga.
    Ascolta il podcast della puntata su NEU RADIO | Mixcloud | Spreaker
    LETTURE ASCOLTI VISIONI
  • 6 aprile h 16
    St. Vincent: un problema di legittimazione.

    Letture tratte da I racconti delle donne di Annalena Benini
    Con Alessandra Micalizzi, psicologa e dottore di ricerca in comunicazione e nuove tecnologie; docente al SAE Institute di Milano.
    Ascolta il podcast della puntata su NEU RADIO | Mixcloud | Spreaker
    LETTURE ASCOLTI VISIONI
  • 20 aprile h 16
    Tina Turner: relazioni tossiche.

    Letture tratte da Ogni volta che ti picchio di Meena Kandasamy
    Con Martina Ciccioli, coordinatrice orientamento e accompagnamento al lavoro della Case delle Donne di Bologna.
  • 4 maggio h 16
    Yoko Ono: leadership e modelli di genere

    Letture tratte da Trick Mirror di Jia Tolentino
    Con Linda Serra, founder e CEO di Work Wide Women e digital strategist.
  • 18 maggio h 16
    Pussy Riot: il corpo politico.
    Letture tratte da Invisibili di Caroline Criado Perez.

​Calendario incontri a Frida nel Parco / NEU Radio 
Dal 16 giugno al 28 luglio tutti i mercoledì, sette appuntamenti in diretta web dalle 18 e live dal chiosco azzurro della Montagnola. Anche per questo ciclo di incontri, un podcast sarà sempre disponibile al termine di ogni incontro su tutti i canali della rassegna. I libri consigliati dalle artiste saranno disponibili per consultazione e acquisto in loco grazie a Libreria Trame Bologna.

  • 16 giugno h 18
    Incontro con Francesca Bono, cantautrice e chitarrista. Già frontwoman del progetto Ofeliadorme, ha suonato in Italia, UK, Cina, USA, Francia, Germania e Belgio.
  • 23 giugno h 18
    Incontro con Cristallo, cantautrice e chitarrista. Dopo l'esperienza nel duo Melampus, Francesca Pizzo inaugura il progetto solista in lingua italiana a nome Cristallo.
  • 30 giugno h 18
    Incontro con Lisa Manara, cantautrice e pianista. Giovane artista ormai consolidata nel panorama nazionale soul e blues.


Il programma di giugno/luglio è in corso di definizione. 


ROCKET GIRLS Storie di ragazze che hanno alzato la voce è un percorso proposto da Spostamenti Associazione Culturale, ideato e curato da Laura Gramuglia all’interno di Sguardi al Femminile la rassegna sostenuta dall’Ufficio Pari Opportunità, tutela delle differenze, contrasto alla violenza di genere del Comune di Bologna.
In collaborazione con NEU Radio, Frida nel Parco e Libreria Trame Bologna.
Nell’ambito del Patto per la Lettura di Bologna.

La Storia #aportechiuse con Roberto Martorelli

online
online
online
Certosa_estate_2020_storia_a_porte_chiuse

La Storia #aportechiuse propone un palinsesto di dirette Facebook che vede alternarsi diverse voci per condividere insieme l'arte e la storia, occasioni per stare qualche minuto in compagnia e offrire spunti per approfondire da casa eventi, persone, opere d'arte del nostro paese.

Al termine di ogni diretta gli utenti possono dialogare con l’autore del contributo video nei commenti al video stesso. Testi, documenti e video di approfondimento sono segnalati da specifici post.

Il progetto è realizzato dal Museo civico del Risorgimento in collaborazione con 8cento APS, Associazione Didasco e Associazione Amici della Certosa di Bologna.

Martedì 20 aprile h 20
Roberto Martorelli, storico dell’arte
in diretta Facebook su Associazione Amici della Certosa di Bologna
con un intervento dal titolo "Cronache dalla Certosa": una antologia di eventi strani e bizzarri, a volte immaginati ma il più delle volte realmente accaduti nel cimitero monumentale.

Tutti gli interventi de La Storia #aportechiuse sono raccolti nella pagina YouTube Storia e Memoria di Bologna.

Open Arts

online
New Audiovisual Scenarios for the Circulation of the Arts – Convegno internazionale | DAMS50
New Audiovisual Scenarios for the Circulation of the Arts – Convegno internazionale | DAMS50
Open arts_convegno_locandina.jpg

Convegno internazionale e interdisciplinare che riunisce studiosi e professionisti del settore per riflettere sulle nuove forme audiovisive di valorizzazione, divulgazione e circolazione del patrimonio artistico e delle arti visive e performative

20 e 21 aprile 2021, dalle 10.00 alle 18.00

OPEN ARTS
New Audiovisual Scenarios for the Circulation of the Arts

International conference

Promosso dal Dipartimento delle Arti, Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Centro La Soffitta, DAMSLab, Ministero della Cultura, Universidad de Murcia, Università IULM di Milano

leggi tutto


Il convegno è parte di DAMS50, il ricco cartellone di appuntamenti per festeggiare i cinquant'anni del DAMS di Bologna.


Diretta streaming sulle pagine  Facebook di DAMSLab/La Soffitta  e dei Corsi di Studio del DAR


www.dams50.it

www.facebook.com/damslab.lasoffitta

site.unibo.it/damslab/it

FLOW – It’s bigger than Hip Hop

online + Teatro Comunale Laura Betti
laboratorio di musica e scrittura Hip Hop
laboratorio di musica e scrittura Hip Hop
Flow.png

FLOW – It’s bigger than Hip Hop
Laboratorio di musica e scrittura Hip Hop

Un progetto di ATER Fondazione/Teatro Laura Betti/Circuito Musica nell’ambito di Generazioni a Teatro 2021 con il sostegno della Fondazione del Monte, in partenariato con Locomotiv Club

FLOW è un laboratorio che, attraverso 8 incontri, esplora i punti cardine della cultura hip-hop e non solo. Sotto la guida di So Beast e Menny, due realtà musicali giovanissime finaliste del contest Freschissimo, promosso dal Locomotiv Club di Bologna, il percorso introduce ai linguaggi e alla cultura musicale più amata dalle giovanissime generazioni. Generi musicali e playlist, strumenti elettronici e campionamento, testi e slam poetry, evoluzioni e stili dell’hip-hop saranno le  materie delle lezioni tenute in parte on line, in parte, quando si potrà, in presenza presso il Teatro Comunale Laura Betti di Casalecchio di Reno.

Gli incontri, di tipo laboratoriale, hanno l’obiettivo di creare delle tracce musicali nate dall’istinto creativo e dalla condivisione di idee musicali e testuali con cui realizzare opere corali, senza pregiudizi né paura di sbagliare.

A conclusione del progetto,  una restituzione finale, pensata per far incontrare le diverse esperienze laboratoriali per  adolescenti in corso presso il teatro e per ritrovarsi, nel rispetto delle normative anti-covid, dopo oltre un anno di didattica a distanza e di distanziamento sociale.

Le iscrizioni  sono aperte a tutti gli adolescenti dai 15 ai 21 anni di età, già dentro l’ambiente musicale o semplicemente curiosi di sperimentare nuove forme di creatività. Il laboratorio è gratuito e non è necessario avere conoscenze musicali pregresse. È prevista la partecipazione di un massimo di 15 partecipanti e il criterio di selezione sarà l’ordine cronologico di arrivo delle mail.

ISCRIZIONI

Per iscriversi è sufficiente mandare una mail a segreteria@teatrocasalecchio.it indicando:

  • nome e cognome
  • data di nascita
  • comune di residenza
  • numero di telefono

La scadenza per iscriversi è fissata al 22 marzo 2021.
(si prega di indicare ‘Iscrizione Flow’ nell’oggetto della mail)

Lezione 1
su piattaforma Zoom
mercoledì 24 marzo, dalle ore 17,30 alle 19,30 

Presentazione e introduzione
Un incontro introduttivo per conoscersi e capire quali sono le competenze di base, gli interessi e le influenze di ognuno dei partecipanti. Seguirà una introduzione sul rap (cos’è e come nasce), sulle cinque arti dell’hip-hop (MCing, DJing, Writing, B-boying e Beatboxing) e sul campionamento.

Lezione 2
su piattaforma Zoom
mercoledì 7 aprile, dalle ore 17,30 alle 19,30
Psicologia della playlist

Ogni partecipante sarà invitato a realizzare delle playlist personali che poi saranno discusse e analizzate insieme . Ascoltando i brani si cercherà di  capire la struttura,  quali sono gli elementi che compongono ogni traccia,  com’è stato realizzato ,  ma anche cosa ci piace e cosa non ci piace in un brano.

Lezione 3
Teatro Comunale Laura Betti
mercoledì 21 aprile, dalle ore 14,30 alle 17,30
Introduzione alla pratica e alla sperimentazione musicale

Attraverso un dialogo con So Beast e Menny, , si affronteranno i temi della sperimentazione musicale e della libertà di sbagliare, cercando di capire cos’è che ha avvicinato tutti i partecipanti alla musica.Seguirà un momento più dimostrativo in cui si comprenderanno gli elementi ritmici fondamentali del beat. I partecipanti saranno invitati a registrare autonomamente dei suoni dell’ambiente da utilizzare per le prime creazioni.

Lezione 4
Teatro Comunale Laura Betti
mercoledì 28 aprile dalle 14,30 alle 17,30
Anatomia del brano hip-hop

I partecipanti verranno  introdotti nell’universo del rap, in tutte le sue declinazioni stilistiche, musicali e comunicative. Sempre attraverso gli strumenti messi a disposizione dai docenti, si proverà a declinare dei brevi materiali musicali in vari stili differenti di rap.

Lezione 5
Teatro Comunale Laura Betti
mercoledì 5 maggio dalle 14,30 alle 17,30
Scienze della comunicazione rap

Si analizzeranno le varie possibilità della lingua: cosa ci spinge ad esprimerci e come cambia la comunicazione all’interno dei diversi stili di rap? Ci sarà poi un approfondimento sulla slam poetry a cura di Alice Diacono, scrittrice e poetessa della scena underground bolognese. Infine, a ogni partecipante sarà chiesto di portare un’idea, un suono, un testo per la creazione dei brani.

Lezione 6
Teatro Comunale Laura Betti
mercoledì 12 maggio dalle 14,30 alle 17,30

Individuate le affinità tra tutti i partecipanti, verranno  creati dei gruppi di lavoro in cui ognuno può trovare la propria “vocazione”, dalla scrittura dei testi alla alla realizzazione della parte musicale.

Lezione 7
Teatro Comunale Laura Betti
mercoledì 19 maggio dalle 14,30 alle 19,30

Partendo dai suoni, dai testi e dalle playlist, i gruppi di lavoro identificheranno il  proprio indirizzo stilistico per procedere con la produzione del brano creato insieme.

Lezione 8
Teatro Comunale Laura Betti
mercoledì 26 maggio dalle ore 14,30 alle ore 19,30

Nell’ultimo incontro si uniranno tutti i contributi per concludere le creazioni: una poesia, un beat, un brano rap. Ogni opera sarà costruita da più menti che si sono aiutate e ispirate a vicenda.

Arte del Novecento

online
Corso online del docente Franco Bonilauri
Corso online del docente Franco Bonilauri
bonilauri.jpg

Programma lezioni dalle 17.00 alle 18.30 sulla piattaforma ZOOM

 

Mercoledì 21 aprile
Lezione introduttiva: mecenatismo artistico XIV–XIX secolo

Excursus sul ruolo del mecenate e del complesso rapporto con gli artisti attraverso alcuni casi emblematici (Giotto, Brunelleschi, Michelangelo, Raffaello, Tiziano, Bernini, Tiepolo).
 

Mercoledì 28 aprile
Nascita del mercato dell’arte 1874-1929

Dai primi galleristi parigini della seconda metà dell’Ottocento legati agli Impressionisti come Paul Durand Ruel e Ambroise Vollard che si occupò anche dei Nabis e Fauves, al fotografo Alfred Stieglitz primo vero gallerista americano artefice del successo negli USA dei pittori come Cezanne, Matisse, Picasso, Rodin e molti altri. Verrà trattata anche l’attività del gallerista tedesco Alfred Flechtheim che tramite il suo lavoro presentò in Germania e in Austria i pittori delle avanguardie storiche parigine e in particolare gli artisti cubisti.
 

Mercoledì 5 maggio
Dal libero mercato al gallerista fiduciario: 1950-1970

L’italiano Leo Castelli è sicuramente il gallerista che a New York rivoluzionò il mercato dell’arte da semplice venditore a scopritore di veri talenti alle prime armi e che attraverso il suo lavoro di promotore riuscì a portare al successo giovani artisti, oggi universalmente conosciuti, come Jackson Pollock, Willem de Kooning, Robert Rauschemberg, Jasper Johns; negli anni Sessanta e Settanta ebbe a contratto artisti come Frank Stella, James Rosenquist, Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Robert Morris. Il suo modello venne poi ripreso dai più significativi galleristi in tutto il mondo.
 

Mercoledì 12 maggio
Il mercante collezionista
Peggy Guggenheim
, vera appassionata dell’arte del Novecento da quella surrealista e dadaista, ai movimenti artistici dell’immediato dopoguerra americano come l’Espressionismo Astratto, l’Informale e negli ultimi anni anche di alcuni pittori Italiani. Grazie al suo lavoro riuscì a mettere in contatto artisti americani con quelli delle avanguardie europee degli anni Trenta, Quaranta e Cinquanta. Al pari di altri grandi galleristi e collezionisti di fama internazionale come Aimé Maeght di Parigi e Ernst Beyeler di Basilea che, si ritirarono dal mercato per dedicarsi alla realizzazione di un proprio museo in cui esporre le opere raccolte in una vita di attività, Peggy Guggenheim volle realizzare a Venezia la sua collezione permanente.
 

Iscrizioni entro 14 aprile 2021
 

Museo Ebraico di Bologna
info@museoebraicobo.it
tel. 051 2911280 | 051 6569003

Michelangelo. Materialità della carta, medialità del disegno

online
Conferenza di Mauro Mussolin | I mercoledì di S. Cristina. Incontri con l’arte 2021
Conferenza di Mauro Mussolin | I mercoledì di S. Cristina. Incontri con l’arte 2021
Mussolin_locandina-detail.jpg

I MERCOLEDÌ DI S. CRISTINA - INCONTRI CON L’ARTE 2021. Mirando a un confronto sempre stimolante e propositivo, le sezioni di Arti Visive del Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna si aprono alla Città, organizzando un ciclo di conferenze e di presentazioni di libri su temi della storia dell’arte nelle sue più diverse manifestazioni e metodologie. L’intento è mostrare la vitalità e la ricchezza di prospettive con le quali sono oggi praticati la ricerca e l’insegnamento delle discipline storico-artistiche.


Mercoledì 21 aprile 2021, dalle 17:00 alle 19:00

MICHELANGELO. MATERIALITÀ DELLA CARTA, MEDIALITÀ DEL DISEGNO
Conferenza di Mauro Mussolin (Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara)
Coordina Francesco Benelli

I disegni e le carte private di Michelangelo ci guidano a osservarlo nei momenti concentrati e intensi di lavoro e in quelli rilassati e conviviali con parenti, amici e collaboratori. Possiamo così seguirlo nelle più varie attività di scrittura e disegno: lo vediamo impegnato a correggere la mano di un assistente, a tracciare uno schizzo mentre parla, a scherzare e motteggiare a distanza in versi e in figure, a riciclare la carta per appuntare ricordi e idee appena balzate alla mente, a scarabocchiare distrattamente tra le pagine. Questi documenti rappresentano il più complesso e stratificato archivio della sua memoria, lo specchio fedele del rapido fluire di gesti e pensieri e la chiave d’accesso agli aspetti più intimi e idiosincratici del suo modo di interagire con persone e cose. La relazione presenterà inedite ricomposizioni di fogli, nuove visualizzazioni di figure sovrapposte e recenti ricostruzioni di sequenze esecutive di disegni noti e meno noti.


Diretta streaming sulle pagine Facebook di DAMSLab/La Soffitta e dei CdL DAMS e Arti Visive

I volenterosi carnefici di Hitler

online
lettura online dal libro di  D.J. Godhagen
lettura online dal libro di  D.J. Godhagen
volonterosi carnefici.jpg

Nell'ambito del progetto VOCI 2021/1961 IL PROCESSO EICHMANN

I VOLENTEROSI CARNEFICI DI HITLER di D.J. Godhagen
Lettura online su piattaforma Zoom, a cura del Teatro del Pratello in collaborazione con Biblioteca J. L. Borges
voci: Fulvio Accogli e Maddalena Pasini
con interventi di Luca Alessandrini e Paolo Billi
Per ricevere il link di partecipazione, scrivere a bibliotecaborges@comune.bologna.it oppure a teatrodelpratello@gmail.com
 


VOCI 2021/1961 IL PROCESSO EICHMANN si articola da gennaio ad aprile in attività laboratoriali di lettura, scrittura, storia, arti visive, scenografia online e in presenza, con un ciclo di trasmissioni radiofoniche dedicate al progetto e un evento finale per il 25 aprile.

Promosso da Istituto Storico Parri, Teatro del Pratello, Conservatorio G.B. Martini, Associazione Il Melograno, in collaborazione con Biblioteca J.L. Borges del Comune di Bologna, Auser e Radio Città Fujiko.
VOCI 2021 fa parte del progetto LAICI TEATRI, progetto cofinanziato dall'Unione europea - Fondo Sociale Europeo, nell'ambito del Programma Operativo Città Metropolitane 2014-2020.
 

facebook.com/teatrodelpratello

teatrodelpratello.it

Tutti gli uomini diventano fratelli: Beethoven e l’Illuminismo

online
Bologna Festival 2021 | 40^ edizione | Carteggi Musicali 
Bologna Festival 2021 | 40^ edizione | Carteggi Musicali 
DESERTI.jpg

Giovedì 22 aprile 2021
Sala Giani di Villa Contri
Tutti gli uomini diventano fratelli: Beethoven e l’Illuminismo

conversazione, letture ed esecuzioni al pianoforte a cura di GIOVANNI BIETTI
introduzione storico-artistica della sala a cura di Francesca Lui 

Ludwig van Beethoven
Concerto per pianoforte e orchestra n.3 in do minore op.37 (estratti)
Sonata per pianoforte n.27 in mi minore op.90 (estratti)
Sonata per pianoforte n.32 in do minore op.111 (estratti)
Temi dall’opera Fidelio
Temi dalla Sinfonia n.5 in do minore op.67
Temi dalla Sinfonia n.9 in re minore op.125

Carteggi Musicali, come un preludio alla stagione di concerti, cambia scenario e si trasferisce nei salotti di storiche dimore bolognesi. Quattro conversazioni-concerto in streaming dedicate agli epistolari di Puccini, Čajkovskii, Beethoven e Šostakovič.


Eventi in streaming sul sito www.bolognafestival.it, YouTube e canali social 

Boschi in cui perdersi, sentieri di paura e coraggio

online
webinar per adulti | tre incontri online a cadenza mensile, riservati ad adulti e insegnanti con tre ospiti di eccezione.
webinar per adulti | tre incontri online a cadenza mensile, riservati ad adulti e insegnanti con tre ospiti di eccezione.
Webinar_Boschi-Paura-Coraggio_LaBaracca-TestoniRagazzi_part.jpg

Paura, Perdersi e Coraggio: tre parole chiave per guidare altrettanti incontri online a cadenza mensile, riservati ad adulti e insegnanti e con tre ospiti di eccezione.
Tre webinar realizzati in collaborazione con Biblioteca Salaborsa Ragazzi per nutrire l'immaginario di visioni, libri e musica in occasione della creazione de "Il bosco e la bambina", il nuovo spettacolo per bambine e bambini dai 6 ai 10 anni de La Baracca-Testoni Ragazzi, in debutto ad autunno 2021.

Ogni incontro sarà condotto da Silvia Mei, studiosa di live arts e dramaturg, assieme a Bruno Cappagli, autore e regista dello spettacolo in costruzione, che proporrà suggestioni sonore e musicali sulle tre parole. Con loro ci sarà Nicoletta Gramantieri, responsabile di Biblioteca Salaborsa Ragazzi, che suggerirà alcuni titoli di letteratura per l'infanzia legati ai i temi trattati, di recente pubblicazione.

Il cuore pulsante di ogni appuntamento sarà l'intervento di un ospite speciale, che porterà un suo contributo sulla parola chiave dell’incontro: lo scrittore Davide Morosinotto per parlare di coraggio, la poetessa e scrittrice Giusi Quarenghi sul tema del perdersi, ed Emilio Varrà, docente dell'Accademia di Belle Arti di Bologna e tra i fondatori dell’Associazione Culturale Hamelin, per raccontare la paura come soggetto delle arti visive per l'infanzia.

Gli incontri, gratuiti e della durata di un'ora circa, si svolgeranno online.
Per partecipare è richiesta la prenotazione a ogni evento, su questa pagina, a partire da 10 giorni prima.


CALENDARIO DEGLI INCONTRI

  • martedì 23 marzo, ore 17.30 / CORAGGIO con Davide Morosinotto
    Giornalista, traduttore e scrittore di libri per ragazzi, ha pubblicato più di quaranta romanzi che sono stati tradotti in venti lingue. Nel 2017 il suo romanzo “Il rinomato catalogo Walker & Dawn” (Mondadori) ha vinto il Superpremio Andersen come libro dell’anno.
    Prenotazione a partire dal 13 marzo compilando questo form

  • giovedì 22 aprile, ore 17.30 / PERDERSI con Giusi Quarenghi
    Autrice e poeta, scrive dal 1982 romanzi, filastrocche, racconti, poesie, sceneggiature audiovisive per l'infanzia e l'adolescenza. Nel 2002 ha vinto il Premio Nazionale Alghero Donna di Letteratura e Giornalismo, sezione poesia, con la silloge poetica Nota di passaggio (Book editore), mentre nel 2006 è vincitrice del Premio Andersen come miglior scrittrice.
    Prenotazione a partire dal 12 aprile compilando questo form

  • giovedì 27 maggio ore 17.30 / PAURA con Emilio Varrà
    È tra i fondatori di Hamelin Associazione Culturale, che si occupa di pedagogia della lettura, letteratura per l'infanzia, illustrazione e fumetto. Cura, insieme a tutta l'associazione, BilBOlbul, Festival Internazionale di Fumetto. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Bologna nel corso di Fumetto e Illustrazione. Ha scritto saggi sulla letteratura per ragazzi e ragazze, sul fumetto e sull'illustrazione ed è co-ideatore della rivista "Hamelin. Storie, figure, pedagogia". Collabora con le riviste "Gli Asini", "Tropico del cancro".
    Prenotazione a partire dal 17 maggio compilando questo form

Ora. La più grande sfida della storia dell’umanità

online
Webinar con Mauro Capocci, Giorgio Santangelo
Webinar con Mauro Capocci, Giorgio Santangelo
ora.jpeg

ORA. LA PIÙ GRANDE SFIDA DELLA STORIA DELL’UMANITÀ.
2021, 22 Aprile / 19:00 - 20:00

Sperimentazioni

con Mauro Capocci, Giorgio Santangelo

Servono a qualcosa gli appelli? Forse no, ma quello dell’astrofisico francese Aurelién Barrau ha il dono di essere chiarissimo nella visione del nostro futuro.

Chi lo legge non lo dimenticherà facilmente: viviamo un cataclisma planetario. Riscaldamento climatico, diminuzione drastica degli spazi vitali, crollo della biodiversità, inquinamento di suolo, acqua e aria, rapida deforestazione. È troppo tardi per salvare il pianeta? No, ma il tempo a disposizione è poco, e le parole non basteranno, dobbiamo impegnarci a pungolare il potere politico per obbligarlo ad agire.

«Di fronte alla più grande sfida dell’umanità, la politica deve agire con fermezza e tempestività. Ogni azione politica che non farà di questa lotta la sua priorità assoluta e inderogabile, non sarà credibile. Molte altre lotte sono importanti, ma questa è fondamentale.»

Se perdiamo questa battaglia, nessun’altra potrà essere portata avanti.
Ora. La più grande sfida della storia dell’umanità nasce dall’appello lanciato dall’autore su «Le Monde», firmato tra gli altri da: Pedro Almodovar, Juliette Binoche, Emmanuel Carrère, Bradley Cooper, Anish Kapoor, Isabella Rossellini, Carlo Rovelli, Patti Smith, Wim Wenders, Marion Cotillard, Philippe Descola, Ralph Fiennes, Ethan Hawke, Jude Law, Marjane Satrapi, John Turturro, Kristin Scott Tomas.


AVVIA STREAMING

DAMS. Ieri, oggi e domani

online
Tre giorni di incontri e dibattiti su cosa significa essere "damsiani" oggi e sulle prospettive future | DAMS50
Tre giorni di incontri e dibattiti su cosa significa essere "damsiani" oggi e sulle prospettive future | DAMS50
1977-02-19_DamsFesta_68.jpg

Cosa significa oggi essere “damsiani”, fare il DAMS?
Il convegno DAMS. Ieri, oggi e domani (22-24 aprile 2021) si pone l’obiettivo di ripercorrere, senza inclinazioni nostalgiche, le tappe più significative della complessa e avvincente vicenda progettuale del corso di laurea, recuperando attraverso i protagonisti e i testimoni lo spirito del tempo in cui il DAMS è nato e ricostruendo l’importanza che questa esperienza ha significato in termini di reciproca crescita di valore per la città di Bologna, per l’Università italiana e per tutto il sistema culturale del nostro Paese.

Tre giorni di incontri e dibattiti sul senso, le ragioni, i motivi di questo successo e sulla centralità dello studio delle discipline artistiche, sui problemi e sulle prospettive aperte dall’istituzione del DAMS come laboratorio culturale. Un’indagine su cosa sarà domani il DAMS, su cosa potrà diventare nel rapporto con le istituzioni e la rete di soggetti pubblici e privati connessi alla formazione in campo artistico, su come è necessario trasformarlo, ancora e sempre, per rispondere alle evoluzioni del settore e alle sfide, offrendo competenze per continuare a formare gli operatori culturali del futuro.


22 – 24 aprile 2021,  dalle 9:30 alle 18:00

DAMS. IERI, OGGI E DOMANI

Convegno

con il supporto di  Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, Ministero della Cultura, Regione Emilia Romagna

in collaborazione con  DAMSLab, La Soffitta, Comune di Bologna, Centro Internazionale di Studi Umanistici “Umberto Eco”, Associazione Almae Matris Alumni

leggi tutto


Il convegno è parte di DAMS50, il ricco cartellone di appuntamenti per festeggiare i cinquant'anni del DAMS di Bologna.


Diretta streaming sulle pagine  Facebook di DAMSLab/La Soffitta  e dei Corsi di Studio del DAR


www.dams50.it

www.facebook.com/damslab.lasoffitta

site.unibo.it/damslab/it

Passeggiate di stagione ad Arvaia

Arvaia
scopriamo insieme che cosa succede in campo
scopriamo insieme che cosa succede in campo
passeggiate_1_2021.png

All’aperto e ben distanziati guidati da contadini/e esperti/e si scopre, un passo all volta, che cosa succede in campo.

Il primo appuntamento è sabato 27 febbraio alle 10 al campo: si parte tutt* insieme quindi è richiesta puntualità per affrontare sul campo che cosa comporta il cambiamento climatico nell’agricoltura locale.

Prenotazion via mail a info@arvaia.it

L’altra primavera. Di ramo in ramo

online
webinar per adulti e bambini a partire dagli 8 anni
webinar per adulti e bambini a partire dagli 8 anni
di_ramo_in_ramo_1920x1080_rid.jpg

Primavera non è solo fiori! Su alberi e arbusti spuntano anche le nuove foglie. Ma dove spuntano, esattamente? Cos’è il “ramo dell’anno”? E i fiori, sugli alberi, dove stanno? Scopriamo insieme come crescono le piante legnose nei nostri climi, questa è la stagione più adatta per impararlo.
 

Quota di partecipazione: 5€ da pagare tramite bonifico bancario.
La prenotazione sarà confermata alla ricezione di copia del bonifico all'indirizzo sma.servizieducativi@unibo.it.
​La quota non è rimborsabile. Le attività si svolgeranno in diretta streaming. Il venerdì antecedente l'appuntamento, agli iscritti in regola con il pagamento verrà inviato tramite e-mail il link per partecipare.

DAMS/Teatro delle Albe: un dialogo che prosegue nel tempo

online
dialoghi con Marco Martinelli ed Ermanna Montanari | DAMS50
dialoghi con Marco Martinelli ed Ermanna Montanari | DAMS50
Teatro delle Albe_Martinelli-Montanari.jpg

Un ciclo di dialoghi con Marco Martinelli ed Ermanna Montanari del Teatro delle Albe, esempio di una modalità di ricerca che ha intrecciato gli studi universitari alle attività di centinaia di artisti e formazioni teatrali.

I rapporti di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari - cofondatori del Teatro delle Albe - con gli studi teatrali risalgono alle Tesi di Laurea realizzate con la guida di Claudio Meldolesi che, anche in seguito, avrebbe continuato ad accompagnare i loro percorsi scrivendo contributi illuminanti e allargando la cerchia degli storici coinvolti in queste esperienze d'eccezione. Il Cinquantenario DAMS conferisce, ora, un carattere particolare alle presentazioni di tre recentissime pubblicazioni dedicate alle drammaturgie e agli approfondimenti performativi di Martinelli e Montanari: Il teatro nel cinema. Tre film di Marco Martinelli e Ermanna Montanari, di Laura Mariani; Cellula. Anatomia dello spazio scenico, di Ermanna Montanari e Enrico Pitozzi; Drammi al presente, a cura di Gerardo Guccini. In questo contesto, infatti, il dialogo con il Teatro delle Albe si impone, oltre che per i suoi risultati, anche in quanto esempio di una modalità di ricerca che, nel corso dei decenni, ha intrecciato gli studi universitari alle attività di centinaia di artisti e formazioni teatrali.

 
DAMS/TEATRO DELLE ALBE: UN DIALOGO CHE PROSEGUE NEL TEMPO
Ciclo di dialoghi con Marco Martinelli ed Ermanna Montanari

A cura di Gerardo Guccini, Laura Mariani, Enrico Pitozzi

Con il supporto di Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, Ministero della Cultura, Regione Emilia Romagna

In collaborazione con DAMSLab, La Soffitta, Comune di Bologna, Centro Internazionale di Studi Umanistici “Umberto Eco”, Associazione Almae Matris Alumni


Martedì 27 aprile, ore 17.30
Il teatro nel cinema

Dialogo con Marco Martinelli ed Ermanna Montanari
Coordina: Laura Mariani


Giovedì 29 aprile, ore 17.30
Cellula: il poco che abbiamo inteso
Dialogo con Ermanna Montanari ed Enrico Pitozzi

Coordina: Lorenzo Donati


Venerdì 30 aprile, ore 17.30
Drammi al presente: quando la realtà scrive
Dialogo con Marco Martinelli ed Ermanna Montanari

Coordina: Gerardo Guccini

leggi tutto


Il ciclo di dialoghi è parte di DAMS50, il ricco cartellone di appuntamenti per festeggiare i cinquant'anni del DAMS di Bologna.


Diretta streaming sulle pagine  Facebook di DAMSLab/La Soffitta  e dei Corsi di Studio del DAR


www.dams50.it

www.facebook.com/damslab.lasoffitta

site.unibo.it/damslab/it

Nessun evento